Roaming in vacanza: ecco come utilizzarlo in sicurezza

Roaming in vacanza: ecco come utilizzarlo in sicurezza

Roaming in vacanza? Anche con le nuove regole non bisogna abbassare la guardia: ecco come evitare rischi inutili.
Roaming in vacanza? Anche con le nuove regole non bisogna abbassare la guardia: ecco come evitare rischi inutili.

Con la recente modifica dei regolamenti sul roaming territorio UE, è stato esteso il principio di roam like at home per altri 10 anni e sono state introdotte altre interessanti novità per i consumatori,

A livello pratico dunque, cosa può cambiare per chi usa il roaming in vacanza? Di fatto, è possibile chiamare, inviare SMS e navigare online senza costi aggiuntivi per chi si trova all’estero.

Prima di utilizzare il proprio smartphone per navigare online dall’estero, è bene fare attenzione ad alcuni particolari.

In primis, adottare un antivirus affidabile come Panda Security è sicuramente un primo passo per mantenere al sicuro sia telefono che laptop e altri strumenti simili.

Appurato il fatto di avere una protezione concreta, è consiglio comune disattivare i dati mobili e il roaming (oppure attivare la modalità aereo) quando si viaggia in nave Se invece si ricorre alla la connessione satellitare, informarsi bene su costi e condizioni del servizio.

Roaming in vacanza? Ecco alcuni consigli preziosi per un utilizzo ottimale

Una volta giunti a destinazione poi, l’utilizzo di Wi-Fi pubblici è, per quanto possibile, da evitare. In questo contesto, è possibile adottare una VPN per evitare problemi di sorta.

Questo consiglio è ancora più valido se si intende effettuare transazioni economiche attraverso il dispositivo che si collega alla rete. Evitare di scaricare file, soprattutto attraverso reti P2P è un ottimo modo per ridurre ulteriormente i rischi.

Soprattutto se si utilizza una rete pubblica, la condivisione di file e dati personali è da evitare sempre per quanto possibile.

A tutto ciò si aggiunge una serie di pratiche che, lato sicurezza, dovrebbero essere sempre seguite. Evitare i siti sprovvisti del protocollo HTTPS, per esempio, rientra in questa logica.

Come detto all’inizio di questo articolo però, scegliere un antivirus adeguato è una base solida attraverso cui è possibile poi aggiungere ulteriori livelli di sicurezza con le suddette pratiche.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 dic 2022
Link copiato negli appunti