Rimborso Windows, ma in silenzio

Il produttore asiatico Lenovo chiede la firma di un accordo di riservatezza per liquidare. L'utente rifiuta e non se ne fa niente. Ma in suo soccorso giunge una community

Roma – Richiedere il rimborso del sistema operativo preinstallato sul proprio PC si può, ma solo se il cliente accetta di tenere tutto segreto. Questo è quanto afferma di essersi visto proporre Kamil Páral , consumatore della Repubblica Ceca, dalla filiale locale di Lenovo: acquistato un laptop del produttore asiatico, non ha gradito la versione di Windows Vista che vi ha trovato a bordo, e ha chiesto di poterla rimuovere. La trattativa sarebbe saltata per il suo diniego di firmare un NDA ( non-disclosure agreement ), vale a dire un accordo che implica la riservatezza.

La saga di Kamil inizia lo scorso maggio, quando acquista un Lenovo ThinkPad R61 : un portatile molto ben carrozzato, con processore fino a 2,2GHz e scheda grafica Nvidia Quadro. A bordo, oltre a RAM e masterizzatore DVD, c’è anche Windows Vista Business : Kamil è un utente Linux e, sfruttando le condizioni mostrate dalla licenza EULA che bisogna accettare per iniziare ad usare il laptop, opta per il rimborso offerto, contando di non utilizzare il sistema operativo prodotto da Microsoft.

Si tratta di una procedura non sempre nota agli acquirenti di PC e notebook, che in alcuni casi tendono a considerare la fornitura di un sistema operativo Windows come una dotazione standard del proprio computer. Eppure, oltre alla licenza che invita espressamente a rivolgersi al rivenditore per ottenere un rimborso, all’estero esistono sentenze giudiziarie che chiariscono l’assoluta liceità di questa pratica. Non avviene lo stesso in Italia, dove si tratta invece ancora di una questione dibattuta.

Lo stesso dicasi, evidentemente, per la Repubblica Ceca. L’intera procedura, piuttosto lunga e complessa a giudicare dalle parole di Kamil, ha richiesto quasi 10 settimane per giungere a una conclusione: all’utente è stato chiesto di firmare un modulo di non divulgazione dei termini dell’accordo in cambio di un rimborso pari a 1.950 corone ceche (poco meno di 80 euro). Condizioni che Kamil non ha accettato, preferendo invece raccontare online la sua versione dell’accaduto.

La sua vicenda è stata pubblicata sul sito ceco AbcLinuxu.cz , che si è anche offerto di compensare lo sforzo di Kamil con un pagamento di 1.950 corone ceche in virtù dell’articolo da lui prodotto.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ChristianTN scrive:
    concorrenza e sviluppo
    Solo se AMD e Intel resteranno a guerreggiarsi si avrà un vero sviluppo.Una volta per avere mainstream erano necessarie piattaforme costruite ad hoc con n processori.Ora la strada è indicata da una cpu con n core.Se ci fosse una sola ditta produttrice questa che interesse avrebbe a proporre al mercato processori da prestazioni incrementali minime rispetto ai precedenti? Attenderebbe di fornire un prodotto estremamente superiore e lo spaccierebbe per fondamentale a tutti i consumatori.Solo con concorrenza puoi ottenere prodotti sempre migliori a prezzi via via contenuti. Questa è una semplice legge di mercato.Per quanto riguarda AMD, io lavoro in una P.A. e nei bandi di gara vincono quasi sempre PC con processore AMD, pur richiedendo workstation, AMD risulta sempre competitiva.Christian
  • tazmanian devil scrive:
    Concordo
    Anche io sono molto soddisfatto delle cpu amd. Sono passato da un athlon xp 1700 al nuovo athlon x2 5000 che uso per giocare con una 3850 da 1 giga. Consideriamo che il costo della vita si sta alzando vertiginosamente e che non tutti si possono permettere i processori di intel.Anche nel campo della grafica il lancio delle nuove 4850 di amd/ati è andato bene ed ancora una volta abbiamo un ottimo prodotto a un prezzo molto concorrenziale. Anche secondo me la amd è tutt'altro che finita. Ogni volta che intel lancia una novita' che comunque non è mai a buon prezzo, arriva puntuale la risposta di amd con un prodotto simile ad un prezzo piu' sensato. Forse sarebbe il caso di cominciare a boicottare delle cpu che costano una badilata ed invecchiano alla velocita' della luce. Del resto mi pare che i processori amd riescano a fare le stesse cose che fanno gli intel giusto??
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Articoli sempre più pietosi !!!
    Dall'affluenza dei commenti direi che avete perso almeno il 30 % dei lettori !!!! L'idea di staccare ad Agosto non ha fatto tanto bene alle visite ! ;D
    • J.M. scrive:
      Re: Articoli sempre più pietosi !!!
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      Dall'affluenza dei commenti direi che avete perso
      almeno il 30 % dei lettori !!!! L'idea di
      staccare ad Agosto non ha fatto tanto bene alle
      visite !
      ;DMarco Marcoaldi...cioè M.M.Stesse iniziali di Miserabile Mattoide...non sarà un caso ?Ti consiglio un posto dove potertene andare a vergognarti:http://marcomarcoaldi.notlong.com
  • chojin scrive:
    AMD è alla frutta......
    ... può tagliare i prezzi quanto vuole, Nehalem di Intel darà il colpo mortale al gruppo. Sarà molto probabile che AMD inclusa ATI in essa verranno acquisite dopo da Nvidia, che avrà solo quella come mossa per opporsi ad Intel e l'imminente uscita delle CGPU Larrabee.
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: AMD è alla frutta......
      Secondo me non hai la minima cognizione delle cose di cui parli.Basterebbe solo ricordare che AMD è nata da una costola di Intel, per cui la preparazione dei progettisti è potenzialmente la stessa per entrambe le aziende!AMD poi si è guadagnata grandissimo prestigio realizzando CPU estremamente efficienti e performanti; io ero passato ad AMD 8 anni fa con un Compaq Presario dotato di Athlon a 650 MHz e ne sono rimasto talmente soddisfatto che da allora scelgo sempre PC con CPU AMD.Non parliamo poi delle AMD multi core che ormai vengono largamente impiegate in tutti quei settori mission-critical dove sono richiesti requisiti non comuni per quanto riguarda l'affidabilità; pensiamo, ad esempio, alla gestione della galleria del vento al centro ricerche Ferrari di Maranello, o alla simulazione dei terremoti all'Università della California!Ma poi, per quale motivo io dovrei augurare ad una azienda come AMD di fare una brutta fine?Io invece auguro lunga vita ad AMD!P.S. A titolo di curiosità, gli attuali quad core AMD sono formati veramente da quattro core, mentre i quad core Intel sono spacciati per quad core ma in realtà sono formati da due dual core; tutto ciò non depone certo a favore di Intel!http://punto-informatico.it/1986483/PI/News/phenom-quad-core-consumer-amd.aspxP.P.S. Sempre a titolo di curiosità, bisognerebbe anche ricordare che, ai tempi di Windows95/98, alcuni hackers scoprirono che la Intel, in combutta con Microsoft, aveva inserito nelle sue CPU due istruzioni segrete capaci di velocizzare il tasck switching (operazione piuttosto pesante nei SO multitasking); ed anche questo fatto non depone certo a favore di Intel!
      • Genez scrive:
        Re: AMD è alla frutta......
        Vorrei premettere che sono un soddisfatto cliente AMD e sono a favore della concorrenza.Anche io sono passato ad AMD tanti anni fa (ho avuto anche Intel e Cyrix) e ho sempre trovato il rapporto qualità/prezzo molto competitivo.Detto questo, vorrei approfondire le argomentazioni di Alvaro Vitali:E' vero che i processori AMD vengono largamente utilizzati nel contesto server high-end (gli Opteron hanno fatto molto successo) ma con le ultime generazioni intel gli Opteron stanno cedendo il passo (per il momento nell'ambito pro workstation ma il trend è generalizzato) a Intel.Un esempio è qui: http://punto-informatico.it/2347573/PI/Brevi/dreamworks-molla-amd-prende-intel.aspx.Per la questione 2 o 4 core reali, AMD ha sempre adottato soluzioni eleganti ed estremamente interessanti dal punto di vista tecnologico.Un esempio è il bus HyperTransport, che ha ispirato Intel per la progettazione della nuova piattaforma che accompagnerà la nuova generazione di CPU (ora mi sfugge il nome, dovrebbe essere Nehalem ma con sti nomi fatica...).Dobbiamo però ammettere dal lato pratico che a parità di prezzo, attualmente una soluzione Intel è mediamente più performante (soprattutto se consideriamo anche il rapporto performance/watt).Per la questione delle istruzioni SEGRETE, beh questa mi è nuova...Per curiosità, hai qualche link o documentazione che spiega la cosa?Genesio
        • Alvaro Vitali scrive:
          Re: AMD è alla frutta......
          La vicenda, come ho detto, risale a un bel po di anni fa, ai tempi di Windows95; c'era stata anche una inchiesta giudiziaria.Purtroppo in Rete non sono riuscito a trovare nulla, ma ricordo che sull'argomento lessi un articolo anche sul Doctor Dobb's Journal.
          • anonimo scrive:
            Re: AMD è alla frutta......
            Forse ti confondi sul fatto che Windows usava delle istruzioni non valide per fare il task switching (era un metodo strano ma era il modo più veloce).Maggiori info sul libro The Old New Thing
    • barra78 scrive:
      Re: AMD è alla frutta......
      il 95% delle cose che faccio richiedono potenza che il celeron 900 downcloccato a 600mhz del mio EEE basta e avanza. Nel settore notebook la soluzione migliore imho è puma, sul desktop l'accoppiata x2 (o x3)+ 780g imho è ineguagliata (nonostante qualche problema di prestazioni di IDE e SATA) in quella fascia di prezzo. Se uno poi ha budget illimitato è un altro discorso ma x 600 non compri certo un centrino con il comparto video disponibile in puma.
    • Fra Martino scrive:
      Re: AMD è alla frutta......
      prega che non sia così.
    • Paolo Sabatino scrive:
      Re: AMD è alla frutta......
      Acquisite da nvidia ne dubito, l'antitrust americano non lo permetterebbe. Tralaltro nemmeno nvidia sta passando un bel momento.E per inciso, amd ha diversi interessanti progetti per il futuro, nonchè la migliore piattaforma htpc attualmente sul mercato.Se amd si fosse tolta dal mercato dei processori, il tuo fantastico nehalem l'avresti avuto fra 5 anni al prezzo di una utilitaria.Per quanto riguarda Larrabee, vedremo cosa si occuperanno di fare tanti core x86 in-order rispetto ad architetture progettate appositamente (vedi ati e nvidia).
  • Pippo scrive:
    Tabella
    'ndo sta????
Chiudi i commenti