RFID, l'Europa si raccomanda

Tag disattivati all'uscita dei negozi, lettori ben in vista. I cittadini non sono merce da tracciare. le etichette non devono etichettare i cittadini. L'Unione Europea dirama raccomandazioni

Roma – I chippetti a radiofrequenza non dovranno insinuarsi nella vita del cittadino, non dovranno farsi veicolo di informazioni che l’individuo non sa di disseminare: l’Unione Europea ha emesso una raccomandazione in materia, ai cittadini dovrà essere assicurata la possibilità di controllare i dati che le etichette intelligenti recano con sé.

Blue and Purple RFID tag - midnightcomm La raccomandazione è esito di una consultazione pubblica indetta nel 2006: sondato l’umore della società civile, l’Europa aveva constatato come i cittadini fossero inquietati dall’eventualità di essere tracciati con la mediazione etichette appiccicate su documenti e bagagli , su carte di credito e su prodotti di uso quotidiano . Stato e mercato, datori di lavoro e curiosi potrebbero abusare della prontezza con cui i tag rispondono alle sollecitazioni dei reader, potrebbero tracciare spostamenti, potrebbero assemblare dati e ricostruire abitudini di consumo.

Per questo motivo le autorità europee avevano elaborato una proposta , una bozza che ora ha assunto la forma di una raccomandazione diramata a coloro che nei paesi membri operano con i tag. I produttori, le aziende e le istituzioni che fanno uso di sistemi di identificazione a radiofrequenza dovranno rispettare il diritto alla privacy dell’individuo, così come sancito dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea: per farlo dovranno mettere in campo una serie di accorgimenti con cui consegnare al cittadino il controllo dei propri dati . “I consumatori europei – ha ricordato il Commissario per la Società dell’informazione e dei media Viviane Reding – devono avere la certezza che, anche se vengono utilizzati i loro dati personali, la loro privacy non potrà essere violata anche in un contesto tecnologico in costante trasformazione”.

È così che L’Unione Europea ha stabilito innanzitutto che le implementazioni RFID dovranno avvenire assicurando al cittadino la massima trasparenza . Ciascuno dovrà essere informato della presenza di un tag negli oggetti con cui verrà in contatto. A questo scopo verrà approntata un’etichetta che segnali la presenza di un’etichetta, un bollino comune a tutti i paesi membri che consenta al cittadino di individuare i prodotti taggati e di potersi comportare di conseguenza. Tag che ricordano la scadenza dei prodotti, tag apposti alle confezioni per garantire lo snellimento delle procedure logistiche, tag antitaccheggio: il cittadino deve poter uscire da un esercizio commerciale recando con sé un prodotto la cui etichetta è stata disattivata , in modo che il tag non possa disseminare informazioni che potrebbero essere associate ai comportamenti dell’individuo. Sarà onere del commerciante disinnescare i tag, una procedura automatica, a meno che il consumatore non si esprima per l’opt in.

In materia di tag apposti a documenti e tessere di riconoscimento adottati da autorità pubbliche e da privati, l’Europa ha stabilito che il cittadino debba essere pienamente consapevole dei dati che cede perché vengano immagazzinati nel chippetto. È diritto di ciascuno essere informato con chiarezza riguardo allo scopo con cui verranno utilizzate queste informazioni, è diritto di ciascuno sapere quando queste informazioni verranno utilizzate: per questo i lettori di tag dovranno essere resi visibili e evidenti . Coloro che sciamano su e giù dai mezzi pubblici devono conoscere la localizzazione del dispositivo che verifica il loro abbonamento, i dipendenti che entrano ed escono dal posto di lavoro devono poter sapere quando il proprio cartellino viene timbrato .

Saranno ulteriori indagini, poi, a tracciare gli standard tecnologici e ad affinare queste raccomandazioni. L’Unione Europea ha mobilitato il Gruppo di lavoro Articolo 29, la commissione che affianca l’Unione Europea nelle questioni che attengono alla privacy e ai dati personali dei cittadini, affinché stabilisca quali impatti possa avere l’introduzione massiccia delle etichette a radiofrequenza sulla vita e sulla riservatezza del cittadino, mentre gli stati membri sono stati invitati a stimolare presso gli attori dell’industria l’adozione di soluzioni tecnologiche compatibili con il rispetto della privacy. Dalla consapevolezza e dalla fiducia risposta dal cittadino in questa tecnologia dipende il successo del mercato, ha spiegato la Commissione: se gli europei non si fideranno degli RFID il mercato globale dei sistemi di identificazione a radiofrequenza non potrà raggiungere entro il 2018 il valore previsto di 20 miliardi di euro.

Gaia Bottà

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • chojin_a scrive:
    Atom peggio di tutti? Ma dove? Tsk!
    I netbook con Atom vendono come il pane. Come si fa a credere che siano in rosso di vendite? Non esiste proprio. E' tutta speculazione e/o campagna anti-Intel.
    • dadaumpa scrive:
      Re: Atom peggio di tutti? Ma dove? Tsk!
      http://www.intc.com/common/download/download.cfm?companyid=INTC&fileid=287036&filekey=f3e64b03-c824-48b6-a9b2-c26035eef490&filename=Earnings%20Release%20Q1%202009%20Final.pdfSei ridicolo. Non sai NULLA eppure parli. Perchè? Se sai leggere l'inglese Intel stessa dichiara nel documento ufficiale di cui ho dato il link un calo del 27% delle vendite dell'Atom. In questi giorni il calo è arrivato al 33%. Cos'è, vuoi contestare le stesse dichiarazioni di Intel?Non capisco la gente come te. Parla, parla, ma non sa NULLA!
      • dadaumpa scrive:
        Re: Atom peggio di tutti? Ma dove? Tsk!
        Preciso. Il calo è nei guadagni dovuti alle vendite della piattaforma Atom, non nelle vendite in se, il che non toglie nulla al tonfo generale della piattaforma.
      • pabloski scrive:
        Re: Atom peggio di tutti? Ma dove? Tsk!
        eppure non ho capito se il calo è dovuto ad un crollo delle vendite dei netbook o se è un problema solo di atomin quest'ultimo caso è logico...i due modelli usati attualmente e cioè n270 e n230 fanno pena in termini di performance, siamo a circa la metà di un p4 northwoodse proprio vogliono riprendersi farebbero meglio a stringere una partnership con nvidia per la piattaforma ion e spingerci su l'n330
    • rockroll scrive:
      Re: Atom peggio di tutti? Ma dove? Tsk!
      - Scritto da: chojin_a
      I netbook con Atom vendono come il pane. Come si
      fa a credere che siano in rosso di vendite? Non
      esiste proprio. E' tutta speculazione e/o
      campagna
      anti-Intel.Ma intel ti paga (non sarebbe da meravigliarsi) per fare pubblicità ingannevole a suo favore?Documentati meglio, e prova a pensare che Atom sta calando perchè vale veramente poco....
  • Enjoy with Us scrive:
    Invece è proprio legata ad ARM...
    ... e ai nuovi proXXXXXri attesi... Intel lo ha già detto circa un mese fa ha fatto fuori le ampie scorte di magazzino e i produttori oggi sono molto attenti a quello che comprano, visto che il lancio di netbook ARM based è imminente e secondo le varie società di analisi avrà un ruolo di primo piano!
    • pippo scrive:
      Re: Invece è proprio legata ad ARM...

      ... e ai nuovi proXXXXXri attesi... Intel lo ha
      già detto circa un mese fa ha fatto fuori le
      ampie scorte di magazzino e i produttori oggi
      sono molto attenti a quello che comprano, visto
      che il lancio di netbook ARM based è imminente e
      secondo le varie società di analisi avrà un ruolo
      di primo
      piano!Quelli che prevedono il futuro dai fondi di caffe? :D
      • pilot scrive:
        Re: Invece è proprio legata ad ARM...
        - Scritto da: pippo
        Quelli che prevedono il futuro dai fondi di
        caffe?
        :DGli stessi che consigliavano di investire nel mercato immobiliare
        • pabloski scrive:
          Re: Invece è proprio legata ad ARM...
          e che consigliarono ai vecchietti di investire in Parmalat perchè era come mettere i soldi a Fort Knox :D
    • The Bishop scrive:
      Re: Invece è proprio legata ad ARM...
      I modelli basati su architettura ARM cominciano ad affacciarsi ora sul mercato e, per ora, e' una soluzione adottata in maniera marginale dai produttori di netbook. Il calo di vendite di Atom e' da imputarsi ad altri fattori ben piu' incisivi come l'assestamento del mercato dei netbook (che, dopo il boom iniziale, si va' ridimensionando), il mancato decollo delle vendite dei nettop, soluzioni alternative basate su C3 (attualmente disponibili sul mercato e sostenute da player del calibro di HP), la mancata migrazione di alcuni produttori da Celeron ad Atom.Altra nota dolente di Atom e' la politica commerciale di Intel volta alla distribuzione della piattaforma completa chipset+cpu che ne limita i campi d'utilizzo (ad esempio, se la motherboard per l'Atom montasse almeno due NIC o avesse almeno due slot PCI/PCIexpress, sarebbe un'ottima soluzione per un firewall domestico).Al massimo, l'introduzione di netbook ad architettura ARM, andra' ad accentuare in misura maggiore questo trend e a decretare la fine di Atom (CPU che al giorno d'oggi IMHO non ha ragione di esistere).- Scritto da: Enjoy with Us
      ... e ai nuovi proXXXXXri attesi... Intel lo ha
      già detto circa un mese fa ha fatto fuori le
      ampie scorte di magazzino e i produttori oggi
      sono molto attenti a quello che comprano, visto
      che il lancio di netbook ARM based è imminente e
      secondo le varie società di analisi avrà un ruolo
      di primo
      piano!
      • pabloski scrive:
        Re: Invece è proprio legata ad ARM...
        oppure gli utonti hanno scoperto che i netbook sono delle versioni castrate dei notebookse operano come si deve secondo me venderanno un mucchio di nettop, ma per i netbook sarà difficile replicare il 2008ARM prenderà piede facilmente perchè alle spalle c'è un'architettura molto efficiente e interessi notevoli da parte di Google e sociIntel non può più giocare la carta del "ti punisco se vendi AMD", la mazzata dell'UE ha una tempistica tutt'altro che casualesarà possibile ancora trainare Atom ma grazie a Nvidia ION, altrimenti visto che il meglio che offrono è il vecchio chipset 945 finirebbero al tappeto
Chiudi i commenti