Samsung, Apple e il valore dei brevetti

Il nuovo scontro tra le due aziende continua senza esclusione di esperti. E la figura di Steve Jobs si riverbera su processo e strategie di mercato

Roma – Il nuovo procedimento che vede contrapposte Apple e Samsung prosegue a suon di esperti, chiamati a presentare i loro studi che dovrebbero contribuire a stabilire il valore dei brevetti cui è contestata la violazione.

Il nuovo capitolo della saga che si svolge ancora una volta di fronte al banco del giudice Lucy Koh, sembra ancora svolgersi tutto intorno alla valutazione dei brevetti messi sul tavolo dalle due aziende: una valutazione che dovrebbe sintetizzare la rispettiva importanza, la gravità della violazione e l’eventuale perdita registrata dalla presunta concorrenza illecita.

Mentre Apple ha portato ancora all’attenzione della giuria il ruolo svolto da Steve Jobs, la cui morte sarebbe stata considerata dai dirigenti di Samsung “la migliore occasione possibile per attaccare iPhone”, stavolta è stato il turno degli esperti di Samsung, secondo cui i cinque brevetti contestati da Apple varrebbero solo 38,4 milioni di dollari (1,75 dollari di royalty per dispositivo) e non i 2,2 miliardi (pari a 40 dollari per device) come chiesto da Cupertino.

A salire sul banco dei testimoni per la coreana – dopo gli sviluppatori di Google chiamati a difendere l’innovazione di Android – è stata la docente di economia e finanza della Yale Judith Chevalier, secondo i cui calcoli l’infrazione di ogni brevetto Apple varrebbe 35 centesimi per ognuno degli oltre 37 milioni di dispositivi trovati in violazione (Admire, Galaxy Nexus,Galaxy Note, Galaxy Note 2, Galaxy S2, Galaxy S2 Epic 4G Touch, Galaxy S2 Skyrocket, Galaxy S3, Galaxy Tab 2 10.1 e lo Stratosphere).

Dal momento che una delle materie legalmente meno certe è quella che riguarda il calcolo del valore di un brevetto , non vi è un unico metodo di calcolo: una delle tecniche che si utilizza cerca di ricreare ipoteticamente un negoziato per raggiungere un accordo di licenza e arrivare attraverso di questo ad una cifra plausibile. Si tratta del metodo scelto dalla professoressa di Samsung – e naturalmente contestati da Cupertino – secondo cui i 38 milioni di dollari rappresenterebbero una cifra ragionevole che si suppone avrebbero potuto concordare Apple e Samsung se avessero raggiunto un accordo.
Inoltre, secondo gli esperti della coreana, Cupertino non avrebbe comunque registrato perdite in conseguenza dell’utilizzo illecito dei brevetti da parte di Samsung.

Samsung, poi, contrattacca denunciando una violazione di due brevetti ad opera di Apple. Un titolo risale al 1994 e copre le tecnologie per la compressione video prima della trasmissione: acquisito da Samsung nel 2011 per 2,3 milioni di dollari, sarebbe illecitamente sfruttato da Cupertino per Facetime. L’ altro brevetto , che Samsung ha acquisito da Hitachi, è invece dedicato alla organizzazione delle immagini nelle gallery. Per questi due titoli la coreana si stima possa chiedere intorno ai 7 milioni di dollari.

Le valutazioni, ad ogni modo, risultano particolarmente difficile quando si tratta di analizzare i brevetti di design: interessante a tal proposito notare come Samsung stia cercando di mettere in luce le novità introdotte da essa stessa, prima con un sito dedicato alle sue innovazioni, poi addirittura con un museo di 10mila metri quadri dedicato alla tecnologia e costruito all’interno del suo campus a Suwon, Corea.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Jack scrive:
    Pensavo ad un'altra Lisa
    Pensavo Apple avesse assunto un'altra Lisa...[img]http://img2.wikia.nocookie.net/__cb20100721131038/simpsons/images/3/37/Lisa-MyPodcostume.JPG[/img]
  • Jacopo Doria scrive:
    Iniziassero ad adottare....
    ....caricabatterie universali per i loro prodotti.Già il fatto di obbligare i propri consumatori a dotarsi ogni volta di un caricabatterie nuovo ogni volta che cambiano il plugin quando invece potrebbero utilizzarne uno solo e sempre lo stesso per tutta la vita, sarebbe già un contributo....!!
  • ... scrive:
    mah
    mela verde no ne' il simbolo dy happydent?
  • bradipao scrive:
    si ma è il 100% del 2%
    Varrebbe la pena sottolineare che quello dei DataCenter rappresenta il 2% di tutto il Carbon Footprint di Apple. Quindi alimentare i data center con 100% energia pulita, vuol dire ridurre del 2% il proprio Carbon Footprint.Il grosso sta nella produzione dei dispositivi.
  • ... scrive:
    colore diverso per il logo? fantastico!
    minsex ci si ammazzera' di seghe per la felicita'.
  • Anonimo per finta scrive:
    Lettiera
    Oggi ho cambiato la sabbia della lettiera del gatto.Il gatto ringrazia, non mancando però di sottolineare la necessità di ridurre il tempo tra un ricambio e l'altro, così da tenere alto lo standard igenico qualitativo del servizio di assorbimento fornito.
  • collione scrive:
    apple
    E' lunedì che umiliazioneandare in fabbrica al servizio del padroneo juventino succhiapisellidi tutta la famiglia agnellio juve XXXXX juve juve XXXXXjuve juve XXXXX...
  • prova123 scrive:
    No, questo no!
    Qualsiasi azienda che ha una storia non deve cambiare il logo per nessun motivo al mondo ... è il caso di dire che siamo veramente alla frutta. :D
Chiudi i commenti