RIAA.com, bucato il sito dei discografici

Questa volta gli ignoti guerriglieri del file sharing si sono introdotti sui server delle major per cancellare tutto quello che hanno potuto. Non è la prima volta che succede, anzi
Questa volta gli ignoti guerriglieri del file sharing si sono introdotti sui server delle major per cancellare tutto quello che hanno potuto. Non è la prima volta che succede, anzi

Mentre scriviamo il sito dell’associazione delle major statunitensi del disco, RIAA.com , sta faticosamente tornando online dopo essere stato irraggiungibile per ore. Il motivo è che i gestori stanno fronteggiando un avvenuto cracking del sito, da sempre al centro di attacchi digitali di ogni genere. Questa volta si è trattato di un attacco seguito da azzeramento del database.

la pagina cancellata Ne dà notizia Mashable , che conferma quanto riportato da TorrentFreak . Si è trattato di una SQL injection e dal forum di Reddit è possibile ricostruire la sequenza degli avvenimenti.

Proprio su Reddit , infatti, qualcuno aveva postato una strategia di attacco al sito, cosa che avrebbe spinto molti utenti a mettere sotto stress i server dell’associazione al solo scopo evidente di mandarli in crash. Nel frattempo, però, qualcuno ha approfittato del buco per cancellare l’intero database del sito .

Questa è una delle ipotesi. L’altra è che RIAA abbia voluto mettere fuori linea quei contenuti per la durata dell’attacco e per la messa in sicurezza del sito stesso, per re-inserire i contenuti una volta sistemata la vicenda, cosa che sembrerebbe avvenire proprio mentre scriviamo.

Caricando riaa.com l’idea è che dei contenuti esistesse un backup quantomeno parziale, sebbene l’accesso alle pagine rimanga estremamente difficoltoso e dunque sia difficile verificare la portata degli eventuali danni ai contenuti disponibili online. Non è per ora dato sapere come RIAA risponderà all’attacco e se e quando verrà sporta denuncia, presumibilmente contro ignoti.

Va detto che l’associazione dei discografici è in qualche modo “abituata”, per così dire, ad essere aggredita sul web. L’hanno bombardata di telefonate, sbeffeggiata con parodie , le hanno persino mandato carbone digitale : alla RIAA e alla sua presenza online, condizionata dalla campagna pluriennale contro il file sharing, è successo davvero di tutto. Il colpo gobbo , i nemici telematici dell’associazione lo misero a segno nel 2002 quando, grazie ad una vulnerabilità, il sito RIAA venne trasformato in un jukebox che diffondeva 15 file mp3 pochi giorni dopo aver subito un imbarazzante defacement.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 01 2008
Link copiato negli appunti