Privacy, Cappato scrive a Gasparri

Chiede un maggiore impegno contro la sorveglianza di massa su cellulari e internet


Bruxelles – Oggi su L’Opinione è pubblicata una lettera a aperta dell’europarlamentare della Lista Bonino Marco Cappato rivolta al ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri. Una lettera nella quale Cappato chiede un impegno deciso contro i rischi alla privacy rappresentati dalla sorveglianza di massa di telefonini ed internet nell’Unione Europea.

“Il Consiglio dei Ministri delle telecomunicazioni dell’Unione europea – scrive Cappato – si riunirà domani a Bruxelles per esaminare la Direttiva sulla protezione dei dati personali nelle comunicazioni elettroniche” e potrebbe decidere che “sia data carta bianca agli Stati nazionali per la conservazione obbligatoria da parte dei fornitori di accesso a Internet e degli operatori telefonici di tutti i dati personali relativi al traffico telefonico (escluso il contenuto delle conversazioni) e alla navigazione in Rete”.

“Il Parlamento europeo – ricorda Cappato – aveva invece approvato all’unanimità, il 13 Novembre scorso, un emendamento che, richiamandosi alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, vietava ogni forma di sorveglianza generalizzata e di massa, e prevedeva che le eccezioni al rispetto della privacy fossero autorizzate soltanto caso per caso, in maniera appropriata, proporzionata e limitata nel tempo.”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti