Pioggia di fuoco sull'antivirus totale

I produttori di software di sicurezza e altri esperti negano che la trovata del DERA, annunciata nei giorni scorsi, possa davvero portare alla fine dei virus che si autoriproducono via email. Il DERA reagisce: tacciano le aziende antivirus


Londra – No, non convince la “trovata” del DERA, l’agenzia di ricerca collegata al ministero della Difesa britannico che nei giorni scorsi ha annunciato “l’antivirus totale”, un sistema che, secondo il DERA, impedirebbe l’autoreplicazione veloce dei virus nelle reti di aziende e enti pubblici.

A parlare, contro il software::Mail, sono alcuni esperti, tra cui quelli di due importanti aziende produttrici di sistemi di sicurezza, Symantec e MessageLabs.

Eric Chien, capo ricercatore dei SARC, i labs antivirus di Symantec, ha affermato che::Mail potrebbe impedire la diffusione di alcuni virus in alcuni enti ma ha sottolineato come “l’approccio” antivirus non sia nuovo. Secondo Chen, se si mette l’utente nelle condizioni di decidere se sia o meno sicuro inviare un messaggio significa aumentare le richieste di assistenza tecnica in moltissimi ambienti di lavoro: “La tecnologia di DERA sembra un normalissimo software di blocco dal modo di fare drastico e non credo che l’utente medio lo adotterebbe”.

Secondo gli esperti di MessageLabs,::Mail potrebbe impedire la diffusione di alcuni virus ma altri, come W32.Magistr, contenenti un mail server interno e auto-sufficiente, non sarebbero minimamente colpiti dal sistema di blocco.

Il DERA ha replicato alle critiche sostenendo che le case antivirus sono le prime a non poter parlare in quanto i loro prodotti hanno fallito contro epidemie clamorose, come quelle di LoveLetter.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    io lo farei...
    ma sinceramente ho paura che un conto on line sia troppo poco sicuro e che mi fottano tutti i soldi. se qualcuno e' ben informato mi risponde?
    • Anonimo scrive:
      Re: io lo farei...
      Per il sottopscritto sono una alternativa alle file agli sportelli. Ho attivato 2 internet banking con due diverse banche, e la loro crittazione del livello di sicurezza non mi ha dato finora nessun problema di violazione, cioè non mi sono ritrovato con operazioni a debito non effettuate dal sottoscritto, in complesso sono soddisfatto, ti consiglio di valutare i costi della gestione del prodotto, e se è compresa nelle spese di tenuta conto a mio avviso è interessante approfittare del servizio, molto utile in certi particolari casi.- Scritto da: liza
      ma sinceramente ho paura che un conto on
      line sia troppo poco sicuro e che mi fottano
      tutti i soldi. se qualcuno e' ben informato
      mi risponde?
Chiudi i commenti