Samsung corre per il primato

Trimestrale da record per la coreana. Secondo le stime degli analisti Samsung batte Nokia

Roma – Samsung Electronics ha mostrato una trimestrale da record: merito soprattutto delle performance dei suoi smartphone che hanno permesso di nascondere la relativa debolezza sul fronte semiconduttori e TV.

Con il trimestre che si è chiuso lo scorso 31 marzo, i profitti netti hanno raggiunto i 3,40 miliardi di euro, una crescita superiore all’80 per cento rispetto all’anno scorso , il reddito operativo è praticamente raddoppiato e le vendite sono cresciute del 22 per cento.

La crescita dell’azienda è costante: il successo di Galaxy S II e di Galaxy Note, in particolare, ma anche della divisione display che cresce del 31 per cento grazie anche alla diffusione della tecnologia OLED, rappresentano i principali fattori di successo che trainano da più di un anno performance sempre più positive.

Proprio le vendite di questi prodotti hanno così permesso di compensare il calo del 13 per cento della divisione semiconduttori e del 17 della vendita di unità di memoria .

Anche se alcuni studi pongono Samsung ancora al secondo posto rispetto al market share mobile, secondo altri la distribuzione di smartphone da parte di Samsung avrebbe superato, 44,5 milioni contro 35 milioni, i numeri di iPhone nel primo trimestre del 2012. Le vendite di suoi cellulari, in generale, batterebbero quelle di Nokia (93 contro 83 milioni).

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nerdofilo scrive:
    è presto
    Bisognerà aspettare ancora 10 anni per avere delle statistiche su cui lavorare. 25 almeno per gli smartphone.
    • johnny il fenomeno scrive:
      Re: è presto
      - Scritto da: nerdofilo
      Bisognerà aspettare ancora 10 anni per avere
      delle statistiche su cui lavorare. 25 almeno per
      gli
      smartphone.Ma se e' da oltre vent'anni che si stanno facendo degli studi severissimi sugli effetti delle onde elettromagnetiche(il qui risultato e' sempre lo stesso : ZERO pericolosita') e tu dici che ci vuole altro tempo. E magari dopo altri venti dirai: -...ce ne vogliono ancora venti...-.Pensa se applicassimo la stessa logica ad una teoria che sostiene che gli asini volano. -Dopo vent'anni- ...Non e' ancora emersa nessuna prova sul fatto che gli asini volino...pero' consigliamo cautela e vanno fatti altri vent'anni di ricerche....(praticamente tutte con soldi pubblici)PSE' divertente, notare, come tu consideri le onde elettromagnetiche degli smartphone come speciali; sulla quale va fatto un'indagine a se'.
      • bondolo scrive:
        Re: è presto
        - Scritto da: johnny il fenomeno
        - Scritto da: nerdofilo

        Bisognerà aspettare ancora 10 anni per avere

        delle statistiche su cui lavorare. 25 almeno
        per

        gli

        smartphone.

        Ma se e' da oltre vent'anni che si stanno facendo
        degli studi severissimi sugli effetti delle onde
        elettromagnetiche(il qui risultato e' sempre lo
        stesso : ZERO pericolosita')Peccato sono tutti studi finanziati dalle multinazionali che hanno PICCOLI interessi nel settore.Tu fatti pure cuocere il cervello dagli aggeggi che paghi fior di quattrini ma io di pagare le spese sanitarie per i tumori che ti verrano, non ci tengo.I telefonini andrebbero ultratassati come si fa con le sigarette e ci dovrebbero mettere l'avvertenza che sono dannosi come le sigarette, almeno finche' qualcuno non sapra' dimostrare che non fanno niente, ma con ricerche serie, non quelle farlocche finanziate dagli squali di turno.E nel frattempo divieto assoluto di usare i cellulari per i minori di 18 anni, possibilmente anche minori di 25 visto che e' fino a quell'eta' che si sviluppa il cervello come hanno dimostrato degli studi seri. e tu dici che ci
        vuole altro tempo. E magari dopo altri venti
        dirai: -...ce ne vogliono ancora
        venti...-.Quanto ci è voluto per verificare la pericolosita' dell'amianto? E del tabacco?

        Pensa se applicassimo la stessa logica ad una
        teoria che sostiene che gli asini volano.Stai paragonando mele e pere, e lo sai benissimo.

        -Dopo vent'anni- ...Non e' ancora emersa
        nessuna prova sul fatto che gli asini
        volino...pero' consigliamo cautela e vanno fatti
        altri vent'anni di ricerche....(praticamente
        tutte con soldi
        pubblici)

        PS
        E' divertente, notare, come tu consideri le onde
        elettromagnetiche degli smartphone come speciali;
        sulla quale va fatto un'indagine a
        se'.
        • tontech scrive:
          Re: è presto
          concordo pienamente e consiglio di vedere una bella puntata di report che spiega molto bene come le multinazionali hanno e cercano tuttora di camuffare e pilotare le ricerche sugli effetti nocivi dei dispositivi mob. sono d'accordo sul fatto che anche per i cellulari debba esserci l'avviso come sui pacchetti delle sigarette io lo metterei anche per qualche sec durante l'accenssione del dispositivo. Cosi come promemoria- Scritto da: bondolo
          - Scritto da: johnny il fenomeno

          - Scritto da: nerdofilo


          Bisognerà aspettare ancora 10 anni per
          avere


          delle statistiche su cui lavorare. 25
          almeno

          per


          gli


          smartphone.



          Ma se e' da oltre vent'anni che si stanno
          facendo

          degli studi severissimi sugli effetti delle
          onde

          elettromagnetiche(il qui risultato e' sempre
          lo

          stesso : ZERO pericolosita')

          Peccato sono tutti studi finanziati dalle
          multinazionali che hanno PICCOLI interessi nel
          settore.
          Tu fatti pure cuocere il cervello dagli aggeggi
          che paghi fior di quattrini ma io di pagare le
          spese sanitarie per i tumori che ti verrano, non
          ci
          tengo.
          I telefonini andrebbero ultratassati come si fa
          con le sigarette e ci dovrebbero mettere
          l'avvertenza che sono dannosi come le sigarette,
          almeno finche' qualcuno non sapra' dimostrare che
          non fanno niente, ma con ricerche serie, non
          quelle farlocche finanziate dagli squali di
          turno.
          E nel frattempo divieto assoluto di usare i
          cellulari per i minori di 18 anni, possibilmente
          anche minori di 25 visto che e' fino a quell'eta'
          che si sviluppa il cervello come hanno dimostrato
          degli studi
          seri.

          e tu dici che ci

          vuole altro tempo. E magari dopo altri venti

          dirai: -...ce ne vogliono ancora

          venti...-.

          Quanto ci è voluto per verificare la
          pericolosita' dell'amianto? E del
          tabacco?




          Pensa se applicassimo la stessa logica ad una

          teoria che sostiene che gli asini volano.

          Stai paragonando mele e pere, e lo sai benissimo.




          -Dopo vent'anni- ...Non e' ancora emersa

          nessuna prova sul fatto che gli asini

          volino...pero' consigliamo cautela e vanno
          fatti

          altri vent'anni di ricerche....(praticamente

          tutte con soldi

          pubblici)



          PS

          E' divertente, notare, come tu consideri le
          onde

          elettromagnetiche degli smartphone come
          speciali;

          sulla quale va fatto un'indagine a

          se'.
        • johnny il fenomeno scrive:
          Re: è presto
          - Scritto da: bondolo
          Peccato sono tutti studi finanziati dalle
          multinazionali che hanno PICCOLI interessi nel
          settore.FALSISSIMO!La quasi totalita' delle ricerche, sono state fate da enti che non hanno nulla a che vedere con gli interessi dei costruttori di apparecchiature radio
          Tu fatti pure cuocere il cervello dagli aggeggi
          che paghi fior di quattrini ma io di pagare le
          spese sanitarie per i tumori che ti verrano, non
          ci
          tengo.Quanti ammalati di tumore, a causa delle onde radio, vi sono stati negli ultimi venti anni? Risposta: ZERO.
          I telefonini andrebbero ultratassati come si fa
          con le sigarette e ci dovrebbero mettere
          l'avvertenza che sono dannosi come le sigarette,
          almeno finche' qualcuno non sapra' dimostrare che
          non fanno nienteLa totale assenza di una casistica medico/statistica, e' la piu' grande dimostrazione che, le onde elettromagnetiche, sono sostanzialmente innocue. Inoltre, il tuo modo di operare, ha senso solo se lo applichi sempre. Percio' noi dovremmo tassare, e vietare, tutto quello che di cui non si ha la totale certezza di innocuita'. Quindi tassiamo e vietiamo la maionese (forse va venire l'epatite).Tassiamo e vietiamo la macedonia (forse fa venire il cancro)Tassiamo e vietiamo i mocassini (forse fanno venire il diabete).Tassiamo e vietiamo il rock & roll (forse provoca la pazzia).Tassiamo e vietiamo i videogiochi (forse provocano atti di violenza).Tassiamo e vietiamo i la masturbazione (forse provoca la cecita').....(devo forse continuare?)
          Quanto ci è voluto per verificare la
          pericolosita' dell'amianto? E del
          tabacco?
          Pochissimo tempo. Non appena si sono fatti gli studi medico/statistici e' subito emersa la pericolosita' di queste sostanze; ma per lo stesso motivo e' emersa l'innoquita' delle onde radio.
          Stai paragonando mele e pere, e lo sai benissimo.No! sto paragonando dei modus operandi pressoche' identici.
      • Hertek scrive:
        Re: è presto
        difatti non è che che sono stati sempre ZERO i risultati
        • rover scrive:
          Re: è presto
          si oscilla tra il fanno assolutamente male e il fanno assolutamente bene....
        • johnny il fenomeno scrive:
          Re: è presto
          - Scritto da: Hertek
          difatti non è che che sono stati sempre ZERO i
          risultatiSe prendiamo in considerazione le ricerche condotte con il metodo scientifico, allora il risultato e' ZERO.Le ricerche che hanno avuto la pretesa di dimostrare una qualche pericolosita', si sono sempre rivelate essere fasulle(il fatto che abbiano avuto un sucXXXXX mediatico, e' un'altra cosa).In effetti il dato e' un po' triste, ma devi considerare che oltre il 90%, delle ricerche, presentate ogni anno e' ascientifico; cioe' non rispetta il metodo scientifico.
Chiudi i commenti