Sed Lex/ Cassinelli: così si salvano i blog dalla censura

Daniele Minotti, celebre esperto di cose della rete, intervista per Punto Informatico l'on. Cassinelli, autore di una nuova proposta di legge su siti, blog e stampa. Cassinelli: agire subito per evitare altri casi come quello di Carlo Ruta

Roma – Dopo la presentazione della Proposta di Legge Cassinelli cd. “salvablog”, la Rete, appena ripresasi per il dietrofront dell’on. Levi, ha rinserrato i ranghi. Già all’indomani della presentazione della proposta, Punto Informatico ha pubblicato un articolo dove, pur riconoscendo il radicale cambio di rotta di questo testo rispetto a quelli che l’hanno preceduto, si evidenziavano alcune perplessità dei primi osservatori. Ed anche su Facebook si sta discutendo attivamente della cosa, peraltro con il personale intervento del parlamentare.
Tra il partito dell’abrogazione di ogni legge sulla stampa (movimento non certo dell’ultimo minuto) e quello dell’iper-normazione, l’on. Cassinelli pare aver scelto una via mediana. Accettando di rilasciare un’intervista a Punto Informatico , replica alle principali osservazioni formulate in Rete e spiega il suo pensiero.

Daniele Minotti: Onorevole Cassinelli, è ormai chiaro che il Popolo della Rete non ama certe regole nella misura in cui intende Internet come mezzo capace di garantire la più libera espressione del pensiero, anche con riferimento alla Costituzione. In questi ultimi giorni, dopo la notizia della proposta dell’On. Levi, la Rete si è mobilitata denunciando il pericolo non soltanto di oneri e burocratizzazione dell’informazione telematica, ma anche e soprattutto di forme di controllo preventivo nonché di una vera e propria censura. Riassunto lo scenario attuale, come si pone la Sua proposta?
Roberto Cassinelli: La mia proposta vuole essere sostanzialmente antitetica rispetto a quella dell’Onorevole Levi. Come ho scritto a chiare lettere nella relazione che accompagna il testo, l’obiettivo è quello di liberare i blog, le comunità virtuali ed i siti gestiti in modo amatoriale da ogni obbligo di registrazione. Va detto, infatti, che la normativa vigente, che comincia ad essere applicata (si veda a questo proposito la sentenza 194/08 del tribunale penale di Modica che ha condannato lo storico Carlo Ruta per il reato di stampa clandestina), pone criteri assolutamente inopportuni che rischiano di far considerare tutti i blog come prodotti editoriali per i quali è necessaria la registrazione.

DM: La Rete, in modo politicamente trasversale, sembra apprezzare la Sua azione, anche con riferimento alla Sua fattiva partecipazione ad esempio in un apposito gruppo di Facebook . Rimangono, però, alcune perplessità in ordine a quelli che paiono eccessivi e complessi distinguo tra i quali non è facile orientarsi. Mi riferisco alle modifiche all’art. 3 della l. 62/2001. Come intende replicare a queste osservazioni?
RC: Tengo a chiarire che la proposta di legge introduce, insieme ad un articolo che regolamenta determinate e limitate fattispecie, un altro che, al contrario, liberalizza un numero molto più ampio di siti.
Un’altra precisazione che voglio fare e che ritengo molto importante riguarda i blog che traggono profitto da inserzioni pubblicitarie. C’è chi ha scritto che la mia proposta intende imporre, per questa categoria, l’obbligo di registrazione. Non è affatto così: i blog, come è esplicitamente scritto nel disegno di legge, sono esclusi “in ogni caso” dall’obbligo di registrazione. Il fattore “introiti da pubblicità” incide solo per una limitata categoria di siti, gestiti comunque in modo professionale. Capisco, però, che così com’è scritta questa parte si presti ad interpretazioni, e per questo mi impegno a rivederla per evitare che emergano dubbi.
Il testo che ho depositato alla Camera, comunque, è ancora in fase di prima lettura, ed è solamente la base da cui partire per creare un progetto organico e completo. Ho da subito espresso (sul mio sito , sul mio blog e su Facebook ) la volontà di svolgere questo lavoro insieme al mondo dei blogger. Sono molto soddisfatto che la risposta sia stata positiva: sono arrivati utilissimi suggerimenti ed anche osservazioni legittimamente critiche (e talvolta corrette) sulla prima versione del testo. Per esempio, una utente mi ha suggerito di trattare il tema dei “social news”, che non sono citati nella prima bozza. Un altro, invece, propone di utilizzare lo strumento “Wiki” per una redazione “comune” del testo definitivo. Sono tutte osservazioni giuste a cui voglio dare seguito. Anche le osservazioni di alcuni blogger al di fuori di Facebook sono interessanti e condivisibili, così come l’ articolo di Punto Informatico , che fa alcune giuste critiche al mio testo. Credo che questo sia lo spirito giusto per affrontare un tema come quello della libertà dei blog: ponendo al centro dell’attenzione coloro che ne sono i protagonisti.

DM: Molti ritengono che, come accade in altri Paesi di solida tradizione democratica, l’informazione non debba patire norme troppo stringenti come quelle che impongono la registrazione della testata e la nomina di un direttore responsabile. Da più parti, non soltanto negli ambienti telematici, si invoca l’abrogazione della l. 47/48. Ricordato che le regole della responsabilità civile e penale esistono già e comunque, qual è il Suo pensiero in merito a richieste tanto radicali?
RC: La legge 47 del 1948 è un testo vecchio, che va certamente modificato ed aggiornato. La stessa mia proposta di legge ne limita gli effetti. Credo, però, che un’abrogazione totale sia fuori luogo, ed aprire un dibattito su questo tema allungherebbe enormemente i tempi per una seria liberalizzazione dei blog.

DM: Il Suo progetto di legge si pone in evidente antitesi con quello proposto dall’on. Levi. Come sappiamo, quest’ultimo ha dichiarato, con un comunicato apparso sul sito del PD , di voler cancellare il capitolo Internet. Dunque, non ha anticipato il ritiro del suo elaborato, ma ha soltanto annunciato correzioni. È prevedibile che i due progetti di legge diventino formalmente concorrenti e riuniti in un solo progetto per la discussione parlamentare? E, nel caso affermativo, come intende sostenere la Sua proposta nei confronti di altre di segno opposto?
RC: Non so se i nostri progetti saranno concorrenti (per saperlo bisognerà capire come l’onorevole Levi modificherà la sua proposta), certamente non saranno riuniti. Vi sarà su entrambi un’ampia discussione, dapprima nelle competenti Commissioni, quindi in Aula. Ogni collega Parlamentare potrà proporre emendamenti. Poi si passerà alla votazione e la Camera si esprimerà.

a cura di Daniele Minotti
Il blog di Daniele Minotti

Tutti i contributi di D. M. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Joliet Jake scrive:
    Dovrebbero staccare davvero gli utenti
    Gli ISP dovrebbero avvertire gli utenti del tipo:"Attenzione! La settimana prossima per 3 giorni la connessione non sarà attiva. Questo perchè ci hanno ordinato di mettere filtri e di controllare cosa state facendo, probabilmente è illegale. Se invece non state facendo niente di illegale o semplicemente non vi sta bene questo comportamento, rivolgetevi al Parlamento o alle industrie dell'intrattenimento e protestate con loro."La maggior parte degli utenti non ha idea di quello che succede. Se un giorno internet non va più, si cominceranno a chiedere di chi è la colpa...Terapia d'urto, per sensibilizzare...
  • Minniti Francesco scrive:
    Ma leggete cosa si scrive ?
    Cioe' ma stiamo parlando ITALIANO !?!?Lo si capisce il senso delle parole che vengono lette ?"Fornire l'accesso ad internet, vuol dire favorire la pirateria ?"Allora sarebbe giusto dire ..- Vendere automobili vuol dire favorire gli incidenti in autostrada ?- Vendere coltelli da cucina vuol dire favorire delitti tra le mura familiari ?... volete che dica la verita' ?Perdonatemi per il linguaggio forbito ma ..DIRE CA***TE FAVORISCE IL DIFFONDERSI DI IMBECILLI ....Ora io non so la legge a quale bassezza può attestarsi, ma come si puo' accettare una denuncia di questo genere senza ridere in faccia a chi sporge questa denuncia ?Come può un giudice ritenere che una tale affermazione abbia validità oltre AD UNA LOGICA CHE STA IN PIEDI !??!?!?Ma qui stiamo stravolgendo il concetto di intelligenza maledizione. Il quoziente intelletivo è precipitato negli ultimi anni ?Mi viene il sangue agli occhi.
    • CCd scrive:
      Re: Ma leggete cosa si scrive ?
      "...Nelle scuole i bulli utilizzavano i cellulari per umiliare le vittime..."--- . . . ---"Nelle scuole italiane l'uso dei cellulari durante le ore di lezione è strettamente proibito..."in che paese vivi tu?
  • ninjaverde scrive:
    DiNuovo?
    Queste sono notizie ricorrenti ormai.Ricordo però che l'Australia è un Paese democratico.Quindi se le leggi tendono a creare troppi problemi, spesso antidemocratiche o estremamente difficili da gestire, i gestori interessati possono scioperare. Oppure rallentare il servizio o prendere iniziative similari.Poi se qualcuno si lamenta che non vende....beh dovrà pazientare.
  • LuNa scrive:
    ahahah
    "fornire accesso a internet significa agevolare la pirateria"ah, ok. vaaaaaaaaaa beneeeeeeeeeperò allora lo stacchiamo anche a SONY RIAA UNIVERSAL e chi altro.:)ah, stavo per dimenticare. I negozi on line della major si chiudono anche quelli, sono on line no ? Niente roba on line.
  • 01234 scrive:
    né agevolare né impedire
    connettere: questo il compito degli ISPd'altronde mica lo fanno aggratis no? :-)
  • francososo scrive:
    AFACT un'altra mafia!
    AFACT un'altra mafia!(anonimo)
Chiudi i commenti