Passerai per Amsterdam? Ti scansioneranno tutto

L'aeroporto della città è la testa di ponte per l'introduzione dei nuovi sensori totali per la sicurezza, più facili da digerire per gli utenti. Denudati ma rispettati, dicono

Amsterdam – Scene da Atto di Forza in quel dell’ Aeroporto Shiphol : lo scalo olandese, quarto in Europa per volumi di transito complessivi, ha cominciato ad impiegare, come misura di controllo massivo, le macchine di scansione del corpo di cui si discute da tempo . Basati su onde radio innocue e non invasive, gli scanner permetteranno l’individuazione immediata di eventuali oggetti pericolosi, pur permettendo un flusso agevole dei passeggeri nello scalo .

Il passaggio attraverso il marchingegno genera infatti una immagine assolutamente trasparente del viaggiatore, che viene letteralmente “spogliato” di tutto alla ricerca di eventuali oggetti sospetti. Il “checkpoint” ad alto contenuto tecnologico impiega giusto tre secondi , un tempo sufficiente affinché gli addetti al controllo, presenti in una sala inaccessibile da sguardi indiscreti, prendano visione delle immagini digitali generate, che vengono cancellate a controllo finito.

Un meccanismo di sicurezza potenzialmente in grado di risolvere in un sol colpo i molti problemi dei controlli, inclusa la necessità di agire efficacemente contro le potenziali minacce di terroristi e malintenzionati nonché, dicono i promotori del progetto, la legittima richiesta di rispetto della privacy da parte dei “controllati”. Lo scalo di Shiphol arriva a dover gestire circa 160mila passeggeri al giorno nei periodi di massimo transito, e sebbene per ora gli scanner totali vengano adoperati su base volontaria, i responsabili della sicurezza sperano di estendere il controllo alla totalità di utenti, viaggiatori e personale in transito nella struttura.

Non che siano tutte rose e fiori: Ad Rutten, Chief Operations Officer dell’aeroporto, lamenta le rimostranze di alcuni passeggeri, preoccupati per i possibili effetti negativi delle onde radio sulla salute , piuttosto che di mere questioni di privacy. L’alternativa della perquisizione a mano, a suo dire, non è comunque “una bella storia”.

dal celebre film Gli scanner denudanti rappresentano ad ogni modo un tentativo di risolvere la questione sicurezza in maniera pratica negli scali europei, con risvolti ben diversi rispetto a quanto accade negli USA , il cui famigerato sistema di schedatura globale dei viaggiatori, Automated Targeting System – già individuato e messo sotto accusa verso la fine dell’anno scorso – viene difeso da Michael Chertoff, segretario della Homeland Security statunitense, nel corso di un’audizione speciale davanti al Parlamento Europeo.

Chertoff rassicura sulla non-pervasività del sistema, sostenendo che gli States non “catturano sempre con precisione le informazioni quando l’ispettore di frontiera fa affidamento sul sistema. Non so in effetti se sia possibile costruire in termini pratici un apparato che se ne faccia carico”.

L’ATS fa dunque acqua da tutte le parti , secondo quanto candidamente ammesso dal funzionario, ma di certo tra Stati Uniti ed Europa è evidente la differenza sulla gestione del problema sicurezza: Chertoff sostiene che, per la pericolosità e diffusione ubiqua delle minacce nel Ventunesimo secolo, le tradizionali leggi criminali degli stati nazionali non siano sufficienti a garantire la sicurezza alle popolazioni, perché sono in azione “network internazionali capaci di muovere guerra in maniera tanto efficace e distruttiva quanto erano in grado di fare le stesse nazioni un secolo fa”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Apriamo gli Occhi
    Ormai siamo nel futuro con una tecnologia avanzata.Ancora ci sono queste agenzie del cavolo che fanno le cose di nascosto. La sicurezza non va d'accordo con la segretezza. Una nazione sicura è una nazione in cui vige la trasparenza e il diritto, diritto di tutti.I servizi segreti si possono paragonare ai sistemi operativi proprietari, i bug li scoprono solo coloro che hanno i mezzi per combinare grossi casini. Un sistema aperto vedrebbe la collaborazione di tutti i cittadini e anche degli altri. Tutti tengono alla propria sicurezza, il voler tenere segreto il modo in cui ci proteggono è solo fonte inesauribile di sospetto invece che di rassicurazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Apriamo gli Occhi

      Ormai siamo nel futuro con una tecnologia
      avanzata.
      "Tecnologia avanzata"... Hanno usato questo termine anche per definire il papiro, una volta. Anche l'acciaio era "tecnologia avanzata". Anche il telegrafo.Quello che non cambia mai sono le esigenze da un lato di tenere segrete le proprie capacità, dall'altro di scoprire le potenzialità degli avversari o possibili tali (tutti, cioè).Con questo post hai dimostrato un'ingenuità disarmante, che ti si può perdonare visto che la maggior parte dei frequentatori di PI è cosî.La tecnologia che adorate non è così rivoluzionaria come pensate. La carne è più forte del silicio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Apriamo gli Occhi

        Quello che non cambia mai sono le esigenze da un
        lato di tenere segrete le proprie capacità,
        dall'altro di scoprire le potenzialità degli
        avversari o possibili tali (tutti,
        cioè).il confronto era con i sistemi operativi e anche con le esigenze di trasparenza della pubblica amministrazione. se vuoi parlare da solo, fai pure.
        Con questo post hai dimostrato un'ingenuità
        disarmante, che ti si può perdonare visto che la
        maggior parte dei frequentatori di PI è
        cosî.per fortuna c'è qualcuno superiore come te che da i voti ... e grazie del perdono.
        La tecnologia che adorate non è così
        rivoluzionaria come pensate. La carne è più forte
        del
        silicio.ci mancava solo la perla di saggezza. continui a parlare da solo, illuditi che sia conseguenza del tuo essere superiore, sarà più facile accettarlo.
  • Anonimo scrive:
    Inutile provare
    To be eligible to apply, you must meet our residency criteria. You must be a born or naturalised British Citizen and one of your parents must be a British Citizen or have substantial ties to the UK. Candidates must normally have been resident in the UK for 9 out of the last 10 years. This is particularly important if you were born outside the UK. You will nonetheless be considered if you have, for example, served overseas with HM Forces or in some other official capacity as a representative of Her Majesty's Government, studied abroad, or lived overseas with your parents.
    • Anonimo scrive:
      Re: Inutile provare
      - Scritto da:
      To be eligible to apply, you must meet our
      residency criteria. You must be a born or
      naturalised British Citizen and one of your
      parents must be a British Citizen or have
      substantial ties to the UK. Candidates must
      normally have been resident in the UK for 9 out
      of the last 10 years. This is particularly
      important if you were born outside the UK. You
      will nonetheless be considered if you have, for
      example, served overseas with HM Forces or in
      some other official capacity as a representative
      of Her Majesty's Government, studied abroad, or
      lived overseas with your
      parents.Io ho andato al CEPU a studiare inglese, ci posso provare?Denghiu
    • Anonimo scrive:
      Re: Inutile provare

      To be eligible to apply, you must meet our
      residency criteria. You must be a born or
      naturalised British Citizen and one of your
      parents must be a British Citizen or have
      substantial ties to the UK. Candidates must
      normally have been resident in the UK for 9 out
      of the last 10 years. This is particularly
      important if you were born outside the UK. You
      will nonetheless be considered if you have, for
      example, served overseas with HM Forces or in
      some other official capacity as a representative
      of Her Majesty's Government, studied abroad, or
      lived overseas with your
      parents.I presunti responsabili degli attentati del metro di londra sono pienamente qualificati allora :D
    • Anonimo scrive:
      Ed io ci provo...
      Ragazzi io ci provo... ;) i requisiti ci sono quasi tutti a parte l'anno di residenza negli ultimi 10 anni, per il resto i requisiti ci sono, magari sulla residenza ci passano sopra... Tentar non nuoce... :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ed io ci provo...
        a parte che gli anni sono 9
      • Anonimo scrive:
        Re: Ed io ci provo...
        - Scritto da:
        Ragazzi io ci provo... ;) i requisiti ci sono
        quasi tutti a parte l'anno di residenza negli
        ultimi 10 anni, per il resto i requisiti ci sono,
        magari sulla residenza ci passano sopra... Tentar
        non nuoce...
        :)Vedi che dal bando io capisco che devi essere stato li per almeno 9 degli ultimi dieci anni...
    • Anonimo scrive:
      Re: Inutile provare
      be' tale disclaimer è giustificato in linea teorica che tra i propri concittadini si dovrebbero trovare meno "voltafaccia" ... e visto che ci sono questioni delicate (sicurezza nazionale) in mezzo la faccenda é mooolto seria p)ovvio qua si venderebbero per un tozzo di pane pur di non fare funzionare le cose come si deve, io lo farei solo perché mi sta sui (troll2) l'italia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Inutile provare
      Io ci provo lo stesso, mi dicono che assomiglio a Daniel Craig...
Chiudi i commenti