Più vicina laRepubblica a pagamento

Il sito Repubblica.it rimane del tutto gratuito mentre avanza il progetto per trasformare a pagamento l'accesso alle pagine del giornale cartaceo trasposte online. Ecco in anteprima i particolari dell'operazione addioalgratis di Kataweb


Roma – Il sito Repubblica.it continuerà ad essere liberamente accessibile da tutti mentre, come già noto, diverrà a pagamento la consultazione online dell’edizione cartacea del giornale laRepubblica. Il progetto, che sarebbe dovuto partire a metà dicembre, è stato posticipato e, secondo quanto appreso da Punto Informatico, gli utenti inizieranno a pagare la lettura delle pagine de laRepubblica entro la prima metà di febbraio.

Nel periodo della sperimentazione-trial in cui è stato possibile, come lo è ancora in questi giorni, accedere gratuitamente alle prime funzionalità online del nuovo servizio, Repubblica ha registrato circa 70mila utenti, un risultato che senz’altro incoraggia il management dell’azienda a far decollare il progetto dei contenuti del giornale a pagamento. L’esperienza è guardata con grande attenzione da una larga parte degli operatori internet perché offrirà un parametro di valutazione in più sulle reali possibilità dell’offerta di contenuti online dietro abbonamento.

Le informazioni in possesso di Punto Informatico indicano che i materiali inizialmente a disposizione degli utenti paganti non contempleranno soltanto quanto già visualizzabile online nel corso della sperimentazione, perché sarà per loro possibile anche: ricercare nell’intero archivio del giornale cartaceo dal 1984 ad oggi; scaricare e stampare il giornale in formato.pdf; utilizzare una versione senza immagini del servizio per velocizzare connessioni a banda ristretta o via wireless.

Ma quanto si pagherà? Sono tre le tipologie di abbonamenti che verranno proposte agli utenti. La prima è un abbonamento mensile, il cui costo dovrebbe aggirarsi attorno agli 11 euro. La seconda è un abbonamento semestrale dal costo di 57 euro. La terza è un abbonamento “a punti”: si potranno comprare pacchetti da 30 o 60 “ingressi” nel sistema a pagamento da utilizzare in qualsiasi momento.

Va detto che il progetto de laRepubblica a pagamento non è che un tassello nel quadro più ampio dei contenuti che con questa modalità Kataweb intende erogare via internet. La piattaforma finora sviluppata eroga servizi che vanno da informazioni finanziarie specializzate, news alert, aumentate possibilità di ricerca, invio di SMS multipli. Quest’ultimo servizio pare sia molto gradito alle imprese che, acquistando pacchetti di mille SMS, possono con un solo SMS recapitare i propri messaggi ad un alto numero di destinatari. Gradito dalle aziende, a quanto pare, anche il servizio degli SMS “a tempo”, ovvero la possibilità di ricevere in automatico, ad una certa ora in un certo giorno, avvisi via SMS.

Ma si tratta soltanto dei primi servizi che vengono distribuiti attraverso la piattaforma di Kataweb “Extra” che progressivamente verrà ampliata ad un numero sempre maggiore di offerte.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Come San Francisco
    a San Francisco anche nei parchi ci si può collegare alla rete con WLL, basta un abbonamento a poco prezzo, speriamo bene anche in Italia
  • Anonimo scrive:
    10 per ogni regione?
    Per quanto mi ricordo di geografia, le regioni dovrebbero essere 20, o mi sbaglio?Dario
    • Anonimo scrive:
      Re: 10 per ogni regione?
      - Scritto da: dariottolo
      Per quanto mi ricordo di geografia, le
      regioni dovrebbero essere 20, o mi sbaglio?Hai ragione!!!Sistemato...Grazie, ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: 10 per ogni regione?
      - Scritto da: dariottolo
      Per quanto mi ricordo di geografia, le
      regioni dovrebbero essere 20, o mi sbaglio?

      DarioMi semra ce Trento e Bolzano in quanto province autonome avranno 10 licenze a testa...
Chiudi i commenti