Primo comandamento Facebook, tracciare sempre

Il social network in blu seguirebbe la navigazione degli utenti anche dopo il log-off. Facebook risponde, conferma il tracciamento ma dice di farlo per il bene dei suoi "amici"

Roma – Stando al lavoro di analisi svolto da Nik Cubrilovic , Facebook terrebbe traccia dell’attività online dei suoi utenti anche dopo che questi hanno fatto il log-off dal social network. I cookie di Facebook continuano a scambiare informazioni coi server, rivela l'”imprenditore, hacker e scrittore”, attraverso l’integrazione con una quantità innumerevole di blog e siti web che si appoggiano al social network per coinvolgere attivamente i propri visitatori.

Facebook è dunque sempre al centro del dibattito su privacy e navigazione in Rete, e a quanto pare Cubrilovic aveva provato a contattare la società statunitense diverse volte – senza ricevere risposta – prima di rendere pubblici i risultati delle sue ricerche.

Il fatto che Facebook sia in grado di conoscere i “percorsi” online degli utenti è naturalmente benzina sul fuoco delle polemiche circa le politiche di gestione dei dati sensibili/personali archiviati sul social network, e qualcuno ha ovviamente approfittato della cosa per sviluppare l’ immancabile estensione per browser in grado di disabilitare completamente il tracciamento di Facebook tramite i cookie “offline” presenti nella cache.

Dopo la pubblicazione dell’analisi di Cubrilovic e la relativa coda polemica che ne è seguita, Facebook non ha potuto far altro che rispondere in via “ufficiale” alle accuse di tracciamento ubiquo dell’utente per tutto il Web: la società ammette di ricevere informazioni dai cookie offline, ma assicura ( paternalisticamente ) di farlo per il bene degli utenti impedendo il signup dei minori con un’età differente, per identificare spammer e phisher e quant’altro.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Perla scrive:
    uhm
    non mi piace il moralismo italiano che a volte tocca anche i migliori... nulla è irriferibile nel giornalismo, si scriva che vuol dire "Santorum: The frothy mix of lube and fecal matter that is sometimes the byproduct of anal sex.", PI non è letto da bambini :)
  • non ho capito scrive:
    non ho capito bene
    ma questo e' il solito repubblicano che si scandalizza nel sapere che migliaia di soldati si inculano tra di loro e li vorrebbe cacciare dall'esercito?
  • Eugenio Odorifero scrive:
    magra consolazione...
    Non accade solo in Italia.
  • tizio scrive:
    down
    spreadingsantorum.com è down.
    • Drummer scrive:
      Re: down
      Ma il sito spreadingsantorum è ancora il primo risultato di una ricerca con il nome del senatore."The frothy mix of lube and fecal matter that is sometimes the byproduct of anal sex."Mammamia... è disgustoso anche per uno come me, capace di passare ore su YouPorn, mi immagino per i repubblicani benpensanti.
Chiudi i commenti