Rivolte londinesi, social network a rapporto

La commissione d'indagine chiede informazioni a Facebook e RIM. E tutte e due insieme a Twitter rischiano futuri possibili blocchi

Roma – Research in Motion (RIM) e Facebook dicono di aver ricevuto dalle autorità di Londra richieste di informazioni circa gli utenti attivi durante le sommosse dello scorso agosto .

Nei giorni che hanno visto mettere a ferro e fuoco Londra e nei dibattiti immediatamente successivi, fra le cause della vicenda e gli strumenti da biasimare la politica non ha esitato ad inserire fin da subito i social network, accusati di essere stati impiegati per l’organizzazione dei riottosi, e BlackBerry Messenger (BBM), canale di comunicazione che sembra essere stato tra i preferiti dei vandali per scambiarsi foto e altre testimonianze degli eventi.

Al culmine della violenza il Primo Ministro britannico David Cameron ha detto di star prendendo in considerazione proprio il blocco dei social network.

Ora che la situazione si è calmata, le istituzioni hanno avviato una commissione di indagini che ha convocato anche i rappresentanti dei social network e di RIM per interrogarli.

Tra le aziende cui Londra ha chiesto dati sembrano per il momento esserci però solo BBM e Facebook. Manca, almeno per il momento, Twitter che aveva già detto di non voler bloccare alcun account. Il tecnofringuello ha detto adesso che il Governo “non aveva bisogno di nulla da loro”.

Sia Twitter che RIM e Facebook, tuttavia, colgono ancora l’occasione per ribadire la sconvenienza della chiusura dei social network nel caso di eventi simili : essendo semplicemente degli strumenti, possono essere utilizzati nel bene e nel male, e dunque chiudendoli si rischia altresì di impedire lo scambio di eventuali richieste di soccorso o di altri tipi di comunicazioni di servizio.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mariano Mercuri scrive:
    Applicazioni per Symbian quindi?
    Essendo ignorante in materia di programmazione, volevo sapere se la pubblicazione di queste API permetterà agli sviluppatori di creare anche un client per Symbian^1 e Symbian^3 simili a twimgo, 4squick e fMobi. Giusto per capire fino in fondo l'importanza di questa notizia :-)
  • Foy scrive:
    API per la svolta
    Quelli di Google hanno fatto male a ritardare l'uscita delle API. Per un'app nata per lo scontro diretto con Facebook usare tutti i metodi di comunicazioni possibili è il minimo. Senza le API sono venuti a mancare plugin per blog e CMS, c'era solo il tasto +1 ma quello serve per chi legge le notizie, chi le pubblica vuole strumenti per pubblicare in automatico su tutti i canali possibili.
  • Shu scrive:
    Messaggi pubblicati...
    Il numero dei messaggi PUBBLICI, non pubblicati, è sceso del 41%.Non si può sapere quanti messaggi siano stati inviati solo alle proprie cerchie o a destinatari specifici.Personalmente ho invece visto un certo incremento di messaggi e soprattutto dei commenti ai messaggi, e per fortuna non sono roba tipo "ho ruttato", "sono andato in bagno" o "che bel tramonto ieri sera", ma roba un po' più interessante.
    • Mac scrive:
      Re: Messaggi pubblicati...
      Esatto.E REST non è un metodo.....
    • bertuccia scrive:
      Re: Messaggi pubblicati...
      - Scritto da: Shu

      Personalmente ho invece visto un certo incremento
      di messaggi e soprattutto dei commenti ai
      messaggi, e per fortuna non sono roba tipo "ho
      ruttato", "sono andato in bagno" o "che bel
      tramonto ieri sera", ma roba un po' più
      interessante.io vedo che tra i miei amici il grado di adozione è stato piuttosto alto.. mi ha sorpreso la cosa, dato che trattasi di non-nerd.. poi ci ho pensato e ho notato che la gente si iscrive a qualunque cosa con estrema facilità, anche se si tratta di regalare le proprie info personali.. nessuno mi ha chiesto cosa fosse di preciso o ha fatto domande.. si sono iscritti e bastain realtà poi ad usarlo quotidianamente sono in pochi, preferiscono stare su facebook perchè c'è più vita e ci si può fare gli affari degli altrisui post pubblici.. io ad esempio non ne faccio praticamente mai
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Messaggi pubblicati...
      Purtroppo tra le persone che conosco non ha avuto così tanto sucXXXXX... Spero sempre in una ribalta.
Chiudi i commenti