Phoenix, il BIOS che bypassa Windows

Il celebre sviluppatore di BIOS ha messo a punto una tecnologia che consentirà di avviare diverse applicazioni direttamente dal firmware di un PC, in modo del tutto indipendente dal sistema operativo. Ecco i dettagli
Il celebre sviluppatore di BIOS ha messo a punto una tecnologia che consentirà di avviare diverse applicazioni direttamente dal firmware di un PC, in modo del tutto indipendente dal sistema operativo. Ecco i dettagli

Milpitas (USA) – Per decenni il BIOS è stato concepito come un piccolo programma in grado di espletare soltanto le funzionalità basilari per il corretto funzionamento di un PC: eseguire test diagnostici, caricare il sistema operativo e fare da interfaccia tra questo e l’hardware. Phoenix Technologies , il più grande produttore al mondo di BIOS per PC, è impegnata ad estendere significativamente il ruolo del BIOS e trasformarlo in un ambiente applicativo complementare ai sistemi operativi tradizionali.

Dopo aver lanciato la tecnologia Core Management Environment (cME), che permette di avviare da BIOS tool di vario genere (diagnostica e ripristino del sistema, antivirus, antifurto, accesso istantaneo ai dati di Outlook ecc.), ed aver introdotto sul mercato i primi BIOS modulari della generazione Core System Software (CSS), Phoenix ha ora svelato HyperSpace , una tecnologia che estende ulteriormente le funzionalità dei firmware basati sulla specifica EFI .

HyperSpace prende dalla tecnologia cME la capacità di far girare, prima, durante o dopo l’avvio del sistema operativo, applicazioni di vario genere , come web browser o interfacce media center. L’esecuzione delle applicazioni memorizzate nel firmware avviene in pochi secondi, e può avvenire anche mentre il sistema operativo principale (Windows, Linux od altro) è in funzione: in tal caso per richiamare un’applicazione dal firmware basta premere il tasto F4.

Le applicazioni integrate in HyperSpace possono anche beneficiare di un ambiente di esecuzione protetto . La tecnologia di Phoenix comprende infatti un gestore di macchine virtuali, chiamato HyperCore , che isola le applicazioni dal resto del sistema: ciò rende HyperSpace particolarmente adatto sia per eseguire antivirus e altri software per la sicurezza, sia per consentire agli utenti di navigare sul web senza rischiare di infettare il resto del sistema con worm o altri malware.

HyperCore è in grado di avvantaggiarsi delle tecnologie di virtualizzazione lato hardware integrate nelle più recenti CPU di Intel e AMD .

I firmware basati su HyperSpace supportano tutti i principali tipi di connettività di rete , incluse le WLAN, e consentono di gestire da remoto un computer anche nel caso in cui il sistema operativo sia assente o inutilizzabile.

Va sottolineato che HyperSpace non rappresenta un sostituto degli attuali firmware per PC , ma una loro estensione: secondo Phoenix, la tecnologia sarà in grado di funzionare in accoppiata con tutti i suoi BIOS più recenti.

Phoenix ha già mostrato una versione di HyperSpace dedicata ai notebook che comprende web browser, client email, media player e utility per la gestione e la manutenzione del sistema. Il tempo di avvio di tali programmi, secondo la società americana, oscilla tra i 5 e i 10 secondi.

L’azienda fornirà presto alle terze parti un ambiente di sviluppo che consentirà a produttori, OEM e system integrator di aggiungere ad HyperSpace nuove applicazioni ed interfacce grafiche .

Tra i produttori di notebook ad aver già mostrato interesse verso HyperSpace vi sono Lenovo , Dell e Acer , mentre tra i produttori di software c’è McAfee . Phoenix prevede che i primi sistemi con firmware HyperSpace dovrebbero arrivare sul mercato entro la seconda metà del prossimo anno .

Un concetto simile a quello di HyperSpace è già stato implementato da produttori di notebook come Toshiba e HP , che lo hanno utilizzato per fornire agli utenti la possibilità di ascoltare musica o riprodurre video anche quando Windows non è in esecuzione.

Tra i potenziali rivali di HyperSpace si annoverano FlashMate , sviluppato da Silicon Storage Technology e Insyde Software , e SplashTop , sviluppato da DeviceVM e recentemente implementato da Asus sulla propria scheda madre P5E3. Rispetto ai rivali, tuttavia, Phoenix ha dalla sua parte una posizione di mercato assai favorevole : come maggiore produttore di BIOS ha tutte le chance per fare di HyperSpace l’estensione standard della futura generazione di firmware per PC.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 11 2007
Link copiato negli appunti