Per un PDF bucato

Una comunicazione sul blog Adobe mette in guardia gli utenti: c'è una nuova falla in Acrobat. E si sta lavorando a una patch

Roma – Non c’è pace per il software specializzato nella gestione dei documenti PDF. Adobe ha segnalato alcune nuove e insidiose vulnerabilità che potrebbero causare un crash improvviso o addirittura essere sfruttate dai malintenzionati per assicurarsi il controllo del sistema su cui Acrobat è installato.

Il nuovo bug, già utilizzato in alcuni attacchi sul campo, riguarda il semplice visualizzatore di PDF Adobe Reader 9.3.4 per Windows, Mac e Unix, ma anche l’applicazione Adobe Acrobat 9.3.4 Windows e Mac. Non sono escluse dal pericolo neppure le versioni meno aggiornate del programma.

Tramite il blog ufficiale, Adobe specifica anche che una patch di emergenza verrà pubblicata a breve, anticipando gli aggiornamenti di sicurezza già in calendario. Nel corso del 2010 la società ha aumentato in maniera impressionante la frequenza di update mirati proprio a contrastare malware e malintenzionati.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea scrive:
    Raw aperto?
    Da quand'è che il formato RAW è aperto? Al contrario, ogni macchina ha un suo specifico formato, non solo ogni marca, proprio ogni modello. Tant'è che Adobe e compagnia devono aggiornare i propri RAW converter per ogni nuovo modello.L'unico formato RAW aperto (che vorrebbe diventare lo standard) è DNG.Correggete l'articolo, please.By(t)e
    • Roberto Pulito scrive:
      Re: Raw aperto?
      Per formato "aperto" intendevo ancora grezzo e "lavorabile", rispetto ad un file jpg compresso e irrimediabilmente "chiuso".Con il "negativo digitale" raw del resto conservi sempre un file modificabile a piacere che però non risente delle modifiche apportate.Cmq hai ragione: la definizione può confondere, meglio eliminarla :)
Chiudi i commenti