Revolut ora vale 5,5 miliardi di dollari

Revolut chiude con successo un nuovo round di investimenti e raggiunge un valore complessivo da 5,5 miliardi di dollari con ambizioni espansive.
Revolut chiude con successo un nuovo round di investimenti e raggiunge un valore complessivo da 5,5 miliardi di dollari con ambizioni espansive.

Il gruppo Revolut ha raccolto 500 milioni di dollari nel nuovo round di investimenti appena concluso, aggiungendo così capitale nuovo per i propri investimenti e il proprio rafforzamento nel comparto fintech.

Il nuovo round è stato guidato dal fondo americano TCV, con la partecipazione di altri investitori esistenti. Con questo ultimo investimento la valutazione del business sale a 5,5 miliardi di Dollari, rendendo Revolut una delle aziende fintech con la più alta valutazione al mondo.

Revolut, una rivoluzione da 5,5 miliardi di dollari

Revolut è un servizio di pagamento cashless che consente di muovere il proprio denaro in libertà e senza i costi di commissione solitamente necessari per transazioni, pagamenti o prelievi. Ogni utente può scegliere il proprio profilo, sapendo a priori ed in piena trasparenza quelli che sono i costi correlati all’uso di una carta del gruppo. Abbandonare il contante diventa un gesto di libertà, soprattutto se lo si fa approdando ad un servizio smart invece che affidandosi ai canali tradizionali.

Gli investimenti“, spiega Revolut al termine di questa ennesima raccolta di capitale, “saranno focalizzati sulla customer experience e utilizzati per rafforzare l’offerta retail e business di Revolut nei mercati esistenti, con un focus particolare sullo sviluppo del prodotto che supporterà l’accelerazione dell’utilizzo giornaliero degli account. I piani futuri includono i servizi di credito per utenti retail e business, l’estensione di conti deposito con tassi di interesse molto vantaggiosi al di fuori del Regno Unito, il rafforzamento ulteriore dell’assistenza clienti e il lancio delle operazioni bancarie in Europa“.

Premium, Metal, Business

L’offerta è disponibile infatti anche per il mondo professionale, ove una carta Revolut Business può rappresentare una importante occasione di risparmio e di comodità nella gestione del capitale.

L’obiettivo di breve termine è quello di espandere la platea di profili “Premium” e “Metal“, soprattutto migliorando l’esperienza utente ed ampliando le opportunità che possano rendere Revolut uno strumento peculiare, utile e conveniente.

La nostra missione è costruire una piattaforma finanziaria globale – un’unica app attraverso la quale i nostri utenti possano gestire tutti gli aspetti finanziari quotidiani, e questo investimento dimostra la fiducia che gli investitori hanno nel nostro modello di business. Per il futuro il nostro focus sarà il lancio delle operazioni bancarie in Europa, l’incremento del numero di utenti che utilizzano Revolut quotidianamente come account e l’impegno per la profittabilità. TCV ha una lunga storia di investimenti nel supportare founder che hanno cambiato l’industria di riferimento su scala globale e siamo molto orgogliosi di poter collaborare con loro mentre ci prepariamo alla prossima fase del nostro percorso

Nik Storonsky, Founder & CEO di Revolut

Andare oltre le banche, insomma, sotto ogni punto di vista: nelle opportunità offerte, nell’esperienza utente, nella percezione di un vero e proprio controllo totale sul proprio capitale. Revolut non vuole essere soltanto una alternativa al sistema bancario tradizionale, ma si candida ad un ruolo di lepre nell’innovazione del settore. Non si può correre, però, se non si ha benzina a sufficienza nel motore: il nuovo round dimostra la fiducia degli investitori nel progetto e consente a Revolut di schiacciare nuovamente sull’acceleratore.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 02 2020
Link copiato negli appunti