Pentagono: JEDI a Microsoft, ma Amazon non ci sta

Il contratto da 10 miliardi di dollari per il cloud del Pentagono è stato assegnato a Microsoft, ma Amazon potrebbe mettere i bastoni tra le ruote.
Il contratto da 10 miliardi di dollari per il cloud del Pentagono è stato assegnato a Microsoft, ma Amazon potrebbe mettere i bastoni tra le ruote.

Ieri l’annuncio: il contratto da 10 miliardi di dollari del progetto JEDI, messo sul tavolo dagli Stati Uniti per allestire l’infrastruttura cloud del Pentagono, è stato assegnato a Microsoft. Il gruppo di Redmond l’ha dunque spuntata sulla concorrenza di IBM, Oracle, Google (ritiratasi di sua volontà) e infine Amazon.

Il JEDI del Pentagoni, Microsoft e Amazon

Il gruppo di Jeff Bezos, rimasto fino all’ultimo a contendere l’attribuzione e da molti dato per favorito, è rimasto questa volta a mani vuote. Potrebbe però avere al suo arco alcune frecce utili per rimettere in discussione l’esito del bando o quantomeno per rallentare le pratiche che altrimenti porteranno a staccare l’assegno. Fonti d’oltreoceano parlano di una possibile causa legale intentata dal colosso di Seattle.

Un ricorso a tutti gli effetti, basato stando alle voci di corridoio sul fatto che AWS sarebbe l’unico provider in grado di soddisfare appieno i requisiti richiesti dal governo USA per la creazione della piattaforma. Possibile dunque una stoccata, seppur indiretta, nei confronti di Microsoft e di Azure. L’azione, che sottolineiamo non è stata annunciata in via ufficiale, difficilmente porterà a un dietrofront del Pentagono sulla decisione annunciata ieri, ma potrebbe quantomeno porre qualche ostacolo all’iter avviato.

La questione potrebbe complicarsi nel caso in cui venissero presi in considerazione i rapporti non propriamente idilliaci tra il numero uno Jeff Bezos e Donald Trump. L’inquilino della Casa Bianca si è più volte scagliato contro l’uomo più ricco al mondo, talvolta sbeffeggiandolo (Jeff Bozo) e puntando il dito contro la linea editoriale del Washington Post (da lui controllato), ritenuta eccessivamente critica nei confronti della fazione repubblicana.

A gettare benzina sul fuoco il report secondo cui il Presidente USA avrebbe esercitato direttamente pressioni per far sì che Amazon venisse esclusa dalla gara per l’assegnazione del bando relativo a JEDI. A svelarlo Guy Snodgrass, assistente di James Mattis, ex Segretario della Difesa.

Fonte: The Next Web
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti