Privacy, lenti australiane su Google Glass

Le autorità locali temono che gli occhiali intelligenti di Mountain View possano portare a pericolosi abusi, come la registrazione non autorizzata dei volti

Roma – Mentre i primi occhiali intelligenti stanno per essere consegnati alla modica cifra di 1500 dollari, l’ambizioso progetto Glass è finito nel mirino delle autorità australiane per alcune spinose questioni legate alla privacy degli utenti agli antipodi. In una intervista rilasciata al quotidiano locale The Australian Financial Review , il garante federale Timothy Pilgrim ha espresso più di un dubbio sul nuovo gingillo high-tech di Google.

È per questo che lo stesso supervisore australiano ha convocato i responsabili della Grande G per un chiarimento sul potenziale impatto che le lenti per la realtà aumentata avrebbero sul diritto alla riservatezza di milioni di cittadini locali . Nella visione offerta da Pilgrim, la tecnologia indossabile di Mountain View potrebbe arrecare indubbi benefici, così come sollevare problematiche urgenti legate alla privacy.

Dalla tecnologia di riconoscimento facciale alle stesse potenzialità della realtà aumentata, gli occhialetti californiani potrebbero favorire le modalità più disparate di utilizzo personale, facendo lievitare le possibilità di abuso nella vita di tutti i giorni.

Le autorità australiane temono infatti che i Google Glass possano incoraggiare alla libera registrazione dei volti senza un esplicito consenso da parte degli ignari interessati . ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aniello Caputo scrive:
    ma che me ne frega a me di tuitter
    ma che me ne frega a me di tuitter
    • Nome e Cognome scrive:
      Re: ma che me ne frega a me di tuitter
      Ecco la classica risposta italiota che fa trasparire la superficialità con cui vengono affrontati dagli utenti questo tipo di problemi!Andiamo bene...
      • Skywalkersenior scrive:
        Re: ma che me ne frega a me di tuitter
        - Scritto da: Nome e Cognome
        Ecco la classica risposta italiota che fa
        trasparire la superficialità con cui vengono
        affrontati dagli utenti questo tipo di
        problemi!

        Andiamo bene...Non farci caso. E' un trollettino piccolo ed innocuo, che sperpera il suo tempo postando lo stesso commento a tutti gli articoli, tutti i giorni.
Chiudi i commenti