Quasi l'80% di attacchi malware sfruttano le falle di Microsoft Office

Quasi l'80% di attacchi malware sfruttano le falle di Microsoft Office

Perché Microsoft Office è così preso di mira dai malware e come evitare di avere problemi di questo sito sul proprio computer.
Perché Microsoft Office è così preso di mira dai malware e come evitare di avere problemi di questo sito sul proprio computer.

Microsoft Office resta saldamente in testa alla classifica dei software più colpiti da malware. I motivi di questo poco piacevole primato sono diversi e non imputabili ai seppur ottimi sviluppatori del colosso di Mountain View.

In questo senso, i ritardi degli aggiornamenti effettuati da parte degli utenti sono la principale causa degli attacchi. L’enorme diffusione della suite poi, rende la stessa un canale privilegiato per gli hacker che vogliono colpire il massimo numero possibile di vittime.

I dati in questione sono fonte di una ricerca di AtlasVPN e mostrano come, nel primo trimestre del 2022, il 78,5% del malware ha preso di mira le vulnerabilità di Microsoft Office.

Secondo gli esperti, gli exploit che prendono di mira i browser stanno diventando sempre più rari. Il motivo di questo trend è riconducibile agli aggiornamenti automatici (non disponibili su Office).

I malware sono un pericolo costante: ecco come proteggersi da questa minaccia

Tra le vulnerabilità principali utilizzate, figurano CVE-2018-0802, CVE-2017-8570 e CVE-2017-11882. In tutti e tre i casi, si tratta di pericoli consistenti per la sicurezza degli utenti. Lato tipologia di exploit, i principali lavorano nell’ambito di Android, Adobe Flash, Java e file PDF.

Dunque, le chiavi per mantenere al sicuro i propri dispositivi elettronici sono, prima di tutto gli aggiornamenti tempestivi, in grado di evitare la maggior parte di falle software. In seconda battuta, è bene essere sempre prudenti quando si scaricano e, ancora peggio, eseguono file da fonti poco conosciute.

L’adozione di un antivirus efficace, in abbinamento a una VPN di alta qualità, possono costituire un’ulteriore certezza. In questo contesto, la già citata AtlasVPN rappresenta senza ombra di dubbio un’ottima opzione.

Stiamo parlando di un servizio ideale per lo streaming e il download di file voluminosi, ma anche apprezzabile per quanto concerne la sicurezza. Grazie alla recente promozione poi, è possibile ottenere tutta la protezione di AtlasVPN con l’abbonamento biennale (più 2 mesi gratis in omaggio) pagando solo 1,67 euro al mese.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 21 lug 2022
Link copiato negli appunti