RIAA: siamo vessati da una ragazza che abbiamo denunciato

A fronte dell'eventualità che una corte stabilisca che mettere a disposizione non significa distribuire e quindi violare il diritto degli autori, RIAA le tenta tutte

Roma – Il rischio di un capitombolo giudiziario incombe su RIAA, il terrore di vedersi sgretolare l’aura di invincibilità costruita con anni di processi e minacce è troppo forte: l’industria della musica rinuncia ad incaponirsi e ripiega, accettando da una utente colpevole di violazione del copyright un risarcimento irrisorio.

Whitney Harper aveva 16 anni quando il sistema di monitoraggio di MediaSentry aveva scandagliato la sua macchina e aveva rinvenuto dei file scaricati a mezzo Kazaa e messi a disposizione degli utenti nella cartella condivisa del client P2P. Il padre della ragazza era stato trascinato in tribunale, ma la strategia difensiva adottata dai legali della famiglia aveva consigliato alla ragazza di assumersi le responsabilità del download. Harper aveva ammesso di aver scaricato dei brani con Kazaa, ma aveva spiegato di non aver avuto alcuna intenzione di violare i diritti di nessuno : non conosceva le dinamiche sulle quali si reggono i software P2P, non aveva idea del fatto che i file che fluiscono fra gli utenti possano essere scambiati in violazione della legge, Kazaa non l’aveva informata del fatto che il materiale scambiato avrebbe potuto essere “rubato o frutto di abusi”.

Data la giovane età di Harper, dato il disorientamento mostrato dalla ragazza, il giudice incaricato di valutare il caso le aveva concesso l’attenuante dell’ inconsapevolezza : RIAA avrebbe potuto sveltire le procedure giudiziarie e sarebbe potuta uscire a testa alta dal caso accettando un rimborso di 200 dollari per ciascuno dei 37 brani trovati sull’hard disk della ragazza, per un totale di 7400 dollari, quanto sarebbe bastato ad Harper per imparare la lezione e a insegnarla ad amici e compagni di scuola. RIAA aveva però promesso di non accettare di appianare il contenzioso: Harper sarebbe inequivocabilmente colpevole e consapevole della violazione in quanto informata del regime del copyright dalle informazioni che ha sempre potuto trovare sui CD e sulle opere che ha acquistato nella sua breve vita; Harper avrebbe dovuto rinfondere l’industria con un minimo di 750 dollari per brano e per questo motivo RIAA aveva intenzione di sottoporre il caso ad un’altra giuria.

La risolutezza di RIAA, però, non si è dimostrata incrollabile: ora fa marcia indietro, preme perché Harper consegni il risarcimento e perché il caso si chiuda in tutta fretta. Harper si è dichiarata pronta a confrontarsi con un altro giudice, pronta a giocarsi una nuova carta per dimostrare la propria innocenza. La nuova strategia difensiva che Harper vorrebbe portare in tribunale è edificata sopra recenti pronunciamenti di giudici disseminati per gli States e incaricati di valutare casi di violazione del diritto d’autore, da quello che ha coinvolto mamma Jammie Thomas, che verrà completamente ridiscusso , a quello che ha offerto un appiglio alla famiglia Howell . I legali di Harper avrebbero l’opportunità di spiegare ad un altro giudice che non tutti i file messi a disposizione nella cartella condivisa di Kazaa rappresentano necessariamente un caso di distribuzione e quindi di violazione. L’industria, in questo modo, potrebbe dimostrare che l’atto di condividere compiuto da Harper si sia tradotto in un effettivo trasferimento di contenuti e quindi in una violazione solo nel caso in cui gli investigatori di MediaSentry possano dimostrare di aver attinto alla cartella di Harper.

RIAA sta tentando in ogni modo di scongiurare il prossimo confronto in tribunale, che potrebbe non vertere semplicemente sulla quantificazione dei danni e sulla discussione dell’attenuante dell’inconsapevolezza. “I continui tentativi della difesa di sollevare la questione sono vessatori”: non ci sono motivi, spiegano da RIAA, per cui un magistrato debba considerare ulteriormente la questione della effettiva colpevolezza di Harper di aver distribuito i file, una questione già sviscerata in precedenza e ormai data per assodata. Se però la corte dovesse tornare a valutare il caso nella sua pienezza, l’efficacia e la deterrenza delle accuse di RIAA potrebbero risultare vanificate.

È così che i rappresentanti dell’industria, nonostante abbiano a disposizione una strategia legale ancora da mettere alla prova, si sono dimostrati disponibili ad accettare il risarcimento di Harper. Ma i legali della ragazza non sembrano disposti a cedere: le ragioni di Whitney Harper non sono le semplici ragioni di una 16enne tentata dal P2P, ma sono quelle di decine di migliaia di utenti usati da un'”industria da 18 miliardi di dollari” in una “campagna di massa mirata a preservare un modello di business che ora domina nell’industria della musica”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • 5Lire scrive:
    l'attacco a Sarkozy...
    interessante il fatto che abbiano attaccato Sarkozy (da quel che si deduce in modo simbolico) prelevando piccole somme di denaro dal suo conto corrente...io la interpreto come una piccola mossa di attacco in risposta a quel che sta combinando in normativa antip2p, che sappiamo essere una delle più dure in europa...
    • Avalon scrive:
      Re: l'attacco a Sarkozy...
      Per come la vedo Io era meglio se il conto glielo ripulivano del tutto e mandavano i soldi agli istituti di beneficienza per i bambini Africani.
  • infame scrive:
    tutto è craccabile...
    ...se i sistemi sono amministrati da degli idioti!
    • liga scrive:
      Re: tutto è craccabile...
      esistono anche falle 0day
      • pabloski scrive:
        Re: tutto è craccabile...
        che dovrebbero indurre un admin serio a mettere offline un serveruna falla 0-day richiede un certo tempo per creare un exploit efficace, alcune richiedono mesiil punto è che mentre il cracker di turno è a conoscenza della falla 0-day, il sysadmin dorme tra quattro guanciali
      • battagliacom scrive:
        Re: tutto è craccabile...
        sbaglio o mi sembra che le falle oday sono quelle che non sono ancora state rese pubbliche e che un cracker le tiene per se in modo da non permettere agli autori del programma di creare un aggiornamento adatto?
    • A1arm scrive:
      Re: tutto è craccabile...
      - Scritto da: infame
      ...se i sistemi sono amministrati da degli idioti!E anche se non lo sono, c'e' sempre qualcuno piu' intelligente, che ha studiato di piu' che ti frega.Il problema quindi e' salvarsi dalla maggior parte dei cracker, far sudare quelli piu' bravi e avere un sistema che permette di accorgersi che qualcosa non va, chiudere i buchi e rintracciare gli attaccanti con una certa probabilita' di riuscita.In definitiva gli amministratori piu' idioti sono quelli che pensano di essere piu' dritti e bravi di chiunque.
Chiudi i commenti