Legge su blog e stampa, la Cassinelli 1.5

Nuova versione del progetto di legge che il parlamentare del PDL ha definito salvablog. Più chiaro cosa si intenda per prodotto editoriale e per profitto. Le considerazioni, il video, il testo, la polemica con Grillo

Roma – Non siamo ancora alla 2.0, ma alla 1.5: il parlamentare del partito del Popolo delle Libertà, Roberto Cassinelli, ha presentato la nuova release della sua proposta di legge su informazione, stampa e blog . Una versione che, dice, è stata redatta seguendo le indicazioni chieste alla rete e ai suoi abitanti ma, aggiunge subito, “aspetto nuovi consigli primi di depositare il testo definitivo”.

Cassinelli, membro della commissione Giustizia alla Camera, presenta la sua nuova “salvablog”, così l’ha definita , in un video pubblicato sul suo blog , sottolineando le novità del testo rispetto a quello precedente : un testo che intende riformare la Legge sulla Stampa e che ora appare più preciso nel definire l’oggetto di cui intende occuparsi.

In primis si afferma che gli obblighi di registrazione di cui alla Legge sulla stampa sono esclusi per tutti i prodotti editoriali pubblicati sulla rete Internet , “ed in particolare – continua il testo – quelli utilizzati quale strumento di espressione del pensiero e di aggregazione sociale e culturale”.

Tutti tutti? “Ad eccezione – continua la proposta – di quelli per cui sussista almeno una delle seguenti fattispecie:

a) il prodotto editoriale pubblicato sulla rete internet risulta essere l’edizione telematica di un prodotto editoriale realizzato su supporto cartaceo per il quale sussistono tali obblighi, e con esso ha in comune l’editore o il direttore responsabile;
b) l’editore del prodotto editoriale pubblicato sulla rete internet intende avvalersi delle provvidenze previste dall’articolo 3 (quelle previste per la stampa, ndr.);
c) il prodotto editoriale pubblicato sulla rete internet ha quale scopo unico o prevalente la pubblicazione e diffusione di notizie di attualità, cronaca, politica, costume, economia, cultura o sport, e sussistono entrambe le seguenti condizioni: il prodotto editoriale è gestito in modo professionale da una redazione di almeno due persone regolarmente retribuite; contiene al proprio interno inserzioni pubblicitarie che complessivamente costituiscono per l’editore fonte di reddito lordo per un importo non inferiore ad Euro 36.000 annui”.

Il nuovo testo dunque esclude da obblighi di qualsiasi genere blog e siti gestiti da una sola persona indipendentemente dall’eventuale profitto che ne trae e include spazi web che generino almeno un qualche fatturato, ma solo se composti da almeno due persone “regolarmente retribuite”. Se può risultare ancora non del tutto chiaro lo spettro dei siti coinvolti, è evidentemente più ovvio il fatto che si contempli la registrazione per chi vuole rastrellare denaro pubblico con le proprie attività.

Di interesse, inoltre, l’articolo 3 della proposta ( qui in PDF ), quello relativo alla omessa registrazione :

“- 1. Chiunque intraprenda la pubblicazione di un prodotto editoriale periodico senza che sia stata eseguita la registrazione di cui all’art. 5, ove richiesta, è punito con la sanzione amministrativa sino a euro 500. 2. La stessa sanzione si applica a chiunque pubblica un prodotto editoriale non periodico, del quale non risulti il nome dell’editore né quello dello stampatore o nel quale questi siano indicati in modo non conforme al vero”

Cassinelli ieri ha anche voluto rispondere a Beppe Grillo : il comico genovese aveva criticato duramente la proposta Cassinelli parlando di “legge fottiblogger”, annunciando poi di essere pronto se necessario a migrare il proprio celebre blog a Lugano, in Svizzera. Quella è una definizione che Cassinelli rifiuta: “La mia proposta di legge – fa sapere il parlamentare – è ancora aperta, e raccoglie ogni giorno contributi e critiche online. Se il mio concittadino Grillo vuole, possiamo confrontarci a Genova, ovviamente prima che parta per la Svizzera”.

Secondo Cassinelli “dire che si vuole salvare i blog per poi fotterli (cito le parole di Grillo), significa fare un processo ad intenzioni assolutamente inesistenti”. A suo dire è “soltanto un parlamentare che fa il suo lavoro di legislatore, cercando di modificare la legge nel pieno rispetto della libertà di stampa e di espressione del pensiero. Il fatto di essere un parlamentare del PDL non impegna in alcun modo la mia parte politica é tantomeno il Governo (impropriamente chiamato in causa dall’on. Storace). La mia proposta di legge è ancora aperta, sto raccogliendo tutti i suggerimenti e le critiche che arrivano ogni giorno e presto sottoporrò la terza bozza all’attenzione dei cittadini online”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Marco PAssia scrive:
    Scettico
    Il computer del Canadese che ha fatto un foro nel mezzo agli occhi ad un ufficiale iracheno da 2842m non era d'accordo con lui, il risultato del computer lo dava come impossibile da fare x un uomo... La mente umana è meglio del computer...
  • corvoverde scrive:
    TreLavori
    Un tradizione antica segnala tre attività inutili:"Togliere i ricci dalle castagne, spalare neve, ammazzare gente..."
    • 0verture scrive:
      Re: TreLavori
      Ce ne sta anche una quarta: filosofeggiare ad minchiam.1- Voglio vederti mangiare le castagne dentro i ricci2- Voglio vederti camminare dove sta la neve, doppiamente pericoloso (non vedi dove metti i piedi e rischi di scivolare)3- Sarà anche inutile ma aiuta ad equilibrare il numero di elementi sballati visto che la selezione naturale con l'uomo ha fallito
      • imBo.mintR scrive:
        Re: TreLavori
        - Scritto da: 0verture
        Ce ne sta anche una quarta: filosofeggiare ad
        minchiam.

        1- Voglio vederti mangiare le castagne dentro i
        ricci
        2- Voglio vederti camminare dove sta la neve,
        doppiamente pericoloso (non vedi dove metti i
        piedi e rischi di
        scivolare)
        3- Sarà anche inutile ma aiuta ad equilibrare il
        numero di elementi sballati visto che la
        selezione naturale con l'uomo ha
        fallito Quoto l'ultimo punto xD
        • IamSOMBER scrive:
          Re: TreLavori
          - Scritto da: imBo.mintR
          - Scritto da: 0verture

          Ce ne sta anche una quarta: filosofeggiare ad

          minchiam.



          1- Voglio vederti mangiare le castagne dentro i

          ricci

          2- Voglio vederti camminare dove sta la neve,

          doppiamente pericoloso (non vedi dove metti i

          piedi e rischi di

          scivolare)

          3- Sarà anche inutile ma aiuta ad equilibrare il

          numero di elementi sballati visto che la

          selezione naturale con l'uomo ha

          fallito

          Quoto l'ultimo punto xDQuindi chi muore secondo te è sempre un elemento sballato e chi sopravvive invece il meritevole?P.S forse scherzavi ripensandoci ma quello sopra no mi sembra
          • krane scrive:
            Re: TreLavori
            - Scritto da: IamSOMBER
            - Scritto da: imBo.mintR

            - Scritto da: 0verture


            Ce ne sta anche una quarta: filosofeggiare ad


            minchiam.


            1- Voglio vederti mangiare le castagne dentro


            i ricci


            2- Voglio vederti camminare dove sta la neve,


            doppiamente pericoloso (non vedi dove metti i


            piedi e rischi di scivolare)


            3- Sarà anche inutile ma aiuta ad equilibrare


            il numero di elementi sballati visto che la


            selezione naturale con l'uomo ha fallito

            Quoto l'ultimo punto xD
            Quindi chi muore secondo te è sempre un elemento
            sballato e chi sopravvive invece il meritevole?No : ha scitto "aiuta" .
            P.S forse scherzavi ripensandoci ma quello sopra
            no mi sembra.
  • Testazza scrive:
    Eccellente, da realizzare
    Spero che venga realizzato, si eviterebbero molte morti inutili, e il nemico, di solito delinquenti/assassini/attentatori/terroristi/vigliacchi, perché di quello si tratta (non di "patrioti-partigiani" che poi si scopre che vengono da altri paesi per guerre sante), saprebbe di poter essere colpito anche se fuori copertura.Si pensi ad esempio all'Iraq o a Munbai, un fucile così avrebbe fatto la differenza.
    • Troll Master scrive:
      Re: Eccellente, da realizzare
      - Scritto da: Testazza
      Spero che venga realizzato, si eviterebbero molte
      morti inutili, e il nemico, di solito
      delinquenti/assassini/attentatori/terroristi/vigli
      Si pensi ad esempio all'Iraq o a Munbai, un
      fucile così avrebbe fatto la
      differenza.Mmmh... mah, ho visto trollate migliori. Che voto ti posso dare? Direi un 6/7, però ti devi applicare di più. Il trolling è un'arte difficile.E ora torna pure su www.forumdeitroll.it
      • Testazza scrive:
        Re: Eccellente, da realizzare
        - Scritto da: Troll Master
        - Scritto da: Testazza

        Spero che venga realizzato, si eviterebbero
        molte

        morti inutili, e il nemico, di solito


        delinquenti/assassini/attentatori/terroristi/vigli

        Si pensi ad esempio all'Iraq o a Munbai, un

        fucile così avrebbe fatto la

        differenza.

        Mmmh... mah, ho visto trollate migliori. Che voto
        ti posso dare? Direi un 6/7, però ti devi
        applicare di più. Il trolling è un'arte
        difficile.
        E ora torna pure su www.forumdeitroll.itSuck it.
    • aaaaa scrive:
      Re: Eccellente, da realizzare

      e il nemico, di solito
      delinquenti/assassini/attentatori/terroristi/viglie chi decide chi e un deliquente ????? giusto per avere un idea leggi il link sotto http://fallout.wikia.com/wiki/Enclave
    • krane scrive:
      Re: Eccellente, da realizzare
      - Scritto da: Testazza
      Spero che venga realizzato, si eviterebbero molte
      morti inutili, e il nemico, di solito
      delinquenti/assassini/attentatori/terroristi/vigli
      Si pensi ad esempio all'Iraq o a Munbai, un
      fucile così avrebbe fatto la differenza.A io pensavo ad Obama, e' da un po' che lo vogliono far fuori no ?
  • keppello scrive:
    preparano i guinzagli
    tutto va a schifoinvece di pensare a farci stare bene, pensano a come ci terranno a bada.
    • painlord2k scrive:
      Re: preparano i guinzagli
      - Scritto da: keppello
      tutto va a schifo
      invece di pensare a farci stare bene, pensano a
      come ci terranno a
      bada.Chi aspetta che siano gli altri (lo stato o chi altro) a farlo stare bene non è migliore di un cane; e merita di stare al guinzaglio.
  • Lybra1983 scrive:
    ...
    Ma si sparassero delle supposte anali teleguidate!!!
    • 0verture scrive:
      Re: ...
      Ci avevano già fatto un film su una specie di proiettile che inseguiva il bersaglio sulla base di una traccia di dna
      • Wolf01 scrive:
        Re: ...
        Sisi, me lo ricordo, ma non ricordo che film fosse...Scharzenegger?Comunque sta roba mi ricorda molto di più l'OICW: http://en.wikipedia.org/wiki/XM29_OICWchissà che non faccia la stessa fine? (ossia quella di funzionare bene solo dentro a Soldier of Fortune 2)
  • Difensore scrive:
    Soldi...
    Sapete che tutti i soldi che ogni giorno vengono spesi per le armi, basterebbero alla ricerca che curerebbe molte malattie. basterebbero a sfamare milioni di bambini e dico milionibasterebbero a molo altro, siciramente a non uccidere
    • Terminator scrive:
      Re: Soldi...
      e che molta tecnologia che usiamo tutti i giorni é di origine militare? Quindi i soldi son spesi anche per noi alla fine.
      • Snoopy scrive:
        Re: Soldi...
        - Scritto da: Terminator
        e che molta tecnologia che usiamo tutti i giorni
        é di origine militare? Quindi i soldi son spesi
        anche per noi alla
        fine."Secondo due esperti di economia Usa il costo reale della guerra in Iraq potrebbe arrivare a due trilioni di dollari, cifra molto più alta delle stime fatte dalla Casa Bianca prima dellinizio delle ostilità. A queste conclusioni, riportate dai media Usa, sono arrivati Joseph E. Stiglitz (economista della Columbia University e premio Nobel per leconomia nel 2001) e Linda Bilmes (insegnante a Harvard). Lo studio tiene conto dei costi a lungo termine quali ad esempio le cure mediche destinate a continuare per tutta la vita delle migliaia di soldati feriti. "a dire il vero non so cosa sia un trilione, ma sembra tanto, sembra una cifra usata nei topolini. L'iraq se lo potevano comperare con quella cifra!!comunque, viene investito un capitale enorme che viene dalle tasche della gente (l'esercito mica é una realtà a se che si autofinanzia!), una minima parte viene investita per la ricerca mirata alla distruzione, rimane segreta e dopo anni e anni forse viene rilasciata e convertita in qualcosa di utile per la gentecomplimenti, non fa una piega é un ottimo ragionamento!dai che te lo ripeto:complimenti, non fa una piega é un ottimo ragionamento!Quindi i soldi son spesi
        anche per noi alla
        fine.sigh
        • Lex scrive:
          Re: Soldi...



          a dire il vero non so cosa sia un trilione, ma
          sembra tanto, sembra una cifra usata nei
          topolini. L'iraq se lo potevano comperare con
          quella
          cifra!!E' il modo americano di contare oltre il milione:Million (Milione) -
          1.000.000Billion (Miliardo) -
          1.000.000.000Trillion (Mille miliardi) -
          1.000.000.000.0001 Trilione di dollari sono mille miliardi di dollari
        • Funz scrive:
          Re: Soldi...
          - Scritto da: Snoopy
          "Secondo due esperti di economia Usa il costo
          reale della guerra in Iraq potrebbe arrivare a
          due trilioni di dollari, cifra molto più alta
          delle stime fatte dalla Casa Bianca prima
          dellinizio delle ostilità. A queste conclusioni,
          riportate dai media Usa, sono arrivati Joseph E.
          Stiglitz (economista della Columbia University e
          premio Nobel per leconomia nel 2001) e Linda
          Bilmes (insegnante a Harvard). Lo studio tiene
          conto dei costi a lungo termine quali ad esempio
          le cure mediche destinate a continuare per tutta
          la vita delle migliaia di soldati feriti.
          "


          a dire il vero non so cosa sia un trilione, ma
          sembra tanto, sembra una cifra usata nei
          topolini. L'iraq se lo potevano comperare con
          quella
          cifra!!Un trilione sono mille miliardi. Con due trilioni di $ avrebbero potuto raggiungere l'indipendenza energetica degli USA tramite le sole fonti rinnovabili, nello stesso tempo. Invece li hanno spesi per garantirsi ancora qualche anno di rifornimenti di petrolio da un Paese non ancora vicino al declino della produzione.Sapevo che la metà del PIL degli USA (quanti trilioni sono?) viene speso in difesa. Qualcuno ha delle cifre?PS: non prendetemi per antiamericano o antimilitarista: penso che il regime di Saddam si sia meritato tutto, che i talebani dovrebbero essere ammazzati fino all'ultimo e che il regime di Teheran andrebbe abbattuto al più presto.Però, non ne vale la pena, la spesa e il costo in vite di nostri soldati. Dopotutto, potremmo liberarci dalla dipendenza petrolifera se solo volessimo, e potremmo lasciare quei Paesi al loro destino.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 dicembre 2008 10.43-----------------------------------------------------------
      • tuba scrive:
        Re: Soldi...
        tanto per cominciare internet è nata come infrastruttura militare...
        • Wolf01 scrive:
          Re: Soldi...
          Se parli di Arpanet si, ma se parli di internet com'è adesso è quella del Cern, è grazie a loro se abbiamo browser, email, youporn...
  • Nome e cognome scrive:
    BASTA ARMI
    ABOLIAMO LE ARMI NO ALLA GUERRA BASTA PRODURRE E INVESTIRE NELLA PRODUZIONE DI ARMIPEACE & LOVE
    • Zio Fester scrive:
      Re: BASTA ARMI
      Pura illusione.E cmq qui si commenta una notizia. Basta con questi proclami utopici.
      • 01234 scrive:
        Re: BASTA ARMI
        ok allora una considerazione: se fossimo bravi a difendere la vita come lo siamo a distruggerla, mi sa che vivremmo già ora tutti al max del nostro dna (che pare sia attorno ai 120 anni)...
      • cicciomeren da scrive:
        Re: BASTA ARMI
        - Scritto da: Zio Fester
        Pura illusione.

        E cmq qui si commenta una notizia. Basta con
        questi proclami
        utopici.quoto
    • Ermete scrive:
      Re: BASTA ARMI
      Via le armi!!!E comincino i politici a dare l'esempio...Via le guardie del corpo!!!E via le armi a Polizia e Carabinieri!!!L'esempio viene dall'alto:-)
    • Jango scrive:
      Re: BASTA ARMI
      Uscire dal mondo dei puffi please
    • MegaJock scrive:
      Re: BASTA ARMI
      Povero fesso. Togli le armi e la gente si ammazza con i sassi, le bottiglie rotte, i bastoni e anche con le mani nude.L'uomo è un mostro sanguinario, è fatto così, sarà sempre così.Trascina le chiappe nel mondo reale prima che gli unicorni te le prendano a cornate.
    • keppello scrive:
      Re: BASTA ARMI
      - Scritto da: Nome e cognome
      ABOLIAMO LE ARMI
      NO ALLA GUERRA BASTA PRODURRE E INVESTIRE NELLA
      PRODUZIONE DI
      ARMI
      PEACE & LOVEcosì quando arrivano i cattivi gli dirai "cattivi cattivi, andate via da bravi"il punto è quando le armi vengono usate contro il popolo stesso, per zittirlo quando si incazza, che abbia ragione o meno
    • mirkojax scrive:
      Re: BASTA ARMI
      Vero allora domani tutti sotto la Beretta Via Pietro Beretta, 18, 25063 Gardone Val Trompia, Brescia, Italy a far chiudere la fabbrica!!
    • painlord2k scrive:
      Re: BASTA ARMI
      - Scritto da: Nome e cognome
      ABOLIAMO LE ARMI
      NO ALLA GUERRA BASTA PRODURRE E INVESTIRE NELLA
      PRODUZIONE DI ARMI PEACE & LOVELe armi da fuoco servono per proteggersi dai criminali, dai gruppi politici e religiosi che vorrebbero importi le loro idee e dallo stato, che potrebbe decidere che sei solo un numero e non hai diritti.Le armi da fuoco sono un dono della civiltà e un diritto di ogni uomo libero, che desideri proteggere la sua proprietà e la sua vita (e quelle degli altri) dall'aggressione immotivata.Dura fare i rapinatori, come a Napoli, o i mafiosi, come in Sicilia, quando le tue vittime sono tutte armate. facile quando sono tutte disarmate dallo Stato.Allo stato fa comodo avere cittadini disarmati, perché così ha a che fare con pecore che devono implorare la sua protezione (per quanto scarsa e inefficace sia), mentre cittadini armati e sicuri di se potrebbero mettersi in testa che così come non sono totalmente dipendenti dallo stato per la propia difesa personale, forse non avrebbero bisogno dello stato neanche per prendersi cura di se stessi in altri campi, come la salute e le pensioni.
Chiudi i commenti