Quei 10 (tremendi) spot tecnologici

Una scelta arbitraria ma di grande impatto: strategie di comunicazione archiviate da anni, un come eravamo della tecnologia. Le réclame dell'hi-tech degli scorsi decenni con in più lo spot che invita a non piratare i floppy

Roma – Imperversano le iniziative di viral marketing , di pubblicità homemade e altri marketing mix crossmediali : e proprio ora cnet ripropone invece un florilegio dei messaggi pubblicitari più discutibili, ed oggi più divertenti, degli ultimi decenni. Spot accumunati dal fatto di essere stati utilizzati per promuovere o parlare di tecnologia.

Aerobica e body di lycra fluo sono gli indiscussi protagonsti dello spot British Telecom, che in un periodo imprecisato degli anni ottanta proponeva un telefono così sottile e appealing da indurre giovani signorine imbellettate ad aggrovigliarsi con il suo cavo. Vantava persino il tasto per il recall.

Per la categoria “cavalli di battaglia”, ecco il siparietto che accoglie in sala gli spettatori: identico a quello riproposto in Italia, oggetto di innumerevoli parodie , è un chiaro esempio di come l’industria dei contenuti fallisca nella comunicazione persuasiva del mercato. Gli autori della selezione non usano mezzi termini: “irritante”.

Ma i criminali della pirateria non si blandivano nemmeno negli scorsi decenni: target della ramanzina, i giovani gamer. Inserito un floppy per trafugare il giochino del momento, ci si doveva aspettare che un rapper assoldato dall’industria comparisse sullo schermo per mitragliare un predicozzo in rima: don’t copy that floppy , non copiare quel floppy . Un lungo ma imperdibile spot.

Ma negli anni ottanta era uno strumento pubblicitario abusato quello del rap. Lo ripropone persino Microsoft in un esilarante video promozionale che invita al primo aggiornamento gli utenti di MS DOS: con l’aiuto di tre coriste e di una lavagna animata, quello che dovrebbe essere un noioso amministratore di sistema si rimpicciolisce, si proietta negli schermi dei discenti sempre più coinvolti per diffondere il verbo: MS DOS upgrade five, no pc should be without it .

È invece proiettata nel mondo parallelo in-game la famigliola protagonista della campagna Atari: a bordo di bolidi ora poco credibili, competono in una corsa fra chicane ed esplosioni sui circuiti di Pole Position: un realismo tale da far strillare la genitrice.

Riesumato anche un video promozionale proiettato alle conferenze Microsoft. Sono i prodromi della vivacità epifanica di Steve Ballmer, che fa il verso ai predicatori televisivi della religione del consumo: “quanto sborsereste per Windows 1.0? – si sgola Ballmer – Cinquecento dollari? Mille? Solo 99 dollari, incredibile ma vero!”

Di tutt’altra natura la strategia di comunicazione Apple. Si era tentata la via del testimonial belloccio e raffinato, un Kevin Costner giovane, sconosciuto e poco avvezzo all’uso del mouse. Una tattica che pare non abbia pagato quanto gli sfondi bianchi e il minimalismo spiritoso della campagna ” Switch to Apple “, riproposti nella più recente serie di pubblicità comparative , che vedono un Mac giovane e disinvolto intrattenersi con un maldestro PC.

Solo per gli appassionati del genere, lo spot ammiccante di Commodore 64. Tecnologie proposte all’epoca come il non plus ultra non sono che oggetti di culto, o ricordi polverosi quanto le strategie di comunicazione utilizzate.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Hans scrive:
    Mi pare una buona cosa...
    una volta tanto...
  • Hans scrive:
    Mi pare una buona cosa...
    una volta tanto...
  • non sia offensivo scrive:
    Alla camera sarebbe meglio
    che pensassero a come togliere la pressione fiscale alle fascie più deboli e investire in cose più urgenti, anzichè scialare soldi a destra e a manca solo per i loro comodi.Finiscono in queste cose i nostri soldi? Per rendere ancora più confortevole l'ufficio che occupano senza fare nulla?Bella roba.
  • Mulo dell'open source. scrive:
    Finalmente
    Finalmente il governo valorizza il nostro lavoro da soma.
  • Mulo dell'open source. scrive:
    Finalmente
    Finalmente il governo valorizza il nostro lavoro da soma.
  • Lemon scrive:
    Bella quelle della biometria!
    Cioè, perchè abbiamo paraculi che si fanno i cassi loro durante le votazioni (mentre uno statale da 1100 euro al mese non può fare due lavori!), devono mettere il controllo biometrico????? E chi lo paga? avvisatemi perchè per quelle cifra vengo io ogni giorno a verificare che il numero dei voti sia uguale al numero dei presenti e a chi prova a barare sarò lieto di sfoderare un calcio in culo con apposite scarpe rinforzate!E questo vale per centro sinistra e destra, guadagnatevi quella miseria di stipendio che avete porca miseria!
  • Lemon scrive:
    Bella quelle della biometria!
    Cioè, perchè abbiamo paraculi che si fanno i cassi loro durante le votazioni (mentre uno statale da 1100 euro al mese non può fare due lavori!), devono mettere il controllo biometrico????? E chi lo paga? avvisatemi perchè per quelle cifra vengo io ogni giorno a verificare che il numero dei voti sia uguale al numero dei presenti e a chi prova a barare sarò lieto di sfoderare un calcio in culo con apposite scarpe rinforzate!E questo vale per centro sinistra e destra, guadagnatevi quella miseria di stipendio che avete porca miseria!
    • Banana joe scrive:
      Re: Bella quelle della biometria!
      LOL hai ragione. Ai pianisti colti in flagranza dalle (profumatamente pagate, presumo) telecamere in aula, basta tagliare una mano. Problema risolto, altro che biometria. :)
      • john doe scrive:
        Re: Bella quelle della biometria!
        non è molto più semplice raddoppiare i pulsanti? ogni votante dovrà premere 2 pulsanti insieme e non più uno... non penso che i "pianisti" si toglieranno le scarpe per aiutare i colleghi...
        • Marcello scrive:
          Re: Bella quelle della biometria!
          Non ne sono così convinto... però sarebbe divertente vedere un numero del genere su Blob...:-)
        • Marcello scrive:
          Re: Bella quelle della biometria!
          Non ne sono così convinto... però sarebbe divertente vedere un numero del genere su Blob...:-)
      • john doe scrive:
        Re: Bella quelle della biometria!
        non è molto più semplice raddoppiare i pulsanti? ogni votante dovrà premere 2 pulsanti insieme e non più uno... non penso che i "pianisti" si toglieranno le scarpe per aiutare i colleghi...
    • Banana joe scrive:
      Re: Bella quelle della biometria!
      LOL hai ragione. Ai pianisti colti in flagranza dalle (profumatamente pagate, presumo) telecamere in aula, basta tagliare una mano. Problema risolto, altro che biometria. :)
    • billygatto scrive:
      Re: Bella quelle della biometria!
      Ma ci sarebbero altre strade più semplici. Esempio che all'ingresso venga registrata la presenza di ogni parlamentare (probabilmente lo faranno già) e quindi durante una votazione verranno automaticamente non conteggiati i voti di parlamentari non presenti.
      • ... scrive:
        Re: Bella quelle della biometria!
        Hai visto troppi film di fantascienza. Attualmente non esiste nessuna (almeno a lv civile) IA in grado di riconoscere perfettamente un volto in mezzo a decine se non centinaia di altri ed anche se esistesse costerebbe carissimo. Molto meglio la soluzione dei due pulsanti (al limite con un sistema di blocco dove date due mani A e B appartenenti alla stessa persona, all'inserimento di una, questa viene bloccata fisicamente finchè non viene inserita anche l'altra). Sarebbe divertente constatare le giustificazioni di chi si ritroverà con entrambe le mani bloccate, una per postazione
      • ... scrive:
        Re: Bella quelle della biometria!
        Hai visto troppi film di fantascienza. Attualmente non esiste nessuna (almeno a lv civile) IA in grado di riconoscere perfettamente un volto in mezzo a decine se non centinaia di altri ed anche se esistesse costerebbe carissimo. Molto meglio la soluzione dei due pulsanti (al limite con un sistema di blocco dove date due mani A e B appartenenti alla stessa persona, all'inserimento di una, questa viene bloccata fisicamente finchè non viene inserita anche l'altra). Sarebbe divertente constatare le giustificazioni di chi si ritroverà con entrambe le mani bloccate, una per postazione
    • billygatto scrive:
      Re: Bella quelle della biometria!
      Ma ci sarebbero altre strade più semplici. Esempio che all'ingresso venga registrata la presenza di ogni parlamentare (probabilmente lo faranno già) e quindi durante una votazione verranno automaticamente non conteggiati i voti di parlamentari non presenti.
  • Che scrive:
    un miliardo di euro
    ci sono costati l'anno scorso sti parassiti di politici.Non si può andare avanti così.
  • Che scrive:
    un miliardo di euro
    ci sono costati l'anno scorso sti parassiti di politici.Non si può andare avanti così.
    • non sia offensivo scrive:
      Re: un miliardo di euro
      - Scritto da: Che
      ci sono costati l'anno scorso sti parassiti di
      politici.
      Non si può andare avanti così.Sono d'accordo. Altrochè open-source, al massimo gli si può dare una macchina per scrivere. Per prendere la polvere in un ufficio è più che sufficiente.
  • dotnet scrive:
    A punto-informatico piace l'open source?
    A punto-informatico piace l'open source?Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno come fosse una religione)... oppure noFatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato chiesto parecchie volte.Non sarà che parlare di open source sia come mettere un gay in un film da due soldi(aumenta l'audience)?Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e applicativi per uso intranet, internet ed extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo quello che ci spetta.Attendiamo riscontro ;)
  • dotnet scrive:
    A punto-informatico piace l'open source?
    A punto-informatico piace l'open source?Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno come fosse una religione)... oppure noFatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato chiesto parecchie volte.Non sarà che parlare di open source sia come mettere un gay in un film da due soldi(aumenta l'audience)?Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e applicativi per uso intranet, internet ed extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo quello che ci spetta.Attendiamo riscontro ;)
    • YellowT scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.Qui hai già sbagliato perchè niente "ti spetta". Sembra quasi che siano obbligati quando invece è una libera scelta...
    • YellowT scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.Qui hai già sbagliato perchè niente "ti spetta". Sembra quasi che siano obbligati quando invece è una libera scelta...
    • /dev/null scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      noCosa vorresti che facesse, che censurasse le notizie?Parla anche di Microsoft ogni giorno, così sei contento pure tu, no?
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?Cos'è, ti danno fastidio pure i gay oltre all'OS?
    • /dev/null scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      noCosa vorresti che facesse, che censurasse le notizie?Parla anche di Microsoft ogni giorno, così sei contento pure tu, no?
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?Cos'è, ti danno fastidio pure i gay oltre all'OS?
    • Lillo scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      Scusa ma perché i sorgenti di un'applicazione verticale come quella di P.I.?Di CMS per siti di new ce ne sono a bizzeffe, ti cambia qualcosa se prendi uno di quelli e non quello di PI...?
    • Uby scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      noBasta guardare la barra degli indirizzi per avere un indizio:punto-informatico.it/b. aspx A quanto pare preferiscono .net che di open ha ben poco.
      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie
      volte.Altro indizio allora che non prediligono il software open source.
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?Se intendi "fa notizia" mi sembra ovvia la risposta: SI.Sono una testata giornalistica...
      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.Ci spetta??
      Attendiamo riscontro ;)Il fatto che parlino di open source non vuole dire che lo debbano adottare necessariamente come modello di sviluppo...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2007 10.14-----------------------------------------------------------
    • Uby scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      noBasta guardare la barra degli indirizzi per avere un indizio:punto-informatico.it/b. aspx A quanto pare preferiscono .net che di open ha ben poco.
      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie
      volte.Altro indizio allora che non prediligono il software open source.
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?Se intendi "fa notizia" mi sembra ovvia la risposta: SI.Sono una testata giornalistica...
      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.Ci spetta??
      Attendiamo riscontro ;)Il fatto che parlino di open source non vuole dire che lo debbano adottare necessariamente come modello di sviluppo...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2007 10.14-----------------------------------------------------------
    • TADsince1995 scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      noSì, che c'è di male!?!? Dalle tue parole emerge chiara una rabbiosa insofferenza per l'open source.
      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie
      volte.Io non mi ricordo di questa sommossa popolare... Se mi dai qualche riferimento grazie.
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?

      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.Ti spetta cosa? Il rilascio open è una libera scelta, non è un obbligo. E poi, oltretutto, non dovresti chiederlo a PI, ma alla società che gli sviluppa la piattaforma.TAD
    • TADsince1995 scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      noSì, che c'è di male!?!? Dalle tue parole emerge chiara una rabbiosa insofferenza per l'open source.
      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie
      volte.Io non mi ricordo di questa sommossa popolare... Se mi dai qualche riferimento grazie.
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?

      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.Ti spetta cosa? Il rilascio open è una libera scelta, non è un obbligo. E poi, oltretutto, non dovresti chiederlo a PI, ma alla società che gli sviluppa la piattaforma.TAD
    • pikappa scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      no
      Mi pare un sito di notizie, pensa che molti considerano PI "leggermente" a favore di MS... e tu mi vai controcorrente? ma sarai un troll?
      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie
      volte.Da chi? e soprattutto perchè?
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?
      Che pensiero profondo... dai vatti a leggere la falla quotidiana di Windows http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2070108 :-D
      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.
      E perchè dovrebbe spettare a qualcuno il codice del CMS? non c'è scritto da nessuna parte che lo abbiano rilasciato (in primis) e che se rilasciato abbia una licenza libera, dimostri di non capire un tubo di opensource, opppure come detto vuoi solo trolleggiare
    • Cell scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie
      volte.E allora? Se lo pagano loro, quindi decidono loro se tenerli closed o open. Certo che se una società deve rendere i propri sorgenti open perchè gli altri "chiedono", e non perchè sono convinti loro del renderli open, ...
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?Ma che film ti guardi?

      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.Se loro non ti "mettono a disposizione" i sorgenti, tu e la "comunità" che fate? Andate su un altro sito di notizie?Sai che gran perdita ...

      Attendiamo riscontro ;)Ma va là ...Ciao
    • Cell scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?

      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie
      volte.E allora? Se lo pagano loro, quindi decidono loro se tenerli closed o open. Certo che se una società deve rendere i propri sorgenti open perchè gli altri "chiedono", e non perchè sono convinti loro del renderli open, ...
      Non sarà che parlare di open source sia come
      mettere un gay in un film da due soldi(aumenta
      l'audience)?Ma che film ti guardi?

      Va buò... riproviamoci: PI, la comunità open
      source chiede i sorgenti di tutti i vostri CMS e
      applicativi per uso intranet, internet ed
      extranet, siamo stanchi di aspettare, vogliamo
      quello che ci
      spetta.Se loro non ti "mettono a disposizione" i sorgenti, tu e la "comunità" che fate? Andate su un altro sito di notizie?Sai che gran perdita ...

      Attendiamo riscontro ;)Ma va là ...Ciao
    • Lol scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      Secondo me (e secondo una mia amica psicologa e informatica) l'interfaccia grafica di un programma influisce psicologicamente sul contenuto di un documento.Ergo, un documento creato con Office 2007 risulterebbe molto piu creativamente ispirato di un documento creato con lo scarno openoffice...
      • gona scrive:
        Re: A punto-informatico piace l'open source?
        - Scritto da: Lol
        Secondo me (e secondo una mia amica psicologa e
        informatica) l'interfaccia grafica di un
        programma influisce psicologicamente sul
        contenuto di un
        documento.

        Ergo, un documento creato con Office 2007
        risulterebbe molto piu creativamente ispirato di
        un documento creato con lo scarno
        openoffice...bravissimo, hai colto un gran segretomolti siti che si riempiono la bocca di open source, cavalcando le onde del momento e dimostrandosi più di una volta favorevoli a questa ideologia, in realtà si guardano bene dal rilasciare i sorgenti completi di grafica del proprio CMSPI ad esempio verrebbe copiato di sana pianta, con tutte le notizie (dal momento che sono pure in CC)uscirebbero fuori tanti PI, ognuno con un valore aggiunto
      • gona scrive:
        Re: A punto-informatico piace l'open source?
        - Scritto da: Lol
        Secondo me (e secondo una mia amica psicologa e
        informatica) l'interfaccia grafica di un
        programma influisce psicologicamente sul
        contenuto di un
        documento.

        Ergo, un documento creato con Office 2007
        risulterebbe molto piu creativamente ispirato di
        un documento creato con lo scarno
        openoffice...bravissimo, hai colto un gran segretomolti siti che si riempiono la bocca di open source, cavalcando le onde del momento e dimostrandosi più di una volta favorevoli a questa ideologia, in realtà si guardano bene dal rilasciare i sorgenti completi di grafica del proprio CMSPI ad esempio verrebbe copiato di sana pianta, con tutte le notizie (dal momento che sono pure in CC)uscirebbero fuori tanti PI, ognuno con un valore aggiunto
      • Banana joe scrive:
        Re: A punto-informatico piace l'open source?
        - Scritto da: Lol
        Secondo me (e secondo una mia amica psicologa e
        informatica) l'interfaccia grafica di un
        programma influisce psicologicamente sul
        contenuto di un
        documento.Poi uno guarda i programmi scritti in visual basic e si rimangia tutto, immagino.
    • Lol scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      Secondo me (e secondo una mia amica psicologa e informatica) l'interfaccia grafica di un programma influisce psicologicamente sul contenuto di un documento.Ergo, un documento creato con Office 2007 risulterebbe molto piu creativamente ispirato di un documento creato con lo scarno openoffice...
    • Banana joe scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      La "comunità" "open" non vuole che nessuno apra mezzo bit di codice.Vuole semplicemente che si rispetti quella straminchia di licenza che accompagna il software libero, nello spirito oltre che nella lettera.Per quanto riguarda PI, c'e' l'ottimo slashcode, open source, in perl, che fa le stesse identiche cose - decisamente meglio, a mio giudizio. Chi cerca trova, chi si lamenta per stereotipi no.
    • Banana joe scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      La "comunità" "open" non vuole che nessuno apra mezzo bit di codice.Vuole semplicemente che si rispetti quella straminchia di licenza che accompagna il software libero, nello spirito oltre che nella lettera.Per quanto riguarda PI, c'e' l'ottimo slashcode, open source, in perl, che fa le stesse identiche cose - decisamente meglio, a mio giudizio. Chi cerca trova, chi si lamenta per stereotipi no.
    • krane scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?
      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      no

      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie volte.Se e' per questo parla spesso anche di processori e non si e' mai messo a costruire processori...Voglio un processore marchiato PI :'(
    • krane scrive:
      Re: A punto-informatico piace l'open source?
      - Scritto da: dotnet
      A punto-informatico piace l'open source?
      Sembrerebbe di si (visto che ne parla ogni giorno
      come fosse una religione)... oppure
      no

      Fatto sta che non ha mai rilasciato i sorgenti
      dei suoi innumerevoli CMS, sebbene gli sia stato
      chiesto parecchie volte.Se e' per questo parla spesso anche di processori e non si e' mai messo a costruire processori...Voglio un processore marchiato PI :'(
  • paoloholzl scrive:
    l'ho già sentita
    Valuterò i risultati, di parole ne ho già sentite troppe.Per quanto concerne la biometria: contro i 'deputati pianisti' in Italia abbiamo una teorica obbligatorietà dell'azione penale, tutti li abbiamo visti per TV in svariate occasioni, possibile che nessun giudice abbia mai visto e che nessuno abbia mai pensato di invalidare votazioni dove qualcuno ha votato palesemente per due ? ...La tecnologia deve risolvere dove il buon senso e la magistratura non arrivano.
  • paoloholzl scrive:
    l'ho già sentita
    Valuterò i risultati, di parole ne ho già sentite troppe.Per quanto concerne la biometria: contro i 'deputati pianisti' in Italia abbiamo una teorica obbligatorietà dell'azione penale, tutti li abbiamo visti per TV in svariate occasioni, possibile che nessun giudice abbia mai visto e che nessuno abbia mai pensato di invalidare votazioni dove qualcuno ha votato palesemente per due ? ...La tecnologia deve risolvere dove il buon senso e la magistratura non arrivano.
  • Stefano scrive:
    sarà vero?
    almeno se ne parla...
  • rocco tanica scrive:
    parole parole parole
    sono anni che si discute di open source, wimax senza che si sia visto alcun risultato concreto.un mese fa e' scattato l'aumento degli stipendi dei parlamentari e le spese per i palazzi della politica hanno superato il miliardo e mezzo di euro (avete letto bene mille milioni e mezzo di euro) ma per fare cosa?
  • rocco tanica scrive:
    parole parole parole
    sono anni che si discute di open source, wimax senza che si sia visto alcun risultato concreto.un mese fa e' scattato l'aumento degli stipendi dei parlamentari e le spese per i palazzi della politica hanno superato il miliardo e mezzo di euro (avete letto bene mille milioni e mezzo di euro) ma per fare cosa?
  • Nullafeceru nt scrive:
    Ideologia amor mio
    E vai, ecco un'altra decisione da fenomeni. Se il software libero deve vincere lo farà con il mercato, non certo con dei politicanti che volgio sfruttare un po' d'immagine sulla rete sulla nostra pelle.Software libero ok, ma norme per imporlo mi pare ridicolo. Ma del resto, in parlamento non che abbiano molto da fare.
  • Nullafeceru nt scrive:
    Ideologia amor mio
    E vai, ecco un'altra decisione da fenomeni. Se il software libero deve vincere lo farà con il mercato, non certo con dei politicanti che volgio sfruttare un po' d'immagine sulla rete sulla nostra pelle.Software libero ok, ma norme per imporlo mi pare ridicolo. Ma del resto, in parlamento non che abbiano molto da fare.
    • pippo lacoca scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      Se si lasciano le ideologie totalmente fuori dal parlamento, esso diventa vuoto e sterile IMHO. Ben venga la spinta legislativa verso una cosa che dovrebbe essere assodata: l'utilizzo di piattaforme non proprietarie e di formati aperti nella PA in generale.
    • pippo lacoca scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      Se si lasciano le ideologie totalmente fuori dal parlamento, esso diventa vuoto e sterile IMHO. Ben venga la spinta legislativa verso una cosa che dovrebbe essere assodata: l'utilizzo di piattaforme non proprietarie e di formati aperti nella PA in generale.
    • /dev/null scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      - Scritto da: Nullafeceru nt
      E vai, ecco un'altra decisione da fenomeni. Se il
      software libero deve vincere lo farà con il
      mercato, non certo con dei politicanti che volgio
      sfruttare un po' d'immagine sulla rete sulla
      nostra pelle.Guarda che la decisione di utilizzare software libero sui computer della Camera per abbassare i costi a parità di prestazioni E' mercato.Non è che il parlamento abbia varato una legge che proibisce ai cittadini e alle imprese l'uso di software non libero.
    • /dev/null scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      - Scritto da: Nullafeceru nt
      E vai, ecco un'altra decisione da fenomeni. Se il
      software libero deve vincere lo farà con il
      mercato, non certo con dei politicanti che volgio
      sfruttare un po' d'immagine sulla rete sulla
      nostra pelle.Guarda che la decisione di utilizzare software libero sui computer della Camera per abbassare i costi a parità di prestazioni E' mercato.Non è che il parlamento abbia varato una legge che proibisce ai cittadini e alle imprese l'uso di software non libero.
    • Lemon scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      - Scritto da: Nullafeceru nt
      E vai, ecco un'altra decisione da fenomeni. Se il
      software libero deve vincere lo farà con il
      mercato, non certo con dei politicanti che volgio
      sfruttare un po' d'immagine sulla rete sulla
      nostra
      pelle.

      Software libero ok, ma norme per imporlo mi pare
      ridicolo. Ma del resto, in parlamento non che
      abbiano molto da
      fare.Hai letto tutta la notizia? a me pare che le proposte siano sensate. Anche io sono contro l'imposizione del software open-source però a volte pensiamo troppo in grande. Mi spiego: cercar di usare software libero e open source non vuol dire cambiare il client Windows in Linux e tutte le applicazioni ma magari cose più semplici, ad esempio usare GipGenius al posto di WinZip. Purtroppo c'è l'usanza di usare tutti gli stessi programmi anche quando non servono semplicemente per pigrizia o ignoranza. Un altro esempio: pochi sanno che ci sono i visulizzatori di Office, molti si comprano o craccano l'Office perchè ricevono quelle minchiate di presentazioni in powerpoint! Oppure vedo tanta gente che solo per VISUALIZZARE immagini magari un pò particolari (inviate dagli studi grafici di solito) si vanno a craccare Photoshop
      • /dev/null scrive:
        Re: Ideologia amor mio
        - Scritto da: Lemon
        ad esempio usare GipGenius al posto di
        WinZip. C'è 7-zip (www.7-zip.org) con licenza GNU LGPL che secondo me è impareggiabile.
        • Lemon scrive:
          Re: Ideologia amor mio
          - Scritto da: /dev/null
          - Scritto da: Lemon

          ad esempio usare GipGenius al posto di

          WinZip.

          C'è 7-zip (www.7-zip.org) con licenza GNU LGPL
          che secondo me è
          impareggiabile.Hai ragione, mi è venuto in mente il primo software gratuito ma non GNU/GPL.
        • Lemon scrive:
          Re: Ideologia amor mio
          - Scritto da: /dev/null
          - Scritto da: Lemon

          ad esempio usare GipGenius al posto di

          WinZip.

          C'è 7-zip (www.7-zip.org) con licenza GNU LGPL
          che secondo me è
          impareggiabile.Hai ragione, mi è venuto in mente il primo software gratuito ma non GNU/GPL.
      • /dev/null scrive:
        Re: Ideologia amor mio
        - Scritto da: Lemon
        ad esempio usare GipGenius al posto di
        WinZip. C'è 7-zip (www.7-zip.org) con licenza GNU LGPL che secondo me è impareggiabile.
    • Lemon scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      - Scritto da: Nullafeceru nt
      E vai, ecco un'altra decisione da fenomeni. Se il
      software libero deve vincere lo farà con il
      mercato, non certo con dei politicanti che volgio
      sfruttare un po' d'immagine sulla rete sulla
      nostra
      pelle.

      Software libero ok, ma norme per imporlo mi pare
      ridicolo. Ma del resto, in parlamento non che
      abbiano molto da
      fare.Hai letto tutta la notizia? a me pare che le proposte siano sensate. Anche io sono contro l'imposizione del software open-source però a volte pensiamo troppo in grande. Mi spiego: cercar di usare software libero e open source non vuol dire cambiare il client Windows in Linux e tutte le applicazioni ma magari cose più semplici, ad esempio usare GipGenius al posto di WinZip. Purtroppo c'è l'usanza di usare tutti gli stessi programmi anche quando non servono semplicemente per pigrizia o ignoranza. Un altro esempio: pochi sanno che ci sono i visulizzatori di Office, molti si comprano o craccano l'Office perchè ricevono quelle minchiate di presentazioni in powerpoint! Oppure vedo tanta gente che solo per VISUALIZZARE immagini magari un pò particolari (inviate dagli studi grafici di solito) si vanno a craccare Photoshop
    • nome e cognome scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      - Scritto da: Nullafeceru nt[cut] Ma del resto, in parlamento non che
      abbiano molto da fare.Guarda io ho lavorato per enti pubblici.Una volta appena partito un progetto due settimane di panico perche' sostanzialmente non facevano altro che inviarsi virus tra di loro.Poi quando hanno cominciato a lavorare tutti usavano una versione di office diversa o una versione di windows diversa e non ci si capiva niente. E mica potevi dirgli: fate tutti gli upgrade e basta!Poi era del tutto allucinante vedere dei testi che finivano per essere dei file binari: hai presente i *.doc (e anche excel)?Un disastro da storare, da controllare per virus e sicurezza, da backuppare incrementalmente.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      - Scritto da: Nullafeceru nt[cut] Ma del resto, in parlamento non che
      abbiano molto da fare.Guarda io ho lavorato per enti pubblici.Una volta appena partito un progetto due settimane di panico perche' sostanzialmente non facevano altro che inviarsi virus tra di loro.Poi quando hanno cominciato a lavorare tutti usavano una versione di office diversa o una versione di windows diversa e non ci si capiva niente. E mica potevi dirgli: fate tutti gli upgrade e basta!Poi era del tutto allucinante vedere dei testi che finivano per essere dei file binari: hai presente i *.doc (e anche excel)?Un disastro da storare, da controllare per virus e sicurezza, da backuppare incrementalmente.
    • non sia offensivo scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      - Scritto da: Nullafeceru nt
      E vai, ecco un'altra decisione da fenomeni. Se il
      software libero deve vincere lo farà con il
      mercato, non certo con dei politicanti che volgio
      sfruttare un po' d'immagine sulla rete sulla
      nostra
      pelle.Non sanno manco accendere un poratile... Figuriamoci il resto. Un'altro sperpero alla faccia dei contibuenti.
    • non sia offensivo scrive:
      Re: Ideologia amor mio
      - Scritto da: Nullafeceru nt
      E vai, ecco un'altra decisione da fenomeni. Se il
      software libero deve vincere lo farà con il
      mercato, non certo con dei politicanti che volgio
      sfruttare un po' d'immagine sulla rete sulla
      nostra
      pelle.Non sanno manco accendere un poratile... Figuriamoci il resto. Un'altro sperpero alla faccia dei contibuenti.
  • Vday per enne scrive:
    non capisco xml
    ___Molti dei dati pubblicati sul sito web della Camera sono disponibili solo in formato Pdf: si richiede di risolvere il problema dell'accessibilità e dell'adeguamento tecnologico in formati standard aperti e liberi (es. formato XML) dei dati pubblicati.assorbito dal precedente____scusate l'ignoranza, ma che formato è XML? è uno standard aperto? è un'alternativa al PDF? cos'ha di migliore o diverso? mi aspettavo una cosa del tipo: oltre a quello vogliamo anche l'ODF, è libero e standard etcc.
  • Vday per enne scrive:
    non capisco xml
    ___Molti dei dati pubblicati sul sito web della Camera sono disponibili solo in formato Pdf: si richiede di risolvere il problema dell'accessibilità e dell'adeguamento tecnologico in formati standard aperti e liberi (es. formato XML) dei dati pubblicati.assorbito dal precedente____scusate l'ignoranza, ma che formato è XML? è uno standard aperto? è un'alternativa al PDF? cos'ha di migliore o diverso? mi aspettavo una cosa del tipo: oltre a quello vogliamo anche l'ODF, è libero e standard etcc.
    • tonzie scrive:
      Re: non capisco xml
      penso intendano un formato come xml che è open e standart... così come lo è Open Document (basato su xml)!
      • catodo scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: tonzie
        penso intendano un formato come xml che è open e
        standart... così come lo è Open Document (basato
        su
        xml)!xml non dice proprio niente, se si fa un dtd allaa cazzo o se se ne usa uno "offuscato" come OOXML il suo essere open va a farsi benedire
      • catodo scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: tonzie
        penso intendano un formato come xml che è open e
        standart... così come lo è Open Document (basato
        su
        xml)!xml non dice proprio niente, se si fa un dtd allaa cazzo o se se ne usa uno "offuscato" come OOXML il suo essere open va a farsi benedire
    • tonzie scrive:
      Re: non capisco xml
      penso intendano un formato come xml che è open e standart... così come lo è Open Document (basato su xml)!
    • nome strakazzo cognome scrive:
      Re: non capisco xml


      scusate l'ignoranza, ma che formato è XML? è uno
      standard aperto? è un'alternativa al PDF? cos'ha
      di migliore o diverso? mi aspettavo una cosa del
      tipo: oltre a quello vogliamo anche l'ODF, è
      libero e standard
      etcc.potrei provare a spiegartelo io, ma non penso di esserne capace.guarda qua: http://it.wikipedia.org/wiki/Xmlper come l'ho sempre inteso io XML è una struttra che descrive IL DATO, rendendo questo dato mutlipiattaforma, multiapplicazione grazie alla sua basilarità e al suo essere aperto.Inq uesto modo un dato XML è facilmente usabile dappartutto.Ma come ti ho detto, potrei sbagliarmi.
    • nome strakazzo cognome scrive:
      Re: non capisco xml


      scusate l'ignoranza, ma che formato è XML? è uno
      standard aperto? è un'alternativa al PDF? cos'ha
      di migliore o diverso? mi aspettavo una cosa del
      tipo: oltre a quello vogliamo anche l'ODF, è
      libero e standard
      etcc.potrei provare a spiegartelo io, ma non penso di esserne capace.guarda qua: http://it.wikipedia.org/wiki/Xmlper come l'ho sempre inteso io XML è una struttra che descrive IL DATO, rendendo questo dato mutlipiattaforma, multiapplicazione grazie alla sua basilarità e al suo essere aperto.Inq uesto modo un dato XML è facilmente usabile dappartutto.Ma come ti ho detto, potrei sbagliarmi.
    • nome e cognome scrive:
      Re: non capisco xml
      http://it.wikipedia.org/wiki/XMLDa un file in XML puoi facilmente generare tutte le altre versioni: PDF, PS, HTML, ecc...Inoltre ti permette di 'processare' i dati, inteso come estrarne solo un parte (rassunto, dati tecnici, bibliografie, riferimenti) oppure processarli in senso piu' attivo dato che non e' un linguaggio semplicemente dichiarativo come ad esempio HTML.Inoltre ti permette di caratterizzare a livello semantico il contenuto (che e' l'origine delle features del paragrafo precedente... :P ), e validarlo per conformita' a un DTD: una serie di definizioni che ti permettono di dire se il documente e 'grammaticalmente' valido.Se il documento e' valido sei sicuro che altri lo potranno leggere e trasformare secondo le loro esigenze.Se vuoi provare parti da: http://www.docbook.org/ e prova a scrivere qualche documento: e piu' semplice che mettersi a leggere libri su XML / XSLT / processori e tutte le buzz world degli ultimi anni :)
    • nome e cognome scrive:
      Re: non capisco xml
      http://it.wikipedia.org/wiki/XMLDa un file in XML puoi facilmente generare tutte le altre versioni: PDF, PS, HTML, ecc...Inoltre ti permette di 'processare' i dati, inteso come estrarne solo un parte (rassunto, dati tecnici, bibliografie, riferimenti) oppure processarli in senso piu' attivo dato che non e' un linguaggio semplicemente dichiarativo come ad esempio HTML.Inoltre ti permette di caratterizzare a livello semantico il contenuto (che e' l'origine delle features del paragrafo precedente... :P ), e validarlo per conformita' a un DTD: una serie di definizioni che ti permettono di dire se il documente e 'grammaticalmente' valido.Se il documento e' valido sei sicuro che altri lo potranno leggere e trasformare secondo le loro esigenze.Se vuoi provare parti da: http://www.docbook.org/ e prova a scrivere qualche documento: e piu' semplice che mettersi a leggere libri su XML / XSLT / processori e tutte le buzz world degli ultimi anni :)
    • billygatto scrive:
      Re: non capisco xml
      XML è una meta-linguaggio e non un formato.Come al solito i nostri dipendenti lasciano trasparire tutta la loro ignoranza in materia.
      • nome e cognome scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: billygatto
        XML è una meta-linguaggio e non un formato.
        Come al solito i nostri dipendenti lasciano
        trasparire tutta la loro ignoranza in
        materia.Coraggio, la maggior parte di quelli che fanno siti sono convinti che html sia un linguaggio di programmazione...Tu pretendi la luna!
      • nome e cognome scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: billygatto
        XML è una meta-linguaggio e non un formato.
        Come al solito i nostri dipendenti lasciano
        trasparire tutta la loro ignoranza in
        materia.Coraggio, la maggior parte di quelli che fanno siti sono convinti che html sia un linguaggio di programmazione...Tu pretendi la luna!
      • Marco scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: billygatto
        XML è una meta-linguaggio e non un formato.
        Come al solito i nostri dipendenti lasciano
        trasparire tutta la loro ignoranza in
        materia.Se è per questo si può fare anche riferimento al formato XML, inteso come formato dei file... ma a parte questo, parlare di ignoranza per un erroretto di questo tipo, che non comporta ASSOLUTAMENTE niente, mi sembra solo voler far vedere quanto sei saccente (non esperto...) in materia!Suvvia un po' di umilté...
      • Marco scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: billygatto
        XML è una meta-linguaggio e non un formato.
        Come al solito i nostri dipendenti lasciano
        trasparire tutta la loro ignoranza in
        materia.Se è per questo si può fare anche riferimento al formato XML, inteso come formato dei file... ma a parte questo, parlare di ignoranza per un erroretto di questo tipo, che non comporta ASSOLUTAMENTE niente, mi sembra solo voler far vedere quanto sei saccente (non esperto...) in materia!Suvvia un po' di umilté...
      • 'GNUxxxx scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: billygatto
        XML è una meta-linguaggio e non un formato.
        Come al solito i nostri dipendenti lasciano
        trasparire tutta la loro ignoranza in
        materia.Tu invece lasci trasparire tutta la tua ignoranza in materia di democrazia.I Parlamentari non sono nostri dipendenti, sono nostri rappresentanti.Questo perché i dipendenti possono essere licenziati, mentre i parlamentari restano al loro posto fino a fine mandato.Evita di seguire i grilli, usa la tua testa.
      • 'GNUxxxx scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: billygatto
        XML è una meta-linguaggio e non un formato.
        Come al solito i nostri dipendenti lasciano
        trasparire tutta la loro ignoranza in
        materia.Tu invece lasci trasparire tutta la tua ignoranza in materia di democrazia.I Parlamentari non sono nostri dipendenti, sono nostri rappresentanti.Questo perché i dipendenti possono essere licenziati, mentre i parlamentari restano al loro posto fino a fine mandato.Evita di seguire i grilli, usa la tua testa.
    • billygatto scrive:
      Re: non capisco xml
      XML è una meta-linguaggio e non un formato.Come al solito i nostri dipendenti lasciano trasparire tutta la loro ignoranza in materia.
    • The Advange scrive:
      Re: non capisco xml

      ___Molti dei dati pubblicati sul sito web della
      Camera sono disponibili solo in formato Pdf: si
      richiede di risolvere il problema
      dell'accessibilità e dell'adeguamento tecnologico
      in formati standard aperti e liberi (es. formato
      XML) dei dati
      pubblicati.
      assorbito dal precedente____A parte i riferimenti che puntualmente ti hanno inviati, oltre alla giusta nota che xml non è certamente un linguaggio, ma un meta linguaggio (anzi un meta-meta linguaggio), direi che pdf risolve tutti i problemi di accessibilità ed è un formato aperto, è uno standard anche se non è propriamente libero.In sintesi: direi che hanno detto 9/10 di una ca**ata: non proprio completa, ma ci siamo quasi.
      • samu scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: The Advange

        ___Molti dei dati pubblicati sul sito web della

        Camera sono disponibili solo in formato Pdf: si

        richiede di risolvere il problema

        dell'accessibilità e dell'adeguamento
        tecnologico

        in formati standard aperti e liberi (es. formato

        XML) dei dati

        pubblicati.

        assorbito dal precedente____
        A parte i riferimenti che puntualmente ti hanno
        inviati, oltre alla giusta nota che xml non è
        certamente un linguaggio, ma un meta linguaggio
        (anzi un meta-meta linguaggio), direi che pdf
        risolve tutti i problemi di accessibilità ed è un
        formato aperto, è uno standard anche se non è
        propriamente
        libero.non pensare come utente e basta: rendere disponibilei documenti in xml ti permette fare parsing di tali filee poterli poi generare nel formato che piu' ti piace,inoltre con xml potrai finalmente fare dei bei programminiper verificare il lavoro dei politici .PDF non e' parsabile .Se un documento e' parsabile ci puoi fare dei bei giochini sopra: ricerche per chiave, controllare cio' che e' stato detto, eliminareil rumore di fondo, creare un sito di ricerca sul lavoro .. ecc. ecc.
        In sintesi: direi che hanno detto 9/10 di una
        ca**ata: non proprio completa, ma ci siamo
        quasi.invece la proposta e' molto intelligente anche se molto tecnica (ergo molti di voi non l'hanno capita)
        • nome e cognome scrive:
          Re: non capisco xml
          Giusto!E poi con xml puoi generare tutti i pdf che vuoi.PDF non e' un formato 'accessibile', e un formato standard.E' molto piu' semplice rendere accessibile un file in xml a un publico con deficenze visive, cognitive di vario livello rispetto a un crudo pdf, che non e' cosi' processabile.E XML e' anche meglio per la compressione e lo storaggio dei dati.(dho!)Poi bisognera' vedere se veramente metteranno in pratica questa prassi (speriamo).
        • nome e cognome scrive:
          Re: non capisco xml
          Giusto!E poi con xml puoi generare tutti i pdf che vuoi.PDF non e' un formato 'accessibile', e un formato standard.E' molto piu' semplice rendere accessibile un file in xml a un publico con deficenze visive, cognitive di vario livello rispetto a un crudo pdf, che non e' cosi' processabile.E XML e' anche meglio per la compressione e lo storaggio dei dati.(dho!)Poi bisognera' vedere se veramente metteranno in pratica questa prassi (speriamo).
      • samu scrive:
        Re: non capisco xml
        - Scritto da: The Advange

        ___Molti dei dati pubblicati sul sito web della

        Camera sono disponibili solo in formato Pdf: si

        richiede di risolvere il problema

        dell'accessibilità e dell'adeguamento
        tecnologico

        in formati standard aperti e liberi (es. formato

        XML) dei dati

        pubblicati.

        assorbito dal precedente____
        A parte i riferimenti che puntualmente ti hanno
        inviati, oltre alla giusta nota che xml non è
        certamente un linguaggio, ma un meta linguaggio
        (anzi un meta-meta linguaggio), direi che pdf
        risolve tutti i problemi di accessibilità ed è un
        formato aperto, è uno standard anche se non è
        propriamente
        libero.non pensare come utente e basta: rendere disponibilei documenti in xml ti permette fare parsing di tali filee poterli poi generare nel formato che piu' ti piace,inoltre con xml potrai finalmente fare dei bei programminiper verificare il lavoro dei politici .PDF non e' parsabile .Se un documento e' parsabile ci puoi fare dei bei giochini sopra: ricerche per chiave, controllare cio' che e' stato detto, eliminareil rumore di fondo, creare un sito di ricerca sul lavoro .. ecc. ecc.
        In sintesi: direi che hanno detto 9/10 di una
        ca**ata: non proprio completa, ma ci siamo
        quasi.invece la proposta e' molto intelligente anche se molto tecnica (ergo molti di voi non l'hanno capita)
    • The Advange scrive:
      Re: non capisco xml

      ___Molti dei dati pubblicati sul sito web della
      Camera sono disponibili solo in formato Pdf: si
      richiede di risolvere il problema
      dell'accessibilità e dell'adeguamento tecnologico
      in formati standard aperti e liberi (es. formato
      XML) dei dati
      pubblicati.
      assorbito dal precedente____A parte i riferimenti che puntualmente ti hanno inviati, oltre alla giusta nota che xml non è certamente un linguaggio, ma un meta linguaggio (anzi un meta-meta linguaggio), direi che pdf risolve tutti i problemi di accessibilità ed è un formato aperto, è uno standard anche se non è propriamente libero.In sintesi: direi che hanno detto 9/10 di una ca**ata: non proprio completa, ma ci siamo quasi.
    • catodo scrive:
      Re: non capisco xml

      scusate l'ignoranza, ma che formato è XML? è uno
      standard aperto? è un'alternativa al PDF? cos'ha
      di migliore o diverso? mi aspettavo una cosa del
      tipo: oltre a quello vogliamo anche l'ODF, è
      libero e standard
      etcc.xml fa molto più buzzword: siccome i pdf più o meno leggibili da tutti rimedieranno subito a questa cosa gravissima e passeranno a OOXML, non mi stupirebbe
    • catodo scrive:
      Re: non capisco xml

      scusate l'ignoranza, ma che formato è XML? è uno
      standard aperto? è un'alternativa al PDF? cos'ha
      di migliore o diverso? mi aspettavo una cosa del
      tipo: oltre a quello vogliamo anche l'ODF, è
      libero e standard
      etcc.xml fa molto più buzzword: siccome i pdf più o meno leggibili da tutti rimedieranno subito a questa cosa gravissima e passeranno a OOXML, non mi stupirebbe
Chiudi i commenti