Prima visione in IPTV

Ci gioca un'emittente francese: sulla sua piattaforma gli episodi di una serie Tv di successo sono disponibili poche ore dopo la trasmissione, sottotitolati e blindati da DRM. E la cosa sembra piacere ai consumatori

Parigi – Fa appello all’impaziente affezione dei fan e ad una fascia sociodemografica spesso disamorata della tv ma avvezza a smanettare sulle piattaforme di file sharing: l’emittente francese TF1 sembra aver dimostrato la profittevole efficacia del modello video on demand per le anteprime delle serie tv.

TF1 si era aggiudicata da NBC i diritti per la serie di successo Heroes e ne aveva trasmesso la prima serie nel corso dell’estate. In realtà, una seconda visione per molti dei netizen francesi: approfittando delle piattaforme di file sharing avevano già potuto apprezzare il prodotto, rippato e rilanciato online a mezzo P2P dagli spettatori americani. Un’anticipazione che, chiosa un attore della serie, ha tuttavia contribuito ad alimentare l’attesa per il passaggio televisivo preparando il clima per il debutto ufficiale di Heroes .

Terminata la messa in onda della prima serie, i fan iniziarono a mostrare i primi segni di astinenza: è così che TF1 ha rilanciato la prima serie online, sulla piattaforma TF1 Vision , consentendo agli spettatori francesi di rinfrescare la memoria, di ripassare gli snodi fondamentali dell’intreccio della serie. Una soluzione che non ha saputo catturare l’attenzione di un milione e cinquecentomila appassionati francesi, che aveva approfittato delle reti peer to peer per scaricare ogni episodio.

Quale valore aggiunto proporre allora ai fan? Conscia della globalità del p2p, conscia del comportamento degli spettatori, capaci di scaricare avidamente contenuti in una lingua diversa dalla propria pur di non restare a digiuno della propria serie preferita, TF1 ha proposto a NBC di trasmettere attraverso il suo servizio di IPTV la seconda serie di Heroes , in netto anticipo sulla programmazione televisiva francese e solo poche ore dopo la trasmissione negli Stati Uniti . Permesso accordato: dal 25 settembre gli episodi della serie hanno iniziato a fare la loro comparsa su TF1 Vision, mentre NBC, che ha fiutato l’affare, medita di ampliare la sua offerta IPTV , integrando questo modello di business.

Il servizio dell'emittente francese

2,99 Euro per accedere allo streaming o ad un download che vale trenta giorni, e scade dopo 48 ore dall’inizio della visione: queste le caratteristiche di un servizio che si propone facile e più accessibile rispetto al p2p, che offre una versione sottotitolata per chi non conosce l’inglese, che offre agli spettatori una garanzia di qualità. Un’ alternativa al peer to peer legale, tempestiva, facile e di valore: così interpretano il servizio ai vertici di TF1, un’opinione condivisa con un’ emittente finlandese , che ha recentemente adottato la stessa strategia di anteprime su IPTV. Una prospettiva confermata dall’enorme successo ottenuto nei primi tre giorni dall’avvio del servizio: cinquantamila , riporta French-Law.net , gli utenti nei soli primi tre giorni dall’avvio, molti dei quali si ritiene strappati al download illegale.

C’è però chi con rapidi calcoli prevede un futuro a breve termine per il servizio: ipotizzando 24 puntate dello show, il costo totale della serie via IPTV si aggirerebbe intorno ai 72 Euro, quanto necessario per acquistare due volte l’intera serie in DVD. È vero che quanto trasmesso da TF1 Vision costituisce un’anteprima, ma è altresì vero che non c’è doppiaggio , le traduzioni dei sottotitoli sono approssimative e, soprattutto, gli episodi proposti dall’emittente IPTV sono effimeri , si volatilizzano dopo poche ore. Non è facile immaginare che i fan approfittino dell’anteprima di TF1 Vision, in trepidante attesa dell’uscita del DVD, senza cedere alla tentazione di scaricarsi i file senza alcuna blindatura condivisi sulle reti del p2p?

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Joliet Jake scrive:
    finlandia - Robert's Coffee
    Qui in Finlandia, la catena Robert's Coffee (www.robertscoffee.com) offre già da un pò di tempo il Wi-Fi gratuito in tutti i negozi e la banda è parecchio ampia, dato che ho visto anche 20 persone che contemporaneamente navigavano e video-chattavano.J.J.
  • sylvaticus scrive:
    Falso: è l'opposto (esp personale)
    Non è vero.. è da anni che i McDonald di Nottingham lo fanno.. però ora che tutti c'hanno l'ADSL a casa o il cellulare con accesso ad internet non ci andava + nessuno e li hanno praticamente chiusi tutti (il tizio se glielo chiedi ti guarda un po strano, chiede spiegazioni al direttore, e finisce a dirti che non sono funzionanti)...
  • lali puna scrive:
    Ma starbucks aveva cambiato idea
    Non ho sottomano un link alla notizia originale, però ricordo che tempo fa (qualche mese, forse un anno) la catena di caffé in bicchierone, Starbucks, aveva deciso di togliere le connessioni wifi dai suoi locali.Il motivo era che molti clienti, dopo aver preso una confumazione, passavano ore ed ore a navigare a scrocco, occupando di fatto i tavoli per l'intero pomeriggio.
  • medioevo scrive:
    Nel mentre in Italia non si può...
    Grazie ex ministro Pisanu per il tuo decreto oscurantista.
  • Ciccio Pasticcio scrive:
    Al parcheggio
    Ma se uno parcheggia di fianco al Mac in macchina, può navigare lo stesso senza comprare niente :)
    • nec scrive:
      Re: Al parcheggio
      - Scritto da: Ciccio Pasticcio
      Ma se uno parcheggia di fianco al Mac in
      macchina, può navigare lo stesso senza comprare
      niente
      :)immagino che per evitare che ci vadano scrocconiinsieme al menu ti daranno un codice di accesso univococmq.. da Mac Donald nmennoe il wifi prendereiun vegetariano..
      • MuKKa ErKoLiNa scrive:
        Re: Al parcheggio
        - Scritto da: nec
        - Scritto da: Ciccio Pasticcio

        Ma se uno parcheggia di fianco al Mac in

        macchina, può navigare lo stesso senza comprare

        niente

        :)

        immagino che per evitare che ci vadano scrocconi
        insieme al menu ti daranno un codice di accesso
        univoco

        cmq.. da Mac Donald nmennoe il wifi prenderei

        un vegetariano..eggià perché per far funzionare gli accesspoint ci mettono dei criceti con una dinamo collegata alla ruota.
  • picchiatello scrive:
    WoW, fritto grassi sugelati e wifi
    Io direi fritto, grassi, surgelati e forse wifi, tenendo presente che grazie agli odori presenti ( almeno nei miei ricordi) nei fast food come minimo se ci vai a lavorare con un laptop ti si liquificano i circuiti ( per non parlare del vestito), poni poi che la coca ti si rovesci sulla tastiera che il bimbo vicino ti macchi il lavoro della salsa indelebile e che il tempo massimo e' di 10 minuti non vedo come questa "pubblicità" possa fare a caso dell'utente italiano.
    • Succede scrive:
      Re: WoW, fritto grassi sugelati e wifi
      - Scritto da: picchiatello
      Io direi fritto, grassi, surgelati e forse wifi,
      tenendo presente che grazie agli odori presenti (
      almeno nei miei ricordi) nei fast food come
      minimo se ci vai a lavorare con un laptop ti si
      liquificano i circuiti ( per non parlare del
      vestito), poni poi che la coca ti si rovesci
      sulla tastiera che il bimbo vicino ti macchi il
      lavoro della salsa indelebile e che il tempo
      massimo e' di 10 minuti non vedo come questa
      "pubblicità" possa fare a caso dell'utente
      italiano.Direi piuttosto che non vedo come l'alta tecnologia possa fare a caso dell'utente italiano, dato che serve la carta di identita' negli internet cafe'. La tecnologia agli italiani e' interdetta dall'alto.Quindi nessun rischio di rovesciare la coca sulla tastiera.Il portatile lo lasci a casa, perche' Pisanu ha deciso cosi' per tutti.
    • Ale scrive:
      Re: WoW, fritto grassi sugelati e wifi
      D'accordo su tutto tranne "surgelati"... hai qualcosa contro i surgelati ? :-)Quasi sempre sono molto piu' sani ed igenici di parecchio cibo "fresco"...
      • picchiatello scrive:
        Re: WoW, fritto grassi sugelati e wifi
        - Scritto da: Ale
        D'accordo su tutto tranne "surgelati"... hai
        qualcosa contro i surgelati ?
        :-)
        Quasi sempre sono molto piu' sani ed igenici di
        parecchio cibo
        "fresco"...Concordo con te per il surgelato "domestico", su quello dei fast food un po' meno visto anche come vengono cucinati, mi riferivo alla pubblicita' mcdonnaldese che fa vedere prodotti "freschi" quando non lo sono....
        • mirkojax scrive:
          Re: WoW, fritto grassi sugelati e wifi
          al mcdonald c'e' anche il sunday e l'insalata
          • picchiatello scrive:
            Re: WoW, fritto grassi sugelati e wifi
            - Scritto da: mirkojax
            al mcdonald c'e' anche il sunday e l'insalatami pare che l'insalata non venga fatta in loco (preparazione) ma gia' arriva preparata inscatolata in pet...mi pare
          • Maz scrive:
            Re: WoW, fritto grassi sugelati e wifi
            A quanto pare, secondo la BBC (provero a provare l'aricolo) l'insalata con tutti i condimenti ha piu grassi e calorie di un big mac!!Ciao
Chiudi i commenti