Revenge porn: primi interventi del Garante Privacy

Revenge porn: primi interventi del Garante Privacy

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali annuncia i primi provvedimenti presi a tutela delle potenziali vittime di revenge porn.
Il Garante per la Protezione dei Dati Personali annuncia i primi provvedimenti presi a tutela delle potenziali vittime di revenge porn.

Dalla newsletter distribuita oggi dal Garante Privacy apprendiamo dei primi cinque provvedimenti emessi dall’autorità a tutela di altrettante potenziali vittime di revenge porn (o pornovendetta). Sono indirizzate a Facebook, Instagram e Google.

Per approfondire gli aspetti giuridici legati al reato consigliamo il volume “Il revenge porn: La diffusione illecita di contenuti sessualmente” di Giovanna De Feo.

Il Garante Privacy contro il revenge porn

L’obiettivo è quello di spingere i gestori delle piattaforme ad adottare tutte le misure necessarie affinché sia impedita la diffusione di materiale audio, video o fotografico di tipo pornografico o sessualmente esplicito a scopo vendicativo e senza il consenso da parte di una delle persone ritratte o riprese. La pratica, considerata a tutti gli effetti un reato dal nostro impianto normativo fin dal 2019, si attua talvolta per punire un ex partner, per denigrare qualcuno o per bullizzare o molestare pubblicamente chi preso di mira.

L’intervento del Garante Privacy rientra tra i compiti a sua carico. Infatti, chiunque abbia compiuto 14 anni, può inoltrare una segnalazione all’autorità nel caso abbia un timore fondato di poter diventare vittima di revenge porn. Il blocco si concretizza attraverso l’implementazione di alcune specifiche tecnologie tra le quali rientrano i codici hash.

Meta ha dichiarato in passato di aver introdotto strumenti realizzati ad hoc, basati sull’impiego di intelligenza artificiale e machine learning al fine di identificare proattivamente immagini di nudo o video che siano stati condivisi senza permesso su Facebook o Instagram. Il gruppo ha inoltre lanciato l’iniziativa “Non senza il mio consenso” a cui rivolgersi in seguito a un fatto compiuto o a una minaccia ricevuta.

Secondo uno studio condotto negli USA a metà 2021, un adulto su dodici ha avuto a che fare con questo tipo di problemi. La fascia d’età più colpita è quella compresa tra 15 e 29 anni, a testimonianza di come siano coinvolti anche i minorenni.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 30 mag 2022
Link copiato negli appunti