Perens craccherà in diretta un DVD

L'esibizione si terrà alla O'Reilly Developer Conference, per violare il DMCA e ribadire i diritti di consumatori e sviluppatori. Disobbedienza civile per un copyright meno aggressivo. Riflettori puntati

Roma – Venerdì prossimo l’esperto, smanettone, attivista open source, “guru” Bruce Perens violerà la legge americana sul copyright e in diretta dimostrerà le tecniche necessarie a craccare un DVD in modo che sia possibile leggerlo in tutto il mondo al di fuori delle limitazioni geografiche imposte dai produttori.

Bruce Perens ha intenzione di utilizzare il palco della O’Reilly Developer Conference di San Diego per dare il massimo risalto possibile ad una azione di disobbedienza civile tesa a portare nuovamente al centro il criticatissimo Digital Millennium Copyright Act (DMCA), nel cui nome, secondo Perens, in questi anni si è assistito ad una offensiva senza precedenti contro la libertà di sviluppo e persino di studio delle tecnologie.

Perens parlerà in quell’occasione delle tecnologie di Digital Rights Management sulle quali puntano moltissimo i produttori che intendono impedire nei limiti del possibile che le opere vendute sul mercato siano utilizzate a piacere e magari illegalmente da chi le acquista.

L’azione in sé prevede una spiegazione tecnica su come si violano i codici geografici dei DVD, quelli che limitano la possibilità di leggere un DVD in un’area del mondo diversa da quella prevista dai produttori. Una spiegazione a cui seguirà una prova tecnica in aperta violazione del DMCA e dunque con possibili conseguenze quali l’arresto e multe fino a mezzo milione di dollari.

Bruce Perens “Si tratta di un’azione politica e sociale – ha spiegato Perens – che intende dimostrare come la gente non abbia bisogno di qualcuno che monitori il proprio impianto stereo e come dovrebbe essere libera di utilizzare qualsiasi media su qualsiasi device di propria scelta”.

Le probabilità che Perens sia effettivamente arrestato nel corso della presentazione appaiono remote. Come ha notato Infoworld, l’anno scorso Perens ha mostrato in pubblico quelle stesse informazioni che portarono all’arresto dell’hacker russo Dmitry Sklyarov, reo di aver trovato un modo per aggirare le protezioni copyright degli eBook di Adobe…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    non hanno cagato la petizione ... figurati.
    Se non hanno badato alla petizione, figurati se ci badano ora.60 mila persone ridotte in byte, non interessano a nessuno.Una mail non interessa a nessuno.Ci sono soldi e porchi comodi dietro.Faranno quello che gli pare e noi non potremo farci nulla.
  • Anonimo scrive:
    Un'altra mazzata alla libertà!
    Come al solito ci guadagneranno solo i grandi, si mettono a tacere i piccoli, la nostra è proprio una repubblica delle banane!
  • Anonimo scrive:
    boicottare la stampa italiana
    la mia proposta è semplice: boicottare la stampa italiana, non acquistare più nessun quotidiano italiano nè settimanale, nè mensile.acquistare solo stampa stranieravogliono imporre l'ordine dei giornalisti? si "ordinino da soli"
  • Anonimo scrive:
    Che c'e' sotto?
    Se qualcuno vuole a tutti i costi aggirare questa legge ed avere la "soddisfazione" di inviare notizie anonime sulla rete che fa?Registra un .com all'estero senza mettere i propri dati, prende lo spazio su un server russo e scrive quel cavolo che vuole in barba a tutte le leggi italiane. :-(Comunque penso che questa legge sia molto pericolosa per la liberta' in Italia.La maggior parte degli utenti Internet, quando legge una notizia da un sito "anonimo" , di solito cerca di verificarla, sono sempre meno i polli che credono a tutto quello che leggono.E' stranissimo, questa e' una legge che nessuno vuole, soprattuto il "popolo" di Internet eppure il governo, che dovrebbe fare le leggi per il cittadini, insiste e persiste nel suo intento.Che ci sia qualcosa sotto??
  • Anonimo scrive:
    le tre "I" di BERLUSCONI!
    Chi si ricorda (fra i tanti!!!)proclami elettorali, le famose "TRE I" di berlusconi? Una di queste riguardava proprio INTERNET, si diceva che nel programma del "NUOVO" governo Internet sarebbe stato uno dei "capisaldi per lo sviluppo del paese", le altre non le ricordo, ma questa proprio non mi è sfuggita, visto che ci lavoro, dunque secondo mè il significato più vicino alla realtà delle "TRE I" è...ignoranza, Ignoranza, IGNORANZA...! Riprendendo proprio una frase dell'articolo, questo governo nutre la "più profonda ignoranza di cosa sia e come funzionino internet e il web", per farsi un'idea più chiara (se ancora ce ne fosse il bisogno!), basta andare su uno dei vari siti "governativi" dove anche un "esperto" di Internet si può perdere nei meandri più oscuri, figursi il "CITTADINO COMUNE"!Mandi!
  • Anonimo scrive:
    Forse sono i Forum?
    Forse Bonaiuti quando parla di anonimato si riferisce ai Forum che "fanno informazione".Quindi forse vorrebbe che fossero riconosciuti come siti editoriali tutti quelli che posseggono un forum, e rendere di conseguenza responsabile il sito di un intervento qualsiasi di un iscritto.Che bello!
  • Anonimo scrive:
    Meditate gente.....meditate!
    Forse saro O.T. ma a proposito di censura e legge sull'editoria voglio qui ricordare che, secondo una recente ricerca sulla democrazia nel mondo pubblicata priprio ieri dall'ONU la nostra cara Italia risulta classificata al VENTESIMO posto tra i paesi piu' democratici della terra!MEDITATE GENTE.......MEDITATE!
    • Anonimo scrive:
      Re: Meditate gente.....meditate!
      beh, credevo peggio... vuol dire che il mondo è proprio messo male
    • Anonimo scrive:
      Re: Meditate gente.....meditate!
      - Scritto da: LUCKYBOY
      classificata al VENTESIMO posto tra i paesi
      piu' democratici della terra!Veramente si parlava di qualità di vita, non di democrazia.
  • Anonimo scrive:
    Per chi non vuole la legge 62
    Ho letto che 54mila persone hanno firmato la petizione online e molti siti l'hanno appoggiata,e mi pareva che anche i radicali fossero contrari alla legge, eppure non sembra che arrivino nessuna voce di opposizione o di protesta a questi parlamentari.Perché? PI potrebbe spiegarci il perché la petizione rimane inascoltata? E' valida anche se è solo on-line? Non possiamo sperare che queste leggi vengono abolite se non si fa nulla per difenderci... e non credo che Pannella si dia ad uno sciopero della fame per questa leggina...I vari LUG, hacklab, e altre organizzazioni simili non hanno provato a far sentire la loro voce dai parlamentari locali?Chi sa dire di altre iniziative contro questa tremenda legge?
    • Anonimo scrive:
      Re: Per chi non vuole la legge 62
      - Scritto da: josafat
      Ho letto che 54mila persone hanno firmato la
      petizione online e molti siti l'hanno
      appoggiata,
      e mi pareva che anche i radicali fossero
      contrari alla legge, eppure non sembra che
      arrivino nessuna voce di opposizione o di
      protesta a questi parlamentari.si infatti! che fine hanno fatto quelle firme? ci siamo seduti troppo presto... forse la cosa doveva coninuare.... chesso' una manifestazione a roma..magari...DarkStaR
  • Anonimo scrive:
    I siti sono gia' targati !
    rispondendo a Stefano, se hai un dominio web, esso e' automaticamente 'targato' dal database whois.Per esempio provate ad andare su register.it (o qualsiasi sito che ti permetta di cercare nel database whois , digiti il nome del dominio.(per. es punto-informatico.it :-) ) e poi ti dice a chi e' intestato (nome cognome, indirizzo n.di tel), chi e' il responsabile tecnico e chi e' il maintainer (ovvero l'ente di registrazione che ha registrato tale domino).Dunque non capisco queste dichiarazioni di Bonaiuti: se qualcuno diffama online, anche se il sito e' completamente 'anonimo' , nel giro di pochissimo tempo riesci a scoprire l'intestatario del dominio in questione.Dunque a mio avviso, la retorica di Bonaiuti non e' altro che il tentativo di controllare l'informazione avvalendosi delle scuse dell' anonimato (inesistente) oppure della diffamazione online che potrebbe restare impunita.Lo sappiamo che internet e' un mezzo scomodo per coloro che vogliono il controllo assoluto dell'informazione, pero' per favore le cose non vere raccontatele a qualcun'altro.Qualcuno offresi volontario per tenere dei corsi di base di informatica ai politici ?(Gratuiti si intende, perche' a pagamento non se li potrebbero permettere :-) )
  • Anonimo scrive:
    Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
    Se ragiono razionalmente posso convenire che il riconoscere il proprio interlocutore è cosa buona ed utile.L'anonimato è nella maggior parte dei casi vigliacco ed inutile (si vedano i post su questo forum).Adesso è un po' come se i veicoli girassero per le strade senza targa. Fintanto che non succede l'incidente, nessun problema. Ma se qualcuno mi viene addosso, mi fa dei danni e poi se ne scappa via, io mi arrabbierei non poco.In quest'ottica capisco la proposta di "targare" ogni sito.Se invece "ragiono" con il cuore e non con la testa, non riesco a dare completamente torto ai sostenitori dell'anonimato (forse anche perchè la proposta è arrivata dalla destra, storicamente usa a schedare persone e cose).
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
      se ragiono razionalmente e mi rendo conto che quello che vogliono proporre non è una difesa dall'anonimato vigliacco come dici tu (sacrosanta verità) ma è uno strumento di censura pronto ad essere utilizzato per comodità da una qualsiasi forza di potere. Questo significherebbe la morte della libertà di opinione.Se posso scegliere tra i due mali... penso che sia meno grave che esistano dei vigliacchi pittosto che la natura stessa di internet venga sabotata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento

      forse anche perchè la proposta è arrivata dalla
      destra, storicamente usa a schedare persone e cosepekkato ke sia 1 legge della skorsa legislatura,kuando al governo c'era il centro-sinistra...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
        - Scritto da: |[KC]|

        forse anche perchè la proposta è arrivata
        dalla

        destra, storicamente usa a schedare
        persone e cose

        pekkato ke sia 1 legge della skorsa
        legislatura,
        kuando al governo c'era il centro-sinistra...Peccato che le dichiarazioni in questione (aberranti queste, veramente) vengano da un rappresentante del centro-destra; lo stesso centro-destra che non ha trovato di meglio da fare per regolare l'immigrazione che la schedatura degli immigrati, beh.. che dire... Capisco che un pendolo oscilli, ma qui l'oscillazione va pericolosamente verso la perdita della democrazia (modello americano?)E le famose tre "I"?"Impresa" Beh qui, effettivamente, conviene.. uno che crea una azienda, falsa il bilancio e scappa coi soldi (mandando a casa tutt i dipendenti, tanto l'articolo 18 l'abbiamo già perso) rischia meno di uno che copia un CD."Inglese" Sorvoliamo.. non sanno l'italiano e vogliono puntare sull'inglese? Ma non siamo inItalia? Ah no, è vero, prossimamente un decreto legge per diventare il 53esimo stato degli USA?"Internet" beh, se questa è l'internet che vogliono loro (controllata.. neanche in Cina sono messi così male) è meglio abbandonarla, è uno dei pochi posti in cui posso ancora scegliere le fonti delle mie informazioni, se dovessero "imbavagliarla" non avrebbe senso frequentarla ulteriormente.A proposito di internet.. problemi al taso "H"?Prova con un "#mount /dev/brain", magari vai a posto.Saluti, Ryo Takatsuki.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
          - Scritto da: Jabbawack
          Peccato che le dichiarazioni in questione
          (aberranti queste, veramente) vengano
          da un rappresentante del centro-destra;Il centro-sinistra ke dice? Niente?Imho il silenzio e' anke peggio...
          Capisco che un pendolo oscilli, ma qui
          l'oscillazione va pericolosamente verso la
          perdita
          della democrazia (modello americano?)Kapisko... preferisci il modello cinese...
          A proposito di internet.. problemi al taso "H"?ho problemi anke kon le "I" sara' x kuesto ke nnho votato ki pensi tu =)
          Prova con un "#mount /dev/brain", magari vai
          a posto.a me funziona e a te?magari lancialo prima d leggere i post altrui ekapirai kosa leggi prima d rispondere
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
            - Scritto da: |[KC]|
            - Scritto da: Jabbawack

            Peccato che le dichiarazioni in questione

            (aberranti queste, veramente) vengano

            da un rappresentante del centro-destra;

            Il centro-sinistra ke dice? Niente?
            Imho il silenzio e' anke peggio...Vero, dovrebbero contestare una legge che hanno fatto loro?A che scopo, farsi sfottere da tutte le 6 reti televisive della maggioranza?Credo sarebbe, per loro, un atto dovuto, "in coscienza", ma estremamente controproducente.Purtroppo, ed è pacifico, l'attuale classe politica italiana (di qualunque colore) non è in grado per incopetenza di legiferare riguardo alla rete e allenuove tecnologie (non ne faccio una colpa ai politici direttamente; se si deve passare il tempo a studiare come gestire le finanze di una nazione,o a studiare la storia di Romolo e RemoLO (e Dotto,Cucciolo, ecc..), si ha poco spazio per "capire" l'essenza della rete; dovrebbero, quello sì, creareuna commissione o qualcosa di simile in cui l'utenza internet sia rappresentata non solo da esponenti delle imprese editoriali)

            Capisco che un pendolo oscilli, ma qui

            l'oscillazione va pericolosamente verso la

            perdita

            della democrazia (modello americano?)

            Kapisko... preferisci il modello cinese...No, sarei più per un modello "italiano", quando si poteva prendere per il culo Craxi senza essere considerati "fascisti" o "giacobini" (scegli tu) da perseguire perchè diffondono idee "aberranti".E inoltre mi sono rotto di sentire usare la parola "communista" (si scrive con una "m" sola... neanche l'italiano... vista la media dovrebbero cambiare ilnome del partito in "sForza Itaglia") usata come uninsulto per denigrare chi la pensa diversamente dalgoverno, questa parola indica una categoria di persone con idee ben precise (idee che, purtroppo, l'attuale centro-sinistra pare essersi scordato) edusarla così equivale a dare del "negro" ad una persona di colore o del "terrone" ad napoletano(sempre in senso spregiativo).

            A proposito di internet.. problemi al
            taso "H"?

            ho problemi anke kon le "I" sara' x kuesto
            ke nn
            ho votato ki pensi tu =)Ok, scusa, era ironia facile, ma mi è insopportabile leggere post con le "k" al posto di "ch"; è proprio una tortura.. abbiamo una delle linque più musicali del mondo e la storpiamo continuamente.


            Prova con un "#mount /dev/brain", magari
            vai

            a posto.

            a me funziona e a te?
            magari lancialo prima d leggere i post
            altrui e
            kapirai kosa leggi prima d rispondereEffettivamente stamattina sono in vena di Flame e ho "commentato" l'entry di /dev/brain in /etc/mtab.;o)Ok, chiedo scusa, mi sono lasciato prendere dalla foga senza riflettere bene sul senso del tuo post.Saluti, Ryo Takatsuki
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
            - Scritto da: Jabbawack

            E inoltre mi sono rotto di sentire usare la
            parola
            "communista" (si scrive con una "m" sola...
            neanche
            l'italiano... vista la media dovrebbero
            cambiare il
            nome del partito in "sForza Itaglia") usata
            come un
            insulto per denigrare chi la pensaEhi, per "sForza Itaglia" ti deve chiedere i diritti :-))), l'avevo già postato una volta io su questi forum...Mi sa che devo farmi tutelare dalla SIAE per le cose che scrivo su questi forum... diventerei rikkissimo :-))))..vabbè la smetto, se kualkuno mi spara (tu vorrai già uccidermi per questo mio innaturale abuso di 'k')

            Saluti,
            Ryo Takatsuki
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
            - Scritto da: josafat
            Ehi, per "sForza Itaglia" ti deve chiedere i
            diritti :-))), l'avevo già postato una volta
            io su questi forum...Urca.. non lo sapevo... in realtà l'ho creata al volo dal vecchio "Sforza Italia" di "Tunnel" (chise lo ricorda?) aggiungendo un errore grammaticalea caso.
            Mi sa che devo farmi tutelare dalla SIAE per
            le cose che scrivo su questi forum...
            diventerei rikkissimo :-))))..Già, a quel punto, però, ALIEN e linucs diventebbero plurimiliardari (in euro), ognivolta che salta fuori una news su Microsoft (una algiorno?) qualcuno che parla di debianzhang e draga c'è sempre.
            vabbè la smetto, se kualkuno mi spara (tu
            vorrai già uccidermi per questo mio
            innaturale abuso di 'k')No.. io non voglio uccidere nessuno (beh, a parte ipiccioni che infestano il mio cortile e mi riduconola macchina in condizioni pietose).Al limite mi scrivo un correttore ortografico e cambio al volo tutte le "k" in "ch"Che bello sarebbe leggere di Chilobyte e fi John Chennedy.... ;o)Saluti, Ryo Takatsuki
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
            Beh, è probabile che sforza itaglia sia venuto a molte persone in mente... comunque non sapevo di tunnel...Comunque il mio post era puramente ironico... qualche volta mi vien voglia di scherzare :-oCiao
          • Anonimo scrive:
            Scrivi in italiano! (Re: Sono combattuto tra...)
            - Scritto da: |[KC]|
            Il centro-sinistra ke dice? Niente?
            Imho il silenzio e' anke peggio...[CUT]
            Kapisko... preferisci il modello cinese...[CUT]
            ho problemi anke kon le "I" sara' x kuesto
            ke nn
            ho votato ki pensi tu =)[CUT]
            magari lancialo prima d leggere i post
            altrui e
            kapirai kosa leggi prima d rispondereMa lo sai che i tuoi messaggi sono proprio urtanti? Alle scuole elementari non ti hanno insegnato come si scrivono le parole della lingua italiana? Che cosa significano tutte queste 'k'?Che fastidio!
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
          Mi consenta, ho qui il mio nuovo Windows XP, è l'ultimo ritrovato in fatto di sistemi operativi, ma ci deve essere un misunderstanding: l'icona di questo "#mount /dev/brain" proprio non la trovo. Mi viene il sospetto che si tratti di qualche pericoloso virus messo in circolazione dalle sinistre.- Scritto da: Jabbawack

          Prova con un "#mount /dev/brain", magari vai
          a posto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
            - Scritto da: cav. Silvio Berlusconi
            Mi consenta, ho qui il mio nuovo Windows XP,
            è l'ultimo ritrovato in fatto di sistemi
            operativi, ma ci deve essere un
            misunderstanding: l'icona di questo "#mount
            /dev/brain" proprio non la trovo. Mi viene
            il sospetto che si tratti di qualche
            pericoloso virus messo in circolazione dalle
            sinistre.E' per via di una localizzazione diversa, il mio è in italiano mentre il Suo, come si conface ad un Grande Statista come Lei (pari almeno a Remolo il fondatore di Roma) in inglese.Provi su"Start-
            Impostazioni-
            Pannello di controllo del pensiero-
            Sistema (informativo mediatico)-
            Emisferi cerebrali." Dovrebbe avere, ad occhio, i checbox "Abilita funzioni cognitive superiori""Esegui ragionamenti logici""Utilizza modulo coscienza.dll" (o ".vxd", dipende dalla minor release del suo sistema)Disabilitati.Li abiliti (in realtà l'ultimo non serve poi tanto,e rallenta notevolmente il sistema.. faccia Lei).Clicchi su "Applica" e inserisca, alla richiesta, la password: "miomiotuttomio" (E' una passwordspeciale che ho avuto dal signor William Gates in persona e serve per abilitare le funzioni estese diWin XP)Un ultima nota.. l'attivazione della terza "nuova" funzione potrebbe avere come ripercussione l'invio di alcune e-mail dai contenuti interessantialla procura di Milano, o, in alternativa, una voglia irrefrenabile di costituirsi, Le consiglio,pertanto, di abilitare la suddetta funzione soloin presenza dei suoi avvocati e molto, molto lontano dalla cità di Milano.Saluti (ir)riverenti, Ryo Takastuki.P.S. per chi pensa che questa debba essere una discussione seria mi scuso per l'O.T.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento

          Peccato che le dichiarazioni in questione
          (aberranti queste, veramente) vengano
          da un rappresentante del centro-destra; lo
          stesso
          centro-destra che non ha trovato di meglio
          da fare
          per regolare l'immigrazione che la
          schedatura degli immigrati, beh.. che
          dire... Se certi immigrati avessero uno straccio di documento d'identità e se nel loro paese d'origine esistesse uno straccio di anagrafe, non sarebbe necessario schedarli.
          "Impresa" Beh qui, effettivamente,
          conviene.. uno
          che crea una azienda, falsa il bilancio e
          scappa
          coi soldi (mandando a casa tutt i
          dipendenti, tanto
          l'articolo 18 l'abbiamo già perso) rischia
          meno di
          uno che copia un CD.Cazzate e lo sai. Se non lo sai informati. In quel caso viene procurato un danno ed il falso non è depenalizzato come vorreste sostenere voi comunisti nel vostro ciarlare contro il governo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
            - Scritto da: vaira
            Se certi immigrati avessero uno straccio di
            documento d'identità e se nel loro paese
            d'origine esistesse uno straccio di
            anagrafe, non sarebbe necessario schedarli.Bene, allora che si schedino tutti, italiani e non, europei e non.. perchè un francese che viene in vacanza in Italia non può essere un delinquente mentre un profugo curdo deve per forza essere un aspirante spacciatore?Altrimenti la schedatura assume un mero significatopolitico, della serie, "Guardate come siamo bravi,adesso tutti quegli extracomunitari cattivi chevengono a spacciare la droga ai nostri figli (che, però, la comprano) e a rubarci il lavoro(ti voglio vedere a convincere un mio coetaneo ad andare in fonderia a lavorare) adesso li schediamo e li buttiamo fuori appena possibile".


            "Impresa" Beh qui, effettivamente,

            conviene.. uno

            che crea una azienda, falsa il bilancio e

            scappa

            coi soldi (mandando a casa tutt i

            dipendenti, tanto

            l'articolo 18 l'abbiamo già perso) rischia

            meno di

            uno che copia un CD.

            Cazzate e lo sai. Se non lo sai informati.
            In quel caso viene procurato un danno ed il
            falso non è depenalizzato Wow.. sai scrivere "comunisti" con una "m" sola...Quindi un falso in bilancio che non procura dannosarebbe una "ragazzata"?Ma esiste un falso in bilancio che non procuri danno?Quale?Se io falsifico i bilanci è per ottenerne un vantaggio, se ne ottengo un vantaggio essova direttamente a danno dei miei concorrenti, iquali si trovano un competitor che imbrogliale carte pur di rimanere nel mercato o guadagnarsi la fiducia degli investitori.Bel concetto di danno e di mercato da partedi gente che si autodefinisce "Liberista".Ma hanno idea di cosa sia il "Liberismo" vero?Esempietti semplici semplici:- La Fiat piange, il governo parte con gli ecoincentivi.- Annunciano la messa in rete della PA e fanno gliaccordi (non mi sembra sia stata data notizia diuna gara di appalto) con Telecom.Prova a dire a Bush che la Ford è in crisi e habisogno degli ecoincentivi...
            come vorreste
            sostenere voi comunisti nel vostro ciarlare
            contro il governo.Mai ciarlato contro il governo, riso spesso, piantomolto (stiamo tornando indietro di 50 anni), maciarlato mai.E.. sì, se ti interessa, mi ritengo comunista e nesono felice.Saluti, Ryo Takatsuki
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento

            E.. sì, se ti interessa, mi ritengo
            comunista e ..Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunistila legge che vooooii non avete voluto votare la legge che vooooii non avete voluto votare la legge che vooooii non avete voluto votare Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunistieh eh parafrasando l'imitatore della trasmissione Guzzanti&c.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
      Il fatto che tu non sappia chi posta su questi forum non vuol dire che chi lo fa e' anonimo. E' rintracciabilissimo. L'anonimato online non esiste.... Ma serve a promulgare leggi allucinanti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento

      torto ai sostenitori dell'anonimato (forse
      anche perchè la proposta è arrivata dalla
      destra, storicamente usa a schedare persone
      e cose).Oddio, in Russia non c'è mai stata su la destra eppure tutta la popolazione era schedata ed 1 su 3 era o una spia o un collaboratore del kgb...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono combattuto tra la ragione e sragione
        Ma ancora a livelli di destra VS sinistra stiamo?ragioniamo in giusto e sbagliato che e' piu' facile e logico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono combattuto tra la ragione e il sentimento
      Non cerdo che centri destra o sinistra o centro ecc...Qualsiasi politico sa che il controllo e' fondamentale e senza quello non ci sarebbe ne' destra ne' sinistra ne' centro ne' nulla.Mai come oggi e' facile comunicare e mai come oggi e' necessario controllare e se il caso...Internet e' nato libero e vorra' rimanere libero, questa legge rischia solo di burocratizzare i provider italiani ed imporre nuove gabbelle e tasse anche sull'on-line.Nessuno ha voluto che il "giornalismo" sbarcasse on-line, che se ne ritorni sulla carta e si tenga la sua "autorevolezza".
  • Anonimo scrive:
    Grande Mantellini!!!!
    Grazie!Grazie per la preoccupazione!
    Si tratta di parole che qualcuno potrebbe considerare addirittura irresponsabili,
    Ma quale "addirittura"!Solo una persona preoccupata e responsabile come Lei puo' sentenziare chi è irresponsabile o meno!Comunque le parole di Bonaiuti devono essere state molto brutte dato che ha deciso di "censurarle" dal Suo discorso evitando che qualcuno possa farsi un'idea personale.Meglio cosi'. Se si riportano solo delle mezze frasi di un discorso, poi si rischia di essere ancora + parziali...
    Bonaiuti, che ha parlato ieri dinanzi alla Commissione Cultura della Camera dei Deputati, e che è un fermo sostenitore della contestatissima Legge sull'editoria (62/2001), ha affermato:"Per dirlo con chiarezza, la registrazione dei siti editoriali online mi sembra un impegno doveroso oltreché coerente con la legge 62 del 2001". E ha spiegato: "Trovo aberrante che ci si possa nascondere dietro l'anonimato di alcuni siti per diffondere notizie che sui prodotti editoriali tradizionali porterebbero a sicure sanzioni civili e penali".
    Tutto qua?Certo sembrano parole buttate lì, così per dire qualche cosa... come fa Lei!Ma chi è costui, questo Bonaiuti? Ha delle credenziali per poter parlare di Internet? Che esperienze ha?Ma per fortuna c'e' Lei e la Sua utilissima Petizione che attende di maturare sepolta da qualche parte, per dare in seguito i suoi frutti.(una stupida abrogazione di legge...)
    Impossibile oggi sperare in un tardivo ravvedimento del Governo e del Parlamento che sostengono questa Legge, apparentemente nella più profonda ignoranza di cosa sia e come funzionino internet e il web, ma .....
    Beata ignoranza!Se tutti fossero intelligenti come Lei.Se i politicanti avessero un briciolo della Sua immensa cultura soprattutto in materia di Internet, i legislatori sicuramente produrrebbero leggi perfette, prive di ambiguità, limpide in ogni loro parte, insomma, leggi che non avrebbero bisogno di giudici e avvocati per essere interpretate.
    ...su cosa si intenda con la curiosa espressione "sito editoriale". Almeno questo, Bonaiuti e i sostenitori di quella Legge lo devono. Alla rete e alla libertà di ciascuno di noi.
    Ma perchè non la formula Lei, o nostro faro che ci illumina nel buio dell'ignoranza, la definizione esatta ed esaustiva, di "sito editoriale"?Perchè non ci dice esattamente cosa diavolo vuole?Perchè non la smette di criticare e di dilettarsi nel semplice esercizio di trovare ambiguità, di modo che possa dedicarsi a qualcosa di + costruttivo, facendo delle proposte? Anche questo è giornalismo, no?Dimenticavo Lei non è un gionalista...Scusi
    • Anonimo scrive:
      Re: Grande Mantellini!!!!
      Sei Bonaiuti o sei scemo?Oltre a sparare immense cazzate, non sei nemmeno capace di leggere il nome dell'autore dell'articolo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Grande Mantellini!!!!
      Adesso PI censura chi fa notare che l'articolo non era di Mantellini, ma di DeAndreis. Incredibbile... tra l'altro stavo pure difendendo l'articolo da una critica tutt'altro che illuminata... c'è già Bonaiuti al lavoro?
      • Anonimo scrive:
        Re: Grande Mantellini!!!!
        Ti ricordo la Policy ;)http://punto-informatico.it/forumpolicy.aspCiaoLamberto
      • Anonimo scrive:
        [OT] Re: Mi cospargo il capo di cenere.....
        (hihihihihi!!!!)Che Grave Errore!!!Mi scuso per l'errore che ho commesso.Cosa posso fare per punizione? Stare zitto forse?Certo che confondere Mantellini con P. De Andreis.... beh! è come confondere il cioccolato con la cacca... Ci sono mille e + differenze fra le 2 persone. Magari uno è basso e grasso e l'altro alto e magro.Sicuramente avranno opinioni diverse in merito alle paraole di Bonaiuti, opinioni che non possono essere confuse.Ma altrettanto sicuramente hanno la stessa "saccenza", mi correggo "cultura", lo dice 1 che si ritiene molto + stupido di queste 2 superbe menti dell'Internet-Italiano.Proseguendo con le differenze, De Andreis è il padrone, Mantellini un "operaio" e questo è un altro valido motivo per non confonderli!ciao josafat e grazie per le parole dolci che mi hai riservato(hihihihihi!!!!)
  • Anonimo scrive:
    Obiettivo censura!
    L'obiettivo è fin troppo palese: chiudere quegli spazi di contro-informazione che da Seattle in poi si sonon diffusi nella rete. I vari Indymedia & Co. creano problemi all'establishment dell'informazione facendo veder l'altra faccia della verità. Quello che è paradossale è che il centro-sinistra ha cucinato una legge su misura per il Berlusca, che la dovrà solo applicare. Vergogna!
    • Anonimo scrive:
      Re: Obiettivo censura!
      - Scritto da: Luigi
      Quello
      che è paradossale è che il centro-sinistra
      ha cucinato una legge su misura per il
      Berlusca, che la dovrà solo applicare.
      Vergogna!Paradossale? Tu davvero credi che a sx ci sia meno vogli adi censura che a dx? ROTFL!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Obiettivo censura!
      Ah, perché, la sinistra era di sinistra ?
  • Anonimo scrive:
    La paura dell'informazione!
    Così cercano di evitare il proliferare di possibili situazioni "pericolose" perchè grazie alla rete ognuno di noi ha la possibilità di creare Informazione di segnalare cosa c'è che non va, e questo non piace proprio il bavaglio della censura sta arrivando, e non mi dicano che lo fanno per il "bene" pubblico xchè non ci danno diritto di libero arbitrio, libertà di decidere a chi dare ascolto.
  • Anonimo scrive:
    Freenet se ne frega.
    Con freenet si potrebebro risolvere molti problemi ma e' la solita storia..la gente inizia a nuotare solo quando ha l'acqua alla gola.Certo non risolverebbe il problema del "principio" di liberta' d'espressione e informazione.
    • Anonimo scrive:
      Il mondo se ne frega di freenet (purtroppo)
      - Scritto da: Icex
      Con freenet si potrebebro risolvere molti
      problemi ma e' la solita storia..
      la gente inizia a nuotare solo quando ha
      l'acqua alla gola.Non vi siete accorti che la maggior parte degli utenti (utOnti?) identifica "internet" con il web e gli frega solo di scaricare quattro canzonette, di "ciattare" e di spedire le "imeil", almeno finché non svanisce l'entusiasmo per queste cose (che bello, mando un'email a un amica e poi le devo telefonare per avvertirla che è arrivata se no quella non la leggerà mai! Tanto vale non scrivere più!). Quanti utenti in % sanno cos'è un newsgroup? un FTP? nella loro testolina "per navigare in internet si usa l'explorer, per l'imeil l'autluc". Che gli frega a tutti di freenet? se anche gliela fai provare dicono "è lenta, non c'è niente". E tanti saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mondo se ne frega di freenet (purtroppo)
        A me comunque non dispiace che ci sia una massa e ci siano degli 31337 (scusa la lamerata:-) ).Dopotutto chi vuol cambiare ha tutti i mezzi per farlo.. chi non vuoel stia nella massa.
  • Anonimo scrive:
    Ecco le proproste del governo...
    ...Berlusconi bis, auspicate dalla intellighenzia della redazione di punto informatico. Soddisfatti?
  • Anonimo scrive:
    La Casa delle Liberta'
    Di fare solo quello che dicono loro!
  • Anonimo scrive:
    valanghe di firme.
    ne sono gia' state raccolte molte; mettiamole in una busta indirizzata ai signori del Sapere politico (ma poco informatico) indicando come mittente: "migliaia di potenziali elettori".
  • Anonimo scrive:
    Centrosinistra CAPUT!
    Che ridere, il centro sinistra con la legge 62 ha messo nelle mani del governo di centrodestra un'arma micidiale di controllo e repressione dell'informazione libera e indipendente.Alla faccia delle belle parole del Presidente della Repubblica sulla pluralità dell'informazione.Tutta ipocrisia e retorica.Il Grande Capo ci vuole muti e rassegnati!
    • Anonimo scrive:
      Re: Centrosinistra CAPUT!
      - Scritto da: Piero
      Che ridere, il centro sinistra con la legge
      62 ha messo nelle mani del governo di
      centrodestra un'arma micidiale di controllo
      e repressione dell'informazione libera e
      indipendente.
      Alla faccia delle belle parole del
      Presidente della Repubblica sulla pluralità
      dell'informazione.Esatto! Ciampi vuole PLURALITA' di informazione.Non ha mai parlato di LIBERTA' di informazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Centrosinistra CAPUT!
        Non ci può essere pluralismo nell'informazione, se prima non c'è libertà e indipendenza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Centrosinistra CAPUT!
          - Scritto da: Piero
          Non ci può essere pluralismo
          nell'informazione, se prima non c'è libertà
          e indipendenza. Certo che può esserci: anche se iltermine tecnico è "lottizzazione"
        • Anonimo scrive:
          Re: Centrosinistra CAPUT!
          - Scritto da: Piero
          Non ci può essere pluralismo
          nell'informazione, se prima non c'è libertà
          e indipendenza. Non puo' esistere libertà e indipendenza perchè ci sono sempre i soldi e mai l'imparzialità
Chiudi i commenti