Polo Strategico Nazionale: attiva l'infrastruttura cloud

Polo Strategico Nazionale: attiva l'infrastruttura cloud

È stato attivato il Polo Strategico Nazionale, ovvero l'infrastruttura cloud che ospiterà dati e servizi di oltre 280 amministrazioni pubbliche.
È stato attivato il Polo Strategico Nazionale, ovvero l'infrastruttura cloud che ospiterà dati e servizi di oltre 280 amministrazioni pubbliche.

Il Dipartimento per la trasformazione digitale ha comunicato l’attivazione del Polo Strategico Nazionale (PSN), ovvero l’infrastruttura cloud che ospiterà dati e servizi delle pubbliche amministrazioni italiane. Questo era uno degli obiettivi della Missione 1, Componente 1, Investimento 1.1 del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza). A partire dal 2023 inizierà la fase successiva che prevede la migrazione di dati e servizi sul cloud.

Polo Strategico Nazionale: quattro data center

La creazione del Polo Strategico Nazionale è prevista dalla Strategia Cloud Italia. Il Dipartimento per la trasformazione digitale aveva scelto a fine dicembre 2021 il progetto sviluppato da un associazione temporanea di imprese (ATI) guidata da TIM Enterprise Market e costituita anche da CDP Equity, Leonardo e Sogei. Il corrispondente bando di gara era stato pubblicato a fine gennaio 2022.

Tra le offerte ricevute è stata scelta quella di Aruba e Fastweb con un ribasso del 39,19% rispetto alla base d’asta (4.4 miliardi di euro). Il contratto per l’avvio dei lavori era stato firmato a fine agosto 2022. La convenzione per l’uso dell’infrastruttura, stipulata con la società Polo Strategico Nazionale S.p.A. (TIM, Leonardo, CDP e Sogei), ha una durata di 13 anni.

Ieri è stato attivato ufficialmente il Polo Strategico Nazionale composto da quattro data center che si trovano nel Lazio (Acilia e Pomezia) e in Lombardia (Rozzano e Santo Stefano Ticino). Le pubbliche amministrazioni che hanno completato la classificazione di dati e servizi potranno iniziare la migrazione sul cloud a partire dal 2023. Sul sito del Dipartimento per la trasformazione digitale e sulla piattaforma PA digitale 2026 verranno pubblicati gli avvisi per la richiesta dei finanziamenti (oltre 900 milioni di euro).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 22 dic 2022
Link copiato negli appunti