Roma: chattare non è (più) un reato

Dopo la denuncia di Punto Informatico, il Consiglio dei Ministri ha modificato il pacchetto sicurezza. Restano però alcune pericolose arbitrarietà sul nuovo reato di adescamento di minorenni online
Dopo la denuncia di Punto Informatico, il Consiglio dei Ministri ha modificato il pacchetto sicurezza. Restano però alcune pericolose arbitrarietà sul nuovo reato di adescamento di minorenni online

Buone notizie per i navigatori italiani. Dopo la denuncia di Punto Informatico e le email di molti lettori, il Consiglio dei Ministri ha modificato il disegno di legge Disposizioni in materia di reati di grave allarme sociale contenuto nel Pacchetto Sicurezza, scongiurando il rischio di carcere per i frequentatori di chat e SMS.

chattare Nella versione precedente, lo ricordiamo, chiunque “si intratteneva con un minore di anni sedici allo scopo di sedurlo”, rischiava il carcere fino a tre anni.

Dopo qualche settimana di attesa, è stata finalmente resa pubblica la versione approvata della nuova fattispecie di reato, che riportiamo:

“ART. 609-undecies. – (Adescamento di minorenni)
Chiunque, allo scopo di abusare o sfruttare sessualmente un minore di anni sedici, intrattiene con lui, anche attraverso l’utilizzazione della rete internet o di altre reti o mezzi di comunicazione, una relazione tale da sedurlo, ingannarlo e comunque carpirne la fiducia, è punito con la reclusione da uno a tre anni”.

Se da un lato il Governo ha accolto la segnalazione riscrivendo l’articolo in modo meno ambiguo, smentisce quanto annunciava il ministro Rosy Bindi sul proprio sito: restano infatti imputabili anche tutti i minorenni (il termine “chiunque” è inequivocabile).

Nonostante la buona notizia, rimane una pericolosa arbitrarietà generale nella norma, come denuncia anche il presidente delle Camere Penali Renato Borzone , aggravata dal fatto che ora ogni minorenne è passibile di carcere. Infatti, se lo sfruttamento sessuale è relativamente facile da individuare, molto meno lo è il “semplice” scopo di abuso: l’intenzione di farlo, quindi, non il fatto .

Un qualsiasi minorenne un po’ sprovveduto che incontrasse un magistrato poco accorto, rischia ora la galera fino a tre anni per aver inviato qualche SMS un po’ audace. L’introduzione di un limite minimo dell’età del reo (quattordici anni, sedici, diciotto…), o una definizione più precisa di “scopo di abuso”, avrebbe limitato questo rischio. Se l’esigenza è quella di tutelare i minori, infatti, anche chi commette l’eventuale reato può esserlo.

videochattare La legge, lo ricordiamo, oltre alla rete internet, contiene nella sua introduzione precisi riferimenti anche all’uso del telefonino e degli SMS.

Il tempo per ulteriori modifiche migliorative, vista la corsia preferenziale di cui gode il pacchetto sicurezza, è ristretto, ma la Camera ha ancora modo di agire sul testo prima dell’approvazione finale.

Luca Spinelli
www.lucaspinelli.com

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 12 2007
Link copiato negli appunti