Raspberry Pi 2, con tanto di Windows 10

Ennesima revisione della popolare board di sviluppo a basso costo, una piattaforma che ora può contare su maggiore potenza e sul supporto da parte di nuovi sistemi operativi. Anche Microsoft è della partita
Ennesima revisione della popolare board di sviluppo a basso costo, una piattaforma che ora può contare su maggiore potenza e sul supporto da parte di nuovi sistemi operativi. Anche Microsoft è della partita

Eben Upton, fondatore e CEO di Raspberry Pi, ha annunciato l’arrivo della nuova revisione della omonima board di sviluppo basata su architettura ARM: Raspberry Pi 2 mantiene la compatibilità con le versioni precedenti ma è dotata di un hardware sensibilmente più capace.

Le novità di Raspberry Pi 2 includono infatti un nuovo SoC quad-core a 900MHz, una CPU basata su architettura ARMv7 e sei volte più performante del processore usato in precedenza; anche la RAM (SDRAM) risulta raddoppiata fino a 1GB, mentre per il resto (connettività, storage e GPU) non c’è stato upgrade.

Raspberry Pi 2 è in grado di far girare il codice sviluppato sulle board di vecchia generazione, e ad aumentare ulteriormente l’attrattiva della nuova offerta c’è il fatto che la board costa esattamente lo stesso del Model B+ e cioè 35 dollari.

Sul fronte software risulta aggiornato anche Raspbian, sistema operativo basato su Debian e personalizzato per le esigenze di Raspberry Pi. In arrivo anche una versione specifica di Snappy Ubuntu Core , distro Linux dalle dimensioni particolarmente contenute pensata per utilizzi su macchine cloud e gadget IoT.

Ma la vera novità di peso sul fronte del software, anche a parere del CEO di Raspberry , arriva da Microsoft: la corporation ha annunciato una versione di Windows 10 compatibile con Raspberry Pi 2; meglio ancora, l’OS sarà disponibile gratuitamente ai sottoscrittori del programma Windows Developer Program for IoT.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 02 2015
Link copiato negli appunti