Calcio, il 25% del Rimini acquistato in Quantocoin

Il 25% del Rimini Football Club sarebbe stato venduto alla Heritage Sports Holding e pagato con Quantocoin: firmato un contratto preliminare.

Calcio, il 25% del Rimini acquistato in Quantocoin

Il mondo della finanza creativa si è da tempo interessato del mondo del pallone, ma la notizia di queste ore sembra essere una novità quantomeno unica: il 25% della società Rimini Football Club sarebbe stato ceduto con un pagamento in criptovaluta. Una criptovaluta specifica, ossia il Quantocoin. La notizia trova immediatamente spazio sulle grandi testate sportive, ma al momento si tratta di una operazione ferma ad una documentazione preliminare.

Quantocoin non è certo un nome noto nel mondo delle criptovalute: sul sito ufficiale si presenta con un altisonante “tieni la tua banca nel palmo della tua mano” e promette di creare un ponte tra il mondo reale e quello immateriale per consentire un più semplice utilizzo delle criptovalute negli acquisti di tutti i giorni. Tutte le informazioni sulla breve storia della valuta sono disponibili per approfondimenti sul sito ufficiale (70 milioni di token sarebbero in vendita, con una attività che a questo punto sembra legarsi a doppio filo al mondo del pallone).

La parte acquirente è la “Heritage Sports Holding“, gruppo che avrebbe già acquistato 22 club in tutto il mondo (con attività in essere anche con il Mantova) per costruire un business sportivo partendo da società di basso valore e di grande ambizione. Come il Rimini, ad esempio, che ha già respirato l’aria del grande calcio per alcuni anni – storico il pareggio con la Juventus durante l’anno in serie cadetta dei bianconeri post-Calciopoli – e che ora tenta la rinascita dopo una difficile parentesi economica. La parte più interessante del gruppo sembra essere al momento legata ad alcuni dei nomi nel board, tra i quali quel Michel Salgado già in forza al Real Madrid. Tra gli ambasciatori del progetto si annoverano invece nomi del calibro di Patrick Kluivert e Roberto Carlos, dei quali nessun tifoso che si rispetti necessita di alcuna presentazione.

Quantocoin, Robe di Kappa e la banca Turicum risultano essere partner dell’iniziativa. Interessante è anche notare l’immagine di Silvio Berlusconi al fianco del CEO HSH, Pablo Victor Dana, all’interno di una pagina che cita il gruppo come “iniziatore” della cessione del Milan negli anni 2014/15.

Troppi gli elementi fumosi all’interno di questa vicenda, per i quali è necessario contenere ogni entusiasmo sia sportivo, sia relativo al mondo delle criptovalute: il calcio ha abituato tutti ad operazioni troppo rapide e complesse per poter essere comprese appieno, quindi occorre a questo punto attendere i prossimi passi dei Quantocoin per capirne il valore potenziale, i primi risultati del Rimini per capirne le ambizioni reali e le prime operazioni della società per comprenderne le autentiche intenzioni. Ad oggi quel che si sa è che un contratto preliminare sarebbe stato firmato (lo conferma il presidente del Rimini Calcio, Giorgio Grassi), che la cessione riguarda il 25% della società e che il pagamento avverrà in moneta virtuale (cosa che, a quanto pare, non avrebbe al momento pari nel mondo del pallone).

Fonte: Gazzetta dello Sport

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • TheQ. scrive:
    Torno a vendere i soldi del Monopoli, una delle altercoin più diffuse e riconosciute al mondo. Se li volete comprata per dollari e euro, sono garantiti da proprietà in parco delle vittorie.
  • TheQ. scrive:
    L'ennesimo che pensa che mettendo la parola criptovalute o blockchain in una frase serva per generare profitti dal nulla e sia una buona cosa. Comunque più che uno stato fallito per le pressioni internazionali dei potenti e per l'incapacità del democrate che ha piazzato i suoi parenti ed amici al potere per sempre, lui stesso incluso, trovo divertenti i discorsi degli speculatori della domenica, quelli senza laurea in economia ma convinti di averla solo perché ripetono a menadito il mantra delle criptovalute, spiegare perché il petro si fondi sul nulla a differenza dei Bitcoin che hanno solide basi.
  • GT scrive:
    QuantoCoin è il nulla, non esiste neanche ancora. Un altro imbroglio per riciclare denaro e\o evadere.
Chiudi i commenti