Il progetto PrimeOS porta Android su PC e laptop

PrimeOS porta Android e le sue app su hardware con architettura x86: la beta è disponibile in download gratuito e installabile su qualsiasi PC.

Ormai da diverso tempo i membri del progetto Android-x86 sono al lavoro per rendere il codice del sistema operativo Android eseguibile dai computer e dai dispositivi basati su architettura x86. Un’iniziativa dalla quale nel 2016 è nato Remix OS, piattaforma promettente, ma abbandonata l’anno successivo. Oggi tocca a PrimeOS, altro sistema operativo che con i due già citati condivide la medesima natura, essendo destinato ai PC e ai laptop.

PrimeOS e Primebook

La versione 0.2.1 beta, basata su Android 7.1.2 Nougat, è stata pubblicata sulle pagine della community XDA-Developers, sotto forma di ISO da caricare su una pendrive USB, da masterizzare su un supporto ottico oppure da installare su hard disk e memorie (SSD o SD), con tanto di istruzioni passo passo da seguire per chi desidera metterlo alla prova sul proprio computer. È presente anche a bordo di Primebook, un portatile destinato prevalentemente all’ambito educativo, al gaming e alla riproduzione dei contenuti multimediali, ma che stando all’azienda indiana che l’ha immesso sul mercato (Floydwiz Technologies) può tornare utile anche per la produttività.

Tra le caratteristiche di PrimeOS si citano una barra delle applicazioni, la visualizzazione dei software eseguiti in multitasking all’interno di finestre ridimensionabili e gestibili liberamente sullo schermo, il supporto a scorciatoie da tastiera ben note agli utenti Windows (come Alt+Tab, Alt+F4 o Win+D) e un sistema di mappatura dei tasti necessario per interagire senza frizioni con le applicazioni sviluppate per Android.

PrimeOS

Garantito il pieno supporto a giochi come PUBG e Subway Surfers che tanto successo hanno riscontrato nel territorio mobile. A coloro che sono intenzionati a provarlo va comunque ricordato che la release di PrimeOS distribuita è ancora una beta e che gli stessi autori ammettono come a seconda dell’hardware utilizzato potrebbero verificarsi problemi con la connettività WiFi, con il comparto sonoro e con il supporto ai trackpad.

PrimeOS

In ogni caso, il sistema operativo sembra poter essere in grado di riportare in vita computer con specifiche ormai non più sufficienti per gestire con disinvoltura le piattaforme più recenti. C’è la possibilità di scaricare le applicazioni direttamente da Play Store e di eseguirle all’interno di un ambiente dalle caratteristiche tipicamente desktop, il che lo rende utile almeno per la navigazione, la gestione della posta elettronica, lo streaming video e l’editing dei testi. Si precisa infine che al momento PrimeOS viene offerto in modo del tutto gratuito, ma non è da escludere l’ipotesi che in futuro possa trasformarsi in un prodotto commerciale.

Fonte: XDA-Developers

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti