PayPal pronta all'acquisizione di Pinterest con un investimento monstre

PayPal vuole Pinterest: investimento monstre?

Il colosso dei pagamenti digitali sarebbe pronto a staccare un assegno da capogiro pur di riuscire ad allungare le mani sulla piattaforma social.
Il colosso dei pagamenti digitali sarebbe pronto a staccare un assegno da capogiro pur di riuscire ad allungare le mani sulla piattaforma social.

L'andamento di Pinterest sul mercato azionario non è certo stato brillante nell'ultimo periodo: -16% per il titolo nel corso dell'ultimo anno, ma da 24 ore a questa parte il valore ha guadagnato il 10% circa. Il motivo? Le indiscrezioni trapelate in merito a una possibile acquisizione da parte di PayPal.

Pinterest nel mirino di PayPal: maxi-acquisizione?

Il gigante dei pagamenti e del mondo Fintech sarebbe pronto a mettere mano al portafogli e a staccare un assegno da ben 45 miliardi di dollari (altre fonti riferiscono 39 miliardi) per giungere con successo alla stretta di mano. Si tratterebbe dell'operazione più importante di sempre, dal punto di vista del valore economico, tenendo conto di quelle che hanno interessato piattaforme e servizi legati al mondo online e rivolte a un'utenza consumer, sorpassando di gran lunga quella che nel 2016 ha visto Microsoft comprare LinkedIn con un investimento stimato in 26,2 miliardi di dollari.

Come sempre accade in questi casi, le due società coinvolte dal rumor non confermano né smentiscono le voci di corridoio. Non è nemmeno da escludere l'ipotesi che tutto possa risolversi in un nulla di fatto.

Fondato nel 2010 e con quartier generale a San Francisco, Pinterest ha vissuto un momento d'oro lo scorso anno durante la fase più dura della crisi sanitaria, quando ha visto la propria base utenti crescere in modo importante, passando dai 367 milioni di account attivi su base mensile nel Q1 2020 ai 478 milioni del Q1 2021, salvo poi ridiscendere a 454 milioni nel Q2 2021 (fonte Statista). Di recente ha introdotto una nuova policy nel nome della body acceptance.

PayPal non è il primo big che ne tenta l'acquisizione: stando a quanto emerso a febbraio, lo scorso anno ci ha provato anche Microsoft, ma senza successo.

Aggiornamento (25/10/2021): l'ipotesi dell'acquisizione è stata smentita in via ufficiale da PayPal.

Fonte: Bloomberg
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti