RIAA e MPAA ora se la prendono con le LAN

Sharing su reti private nel mirino delle major dell'intrattenimento. Partite risoluzione e diffide. Un nuovo afferma: il P2P illegale danneggia moltissimo l'industria di settore e la crociata della RIAA sta riscuotendo successo

Roma – C’è il peer-to-peer che fa fluire miliardi di file ogni giorno sulla grande rete e c’è lo sharing su reti locali, magari ampie e performanti come quelle di certe università americane, che più in piccolo riproduce lo stesso fenomeno: tutto questo è da qualche giorno formalmente nel mirino di RIAA e MPAA , ossia le associazioni degli industriali americani della musica e del cinema.

Le due lobby, che da anni chiedono alle università di chiudere il rubinetto del P2P , hanno ottenuto il via libera ad una risoluzione congressuale firmata dall’influente senatore repubblicano Lamar Alexander che impone alle università “di adottare politiche e programmi di educazione nei propri istituti affinché si riduca e si elimini la violazione di diritto d’autore che prende piede sui propri sistemi informatici, di cui devono proporre un uso educativo”.

In buona sostanza, la risoluzione rende più facile alle major pressare gli atenei affinché mettano in campo strumenti di controllo anche sulle proprie LAN , le reti locali alle quali gli studenti, in piena crociata antiP2P, hanno via via sempre più fatto ricorso per scambiarsi file, e tra questi anche file protetti da diritto d’autore. Uno sharing senza scopo di lucro che secondo gli industriali è però causa di danni imponenti alle casse del settore. Come rileva LinuxElectrons , queste attività in LAN hanno preso piede soprattutto con lo sviluppo di ambienti di networking come il ResNet della Purde University. Due studenti che usano quel sistema sono stati già denunciati da alcuni studios hollywoodiani.

In queste settimane RIAA e MPAA hanno inviato decine di lettere di avviso ai dirigenti di una quarantina di università statunitensi sottolineando l’uso illegale che viene fatto delle LAN: tenendosi fuori dalla “grande internet”, gli studenti riescono in questo modo a schivare le operazioni di monitoraggio da tempo attivate dalle major sui sistemi peer-to-peer più gettonati.

Ad avvalorare la teoria dei gravi danni economici all’industria musicale e cinematografica che derivano da P2P e affini, proprio nelle scorse ore è stato pubblicato un nuovo rapporto dal Journal of Law & Economics basato sulle analisi di alcuni esperti accreditati.

Nel rapporto si sostiene l’esistenza di un “collegamento diretto tra i cambiamenti nell’uso del file sharing e cambiamenti nelle vendite di dischi”. Come già sostenuto da IFPI , il rapporto sostiene che chi scarica file musicali dalla rete tende a ridurre i propri acquisti di musica e che questo succede almeno nel 30 per cento dei casi.

Dati che sono suffragati, secondo il Journal, da altri studi condotti sul comportamento degli studenti di alcune università americane, secondo cui “il download riduce le vendite” perché chi scarica, appunto, compra di meno, a volte molto di meno.

Di un certo interesse anche l’affermazione di un altro passo del rapporto, legato ad un ulteriore studio sull’argomento, secondo cui le denunce RIAA stanno ottenendo l’effetto sperato , che sarebbe quello di “sensibilizzare” gli americani a non utilizzare i sistemi di sharing con finalità illegali. Secondo lo studio, chi condivideva grandi quantità di file nel 90 per cento dei casi ha ridotto del 90 per cento le proprie attività, mentre i downloader meno “impegnati” le hanno ridotte per i due terzi. Secondo questo studio gli utenti “hanno risposto nel modo voluto dalla RIAA”.

Il Journal conclude sui successi della crociata antipirateria sostenendo che tra il giugno del 2005 e il gennaio del 2006 il numero di file scambiati illegalmente in rete sarebbe sceso da 900 milioni a 885 milioni. Numeri importanti, che sembrano cozzare contro altre stime , che danno invece il P2P nel 2006 ai massimi storici di partecipazione globale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    peccato che
    la maggior parte di dimenticanze riguardi pezzi di garze e tamponi, e l' rfid mi sa che non aiutiforse un rfid per impedire a certi chirurghi di entrare in sala operatoria aiuterebbe di più
    • Anonimo scrive:
      Re: peccato che
      "L'esperimento ha coinvolto otto volontari, ai quali un primo chirurgo, dopo aver praticato un'incisione sull'addome, vi ha lasciato scivolare dentro diversi strumenti di chirurgia, alcuni equipaggiati con il chip, altri no".. complimenti ai volontari che si sono lasciati riempire la panza di kili di ferraglia... proprio un bell'esperimento, bravi. Potevano fare l'esperimento incrociato dividendo i volontari in 2 gruppi: a uno riempivano l'addome di ferri con RFID, l'altro gruppo si faceva riempire le viscere di palle da tennis...
    • Anonimo scrive:
      Re: peccato che
      Mi sembra, infatti, un bel "pagliativo". Il chirurgo, che percepisce spesso un notevole stipendio, dovrebbe prestare più attenzione a quello che fa e sopra tutto, dovrebbe esser pronto ad accollarsi le responsabilità delle sue mancanze.
    • devil64 scrive:
      Re: peccato che
      - Scritto da:
      la maggior parte di dimenticanze riguardi pezzi
      di garze e tamponi, e l' rfid mi sa che non
      aiuti

      forse un rfid per impedire a certi chirurghi di
      entrare in sala operatoria aiuterebbe di
      piùScrivi giusto, ma un bravo medico prima di iniziare ad operare fa contare TUTTO. Le case costruttrici possono permettersi di fare i pacchi con 11 garze al posto di 10, lui no.Poi queste kakate mi sanno solo di mezzucci per aumentare i costi degli interventi, non per elevarne il livello.Poi il bisturi si vede ai raggi X il tampone se non è radio opaco no.Quindi la palla in mano ce l'ha sempre il chirurgo.Saluti
  • Santos-Dumont scrive:
    Un mio studio dimostra
    Che l'introduzione di chip RFID nella colazione dei campioni riduce drasticamente i rischi di costipazione. (rotfl)
Chiudi i commenti