Peugeot Citroen migra 20mila PC a Linux

Colpaccio per Novell, che è riuscita a concludere un accordo con il produttore di automobili per la vendita e il supporto di 20mila copie del proprio sistema operativo Linux desktop

Parigi – Come a voler guastare la festa a Microsoft , impegnata in questi giorni nel lancio di Windows Vista, Novell ha annunciato un accordo pluriennale con PSA Peugeot Citroen per l’installazione del proprio sistema operativo SUSE Linux in circa 20mila PC desktop e 2.500 server.

Stando a Novell, quello appena concordato con Peugeot Citroen è uno dei più grandi – se non il più grande in assoluto – deployment di Linux mai fatto in Europa. La famosa migrazione a Linux portata avanti dal Comune di Monaco di Baviera, ad esempio, dovrebbe interessare non più di 14mila postazioni desktop e qualche centinaio di server.

Il produttore di automobili francese afferma di aver scelto SUSE Linux Enterprise Desktop perché “ben supportato, estremamente semplice da usare e integrabile con la nostra infrastruttura Windows-based”. Alcuni analisti ritengono che dietro questa scelta vi sia anche (e soprattutto?) la volontà di risparmiare sui costi di licenza di Windows Vista e sull’acquisto di nuovo hardware.

“La migrazione a Vista richiede un significativo aggiornamento dell’hardware”, ha affermato Charles King, senior analyst di Pund-IT. “I costi associati a questo aggiornamento inducono le aziende a considerare l’adozione di alternative a Windows e Office”.

Come noto, SUSE Linux include la nota suite per l’ufficio OpenOffice 2.0 e un insieme completo di applicazioni desktop. Al momento Novell non ha fornito alcun dettaglio finanziario sull’accordo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il nome è appropriato
    Infatti nel Jazz si improvvisa.... mi sa che qui di bachi ce ne saranno eccome!....(troll)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il nome è appropriato
      Nel jazz la collaborazione porta ad un buon risultato se i partecipanti sono esperti, e se c'è il "feeling" cioè la comunicazione fra i partecipanti :) Credo che questo spieghi come mai è stato scelto questo nome per un progetto volto a far comunicare gli sviluppatori open source: loro ti danno il feeling, tu ci metti l'esperienza :)
Chiudi i commenti