Samsung e Sony: notebook e voglia di leggerezza

L'azienda coreana lancia un nuovo ultraslim da 16 millimetri. Nel frattempo, si mormora di un ritorno per la linea Vaio con Chrome OS e connessione Thunderbolt

Roma – Anche la coreana Samsung vuol dire la sua nel settore dei notebook ultraleggeri che non rinunciano alle prestazioni e ha appena lanciato sul mercato un’alternativa al MacBook Air , equipaggiata con Windows 7. La versione con display da 13,3 pollici del Samsung Serie 9 (NP900X3A) si presenta sugli scaffali dei negozi online con un volume molto simile a quello del noto computer Apple. Più avanti arriverà anche un modello da 11 pollici.

Il portatile, già disponibile negli Stati Uniti e venduto a 1.649 dollari, include CPU Intel Core i5-2537M, GPU integrata HD Graphics 3000 , 4GB di DDR3 e una memoria SSD da 128 GB. Per le connessioni si segnala la presenza di una uscita HDMI, una porta Ethernet e tre porte USB. La configurazione comprende anche touchpad, tastiera retroilluminata, modulo WiFI (802.11bgn), Bluetooth 3.0, slot per MicroSD, webcam integrata (1.3 MP), due diffusori (1,5W) audio oltre ai classici jack per cuffie e microfono. Il monitor è un LED da 1366×768 pixel, con tecnologia SuperBright Plus (400 nit).

Oltre a sfoggiare un design elegante e aggressivo al tempo stesso, il laptop Samsung riesce a contenere le dimensioni (32,8 x 22,7), lo spessore (1,63 cm) e il peso (1,35 KG) con la complicità di una avanzata lega metallica, il duralluminio , usata anche in campo aeronautico. Il notebook Serie 9 è paragonabile al MacBook Air anche dal punto di vista dell’autonomia: la durata dichiarata della sua batteria al litio a sei celle è di 7 ore.

Stando alle indiscrezioni dei giorni scorsi, anche Sony starebbe preparando qualcosa di nuovo in campo ultraportatili. O, meglio, due edizioni speciali del classico notebook Vaio. Secondo la fonte , il Sony VAIO Hybrid PC proporrà “Sandy Bridge” Intel Core i7, uscita HDMI “3D Ready”, drive SSD, connessione Thunderbolt e lettore Blu-ray esterno, integrato nella docking station. Entro l’estate dovrebbe uscire anche un Vaio ultrasottile da 11,6 pollici, con sistema operativo Chrome OS.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paguretto scrive:
    Per la redazione: The Hague..
    ..detta più comunemente (in Italia) L'Aia =)(qui in Olanda di solito la si chiama Den Haag)
  • eggia scrive:
    un vero hakker
    eggià un vero "hakker"come da nik+topic ;)
  • panda rossa scrive:
    Perche' scroccare allora?
    Se avvalersi di un router non protetto per connettersi in rete in Olanda non e' reato, il voler utilizzare il termine "scroccare", per quanto in corsivo, e' proprio un voler fomentare polemiche.Il tizio si e' connesso alla rete a norma di legge del suo paese.Se poi mentre era connesso abbia postato messaggi minacciosi, di questo ha risposto, anche se, per quanto mi riguarda, finche' li posta su 4chan, non e' possibile dargli del credito.
    • Valeren scrive:
      Re: Perche' scroccare allora?
      Piccola polemica: se è riuscito a farsi beccare postando su 4chan, è un pericolo!
      • Gasogen scrive:
        Re: Perche' scroccare allora?
        Aggiungo: da una rete non collegata a lui.
        • dodies scrive:
          Re: Perche' scroccare allora?
          Avrà firmato il messaggio con nome e cognome...o con una foto... xD
          • Gasogen scrive:
            Re: Perche' scroccare allora?
            - Scritto da: dodies
            Avrà firmato il messaggio con nome e cognome...o
            con una foto...
            xD"Salve sono nome e cognome, il mio profilo facebook (aperto) è qui, le mie coordinate attuali sono N 11° 10' 9'' E 40° 30' 20''"Deserto dell'Etiopia...
    • p4bl0 scrive:
      Re: Perche' scroccare allora?
      - Scritto da: panda rossa
      Se avvalersi di un router non protetto per
      connettersi in rete in Olanda non e' reato, il
      voler utilizzare il termine "scroccare", per
      quanto in corsivo, e' proprio un voler fomentare
      polemiche.

      Il tizio si e' connesso alla rete a norma di
      legge del suo
      paese.ti prudevano le dita e dovevi per forza scrivere a caso? se io ti scrocco una sigaretta non è reato ma te la sto comunque scroccando!se sfrutti senza pagare una rete che qualcuno ha pagato stai scroccando. punto. senza corsivi.

      Se poi mentre era connesso abbia postato messaggi
      minacciosi, di questo ha risposto, anche se, per
      quanto mi riguarda, finche' li posta su 4chan,
      non e' possibile dargli del
      credito.
Chiudi i commenti