Piccoli URL, grande ritardo

Non sempre la strada più corta è la più breve: gli URL shortener, anzi, rallenterebbero la navigazione di tutti. Tutto per colpa di serverini con pochi cavalli

Roma – Gli accorciatori di URL, come TinyURL, Bit.ly o i recenti servizi sviluppati da YouTube , Twitter , Facebook e Google , rallenterebbero il Web. A dirlo uno studio della olandese Watchmouse .

Il principio è che cliccando su un URL accorciato, oltre a rischiare di incappare in contenuti diversi da quelli che si cercava o in veri e propri siti di malware, si viene reindirizzati su un server che contiene l’URL originale nel suo databse e solo da lì si arriva all’indirizzo selezionato. Inoltre i servizi di URL shortening sono spesso offerti da startup che mancano di infrastruttura ottimale in grado di supportare efficacemente e in maniera ottimale tutto il traffico da reindirizzare.

Watchmouse ha seguito per un mese le risposte di 14 servizi di accorciatori URL: misurando così il rallentamento causato alla navigazione in circa un secondo per ogni pagina che viene caricata tramite di essi. Premio lumaca al servizio fb.me (ancora alla versione beta) offerto da Facebook, i cui ritardi arrivano a due secondi. I servizi goo.gl e youtu.be, invece, fanno perdere solo mezzo secondo circa.

Questi ritardi, inoltre, non essendo i serve ottimizzati per supportare il traffico internazionale possono acuirsi a seconda della nazione da cui ci si connette.

Per continuare a vigilare sull’operato di tali servizi, Watchmouse ha deciso di continuare a tenere d’occhio il loro operato. A tale scopo ha anche costituito una pagina che li raccoglie tutti e informa di eventuali disservizi.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pietro scrive:
    il futuro
    il futuro sarà questo, TV on demand, niente più rai, mediaset etc, solo fornitori di contenuti e un paio di distributori, (non responsabili di quello che viene messo in onda) i finanziamenti saranno con la pubblicità con canoni o on demand, ci saranno contenuti in streeming, sport spettacoli etc. e altri registrati.Dimenticavo butteremo i decoder per dei modem ADSL.
    • ullala scrive:
      Re: il futuro
      - Scritto da: pietro
      il futuro sarà questo, TV on demand, niente più
      rai, mediaset etc, solo fornitori di contenuti e
      un paio di distributori, (non responsabili di
      quello che viene messo in onda) i finanziamenti
      saranno con la pubblicità con canoni o on demand,
      ci saranno contenuti in streeming, sport
      spettacoli etc. e altri
      registrati.
      Dimenticavo butteremo i decoder per dei modem
      ADSL.ADSL?mmhhmm.. non credo ci vorrà qualcosa di meglio!
      • pietro scrive:
        Re: il futuro

        ADSL?
        mmhhmm.. non credo ci vorrà qualcosa di meglio!probabile ma le tecnologie di trasmissione si evolvono e anche i metodi di compressione
        • ullala scrive:
          Re: il futuro
          - Scritto da: pietro

          ADSL?

          mmhhmm.. non credo ci vorrà qualcosa di meglio!
          probabile ma le tecnologie di trasmissione si
          evolvono e anche i metodi di
          compressioneNon è questione di compressione il problma è che col rame hai dei limiti precisi (distanza vs banda).Con fth (fiber to home) il problema non sussiste.
    • fiertel91 scrive:
      Re: il futuro
      - Scritto da: pietro
      Dimenticavo butteremo i decoder per dei modem
      ADSL.Modem con linea 7Mb/s, di cui solo mezzo effettivo?
  • suoranciata scrive:
    Apple TV
    Apple ci ha provato senza sucXXXXX, Google sta rischiando.
    • Trolley scrive:
      Re: Apple TV
      - Scritto da: suoranciata
      Apple ci ha provato senza sucXXXXX, Google sta
      rischiando.la 'DBOX2' ha sancito anni fa la morte dei mediacenter pc
    • ullala scrive:
      Re: Apple TV
      - Scritto da: suoranciata
      Apple ci ha provato senza sucXXXXX, Google sta
      rischiando.Apple non aveva mica you tube e lo share nell'Adverising cha ha google!Non ti pare?
  • angros scrive:
    L'idea mi piace
    Possiedo già un box digitale terrestre con possibilità di registrare e riprodurre su periferiche USB, e questo potrebbe essere la naturale evoluzione. È vero che già la Microsoft ci aveva provato con Media Center, e non aveva attaccato, ma questo sistema mi sembra migliore.
    • Trolley scrive:
      Re: L'idea mi piace
      - Scritto da: angros
      Possiedo già un box digitale terrestre con
      possibilità di registrare e riprodurre su
      periferiche USB...Microsoft
      ci aveva provato con Media Center...PC che fa da Media center=esperimento fallimentare (sopratutto se basato su win)...Invece di media center che fanno anche da pc ce ne sono un sacco, basta procurarsi un box linux based ed il gioco è fatto!Per chi chailgrano ci sono anche dei sat settopo box basati su x86...
  • hp suck scrive:
    per andare benissimo
    almeno per me .. cosi a caldo dopo aver letto la news, ho pensato al fatto che io guardo molti telefilm e cartoni sottotitolati in streaming su web, non mi interessa tanto la qualità, quanto la velocità/facilità nel trovarlida quale sito li guardo? i feed dei vari siti finiscono tutti su ..... google reader, con la possibiltà di commentarli, pin e condivisione su buzz e facebook! se google mi tira fuori qualcosa simile all'apple ... ma che sia veramente aperto per tutto quello che ci voglio fare io , per me andrebbe benone!
    • Davi scrive:
      Re: per andare benissimo

      se google mi tira fuori qualcosa simile all'apple
      ... ma che sia veramente aperto per tutto quello
      che ci voglio fare io , per me andrebbe
      benone!Aperto?In che senso?I prodotti google si usano praticamente solo con i servizi google.L'apertura esiste, ma è del tutto fittizia, sempre google di mezzo c'è.
      • Soldi & Co scrive:
        Re: per andare benissimo
        - Scritto da: Davi
        Aperto?
        In che senso?Nell'unica accezione chiara e condivisa, sempre se escludiamo il FUD di apple o di adobe di questi tempi.Aperto a livello di formati.Se poi l'azienda che ti offre il servizio, ti consiglia il suo software/Hardware è mercato... se ti obbliga non è più mercato...
  • Enrico scrive:
    droid concorrente di neexus one?!!!
    motorola droid concorrente di nexus one??...Piccola informazione per l'autore il dorid è tutto fuorché che concorrente visto che oltre ad essere sempre un terminale andorid è anche google experience quindi tutto curato e gestito direttamente da google, dalla progettazione alla manutenzione del codice.Infatti chi va ad acquistare il nexus one sul sito ma lo vuole su verizon è google stessa a proporli il droid intanto che esce il nexus one cdma.Autori informatevi, nessun teminale con android è concorrente di google a google gli interessa l'os non il terminale che lo monta.
    • hp suck scrive:
      Re: droid concorrente di neexus one?!!!
      capirai ... su tutti i siti di questo mondo è stato pubblicato fino all'ecXXXXX quel grafico in cui si dice che nei primi 70 giorni Motorola droid ha venduto un milione e qualcosa, iphone ha venduto un milione e qualcosaltro, il nexus one ha venduto centinaia di migliaiadevi capirli sti troll .. guardano solo i disegni e sparlanoa me lascia pensare che nessuno abbia notato che il droid ha venduto leggermente meglio di iphone, e nessuno se n'è uscito che motorola è l'anti iphone con i controcavoli!!!(forse per la tastiera fisica, effettivamente anch'io col mio bel 5800 non lo considero + di tanto
      • ullala scrive:
        Re: droid concorrente di neexus one?!!!
        - Scritto da: hp suck
        capirai ... su tutti i siti di questo mondo è
        stato pubblicato fino all'ecXXXXX quel grafico in
        cui si dice che nei primi 70 giorni Motorola
        droid ha venduto un milione e qualcosa, iphone ha
        venduto un milione e qualcosaltro, il nexus one
        ha venduto centinaia di
        migliaia
        devi capirli sti troll .. guardano solo i disegni
        e
        sparlano

        a me lascia pensare che nessuno abbia notato che
        il droid ha venduto leggermente meglio di iphone,
        e nessuno se n'è uscito che motorola è l'anti
        iphone con i
        controcavoli!!!
        (forse per la tastiera fisica, effettivamente
        anch'io col mio bel 5800 non lo considero + di
        tantoOltretutto nessuno si è chiesto come mai Apple ha attaccato HTC e non Motorola (o addirittura direttamente Google).Il motivo è banale!Si chiama FIFA (non quella del calcio).Motorola ha (sui cellulari) un portafoglio brevetti da paura e molto "antico e consolidato" e rompergli le scatole può essere pericolosissimo per le quasi certe "contromisure di strike back".Mentre google come avversario diretto rischia di essere un boccone troppo grosso e troppo amaro e anche lei con ampie possibilità di "strike back" sui servizi (iphone senza i servizi di google rischierebbe molto del suo appeal per gli utenti).Morale hanno provato con HTC sperando che, non essendo americana (spese legali in più) magari chiedesse un settlement e stabilisse un "precedente" con cui minacciare indirettamente gli altri 2!Pare che non gli sia andata bene, stante il comunicato di HTC!
    • ullala scrive:
      Re: droid concorrente di neexus one?!!!
      - Scritto da: Enrico
      motorola droid concorrente di nexus one??...
      Piccola informazione per l'autore il dorid è
      tutto fuorché che concorrente visto che oltre ad
      essere sempre un terminale andorid è anche google
      experience quindi tutto curato e gestito
      direttamente da google, dalla progettazione alla
      manutenzione del
      codice.
      Infatti chi va ad acquistare il nexus one sul
      sito ma lo vuole su verizon è google stessa a
      proporli il droid intanto che esce il nexus one
      cdma.
      Autori informatevi, nessun teminale con android è
      concorrente di google a google gli interessa l'os
      non il terminale che lo
      monta.Quotone!era ora che qualcuno se ne accorgesse!
  • frk scrive:
    Mercato affollato
    Beh, Apple è arivata in un mercato saturo come quello dei telefonini e ha sbaragliato tutti.Anche se a Google non è riuscita la stessa cosa con i telefoni può avere migliore fortuna con i set-top-box. Secondo me in questo tipo di mercato c'è molto da fare, soprattutto manca un dispositivo economico, "standard", con la possibilità di accedere ad una vasta libreria di video-contenuti free (YouTube) e magari la possibilità di scaricare giochi è applicazioni (Android).Le possibilità ci sono... e Google ha le potenzialità necessarie.
    • hp suck scrive:
      Re: Mercato affollato
      google sta sbaragliando il mercato dei cellulari!esattamente come ha "sbaragliato" la posta, l'advertising, le mappe, e altre tante cose che al momento non mi metto ad elencaretutti i servizi di google sono partiti male, gmail era in beta (la beta ..vera, i primi tempi) e tutti ne parlavano male .. ti ruba la posta, non puoi eliminare la posta, è solo su invito ... e gli inviti li vendono su ebay (era vero!), ma ora grazie a gmail tutte le caselle mail gratis sono di molti gigabytes .. prima erano in megale mappe? ma io c'ho il tomtom che è meglio è + bello e l'ho pagato e vado fiero di esporlo nella macchina ... e ora tutti i cellulari sono navigatori google code? ma c'è sourceforge che è megliopicasa ... meglio flickr eccetera eccetera, l'unica cosa che ancora non mi ha conquistato è chrome!
    • fiertel91 scrive:
      Re: Mercato affollato
      - Scritto da: frk
      Beh, Apple è arivata in un mercato saturo come
      quello dei telefonini e ha sbaragliato
      tutti.Dati Ruppolo®? http://www.canalys.com/pr/2010/r2010021.htmlRifatti gli occhi.Oppure solo voglia di flame?
      • frk scrive:
        Re: Mercato affollato
        Beh, mi pare che dal link che hai pubblicato (molto utile, grazie!) si evince proprio che una new entry (Apple) con un solo modello di telefono (iPhone) sta facendo il mazzo ad aziende (Nokia) con anni di esperienza e decine di modelli a catalogo.Che poi non abbia il 90% del mercato mi pare ovvio, anche perchè l'Iphone più economico costa 499 e non può competere con modelli di fascia bassa da 49.Per me quei numeri confermano che Apple stia "sbaragliando" il mercato dei telefonini.
        • fiertel91 scrive:
          Re: Mercato affollato
          - Scritto da: frk
          Beh, mi pare che dal link che hai pubblicato
          (molto utile, grazie!) si evince proprio che una
          new entry (Apple) con un solo modello di telefono
          (iPhone) sta facendo il mazzo ad aziende (Nokia)
          con anni di esperienza e decine di modelli a
          catalogo.Un solo modello di iPhone? Forse solo quello in vendita attualmente. C'è poi da aggiungere la grande campagna di marketing che ha condotto, rendendolo un prodotto commerciale a differenza di quelli di nicchia.Infine, il mercato smart phone (se trovi un dato lo confermerà) non penso sia così incisivo all'interno del mercato mobile.Comunque iPhone è stato un sucXXXXX, a suo modo. Ma arrivare a dire che ha sbaragliato tutta la concorrenza...
          Che poi non abbia il 90% del mercato mi pare
          ovvio, anche perchè l'Iphone più economico
          costa 499 e non può competere con modelli di
          fascia bassa da
          49.Se ben leggi l'intestazione del dato statistico, noterai che è riferito solo ai modelli smart phone. Quindi il prezzo di iPhone non è condizionato particolarmente dal prezzo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 marzo 2010 15.28-----------------------------------------------------------
          • frk scrive:
            Re: Mercato affollato

            Un solo modello di iPhone? Forse solo quello in
            vendita attualmente.Come "unico modello" intendo un unico form-factor.. in realtà non è che l auqantità di memoria cambi il telefono in se e le differenze tra 3Gs e 3G sono minime...Nokia ha modelli di tutte le forme e misure... con tastiera, touch, a clamshell... C'è poi da aggiungere la
            grande campagna di marketing che ha condotto,
            rendendolo un prodotto commerciale a differenza
            di quelli di nicchia.Nokia fa grandissime campagne di marketing da anni ed anni.. eppure in pochissimo tempo ha perso la leadership degli smartphone
            Infine, il mercato smart phone (se trovi un dato
            lo confermerà) non penso sia così incisivo
            all'interno del mercato
            mobile.Sicuramente però è quello più lucroso. Non so quanto Nokia guadagni da un telefono di fascia bassa, ma sicuramente è un tipo di mercato meno appetibile. Poi ogni azienda fa le proprie scelte aziendali. Si sa che ad Apple non interessa la fascia bassa (vedi anche PC e Notebook). Non contesto tale scelta anche se posso non condividerla
            Se ben leggi l'intestazione del dato statistico,
            noterai che è riferito solo ai modelli smart
            phone. Quindi il prezzo di iPhone non è
            condizionato particolarmente dal
            prezzo.In realtà mi riferivo ai dati più in basso, dove si evince che sul totale dei telefoni apple non è in cima alla classifica. Intendevo dire, è ovvio che apple non sia ai vertici come volumi in quanto punta alla qualità. Ma per una "new entry" aver raggiunto in così poco tempo tali risultati e con un unico tipo di apparecchio è incredibile. Dopotutto conosco tantissime persone a cui piacerebbe un iphone ma: "E' troppo grosso", "Non è a conhiglia", "non mi piace il touch"... "Costa troppo". etc.. Questo secondo me è sintomatico che se Apple (per assurdo) rilasciasse una ampia famiglia di prodotti iphone, per tutte le tasche e in tutte le forme, potrebbe incrementare in modo esponenziale il numero di iPhone in circolazione.Tengo a prcisare che quest'ultima affermazione è puramente teorica in quanto ci sono milioni di motivi per cui apple non farà mai una cosa del genere.
    • Davi scrive:
      Re: Mercato affollato

      Anche se a Google non è riuscita la stessa cosa
      con i telefoni può avere migliore fortuna con i
      set-top-box. Secondo me in questo tipo di mercato
      c'è molto da fare, soprattutto manca un
      dispositivo economico, "standard", con la
      possibilità di accedere ad una vasta libreria di
      video-contenuti free (YouTube) AppleTv
      • frk scrive:
        Re: Mercato affollato
        Apple TV al contrario di iPhone non mi pare stia avendo grande sucXXXXX (almeno in Italia), e non mi pare che sia aperta ai developer con qualcosa di simile ad AppStore. Magari con qualche correzione in tal senso potrebbe crescere notevolmente.
  • aio prazov scrive:
    rwy
    serewrsdg
  • Italiano scrive:
    Lingua
    marketplaceadvertisingversione customma 'mercato', 'pubblicità' e 'versione personalizzata' facevano così schifo?non dico di tradurre anche 'disco rigido', che non sarebbe male, ma almeno di scrivere in italiano...
    • fot tt scrive:
      Re: Lingua
      sai, i fichi scrivono in inglese (pero' neanche lo parlano)
    • iptv developer scrive:
      Re: Lingua
      sono i termini tecnici degli addetti hai lavori, l'inglese è un must su queste cose.PS sveglia! siamo nel 2010...
      • expat scrive:
        Re: Lingua
        anche io penso che bisognerebbe ridurre al minimo l'uso di anglicismi e termini stranieri se non quando proprio assolutamente necessario.Magari senza arrivare agli eccessi francesi, ma un po' di sana difesa della nostra lingua non farebbe male. E dico anche per quelli perennemente "inkaxxati" che scrivono xche', perke', ecc.
      • _Nic scrive:
        Re: Lingua
        Ragazzi... per piacere!"Gli addetti HAI lavori" non si può proprio leggere!
      • Italiano scrive:
        Re: Lingua
        - Scritto da: iptv developer
        sono i termini tecnici degli addetti [b]hai[/b] lavori,
        l'inglese è un must su queste
        cose.

        PS sveglia! siamo nel 2010...Anzitutto ti sei rivelato per quello che sei: un dilettante dell'italiano.In secondo luogo, quei termini che ho evidenziato non sono affatto "tecnici", come potrebbe esserlo - ad esempio - 'hard disk' (di cui, ad ogni modo, esiste una traduzione). Tutt'altro.
        • Fiamel scrive:
          Re: Re: Lingua

          Custom deriva da "customer"Non creedo: entrambi "Custom" (aggettivo) e "customer" (sostantivo) credo chec derivino da "Custom" (sostantivo = acquisto). Mi riservo di controllare sul mio dizionario etimologico d'inglese a casa.
          e ne "personalizzata"Personalizzata non é una buona traduzione secondo il Garzanti, ma sono diversi anni che sento usare quel termine in ambito informatico con un significato non piú limitato a "specifica per la persona", ma cambiato in "specifica per uno scopo". Comunque, visto che non é nel dizionario, accetto la correzione.
          ne "dedicata" ne sono traduzione "veritiera"Guardati un po' il significato di "Dedicato" sul Garzanti Online e poi dimmi se il significato inteso non é lo stesso: http://www.garzantilinguistica.it/it/dizionario/it/lemma/b2a838601729f161c3ab9030fd0814b1c9dff5d0 . É usato per "computer", ma solo come esempio. Immagino che sia un anglicismo, ma ormai accettato.
          sopratutto se usata in quel
          contesto!
          Advertising (to advertise) è un verboNo, é un sostantivo. http://dictionary.cambridge.org/define.asp?key=1233&dict=CALD&topic=advertising-marketing-and-merchandising
          pubblicità
          è un sostantivo.... vedi
          te!...vedi te.... e soprattutto in quel contesto! Come fai in quel contesto a intenderlo come un verbo? Intendi un verbo sostantivato (quindi, funzionalmente in quella frase é un sostantivo)? Beh, é comunque un sostantivo, in quel caso. In inglese, infatti, il corrispettivo del "verbo sostantivato" é l'uso storico del gerundio come sostantivo (come in italiano é l'infinito), che peró in inglese é classificato tecnicamente come sostantivo.
          Maketplace è una parola composta e per quanto
          (nel contesto) "negozio virtuale" possa apparire
          una traduzione "veritiera" (più che altro
          verosimile) è molto distante dalla traduzione
          letterale!Certo! É non deve essere una traduzione letterale. Una buona traduzione riporta lo stesso senso , lo stesso significato , non la traduzione letterale "posto di mercato". In quella frase, infatti, a mio avviso "marketplace" non sta per "ovunque venga venduta la merce", ma proprio per un singolo "negozio virtuale", Google Apps Marketplace (http://www.google.com/enterprise/marketplace/home) od un suo eventuale equivalente.

          Evitare di dare per scontate (con troppa
          faciloneria) le traduzioni semplicistiche è una
          "difesa della lingua" migliore della inutile
          pedanteria e della italianizzazione "forzata"
          introdotta nel ventennio
          fascista!Non voglio forzare la lingua e non sono fascista (sono forse pedante? Non mi sembra, ma é un'opinione).Accetto ben volentieri tutti i termini stranieri se almeno una delle seguenti affermazioni é vera:1) Non c'é nessun termine italiano con lo stesso ESATTO significato.2) Amplia la semantica del termine italiano piú vicino al suo significato.3) Limita la semantica del termine italiano piú vicino al suo significato, almeno nell'unica accezione usata dagli italiani, che spesso non corrisponde al significato originale.4) É significativamente piú breve e risulta pronunciabile facilmente in italiano (incluso il fatto che si possa "leggere come si scrive in italiano"). Storco un po' il naso, per questa, ma l'accetto. Questione di gusto.
      • LaNberto scrive:
        Re: Lingua
        - Scritto da: iptv developer
        sono i termini tecnici degli addetti hai lavori,
        l'inglese è un must su queste
        cose.

        PS sveglia! siamo nel 2010...vero, e ancora non sai usare l'acca. Altro che inglese...
      • Lord Kap scrive:
        Re: Lingua
        - Scritto da: iptv developer
        sono i termini tecnici degli addetti hai lavori,
        l'inglese è un must su queste cose.L'italiano no, pare...-- Saluti, Kap
    • NomeCognome scrive:
      Re: Lingua
      Inanzitutto marketplace [1] anche in Italiano è proprio un concetto diverso da "mercato", quindi o ricorri ad una locuzione alternativa per esprimere lo stesso concetto, o usi la parola inglese. Il problema che te qui fascistamente banalizzi in una forzatura dell'uso delle parole italiane (perchè poi? A priori?) oltre che ghettizzarci ancora di più a livello europeo e mondiale, si pone fortemente nella vita reale: "did you google it?" vorrei vedere come me lo tradurresti. IMHO, of course.1. http://it.wikipedia.org/wiki/Marketplace
      • LaNberto scrive:
        Re: Lingua
        - Scritto da: NomeCognome

        "did you google it?" v«L'hai cercato su Google?»
        • NomeCognome scrive:
          Re: Lingua
          Bravo. Adesso fai l'analisi logica (!) di entrambe le frasi. In inglese usi come verbo "to google", in Italiano "cercare", non proprio la stessa cosa (*). Come "marketplace" e "mercato". Il problema reale nasce quando devi travalicare il contenente per riferirti precisamente al contenuto di una parola. Per esempio in ambito lavorativo, o in una tesi di laurea, o in un documento da ricercatore. Anche ottimi articoli dovrebbero avere IMHO lo stesso approccio, ma non è più il caso di PI da mesi, ma questa è un'altra storia.* In Italiano inoltre "Google" non è più un verbo.
          • LaNberto scrive:
            Re: Lingua
            no, semplicemente l'italiano raramente conia verbi da sostantivi stranieri. Si usano perifrasi.
      • Paracelso scrive:
        Re: Lingua
        - Scritto da: NomeCognome

        "did you google it?" vorrei vedere come me lo
        tradurresti. Gugolare no? Almeno io dico sempre così ;-)
        • pietro scrive:
          Re: Lingua
          avevo un compagno di scuola che si chiama Gugole di cognome, non ne sarebbe affatto contento
          • Paracelso scrive:
            Re: Lingua
            La modernità miete sempre delle vittime, che possiamo farci?- Scritto da: pietro
            avevo un compagno di scuola che si chiama Gugole
            di cognome, non ne sarebbe affatto
            contento
Chiudi i commenti