Registrazione dei siti web, la Cassinelli 2.0

Pronta la release definitiva, che potrebbe introdurre sostanziali modifiche alla discussa legge sull'editoria. Cassinelli: ora è una legge salvablog più che mai. Nel testo anche la cancellazione del reato di stampa clandestina

Roma – “La presente proposta di legge è stata redatta con il contributo e la collaborazione del popolo della rete internet, dei blogger italiani e dei tecnici delle riviste specializzate. Vuole far sì che coloro i quali sfruttano la rete internet per esprimere le proprie idee, attraverso, per esempio, i blog, possano utilizzare liberamente le moderne tecnologie, sempre nel rispetto delle leggi, senza però essere soffocati da inutili, e talvolta inopportuni, vincoli burocratici”.

Così nella presentazione del documento l’on. Roberto Cassinelli racconta la release definitiva della sua proposta di legge ( qui disponibile in PDF ), quella che ha definito “salvablog” e che nelle intenzioni vorrebbe aggiustare i baratri aperti dalla famigerata legge 62 del 2001 sull’editoria .

La “versione 2.0” che il parlamentare intende portare all’attenzione dei propri colleghi, come spiega lui stesso sul proprio blog, aggiorna due aspetti rispetto alla release precedente . In particolare nell’elenco delle specifiche per le quali un sito debba essere tenuto alla registrazione, laddove si parla di “due o più persone regolarmente retribuite” come essenziali a far scattare l’obbligo, nella nuova versione si intende che tra queste persone non sia compreso l’editore del “prodotto editoriale”, ossia – specifica Cassinelli – “il proprietario del sito”. Oltre a questi, dunque, vi devono essere almeno altre due persone.

La ratio di un provvedimento del genere rimane la stessa: Cassinelli cerca di definire in qualche modo che cosa si intenda per prodotto editoriale soggetto a registrazione, cercando con una serie di definizioni, come questa, di separare il miele dalla cera, o viceversa, e ottenere così un obbligo che non si estenda a blog e affini .

La seconda modifica prevista riguarda sempre la definizione del prodotto soggetto a registrazione, con l’aumento da 36mila a 50mila euro del fatturato minimo del prodotto editoriale. “Mi sembra – chiosa Cassinelli – un aumento significativo”.

Qualora questo testo si trasformasse in legge senza modifiche, le drammatiche ambiguità introdotte dalla 62 del 2001 cesserebbero di esistere e verrebbe introdotta una definizione di prodotto editoriale legata a parametri che, ancorché discutibili, avrebbero quantomeno il merito di essere assai più precisi della normativa precedente .

Da segnalare, infine, i contenuti del terzo articolo della proposta:

1. L’articolo 16 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, è interamente sostituito dal seguente: “art. 16 (Omessa registrazione e omessa o non veritiera indicazione del nome dell’editore o dello stampatore) – 1. Chiunque intraprenda la pubblicazione di un prodotto editoriale periodico senza che sia stata eseguita la registrazione di cui all’art. 5, ove richiesta, è punito con la sanzione amministrativa sino a euro 500. 2. La stessa sanzione si applica a chiunque pubblichi un prodotto editoriale non periodico, del quale non risulti il nome dell’editore o quello dello stampatore o nel quale questi siano indicati in modo non conforme al vero”

Si tratta di una misura che, se passasse così com’è, cancellerebbe il reato di stampa clandestina , una di quelle misure dell’attuale legge sulla stampa che contribuiscono a rendere l’Italia uno dei paesi in cui vi è la minore libertà di stampa. L’articolo 16 della 47 del 1948, la legge sulla stampa appunto, verrebbe ridisegnato e parlerebbe, anziché di stampa clandestina, di “Omessa registrazione e omessa o non veritiera indicazione del nome dell’editore o dello stampatore”. Qualora qualcuno si trovasse in questa condizione non rischierebbe alcuna conseguenza penale , potrebbe infatti incorrere soltanto in una sanzione amministrativa (fino ad un massimo di 500 euro).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andreabont scrive:
    Re: DRM versione del 2010
    Ma figurati, la versione con missile al napalm costa troppo (e le licenze del napalm???)Secondo me fa una prova del dna per sapere se la stai ascoltano solo tu che l'hai comprata....Secondo me ci faranno pagare le licenze anche se non l'ascoltiamo perchè la canticchiamo in testa XD loolNe sarebbero capaci.
  • Andreabont scrive:
    Quale diritti?
    Hai diritto di pagare.Ha diritto di non ascoltare cio che hai pagato.Ma siamo davvero giusti a questo livello o è uno scherzo?
  • PaoloL scrive:
    La pirateria è pure benefica
    Non mi pare che un episodio così banale meritasse lintervento della magistratura.A me è successa una cosa simile, ed a questo punto ho scaricato quello che mi interessava da YouTube, ottenendo gratuitamente con tanto di video quello che avevo comperato senza video.Credo quindi che le troppe protezioni alla musica siano controproducenti e stimolino le copie pirata invece di prevenirle. I discografici dovrebbero quindi meditare sulla convenienza commerciale della protezione a tutti i costi.E falsa anche laffermazione che i costi servano a coprire la pirateria. Stimo che più del 90% delle copie pirata vengano fatte da persone che mai comprerebbero la musica originale semplicemente perché non potrebbero permettersela. Inoltre, se uno è un fan di un cantante, non vuole certo danneggiarlo e quindi, presto o tardi, comprerà sicuramente la sua musica originale. E un CD originale, magari, soltanto per la copertina, non è certo la stessa cosa di uno pirata Non è vero quindi che pirateria = introito mancato. Secondo me, se si considera la maggiore pubblicità, la pirateria è pure benefica. A me ad esempio è capitato di comperare un CD di un gruppo interessantissimo che mai avrei potuto apprezzare senza ascoltarlo su YouTube.Ma naturalmente cè chi continua a vedere ladri dappertutto, a spendere fortune in spioni dei computer altrui, e a fantasticare di guadagni mancati di cantanti altrimenti sconosciuti o dimenticati.
  • Alfonso Maruccia scrive:
    La legge della strada...
    ....dice che l'originale è un'eccezione alla copia privata, a cui l'utente ha diritto dall'istante stesso in cui acquista un accesso ADSL alla rete delle reti.Buon proseguimento con le vostre masturbazioni cerebrali, politicanti corrotti e giudici inadeguati :-)
  • H5N1 scrive:
    Equo compenso
    Vorrei che fossero previsti sconti sugli antifurti come equo compenso per eventuali furti, che gli Stati paghino i cittadini una tantum come equo compenso per eventuali errori giudiziari, che i lavoratori abbiano i loro compensi maggiorati del 5% come equo compenso di errori di computo finanziario...
  • Mr.God scrive:
    LE GUERRE DEI POVERI
    Come si indebolisce un popolo? Mettendo gli uni contro gli altri, quelli che scaricano contro quelli che comprano.Siamo sulla stessa barca ragazzi, non fatevi trascinare nel loro gioco.
  • CCC scrive:
    [OT] Liberate i regali di Natale!!!
    [OT - Ma mica tanto...] Scusate per il disturbo, ma...La libertà è importante anche a Natale!Liberate i vostri regali boicottando tutti i prodotti elettronici che supportano sistemi DRM (Digital "Restriction" Management) e TC ("Treacherous" Computing)!!!- Cosa sono i DRM e il TC?Digital "Restriction" Management è una tecnologia per sottomettere l'utente al controllo da parte di terzi fornitori di materiali software, audiovisivi o testuali.I DRM vengono sempre più spesso abbinati a sistemi TC ("Treacherous" Computing), una tecnologia che utilizza hardware e software, basata sulla crittografia a chiave asimmetrica, in grado di rendere praticamente insormontabili i meccanismi di controllo sui dispositivi digitali.Se DRM e TC prevalessero sul mercato, allora gli utenti perderebbero il controllo dei "loro" computer e di tutti i "loro" dispositivi e supporti digitali, computer, schede grafiche, monitor, dischi, cellulari, fotocamere e videocamere digitali, lettori e registratori audio e video, ebook, supporti audio e video digitali, TV e qualsiasi altra periferica digitale che in teoria dovrebbe essere in loro possesso.DRM e TC, oltre che togliere di fatto agli utenti il controllo sui dispositivi e sui supporti digitali da loro acquistati, sono anche dei sistemi che possono essere usati per fini di condizionamento e controllo sociale, dunque pericolosissimi in una società sempre più "digitalizzata" in termini di informazione, tecnologia, saperi, economia...- Per approfondire:http://www.fsfeurope.org/projects/drm/drm.it.htmlhttp://www.eff.org/issues/drmhttp://www.defectivebydesign.org/what_is_drmhttp://www.no1984.org/http://www.no1984.org/Dettagli_sul_Trusted_Computing- Alcuni prodotti da boicottare...35 Days Against DRM Economic Boycott of DRM This Gift Giving Seasonhttp://www.defectivebydesign.org/days35 Days Against DRM Day One: MacBookhttp://www.defectivebydesign.org/day01-macbook35 Days Against DRM -- Day 2: Netflixhttp://www.defectivebydesign.org/day02-netflix35 Days Against DRM -- Day 3: Overdrivehttp://www.defectivebydesign.org/day03-overdrive35 Days Against DRM -- Day 4: BBC iPlayerhttp://www.defectivebydesign.org/day04-iplayer35 Days Against DRM -- Day 5: Yahoo and MSN Musichttp://www.defectivebydesign.org/day05-yahooandmsn35 Days Against DRM -- Day 6: Windows Media Centerhttp://www.defectivebydesign.org/day06-windowsmediacenter35 Days Against DRM -- Day 7: Prince: Friends without benefits.http://www.defectivebydesign.org/day07-prince35 Days Against DRM -- Day 8: Nintendo Wiihttp://www.defectivebydesign.org/day08-nintendowii... continua suhttp://www.defectivebydesign.org- Per contrastare DRM e TC:http://www.no1984.org/#AzioniNoTChttp://www.no1984.org/Risorse_Anti_TCBuone feste (senza DRM/TC)!!!
  • sbirigudi prematurat a scrive:
    ma l'europa non aveva bocciato??????
    ma l'europa non aveva bocciato sarkozy e la sua dottrina compresi i drm????http://punto-informatico.it/2485485/PI/News/sarkozy-drm-tpm-ue-boccia-tutto.aspxma che razza di unione è se non si agisce di conseguenza???ps: cmq a me spaventa molto di più la regolamentazione di internet. cosa che provano a fare almeno dal 96.chi si ricorda l'italian crackdown??? sempre le solite cazzate usano per "regolamentare" (o sarebbe mneglio dire "cinesizzare") la rete. questa sconosicuta con il suo "popolo della rete".meh
  • SatHack scrive:
    devo cambiare nick
    ...per colpa loro ora devo cambiare il nick in MusicHack!
  • qui niente adsl scrive:
    W il DRM!
    Lo so, e' una schifezza, ma mi fanno ancora piu' schifo quelli che pensano di avere diritto a tutto e gratis.
    • Sgabbio scrive:
      Re: W il DRM!
      Bella trollata.
      • qui niente adsl scrive:
        Re: W il DRM!
        - Scritto da: Sgabbio
        Bella trollata.Gia', perche' appena uno esprime un'opinione diversa rispetto al download selvaggio mascherato da democrazia tecnologica si e' subito classificati troll.
        • rolly scrive:
          Re: W il DRM!
          non me ne fotto .vado ai suoi concerti e pago. gli artisti che meritano di essere comprati me li compro i cd originali non li scarico.e cmq le intercettazioni se devono essere vietate lo devono essere per tutti non solo per i furbetti del quartiere
          • Mr.Pink scrive:
            Re: W il DRM!
            - Scritto da: rolly
            non me ne fotto .vado ai suoi concerti e pago.
            gli artisti che meritano di essere comprati me
            li compro i cd originali non li scarico.e cmq le
            intercettazioni se devono essere vietate lo
            devono essere per tutti non solo per i furbetti
            del
            quartiereFantastico, nessun diritto ad essere remunerati per il lavoro intellettuale. Però se uno ti piace gli fai la carità. Sì perché se dai dei soldi ad uno senza avere il dovere di farlo si chiama CARITA'.
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: W il DRM!
            - Scritto da: Mr.Pink
            Fantastico, nessun diritto ad essere remunerati
            per il lavoro intellettuale. Però se uno ti piace
            gli fai la carità. Sì perché se dai dei soldi ad
            uno senza avere il dovere di farlo si chiama
            CARITA'.Ottimo, quindi un artista ha il diritto ( donato da chi? ) a percepire soldi per un brano suonato 90 anni prima.E un web designer? E un programmatore? Perche' loro vengono pagati a salario mensile ( minimo ) e non in base al numero di visitatori ( per il sito web ) o in base al numero di esecuzioni del programma ( per un programma client ) ?Che magari i neuroni degli artisti "fumano" piu' di quelli di un programmatore che deve gestire oggetti complessi quasi quanto il bilancio statale?Dimmi solo perche' un artista deve percepire "VITA NATURAL DURANTE" ed un programmatore no.Appena mi dai una motivazione VALIDA, corro a comprare i primi 100 cd musicali originali che mi capitano a tiro.Scommettiamo che non ne trovi 1?
          • Mr.Pink scrive:
            Re: W il DRM!


            Ottimo, quindi un artista ha il diritto ( donato
            da chi? ) a percepire soldi per un brano suonato
            90 anni
            prima.
            E un web designer? E un programmatore? Perche'
            loro vengono pagati a salario mensile ( minimo )
            e non in base al numero di visitatori ( per il
            sito web ) o in base al numero di esecuzioni del
            programma ( per un programma client )
            ?
            Dopo 70 anni i diritti decadono, e in molti casi molto meno. I brevetti durano 20 anni, nel caso dei farmaci una decina. Non esistono diritti eterni. Valgono anche per web designer e programmatori e sono loro a decidere la licenza che può essere di uso perpetuo o annuale o quello che ti pare. Se vuoi la certezza dello stipendio fisso e lavori per un azienda rinunci esplicitamente ai tuoi diritti che diventano del tuo datore di lavoro, insieme a tutti i rischi. Nel senso che ti deve pagare lo stesso, anche se il tuo lavoro è scadente e non vende una copia :)
    • tuttologo scrive:
      Re: W il DRM!
      - Scritto da: qui niente adsl
      Lo so, e' una schifezza, ma mi fanno ancora piu'
      schifo quelli che pensano di avere diritto a
      tutto e
      gratis.rosikone!solo perchè non hai l'ADSL! (rotfl)(rotfl)(rotfl)[yt]rX7wtNOkuHo[/yt]
      • qui niente adsl scrive:
        Re: W il DRM!
        Rosikone sta m....a, in ufficio posso scaricare tutto lo scaricabile, e a casa ho la connect card di Vodafone cha va a bomba.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 dicembre 2008 15.30-----------------------------------------------------------
        • qweqwe scrive:
          Re: W il DRM!
          Modificato dall' autore il 11 dicembre 2008 15.30
          --------------------------------------------------madòòò allora che tipo di troll sei? il troll con la pinocchio mod attivata?
        • Daniele scrive:
          Re: W il DRM!
          sarà contento il tuo capo... :-)
          • qui niente adsl scrive:
            Re: W il DRM!
            - Scritto da: Daniele
            sarà contento il tuo capo... :-)Non ti passa neanche lontanamente per la capoccia che potrei essere io il capo, vero ?
          • Mr.God scrive:
            Re: W il DRM!
            - Scritto da: qui niente adsl
            - Scritto da: Daniele

            sarà contento il tuo capo... :-)

            Non ti passa neanche lontanamente per la capoccia
            che potrei essere io il capo, vero
            ?Capo é ca... sicuramente.
          • tuttologo scrive:
            Re: W il DRM!
            ha ragione, è il capo!![yt]8HJDkeg4YRY[/yt]
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: W il DRM!
            - Scritto da: qui niente adsl
            - Scritto da: Daniele

            sarà contento il tuo capo... :-)

            Non ti passa neanche lontanamente per la capoccia
            che potrei essere io il capo, vero
            ?Poveri dipendenti, come li vedo maaaaaale......Scappa Giacomino scappaaaaa
          • Daniele scrive:
            Re: W il DRM!
            sarà allora contenta l'autorità di pubblica sicurezza che busserà presto alle tue porte :-)
          • aaa aaa scrive:
            Re: W il DRM!
            Questa è l'ultima volta che rispondo su questo sito. Mai che abbia letto dei commenti costruttivi e forse non lo sono neanche i miei. Comunque, mi pare che abbia scritto che sono contrario al download selvaggio, quindi io con la coscienza e la legge sto a posto. Vi lascio alle vostre stronzate e ai vostri download che vi spettano di diritto, perchè si sa, l'arte, i softwares e quello che volete sono di tutti. Mi piacerebbe una Ferrari, magari ne rubo una, mi spetta. Saluti.
  • Ricky scrive:
    Che soppruso...
    1) Se mi blocchi la copia dell'originale per uso personale, invece di acquistare l'originale vado subito a scaricare quello crakkato e fruibili in ogni sua modalita'.2)Se la finite di chiamarlo "EQUO" sto benedetto compenso/PIZZO LEGALIZZATO sarebbe cosa gradita.Chiamatelo con ul suo vero nome.VITALIZIO PER LE MAJOR.SE fanno porcate o cose meritevoli poco cambia, tanto hanno il vitalizio.Nessuno ha mai veramente quantificato quanto i pirati incidano sui guadagni delle major, quindi un EQUO COMPENSO e' impossibile.Ma il PIZZO si..quello e' possibile.La gente ha solo un modo per fermarli, non comprare.Finitela di comperare...sin che comprate fate il loro gioco e quindi FINITELA DI LAMENTARVI!E' come se un mentecatto cercasse di accoltellarvi da 100 metri e voi invece aveste un mitra non sapendolo usare!E quello vi accoltella...Impariamo ad usare le armi che abbiamo, almeno quelle e sin che durano, perche' altrimenti ci mettono a 90 come gli pare.
  • Ahrr Ahrr scrive:
    Pirateria unica via!
    Ahrr! Ahrr! p) p) p) p) p)
  • Pol scrive:
    Inversione di rotta
    Da quando in francia c'è quel sarcazzì con la sua amichetta cantante d'alto borgo hanno cambiato le carte in tavola in modo vergognoso.Ricordo che qualche anno fa si parlava della francia come garantista contro i sistemi di protezione non a favore di questi ultimi.
    • Pol scrive:
      Re: Inversione di rotta
      Della serie garantiamo al consumatore acquirente (quello che ci finanzia) il sacrosonto diritto a poter utilizzare il prodotto dove e come vuole.Questi sistemi di protezione limitano invece l'uso a determinati dispositivi e rendono impossibile una copia di sicurezza.
  • Crazy scrive:
    Un Grave Passo Indietro...
    CIAO A TUTTImi sembrava strano che per una volta i Francesi ne facessero una buona... per una volta che erano partiti col piede giusto, hanno invertito subito rotta e fatto la piu` grande scemata.I Le protezioni Anti_Copia sono una cosa irrispettosa verso i cittadini onesti che si comperano un prodotto multimediale e vogliono salvaguardarselo facendosene copie di backup... il pirata le protezioni le passa lo stesso, il cittadino onesto e` quello che generalmente ne rimane scottato.Un peccato... speriamo che la campagna di NON Acquisti di prodotti protetti con DRM venga rimessa bene in pratica fino a spingere chi impone queste normative a cambiare le regoleDISTINTI SALUTI
  • ninjaverde scrive:
    SoliteCavolate
    Come al solito qualcuno vuole l'uovo e la gallina dalle uova d'oro.A)Se si ha l'equo compenso, già ingiusto per chi non copia materiale coperto da diritti d'autore, si deve aver diritto alla copia o a tante copie salvo il fatto che non ha diritto a commerciare tali supporti.Se questo non piace cancellino le tasse sui diritti dai supporti vergini.B) Autore ed editore devono aver diritto a immettere sul mercato prodotti anticopia.C) Il consumatore deve essere consapevole delle caratteristiche del prodotto che acquista e del sitema anticopia che usa.Se poi uno non vuole il DRM ha il diritto di non acquistare il prodotto, ed il suo sitema, computer o altro strumento, deve funzionare con qualsiasi supporto acquistato sul mercato, poichè la macchina che usa è sua e non del produttore o di chi immette altri prodotti sul mercato.Ma è veramente così difficile fare leggi semplici e di buon senso? :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 dicembre 2008 13.15-----------------------------------------------------------
    • Petronio Arbitro scrive:
      Re: SoliteCavolate
      E' difficile, se non impossibile, se chi fa le leggi rappresenta gli interessi di chi vuole sfruttare oltre il buon senso.
  • lucente scrive:
    soluzione
    NON COMPRARE NIENTE!!! questa gente dimentica che siam sempre noi consumatori ad avere il coltello dalla parte del manico soprattutto in tempo di recessione in cui musica, film e quant'altro non son certo indispensabili !!!!
    • anmt scrive:
      Re: soluzione
      - Scritto da: lucente
      NON COMPRARE NIENTE!!! questa gente dimentica che
      siam sempre noi consumatori ad avere il coltello
      dalla parte del manico soprattutto in tempo di
      recessione in cui musica, film e quant'altro non
      son certo indispensabili
      !!!!Come non quotarti sagge parole.Han tirato troppo la corda********************************************* N O N C O M P R A T E ! ! ! ! *********************************************E vedrete che prima o poi i prezzi li abbassano altrimentifalliscono !
  • HAL9000 scrive:
    Chi acquista...
    ...ringrazia gli sfigati che scaricano!!!
    • tuttologo scrive:
      Re: Chi acquista...
      prego
    • Petronio Arbitro scrive:
      Re: Chi acquista...
      Per quanto mi riguarda quelli della Warner possono andare a raccoglire cetrioli, non comprerò mai nulla da loro.E Collins anche... sarebbe un buon musicista, ma frequenta cattive compagnie (quelli della Warner), e le cattive compagnie portano sempre su brutte strade.Però se viene a fare un concerto potrei anche andare a sentirlo, pagando il biglietto, in fondo chi lavora è giusto che guadagni, ma solo quando lavora.
    • Mi scoccio di loggare scrive:
      Re: Chi acquista...
      - Scritto da: HAL9000
      ...ringrazia gli sfigati che scaricano!!!Io direi che chi scarica ringrazia lo sfigato che acquista.Comunque, chi chiama "sfigato" uno che considera 20 euro un valore troppo elevato per un pezzo di plastica e' da chiamarsi "deficiente".
      • di passaggio scrive:
        Re: Chi acquista...
        mamma mia... povera Italia con certa gente!tu sei di quelli che si dipingono la cintura di sicurezza sulla maglietta?RUBARE RUBARE E RUBARE... qsto il must in italia
        • HAL9000 scrive:
          Re: Chi acquista...
          La mia è una provocazione, ma i cd se costano troppo NON SI ACQUISTANO, punto e basta!!! Non si scaricano senza pagare, a casa mia vuol dire rubare.
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Chi acquista...
            - Scritto da: HAL9000
            La mia è una provocazione, ma i cd se costano
            troppo NON SI ACQUISTANO, punto e basta!!! Non si
            scaricano senza pagare, a casa mia vuol dire
            rubare.scaricare un brano senza sottrarlo a qualcuno a casa mia non e' rubare perche' manca il passo fondamentale che e' quello di "SOTTRARRE" il bene a quel qualcuno.Poi, se i media riescono a farvi il lavaggio del cervello con cosi poco, mi sa che avete bisogno di staccarvi dalla tecnologia e cominciare a prendere in mano gli attrezzi della terra... ( senza offesa per nessuno )
        • Mi scoccio di loggare scrive:
          Re: Chi acquista...
          - Scritto da: di passaggio
          mamma mia... povera Italia con certa gente!Beh, pensa che un altro passo nella "tua" direzione e ci ritroveremo di botto come nel 1932 in Italia.
          tu sei di quelli che si dipingono la cintura di
          sicurezza sulla
          maglietta?No, ma non versano "il pizzo" alle major e poi acquistano con 40.000 un pezzetto di plastica che non e' utile neppure a giocare a "freesbie".
          RUBARE RUBARE E RUBARE... qsto il must in italiaBeh... se richiedere il pagamento di 20 euro per un oggetto che in fabbrica costa 0.2 euro non e' rubare, non credo che "scaricare una serie di bit" sia etichettabile al "rubare".Inoltre ti inviterei ( giusto per tua cultura ), a leggere il significato della parola "rubare" e se ci riesci a trovare la differenza tra "rubare" e "copiare".Ehhh povera italia....se il livello intellettivo e' a questi livelli, ci credo che riusciamo a sopravvivere all'attuale classe politica....
    • CCC scrive:
      Re: Chi acquista...
      - Scritto da: HAL9000
      ...ringrazia gli sfigati che scaricano!!!e quelli che comprano DRM cosa sarebbero? furbi? intelligenti?
  • isaia panduri scrive:
    il diritto alla copia
    E' simpatico questo modo di procedere.Si è passati dal concetto iniziale del a)"se pago per una cosa è mia e ci faccio quello che voglio" e si è arrivati ab)"pago per il cd ed in effetti il pezzo di plastica è mio. Ma quello che c'è dentro no. Ho acquisito però il diritto di ascoltarlo a piacimento e di farmene una copia"Adesso invece si è giunti ac) "Pago per avere il privilegio di poter ascoltare (DA SOLO, non in compagnia) il contenuto MA solo su un unico mezzo di diffusione. Inoltre non posso copiare niente a meno che il proprietario dell'opera esplicitamente si rifiuti di utilizzare un qualsiasi sistema anticopia. Questo significa che non posso duplicare il supporto, non posso trascodificare le tracce sul mio mp3 player, non posso usare quelle tracce per animare una festa privata (dovrei pagare di nuovo qualcuno)"
    • tuttologo scrive:
      Re: il diritto alla copia
      analisi tristemente realisticad'altra parte tutto questo spiana la strada a nuovi talenti come quelli su jamendocosì mi basta aprire rhythmbox per avere in un click una libreria di oltre 100.000 canzoni, suddivise in 78 generi, oltre 7.000 artisti per oltre 13.000 albumcon un click destro posso:* scaricare la singola canzone o l'album intero, per trovarmelo direttamente nella libreria* donare soldi all'artista[img]http://img248.imageshack.us/img248/3508/jamendoct4.jpg[/img]
  • krane scrive:
    Re: strafalcione nel titolo
    - Scritto da: giyf
    - Scritto da: tuttologo

    perchè i mangiaranocchie storpiano tutte le

    parole che non siano in francese, e il DRM lo

    chiamano GDN = Gestion des droits numériques
    io mi chiederei perché invece i terroni come te
    non hanno considerazione della loro lilngua...Cel'ha abbastanza da non fare traduzioni "ad minkiam" come fanno di continuo i franchi (rotfl)(rotfl)
  • Aresio scrive:
    mitica audocassetta..
    ..ritornerà in auge?
  • Genoveffo il terribile scrive:
    La LEGGE...
    è sempre dalla parte del potente, che la compra come e quando vuole.Finchè questo concetto non si infila nella testa, è dura sopravvivere.Ma comunque, dov'è il problema?Siamo realisti: di software per copiare cd e dvd protetti ce n'è a iosa.I CD e i DVD si comprano dove l'equo compenso non c'è, e se ci bloccano il download si torna al vecchio sistema: estrai, converti, scambia . E ciaoooooooo.......
  • giagia scrive:
    Basterebbe scioperare
    Basterebbe fare lo sciopero degli acquisti che cambierebbero idea.
  • tuttologo scrive:
    strafalcione nel titolo
    perchè i mangiaranocchie storpiano tutte le parole che non siano in francese, e il DRM lo chiamano GDN = Gestion des droits numériques
    • Tar scrive:
      Re: strafalcione nel titolo
      - Scritto da: tuttologo
      perchè i mangiaranocchie storpiano tutte le
      parole che non siano in francese, e il DRM lo
      chiamano GDN = Gestion des droits
      numériquesAlmeno i mangiaranocchie ci tengono alla loro lingua mentre la nostra è terminata a scomparire... E lo dice uno che non li può vedere
      • tuttologo scrive:
        Re: strafalcione nel titolo
        - Scritto da: Tar
        Almeno i mangiaranocchie ci tengono alla loro
        lingua mentre la nostra è terminata a
        scomparire...non stento a crederlo -_-
      • patetici scrive:
        Re: strafalcione nel titolo
        - Scritto da: Tar
        - Scritto da: tuttologo

        perchè i mangiaranocchie storpiano tutte le

        parole che non siano in francese, e il DRM lo

        chiamano GDN = Gestion des droits

        numériques
        Almeno i mangiaranocchie ci tengono alla loro
        lingua mentre la nostra è terminata a
        scomparire... E lo dice uno che non li può
        vedereok, pero' da oggi chiami 1) il mouse topo2) il monitor schermo3) il driver pilota4) la bistecca (che e' una distorsione di beef steak) la chiami fetta di carne5) il computer lo chiami computatore o ordinatore6) l'SMS (Short Message Service) lo chiami SMC (Servizio di Messaggistica Corta)7) l'USB lo chiami TSU (Trasporto Seriale Universale)8) l'autobus lo chiami trasporto pubblico su stradapatetico, come patetici sono i francesi. Ma d'altro canto cosa aspettarsi dall'unico popolo francofono rimasto che continua a dire quattroventidiciotto per dire 98 solo perche' tre sfigati vestiti di pelle di pecora lo diceva 2000 anni fa, prima che i romani gli aprissero delicatamente le chiappe ?
        • Mr.God scrive:
          Re: strafalcione nel titolo
          - Scritto da: patetici
          ok, pero' da oggi chiami
          1) il mouse topo
          2) il monitor schermo
          3) il driver pilota
          4) la bistecca (che e' una distorsione di beef
          steak) la chiami fetta di
          carne
          5) il computer lo chiami computatore o ordinatore
          6) l'SMS (Short Message Service) lo chiami SMC
          (Servizio di Messaggistica
          Corta)
          7) l'USB lo chiami TSU (Trasporto Seriale
          Universale)
          8) l'autobus lo chiami trasporto pubblico su
          strada

          patetico, come patetici sono i francesi. Ma
          d'altro canto cosa aspettarsi dall'unico popolo
          francofono rimasto che continua a dire
          quattroventidiciotto per dire 98 solo perche' tre
          sfigati vestiti di pelle di pecora lo diceva 2000
          anni fa, prima che i romani gli aprissero
          delicatamente le chiappe
          ?HAHAHAHAHAHA questa é fortissima! :D
        • LAT scrive:
          Re: strafalcione nel titolo
          idolo
    • giyf scrive:
      Re: strafalcione nel titolo
      - Scritto da: tuttologo
      perchè i mangiaranocchie storpiano tutte le
      parole che non siano in francese, e il DRM lo
      chiamano GDN = Gestion des droits
      numériquesio mi chiederei perché invece i terroni come te non hanno considerazione della loro lilngua...
  • Comunardo scrive:
    La musica e' arte ed e' di tutti
    Questa dovrebbe essere una legge universale: Il cd e' della casa discografica e dell'autore...L'arte e' di tutti. Per cui chi falsifica va perseguito perche' duplica un prodotto fisico. Chi senza fini di lucro ascolta e riproduce su supporti di sua proprieta' un'opera d'arte.. non compie reato.Se si applicasse questo principio quasi ovvio si risolverebbero tutti i problemi.Intanto se io ascolto Laura Pausini in mp3 mi va bene... se mi levano la possibilita' l'ultima cosa che faccio nella vita e' comprare un suo cd. I JJ72, gruppo semisconosciuto, che ho ascoltato grazie a internet, scaricando mp3... e mi piacciono molto, i cd me li sono comprati tutti. In pratica internet favorisce i piccoli, perche' anche se i negozi non hanno un cd, lo ascolto e lo compro attraverso la rete. Ecco perche' le majors hanno tutto da perdere. Non possono piu', con l'esclusiva della gestione del mondo musicale, ricattare gli artisti.Intanto: l'unico modo per stroncare la diffusione di musica e' chiudere internet. Chi vuole speculare sulla musica non ha alternative....
    • Mr.Pink scrive:
      Re: La musica e' arte ed e' di tutti
      - Scritto da: Comunardo
      Questa dovrebbe essere una legge universale: Il
      cd e' della casa discografica e
      dell'autore...
      L'arte e' di tutti. Per cui chi falsifica va
      perseguito perche' duplica un prodotto fisico.
      Chi senza fini di lucro ascolta e riproduce su
      supporti di sua proprieta' un'opera d'arte.. non
      compie
      reato.Se copi opere coperte dal diritto d'autore compi reato in quanto violi la legge. Che sia difficilmente perseguibile in alcuni casi è un discorso diverso.Se dovesse diventare lecito copiare un disco, nessuno farebbe più dischi. Oppure dovrebbero fare affidamento su quelli che proprio vogliono il cd originale, che però è diventato scomodissimo per la maggior parte degli utenti che in macchina e sul player tascabile preferiscono l'mp3.Non credo che varrebbe la pena spendere capitali per produrre qualcosa da distribuire gratis. Se fossi un autore a quel punto farei girare per radio prodotti con qualità audio molto scadente e punterei tutto sui concerti. Peccato perché era bello ascoltare la musica di qualità sul lettorino o sullo stereo.
      • Comunardo scrive:
        Re: La musica e' arte ed e' di tutti
        Mr. Pink, intanto sta gia' succedendo... Tutti si servono, copiano, senza che nessuno si possa opporre seriamente. Per cui si tratterebbe solo di ammettere la realta'. Il vero problema e' il prezzo. Un supporto che costa fisicamente centesimi di euro... Non puoi venderlo ai prezzi attuali. E' un furto. Vogliono arricchirsi sulle spalle dei sempre meno che comprano. Ancora di piu' la musica scaricata da iTunes. Se costasse 10 cent a brano, sarebbe decisamente interessante anche per chi scarica gratuitamente.
        • Mr.Pink scrive:
          Re: La musica e' arte ed e' di tutti
          - Scritto da: Comunardo
          Mr. Pink, intanto sta gia' succedendo... Tutti si
          servono, copiano, senza che nessuno si possa
          opporre seriamente. Per cui si tratterebbe solo
          di ammettere la realta'. Il vero problema e' il
          prezzo. Un supporto che costa fisicamente
          centesimi di euro... Non puoi venderlo ai prezzi
          attuali. E' un furto. Vogliono arricchirsi sulle
          spalle dei sempre meno che comprano. Ancora di
          piu' la musica scaricata da iTunes. Se costasse
          10 cent a brano, sarebbe decisamente interessante
          anche per chi scarica
          gratuitamente.Quei "tutti" che scaricano sono le persone che sanno smanettare, una percentuale minima del totale. Se rendi legale la cosa il p2p è inutile, basta scaricare dai siti, e chi non ha internet si fa copiare i cd dall'amico.Comunque un'economia dove il prezzo lo decide l'acquirente temo che abbia qualche difficoltà a funzionare.
          • Comunardo scrive:
            Re: La musica e' arte ed e' di tutti
            Mr. Pink, il prezzo lo decide sempre l'aquirente. Il mercato e' così. Se tanti comprano il prezzo si alza, se pochi comprano si abbassa. Questo quasi sempre. Nel settore discografico se pochi comprano fano pagare a loro tutto quello che non riescono a guadagnare con le copie. Esattamente lo stesso concetto delle tasse sui supporti. E' che sono in fondo dei burocrati convinti di poter "prelevare" al popolo comunque ed in ogni modo. Per questo il mondo discografico e' una fogna popolata da furbacchioni e mentecatti... Come il mondo della politica... Ovviamente.
  • 01234 scrive:
    ricapitoliamo
    il drm è legittimola copia non si può fare neppure per sé stessiPERO'!!! l'equo compenso rimane anzi aumenta...allora sai che ti dico? ancora di più scarichiamo, tanto "si spinge a giustificarne l'aumento con il dilagare di una pirateria che i sistemi DRM non sono evidentemente in grado di arginare", quindi c'è un rapporto circolare di cause e effetto tra EC e download...APPOSTO COSI'poi però non voglio sentire i moralisti piagnoni eh? :-D
    • rockroll scrive:
      Re: ricapitoliamo
      - Scritto da: 01234
      il drm è legittimo

      la copia non si può fare neppure per sé stessi

      PERO'!!! l'equo compenso rimane anzi aumenta...

      allora sai che ti dico? ancora di più
      scarichiamo, tanto "si spinge a giustificarne
      l'aumento con il dilagare di una pirateria che i
      sistemi DRM non sono evidentemente in grado di
      arginare", quindi c'è un rapporto circolare di
      cause e effetto tra EC e
      download...

      APPOSTO COSI'

      poi però non voglio sentire i moralisti piagnoni
      eh?
      :-DCondivido e meriti di essere quotato; mi spiace non saper aggiungere altro ma hai detto tu tutto quel che stavo per dire io.
  • 0verture scrive:
    A volte mi chiedo se sono proprio idioti
    Per la serie: Quanto è lontana la giurisprudenza dalla realtàAldilà delle solite questioni se copiare è giusto o sbagliato, ci troviamo in un periodo economico è semplicemente nero.Ovunque ci giriamo troviamo solo crolli nelle borse, industrie che non producono più e cassa integrazione a palla. La gente vede assottigliarsi ogni giorno di più il proprio piccolo stato di benessere (che spesso non corrisponde alla possibilità di cambiare cellulare ogni volta che si vuole ma solo di pagarsi le bollette), col risultato che si riducono in massa in acquisti in quanto c'è un crollo di fiducia generale nel futuro (non parliamo poi di cosa succede in Grecia dov'è finita sotto le scarpe).E questi cosa fanno ?Ci mettono una pietra sopra, nel senso che se non ci hanno lapidato abbastanza gli eventi, tattarataaa arrivano i nostri (i loro...)Ma si rendono conto o no che quello che serve è risollevare la fiducia della gente e non mortificarla ogni volta che respira ? Si rendono soprattutto conto (e questo è un consiglio ai politicanti) che se il popolino si riprende forzatamente dall'intorpidimento offerto dal consumismo sfrenato, quello che è successo in Grecia si allargherà in ogni direzione perchè questi apriranno gli occhi e si renderanno conto di molte cose che per il loro bene (quello dei parolai obesi che occupano le posizioni del potere) farebbero meglio a rimanere in secondo piano ?Ma quando da piccoli gli spiegavano il concetto del bastone e (soprattutto) della carota, cosa pensavano ?
    • Franco scrive:
      Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
      - Scritto da: 0verture
      Per la serie: Quanto è lontana la giurisprudenza
      dalla
      realtà

      Aldilà delle solite questioni se copiare è giusto
      o sbagliato, ci troviamo in un periodo economico
      è semplicemente
      nero.
      Ovunque ci giriamo troviamo solo crolli nelle
      borse, industrie che non producono più e cassa
      integrazione a palla. La gente vede
      assottigliarsi ogni giorno di più il proprio
      piccolo stato di benessere (che spesso non
      corrisponde alla possibilità di cambiare
      cellulare ogni volta che si vuole ma solo di
      pagarsi le bollette), col risultato che si
      riducono in massa in acquisti in quanto c'è un
      crollo di fiducia generale nel futuro (non
      parliamo poi di cosa succede in Grecia dov'è
      finita sotto le
      scarpe).
      E questi cosa fanno ?
      Ci mettono una pietra sopra, nel senso che se non
      ci hanno lapidato abbastanza gli eventi,
      tattarataaa arrivano i nostri (i
      loro...)
      Ma si rendono conto o no che quello che serve è
      risollevare la fiducia della gente e non
      mortificarla ogni volta che respira
      ?
      Si rendono soprattutto conto (e questo è
      un consiglio ai politicanti) che se il
      popolino si riprende forzatamente
      dall'intorpidimento offerto dal consumismo
      sfrenato, quello che è successo in Grecia si
      allargherà in ogni direzione perchè questi
      apriranno gli occhi e si renderanno conto di
      molte cose che per il loro bene (quello dei
      parolai obesi che occupano le posizioni del
      potere) farebbero meglio a rimanere in secondo
      piano
      ?
      Ma quando da piccoli gli spiegavano il concetto
      del bastone e (soprattutto) della carota, cosa
      pensavano
      ?Fino a quando il popolino riuscirà a mantere i propri piccoli ed inutili privilegi,a discapito di qualcuno "socialmente" meno elevato,non accadrà mai niente.Una rivoluzione cambia radicalmente le cose.Essere disposti ad accettare un cambiamento totale prevede il non aver niente da perdere e il nulla da mangiare.Per fortuna,o per sfortuna,non siamo ancora del tutto in questa situazione.
      • Funz scrive:
        Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
        - Scritto da: Franco
        Fino a quando il popolino riuscirà a mantere i
        propri piccoli ed inutili privilegi,a discapito
        di qualcuno "socialmente" meno elevato,non
        accadrà mai
        niente.
        Una rivoluzione cambia radicalmente le
        cose.Essere disposti ad accettare un cambiamento
        totale prevede il non aver niente da perdere e il
        nulla da
        mangiare.
        Per fortuna,o per sfortuna,non siamo ancora del
        tutto in questa
        situazione.Guarda cosa sta succedendo in Grecia. Non badare a tutto il fumo negli occhi (letterale!) degli scontri con gli spaccavetrine. Perchè credi che la società greca nel suo complesso sia in agitazione? Contro chi? Per ottenere cosa?Chi pensi che sia il prossimo?
        • chojin scrive:
          Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
          - Scritto da: Funz
          - Scritto da: Franco


          Fino a quando il popolino riuscirà a mantere i

          propri piccoli ed inutili privilegi,a discapito

          di qualcuno "socialmente" meno elevato,non

          accadrà mai

          niente.

          Una rivoluzione cambia radicalmente le

          cose.Essere disposti ad accettare un cambiamento

          totale prevede il non aver niente da perdere e
          il

          nulla da

          mangiare.

          Per fortuna,o per sfortuna,non siamo ancora del

          tutto in questa

          situazione.

          Guarda cosa sta succedendo in Grecia. Non badare
          a tutto il fumo negli occhi (letterale!) degli
          scontri con gli spaccavetrine. Perchè credi che
          la società greca nel suo complesso sia in
          agitazione? Contro chi? Per ottenere
          cosa?
          Chi pensi che sia il prossimo?In Grecia sta succedendo il solito schifo che la sinistra fa contro i governi non di sinistra per tentare di sovvertire il voto democratico. E quindi vai di criminali in piazza armati di molotov e drogati al punto giusto.
          • PeeBee scrive:
            Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti


            In Grecia sta succedendo il solito schifo che la
            sinistra fa contro i governi non di sinistra per
            tentare di sovvertire il voto democratico. E
            quindi vai di criminali in piazza armati di
            molotov e drogati al punto
            giusto.Ma finiscila di dire stronzate. I governi dittatoriali in Grecia erano di destra. Prima studia la storia, poi parla.
          • XYZ scrive:
            Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
            - Scritto da: PeeBee



            In Grecia sta succedendo il solito schifo che la

            sinistra fa contro i governi non di sinistra per

            tentare di sovvertire il voto democratico. E

            quindi vai di criminali in piazza armati di

            molotov e drogati al punto

            giusto.

            Ma finiscila di dire stronzate. I governi
            dittatoriali in Grecia erano di destra. Prima
            studia la storia, poi
            parla.Anche se questa è una buona precisazione, sono ahimè dell'idea che parlare di governi "sinistrosi" o "destrosi" riguardo a questi eventi non è cosa "giusta", o meglio, non credo che il "vecchio orientamento politico" oramai valga più qualcosa!Sinistra, Destra, Centro... Mi spiegate che differenza fà in ambito economico(OGGI)? Sociale(OGGI), o in qualunque altro ambito? Mi pare che l'unica differenza di ideale oggigiorno si noti allo stadio o da come uno porta i capelli...Mi spiegate come possono, queste diverse "fazioni" (a mio parere non piu sussistenti, anzi che andrebbero SUBITO SMANTELLATE) cambiare la "dovuta" (visto il bilancio in negativo degli stati europei, in particolare il NOSTRO (1400 e rotti mld di , cioè il 104%), e la situazione in previsto e continuo peggioramento) situazione di AUSTERITA' (poichè in questo siamo, anche se ancora non ne parla nessuno, ma lo faranno presto..)Ma voi lo sapete che la megamanovra americana salvabanche, (svariati milamiliardi di dollari) necessiterà (ovviamente) un mega-rifinanziamento tramite titoli?E che questi titoli saranno liberamente comprabili (cinesi, arabi, corporations, marziani, massoni e chi piu ne ha piu ne metta..), a lunga durata, e buona rendita?E sapete che nei prossimi anni saranno in scadenza (cioè stanno per venire restituiti) una quantità di titoli statali ITALIANI (la maggior parte attualmente in possesso delle banche (la restituzione dei titoli, x intenderci è la tanto decantata mossa salvabanche all italiana atta alla risoluzione della pericolosissima crisi di liquidità.................. : )) di valore pari al DOPPIO (2.6 volte x la precisione) del nostro P.I.L.? Vista la prevista concorrenza coi titoli americani..Chi credete rifinanzierà il nostro Capitale Statale??E più che altro.... PERCHE TUTTA LA MALEDETTA CLASSE POLITICA E TUTTO IL GIORNALISMO ITALIANO (LO RIPETO, CENSURATO E CONTROLLATO), NON DICONO ASSOLUTAMENTE NULLA PER DELUCIDARE QUESTA SITUAZIONE?? PERCHE' SI CERCANO DI APPROVARE A BREVE TERMINE DELLE LEGGI CHE, IL PIU VELOCEMENTE POSSIBILE PROVINO AD AZZITTIRE CHI, SU INTERNET, DA LIBERO SFOGO ALLA PROPRIA VOCE? PERCHE' LE GRANDI AZIENDE ITALIANE, O CHE IN ITALIA HANNO INTERESSI, STANNO "BLINDANDO" I PROPRI CAPITALI COME SE FOSSERO IN ATTESA DI UN MEGACROLLO ECONOMICO?PERCHE' LE BANCHE UNIFICANO LE PROPRIE SEDI CONTINUAMENTE COME SE SI ASPETTASSERO LA STESSA COSA?PERCHE' I LOSCHI FIGURI ATTUALMENTE AL POTERE, E TUTTI GLI ELEMENTI CHE "DOVREBBERO" FARE OPPOSIZIONE CI STANNO DICENDO (A PARTE QUALCHE TEATRINO POLITICO) CHE VA' TUTTO BENE?Lo vogliamo fare un articolo con questi toni o dobbiamo considerarci criminali direttamente per avere qualche risposta?
          • Cobra Reale scrive:
            Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
            - Scritto da: chojin
            - Scritto da: Funz

            - Scritto da: Franco




            Fino a quando il popolino riuscirà a mantere i


            propri piccoli ed inutili privilegi,a
            discapito


            di qualcuno "socialmente" meno elevato,non


            accadrà mai


            niente.


            Una rivoluzione cambia radicalmente le


            cose.Essere disposti ad accettare un
            cambiamento


            totale prevede il non aver niente da perdere e

            il


            nulla da


            mangiare.


            Per fortuna,o per sfortuna,non siamo ancora
            del


            tutto in questa


            situazione.



            Guarda cosa sta succedendo in Grecia. Non badare

            a tutto il fumo negli occhi (letterale!) degli

            scontri con gli spaccavetrine. Perchè credi che

            la società greca nel suo complesso sia in

            agitazione? Contro chi? Per ottenere

            cosa?

            Chi pensi che sia il prossimo?

            In Grecia sta succedendo il solito schifo che la
            sinistra fa contro i governi non di sinistra per
            tentare di sovvertire il voto democratico. E
            quindi vai di criminali in piazza armati di
            molotov e drogati al punto
            giusto.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Funz scrive:
            Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
            - Scritto da: chojin
            In Grecia sta succedendo il solito schifo che la
            sinistra fa contro i governi non di sinistra per
            tentare di sovvertire il voto democratico. E
            quindi vai di criminali in piazza armati di
            molotov e drogati al punto
            giusto.Tu si che hai capito tutto, come sempre (rotfl)Continua pure a vivere nel tuo mondo delle favole (Silviolandia?)
        • MegaJock scrive:
          Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
          Piantala di sognare. In Grecia spaccheranno vetrine ancora per un po', poi torneranno a lavorare a capo chino, con le bollette che arrivano puntuali nella cassetta delle lettere.Non cambierà nulla.La protesta non si estenderà.E in ogni caso sta sicuro che l'Europa, che come dovresti sapere è governata dalla lobby economica non lo consentirà.
          • Sgabbio scrive:
            Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
            :-o :-o :-o :-o :-o :-o :-oIl troll "borg" della situazione :D
          • MegaJock scrive:
            Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
            Tu aspetta e vedrai. Vuoi cambiare le cose? Impara a farlo con i mezzi giusti, cioè con quelli che usano quelli che effettivamente controllano le cose. Il resto sono illusioni.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
      - Scritto da: 0verture
      Per la serie: Quanto è lontana la giurisprudenza
      dalla
      realtà

      Aldilà delle solite questioni se copiare è giusto
      o sbagliato, ci troviamo in un periodo economico
      è semplicemente
      nero.
      Ovunque ci giriamo troviamo solo crolli nelle
      borse, industrie che non producono più e cassa
      integrazione a palla. La gente vede
      assottigliarsi ogni giorno di più il proprio
      piccolo stato di benessere (che spesso non
      corrisponde alla possibilità di cambiare
      cellulare ogni volta che si vuole ma solo di
      pagarsi le bollette), col risultato che si
      riducono in massa in acquisti in quanto c'è un
      crollo di fiducia generale nel futuro (non
      parliamo poi di cosa succede in Grecia dov'è
      finita sotto le
      scarpe).
      E questi cosa fanno ?
      Ci mettono una pietra sopra, nel senso che se non
      ci hanno lapidato abbastanza gli eventi,
      tattarataaa arrivano i nostri (i
      loro...)
      Ma si rendono conto o no che quello che serve è
      risollevare la fiducia della gente e non
      mortificarla ogni volta che respira
      ?
      Si rendono soprattutto conto (e questo è
      un consiglio ai politicanti) che se il
      popolino si riprende forzatamente
      dall'intorpidimento offerto dal consumismo
      sfrenato, quello che è successo in Grecia si
      allargherà in ogni direzione perchè questi
      apriranno gli occhi e si renderanno conto di
      molte cose che per il loro bene (quello dei
      parolai obesi che occupano le posizioni del
      potere) farebbero meglio a rimanere in secondo
      piano
      ?
      Ma quando da piccoli gli spiegavano il concetto
      del bastone e (soprattutto) della carota, cosa
      pensavano
      ?Ah già la crisi!Hai notato l'ultimo fine settimana, quello del ponte?Gli Italiani in crisi hanno fatto record di code sulle autostrade, di shopping negli ipermercati e nei mercatini di natale e il tutto esaurito in montagna!Caspita che crisi!La verità è che fino ad oggi veri licenziamenti in Italia non ce ne sono stati, anche i dati sulla cassaintegrazione, 350.000 unità sono tutto sommato buoni, la vera crisi la vedremo nei mesi futuri quando partiranno i veri licenziamenti... se è vero quello che la sinistra continua ad urlare dal maggio scorso, da quando ha perso le elezioni!Staremo a vedere, per ora osservo solo una paura giustificata per la crisi americana e quella dei mercati finanziari, ma ho la sensazione che la gente dopo un periodo di smarrimento abbia ripreso a fare la vita di prima!
      • 0verture scrive:
        Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
        Il nostro piccolo problema è che viviamo sull'esportazione di prodotti e sul turismo straniero.Questo significa che se altrove salta la baracca noi ci andiamo a fondo insieme.Per quanto riguarda la "crisi", guarda non so più che pensare
      • pentolino scrive:
        Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
        quoto, l' altro giorno sono passato in centro ed era un manicomio... c' era tanta di quella gente di cui non si vedeva la faccia perchè coperta da pacchi di regali, i bar per "cappuccio e pasta" erano pieni all' inverosimile, trovare un posto in ristorante (decente) è un' impresa... ma non è che ha ragione Albanese con il suo ministro della paura!E non venitemi a dire che il calo del pil è necessariamente un male, basta vedere come è calcolato per rendersi conto che il pil è una grande, strepitosa ca***ta!
      • Mi scoccio di loggare scrive:
        Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
        Questo e' vero, ma ti pongo due domande :1) Che percentuale di popolazione oggi ha un reddito netto mensile superiore ai 2.500 euro?2) Quando la crisi economica USA arrivera' in Italia, quanto saremo pronti all'impatto?E poi due piccole riflessioni : 1) Oggi una famiglia con un reddito netto mensile inferiore ai 2.000 euro al mese non tira avanti ed i conti son presto fatti : ( 700 euro l'affitto mensile, 50 euro l'assicurazione mensile, 150 euro le bollette mensile, 50 euro le spese condominiali mensile, 100 euro le spese dei trasporti mensile -per la famiglia-, 400 euro il costo del cibo al mese, 100 euro il costo dell'abbigliamento mensile, 150 euro le spese ricreative per i figli - sport o hobby - mensile, 50 euro di benzina al mese ) : Totale 1750 euro.A questi soldi, aggiungi un extra spesa per eventuali imprevisti ( regali a parenti, riparazioni domestiche, riparazioni auto,visite mediche... ) e vedi che i 2000 euro non bastano.Una famiglia di 2 operai con paga da 800 euro mensili, raggiunge quota 1600 euro. Mancano all'appello 150 euro MINIMO.In una situazione del genere ( e penso che gli operai siano la maggioranza di questo paese), entro quanto prevedi una rivoluzione?Certo, oggi non e' ancora iniziata perche' la gente che vive nel precariato e' ancora giovane ( con i contratti atipici ), ma arrivati a 35-45 anni, vedrai che la gente "crescera'" e vorra' avere una propria indipendenza economica ( quindi potersi pagare un fitto o un mutuo, poter fare la spesa, mandare i figli in palestra ), e comincera' a premere verso lo Stato. Una fine simile all'Argentina o alla Grecia non la vedo cosi remota come ipotesi.2) Perche' non si cerca di capire bene chi e' il consumatore tipico di oggi, chi e' che oggi riesce a spendere soldi con estrema facilità e quali sono le sue entrate "dichiarate" e a quanto ammonta invece l'uscita mensile, in modo da verificare eventuali "evasori" e da colpirli in maniera adeguata?A me non va affatto giu, vedere gente che gira in SUV ( 1 per ogni componente familiare ) e poi dichiarare di avere un reddito simile al mio. Non va affatto giu vedere gente che entra in un negozio, e spende migliaia di euro come se fossero lire.Insomma, non creiamo allarmismo, ma non restiamo nemmeno a guardare inerti, perche' la crisi in giro c'e' ( all'estero ) e prossimamente ci tocchera', volenti o dolenti.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
          - Scritto da: Mi scoccio di loggare
          Questo e' vero, ma ti pongo due domande :

          1) Che percentuale di popolazione oggi ha un
          reddito netto mensile superiore ai 2.500
          euro?
          2) Quando la crisi economica USA arrivera' in
          Italia, quanto saremo pronti
          all'impatto?

          E poi due piccole riflessioni :

          1) Oggi una famiglia con un reddito netto mensile
          inferiore ai 2.000 euro al mese non tira avanti
          ed i conti son presto fatti : ( 700 euro
          l'affitto mensile, 50 euro l'assicurazione
          mensile, 150 euro le bollette mensile, 50 euro le
          spese condominiali mensile, 100 euro le spese dei
          trasporti mensile -per la famiglia-, 400 euro il
          costo del cibo al mese, 100 euro il costo
          dell'abbigliamento mensile, 150 euro le spese
          ricreative per i figli - sport o hobby - mensile,
          50 euro di benzina al mese ) : Totale 1750
          euro.
          A questi soldi, aggiungi un extra spesa per
          eventuali imprevisti ( regali a parenti,
          riparazioni domestiche, riparazioni auto,visite
          mediche... ) e vedi che i 2000 euro non
          bastano.
          Una famiglia di 2 operai con paga da 800 euro
          mensili, raggiunge quota 1600 euro. Mancano
          all'appello 150 euro
          MINIMO.
          Mica tutti sono in affitto, anzi e lo dice l'Istat l'80% delle famiglie abita in una casa di proprietà, quindi 1600 euro dagli stessi conti da te esposti possono bastare!Poi mica sono tutti operai al minimo o simili, in Italia c'è un grande appiattimento salariale, ma in generale lo stipendio netto minimo si aggira sui 1000 - 1100 euro!
          In una situazione del genere ( e penso che gli
          operai siano la maggioranza di questo paese),
          entro quanto prevedi una
          rivoluzione?
          Se le cose stanno così, per fortuna mai!
          Certo, oggi non e' ancora iniziata perche' la
          gente che vive nel precariato e' ancora giovane (
          con i contratti atipici ), ma arrivati a 35-45
          anni, vedrai che la gente "crescera'" e vorra'
          avere una propria indipendenza economica ( quindi
          potersi pagare un fitto o un mutuo, poter fare la
          spesa, mandare i figli in palestra ), e
          comincera' a premere verso lo Stato. Una fine
          simile all'Argentina o alla Grecia non la vedo
          cosi remota come
          ipotesi.
          Non esageriamo i contratti atipici sono sempre una netta minoranza dei conttratti ed in generale dopo un periodo più o meno lungo il Lavoratore riesce poi ad ottenere l'agognato posto fisso!
          2) Perche' non si cerca di capire bene chi e' il
          consumatore tipico di oggi, chi e' che oggi
          riesce a spendere soldi con estrema facilità e
          quali sono le sue entrate "dichiarate" e a quanto
          ammonta invece l'uscita mensile, in modo da
          verificare eventuali "evasori" e da colpirli in
          maniera
          adeguata?Su questo hai perfettamente ragione, vedere Rifondazione comunista che colloca l'ideale di ricchezza sopra i 40.000 euro lordi e vedere che solo l'1% delle dichiarazioni supera i 50.000 euro è veramente scandaloso!Cavolo ti obbligano a fare la dichiarazione dei redditi informatizzata, incrociassero un pò i dati no? Case , autovetture ecc... risulteranno pure, non credo ci vogliano grandi calcoli per stabilire che uno che dichiari meno di 50.000 euro l'anno il SUV proprio non se lo può permettere!Ma questo con la crisi centra poco!
          Insomma, non creiamo allarmismo, ma non restiamo
          nemmeno a guardare inerti, perche' la crisi in
          giro c'e' ( all'estero ) e prossimamente ci
          tocchera', volenti o
          dolenti.Mah staremo a vedere, penso che la cosa migliore sia appunto non terrorizzare la gente ed evitare di deprimere i consumi più del necessario, poi gli elementi positivi non mancano, il dollaro si è apprezzato di quasi il 20%, il petrolio costa un terzo, così anche molte materie prime sono in calo, per un paese manifatturiero come il nostro, volto a competere in settori di qualità medio elevata forse le cose non sono poi così nere!La stessa Fiat patrimonialmente appare molto più solida di molte altre aziende automobilistiche e sembra ben preparata a reggere il periodo recessivo, le nostre banche non hanno avuto aiuti di stato, al contrario di quanto è avvenuto all'estero, e il debito pubblico in una fase come questa sta addirittura migliorando, insomma vediamo di non esagerare uno stato di crisi che in Italia per la verità perdura da alcuni anni, con dichiarazioni catastrofiste francamente fuori luogo.P.S. A proposito di turismo, come mai i vari tour operator sono così fiduciosi sulle prospettive 2009 del turismo in Italia?
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Mica tutti sono in affitto, anzi e lo dice
            l'Istat l'80% delle famiglie abita in una casa di
            proprietà, quindi 1600 euro dagli stessi conti da
            te esposti possono
            bastare!Beh... se consideri l'Istat, allora dovresti anche prender per vero che da quando e' entrato l'euro, la svalutazione monetaria non e' stata superiore al 30%.Eppure oggi, con 1000 euro compri meno di quanto acquistavi con 1.000.000 di lire.L'Istat si basa sul numero di famiglie presenti in Italia e sul numero di case di proprietà e fa una semplice divisione.Prova a verificare quanti sono realmente in affitto, quanti sono nelle case popolari, e quanto vale una casa.Se si fosse realmente all'80% delle famiglie con casa di proprietà, si avrebbe una svalutazione immobiliare da sogno ( per chi casa non ce l'ha ).
            Poi mica sono tutti operai al minimo o simili, in
            Italia c'è un grande appiattimento salariale, ma
            in generale lo stipendio netto minimo si aggira
            sui 1000 - 1100
            euro!Il calcolo che ho fatto, ti mostra che con 2000 euro mensili riesci a malapena a pagare le spese "necessarie". Per gli imprevisti ti resta solo il rene.

            In una situazione del genere ( e penso che gli

            operai siano la maggioranza di questo paese),

            entro quanto prevedi una

            rivoluzione?

            Se le cose stanno così, per fortuna mai!Abbiamo avuto piccoli sentori in Campania all'inizio del 2008.Ormai (molta) gente sta cominciando a capire che certi "privilegi" non sono piu' giustificati e che se un cittadino vive con 200 euro al mese, non puo' essercene un'altro ( posto statale ) a 10.000 euro + benefits.

            spesa, mandare i figli in palestra ), e

            comincera' a premere verso lo Stato. Una fine

            simile all'Argentina o alla Grecia non la vedo

            cosi remota come

            ipotesi.



            Non esageriamo i contratti atipici sono sempre
            una netta minoranza dei conttratti ed in generale
            dopo un periodo più o meno lungo il Lavoratore
            riesce poi ad ottenere l'agognato posto
            fisso!Beh, non disegniamola tutta rose e fiori. C'e' gente, che mantiene le persone in contratti atipici per anni.A volte e' solo dietro minacce o fughe verso altre citta' che la gente viene assunta con contratti "umani".
            P.S. A proposito di turismo, come mai i vari tour
            operator sono così fiduciosi sulle prospettive
            2009 del turismo in
            Italia?Onestamente non lo so, ma con l'aria che tira...
    • Funz scrive:
      Re: A volte mi chiedo se sono proprio idioti
      L'operazione simpatia continua con successo...
  • francososo scrive:
    ogni consumatore tradito.....
    ogni consumatore tradito si sentirà prima o poi in dovere di scaricare a sbafo : ma a quanto pare questo non viene ancora recepito !
Chiudi i commenti