Scientology, scacco a Wikileaks

Sul sito che consente la pubblicazione anonima, compare l'opera omnia della Chiesa statunitense. Non si può, è materiale coperto da copyright dicono gli avvocati. Ma per il momento resta tutto online

Roma – La Chiesa di Scientology è sul piede di guerra. Questa volta le sue attenzioni sono tutte per Wikileaks , la piattaforma per la pubblicazione di materiale in forma anonima, che dallo scorso marzo ospita due documenti fino ad oggi gelosamente custoditi dai fedeli del movimento fondato da L. Ron Hubbard. A far traboccare il vaso è la pubblicazione dell’intero manuale per la crescita spirituale dei fedeli redatto in massima parte da Hubbard stesso e contenente molte pagine manoscritte.

Il logo del Religious Technology Center di Scientology Secondo quanto riferito da WikiNews , a Wikileaks sarebbe stata recapitata una missiva proveniente dagli avvocati del Religious Technology Center di Scientology, l’entità che gestisce i diritti sul logo e la proprietà intellettuale della Chiesa. Nella lettera i legali chiedono a Wikileaks di “rimuovere immediatamente tali documenti” dalla disponibilità dei navigatori, e di provvedere a “preservare ogni informazione inerente alla questione, compresi log, data entry, form di registrazione, dischi, hard disk” e qualsiasi altro materiale disponibile.

Nella lettera non si fa alcun riferimento alla possibilità di avviare un’ azione legale contro Wikileaks, anche se viene chiaramente specificato che lo studio legale Moxon & Kobrin ritiene che “pubblicare copie di questi materiali sul vostro sistema non è stato autorizzato dal nostro cliente, da qualsiasi rappresentate legale del nostro cliente o da una corte”. Pertanto, l’azione portata avanti da colui che ha utilizzato Wikileaks per la pubblicazione è “una violazione della legge sul diritto d’autore degli Stati Uniti”.

La risposta di Wikileaks non si è fatta attendere. Con una nota, i gestori del sito hanno fatto sapere che non intendono obbedire a quella che definiscono “richiesta abusiva” formulata dalla Chiesa di Scientology, così come non obbediranno a “qualunque altra richiesta abusiva proveniente da Scientology, banche svizzere, off-shore russe, cleptocrati africani o dal Pentagono”: il riferimento è ai fatti accaduti nel mese di febbraio. Secondo i gestori del servizio, “Wikileaks rimarrà un posto dove le persone potranno denunciare ingiustizia e corruzione in totale sicurezza”. Anzi: “In risposta al tentativo di oppressione, Wikileaks intende pubblicare migliaia di altre pagine sulla Chiesa di Scientology”.

Uno dei manoscritti di Ron Hubbard

Se venisse confermata la sua autenticità, costituirebbe la prima pubblicazione integrale dell’intera guida operativa per passare dal livello Operating Thetan 1 (OT1) allo stato di Operating Thetan 8 (OT8) – vale a dire il massimo livello di illuminazione spirituale raggiungibile attraverso la dottrina di Scientology. Una eventualità sconsigliata e temuta da Hubbard stesso, che tra le pagine sottolinea come questa possibilità potrebbe arrecare gravi danni all’intero lavoro da lui svolto. L’interessamento dei legali della Chiesa, secondo alcuni, costituirebbe in effetti la prova che si tratti di materiale originale – come affermato da Wikileaks nelle note di rilascio della documentazione.

Luca Annunziata

( fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fsdfs scrive:
    fdsfs
    [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-datejust-c-2]Rolex DateJust watches[/url], Rolex DateJust watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-day-date-c-3]Rolex Day Date watches[/url], Rolex Day Date watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-daytona-c-4]olex Daytona watches[/url], Rolex Daytona watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-explorer-c-5]Rolex Explorer watches[/url], Rolex Explorer watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-gmt-c-6]Rolex GMT watches[/url], Rolex GMT watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-masterpiece-c-7]Rolex Masterpiece watches[/url], Rolex Masterpiece watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-milgauss-c-8]Rolex Milgauss watches[/url], Rolex Milgauss watches
  • Cammello Turco scrive:
    Anteprima a Firenze al Pycon.it 2008
    Alex Martelli uno dei pochi Uber Tech Lead di google lo presentera' al pycon a Firenze a MaggioDirei che e' un occasione da non PERDERE!http://www.pycon.it/pycon2/schedule/talk/google-app-engine
  • Zotto Tarzillo scrive:
    Ahi ahi ahi !
    Google sarà, tra qualche anno, un gigante più potente di tante superpotenze !!! E se, dopo aver migliaia di caselle mail, spazi web, filmati, etc etc decidess di imporre il Suo volere ? Difficile contrastarli...con tutti i dati sensibili che avranno memorizzati !!!---Vinci uno spazio GRATIS ma affrettati: http://www.solo365giorni.com !!!!
    • Ciccio Formaggio scrive:
      Re: Ahi ahi ahi !
      E se l'Enel decidesse un giorno di staccarci la corrente a tutti?In questa società globalizzata dobbiamo essere consapevoli che siamo tutti dipendenti e inter-dipendenti.Google offre dei servizi (a maggioranza gratuiti), è chiaro che un giorno potrebbe non offrirli più. E cmq i servizi (in particolare quelli a pagamento) hanno dei contratti legali che vanno rispettati.Del resto chi è che ha informazioni veramente riservate e importanti e le mette su un servizio di posta (o hosting) gratuito? Chiaramente non parlo della mail che mandi alla tua fidanzata ;)
  • mah scrive:
    Dubbio
    ...ma siamo sicuri che tutta questa quantità di informazione in mano ad un solo ente (pubblico e privato non fa molta differenza) non sia, se non pericoloso, almeno un pò inquietante. Non penso che si possa risolovere la questione con una battuta.
    • wiki scrive:
      Re: Dubbio
      - Scritto da: mah
      ...ma siamo sicuri che tutta questa quantità di
      informazione in mano ad un solo ente (pubblico e
      privato non fa molta differenza) non sia, se non
      pericoloso, almeno un pò inquietante. Non penso
      che si possa risolovere la questione con una
      battuta.Non esiste un solo ente, ci sono Google, ma anche Yahoo, Microsoft, Amazon, Ebay ecc... Vedrai che anche altri tireranno fuori un servizio simile a questo e poi se uno vuole uno può sempre affidarsi altrove. Infine: possibile che tutti qui si preoccupino di problemi legati alla privacy, che sono sì importanti, però a prima vista con questo servizio ne saltano fuori altri molto più evidenti dal punto di vista dello sviluppo. Ma forse perché qui di sviluppatori ce ne sono pochi e quindi si fanno discorsi un po' generici.
  • rouby scrive:
    Re: Lo sviluppatore non è un pollo
    rouby
  • AMEN scrive:
    E chi ha il 56K??
    Bellissima idea. Peccato ci sia chi, in questa bell'Italia, ha ancora il 56K.....
    • Linaro scrive:
      Re: E chi ha il 56K??
      - Scritto da: AMEN
      Bellissima idea. Peccato ci sia chi, in questa
      bell'Italia, ha ancora il
      56K.....Cosa cavolo c'entra con questa notizia?
    • uguccione scrive:
      Re: E chi ha il 56K??
      quoto,oltretutto non hanno neanche pensato a quelli che hanno ancora l'auto euro3!
    • iRoby scrive:
      Re: E chi ha il 56K??
      Quello è un problema dell'Italia in condizioni da terzo mondo non di Google.Nel terzo mondo non ci sono infrastrutture neppure per le comunicazioni.Non le vogliono i paesi ricchi, perché tali infrastrutture permetterebbero ai poveri di quei paesi di organizzarsi politicamente ed economicamente. Di crescere insomma.E i paesi ricchi sono tali perché altri paesi sono poveri non per bravura o cosa...Mantenere l'Italia in un tale stato significa mantenerla povera perché non esprima il proprio potenziale culturalmente ed economicamente migliorando.Non è casuale l'arretratezza del sud-Italia e delle zone rurali e non deriva solo da Mafia&Co.
  • CSOE scrive:
    Regalasi codice e visitatori
    In cambio di hardware e banda.Se poi il sistema è opensource, che cosa lo faccio a fare ? Perchè dovrei lavorarci ? In futuro si svilupperà solo per la gloria ?Myinitiative http://closedclub.wordpress.com/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 aprile 2008 10.06-----------------------------------------------------------
    • zzzzzzzzzzz z scrive:
      Re: Regalasi codice e visitatori
      OT - CSOE:* nella pagina "fatti coninvolgere" del tuo blog "Closed Club" ci sono diversi errori di battitura, tipo "Noi volgiamo", "tiene chiuse ne suo cuore" ...* wordpress e' open source: utilizzare una applicazione open source, che si muove grazie ad un database open source e che venga offerto come servizio gratuito, non appare coerente col tuo manifesto.
      • kennozzz scrive:
        Re: Regalasi codice e visitatori
        senza contare che usa come avatar una bufala conclamata (quella dei lemmings)... in pratica tutta una bufala...
      • FDG scrive:
        Re: Regalasi codice e visitatori
        - Scritto da: zzzzzzzzzzz z
        * wordpress e' open source: utilizzare una
        applicazione open source, che si muove grazie ad
        un database open source e che venga offerto come
        servizio gratuito, non appare coerente col tuo
        manifesto.I troll si sono evoluti e ora hanno pure un blog :)
    • gengis scrive:
      Re: Regalasi codice e visitatori
      L'open source non c'entra una fava, possibile che il 90% dei commenti a una notizia così importante debba essere di così scarso livello?
      • CSOE scrive:
        Re: Regalasi codice e visitatori

        L'open source non c'entra una fava, possibile che
        il 90% dei commenti a una notizia così importanteEcco, illuminaci tu alla sacra fiamma della conoscenza
        • gensis scrive:
          Re: Regalasi codice e visitatori
          - Scritto da: CSOE

          L'open source non c'entra una fava, possibile
          che

          il 90% dei commenti a una notizia così
          importante

          Ecco, illuminaci tu alla sacra fiamma della
          conoscenzaTi bastava dire di aver detto le solite stronzate off topic ed era meglio.
    • j4w scrive:
      Re: Regalasi codice e visitatori
      Modificato dall' autore il 09 aprile 2008 10.06
      --------------------------------------------------
      • CSOE scrive:
        Re: Regalasi codice e visitatori
        - Scritto da: j4w
        In effetti, sono d'accordo con le tue ideologie
        sull'open source, però per piacere non usare
        WordPress.Quello lascialo usare agli
        sprovvedutiNon è una scelta casuale. MAI contro i prodotti, i prodotti sono solo codice.
  • Nilok scrive:
    Si aprono le porte della Prigione
    Ave.Ecco; si aprono le porte delle Prigioni versione "Luna Park".Avanti Signori e Signore "ingresso gratuito per i primi 10.000!" (tanto ce ne sono 10 milioni...che vorrebero entrare)....bello "sforzo"!Oramai è chiaro da lungo tempo che goggle vuole diventare, per il web, quello che è la Federal Reserve per l'Economia Globalizzata: una prigione senza sbarre dove dettare le proprie regole per perseguire ESCLUSIVAMENTE i propri interessi.Attività di questo tipo NON DOVREBBERO essere "private" ma Pubbliche...se non altro per tutelare la Libertà Individuale e sopratutto i Diritti Umani.A prestoNilok
    • Giorgio M. scrive:
      Re: Si aprono le porte della Prigione
      E ci mancavano i comunisti virtuali... che OO!1 Google fa impresa nel modo che vuole, e' libera di farlo, e' bravissima nel farlo, alleluia!2 Iniziativa pubblica?!?!?!? AHHHAHHAHAAAAHHHAHHHAHAHHHQuesta e' la piu' grande idiozia che sento da tempo.
      • ciappo scrive:
        Re: Si aprono le porte della Prigione
        - Scritto da: Giorgio M.
        E ci mancavano i comunisti virtuali... che OO!

        1 Google fa impresa nel modo che vuole, e' libera
        di farlo, e' bravissima nel farlo,
        alleluia!

        2 Iniziativa pubblica?!?!?!?
        AHHHAHHAHAAAAHHHAHHHAHAHHH
        Questa e' la piu' grande idiozia che sento da
        tempo.STRA-QUOTO !!!!
      • AMEN scrive:
        Re: Si aprono le porte della Prigione
        - Scritto da: Giorgio M.
        E ci mancavano i comunisti virtuali... che OO!

        1 Google fa impresa nel modo che vuole, Pure MS fa la stessa cosaSolo che partono insulti ad ogni piè sospinto...
        • Linaro scrive:
          Re: Si aprono le porte della Prigione
          - Scritto da: AMEN
          - Scritto da: Giorgio M.

          E ci mancavano i comunisti virtuali... che OO!



          1 Google fa impresa nel modo che vuole,

          Pure MS fa la stessa cosa
          Solo che partono insulti ad ogni piè sospinto...Già... Google sì, Microsoft no. Mi sono sempre chiesto perché... Ma forse è solo questione di tempo, presto anche Google avrà gente che ha come scopo dichiarato nella vita buttargli fango addosso...
          • iRoby scrive:
            Re: Si aprono le porte della Prigione
            Ha già contro tutti i M$-fanboy che vuoi di più?
          • Liborio La Paglia scrive:
            Re: Si aprono le porte della Prigione

            Già... Google sì, Microsoft no. Mi sono sempre
            chiesto perché... Perchè non è facile abbattere un monopolio. Quello che fa M$ va evitato per definizione, alla fine l'attrito di tanti piedini puntati a opporsi fermerà persino la corsa di un dino$auro.Dopo penseremo a google, adobe o chi verrà.Unisciti a noi, per un mondo IT più aperto.
          • microsfot scrive:
            Re: Si aprono le porte della Prigione

            Già... Google sì, Microsoft no. Mi sono sempre
            chiesto perché...la licenza per la risposta esaustiva e puntuale alla tua domanda e' scaduta. per rinnovarla devi pagare un tot. e connetterti a un sito dando tutti i tuoi dati personali. L'acquisto del rinnovo licenza non ti garantisce alcuna funzionalita' e le precedenti risposte alle tue precedenti domande possono diventare illeggibili a mia discrezione.
        • Gongolo scrive:
          Re: Si aprono le porte della Prigione
          - Scritto da: AMEN
          - Scritto da: Giorgio M.

          E ci mancavano i comunisti virtuali... che OO!



          1 Google fa impresa nel modo che vuole,

          Pure MS fa la stessa cosa
          Solo che partono insulti ad ogni piè sospinto...Evidentemente una differenza c'è, altrimenti perchè sarebbero molti meno quelli che si lamentano dei servizi di Google?(e cmq c'è chi si lamenta dei problemi di privacy...)
          • Anonymous scrive:
            Re: Si aprono le porte della Prigione
            ehm, che ci sia parecchia gente che fa macello non è un indice di nulla. non voglio entrare nella questione. ognuno è libero di informarsi e farsi l'opinione che vuole.............ma l'idiozia collettiva e la giusta indignazione collettiva hanno gli stessi sintomi.
    • quasi anonimo scrive:
      Re: Si aprono le porte della Prigione
      Parola di Nilok
    • n.r. scrive:
      Re: Si aprono le porte della Prigione

      Avanti Signori e Signore "ingresso gratuito per i
      primi 10.000!" (tanto ce ne sono 10 milioni...che
      vorrebero entrare)....bello
      "sforzo"!Non è tanto per quello, è che il sistema va testato. 100 beta testers pagati non sono tanto efficaci quanto 10000 potenziali utenti.
      Oramai è chiaro da lungo tempo che goggle vuole
      diventare, per il web, quello che è la Federal
      Reserve per l'Economia Globalizzata: una prigione
      senza sbarre dove dettare le proprie regole per
      perseguire ESCLUSIVAMENTE i propri
      interessi.Calma. Intanto Google non ti truffa alla fed via. Poi, puoi tu metter su un servizio concorrenziale a google anche se di scala infinitesima? SI. Puoi uscire dal monopolio della moneta di carta coniando la tua moneta locale? ricordo un episodio di tale auriti e il simec...
      Attività di questo tipo NON DOVREBBERO essere
      "private" ma Pubbliche...se non altro per
      tutelare la Libertà Individuale e sopratutto i
      Diritti
      Umani.il pubblico puo' essere benissimo un carrozzone in balia degli interessi degli altri. L'unica cosa che dev'essere pubblica e' la triade di potere legislativo giudiziario ed esecutivo. E gia' li' siam messi male. e tu allarghi il discorso alle nazionalizzazioni? ingenuo o troll.
  • robyroby scrive:
    Google è una grande farsa...
    Che cerca di dimostrare al mondo quanto è buona e giusta, ma invece è consapevole di se stessa:banna siti facendo credere che le sue adsense sono il meglio che possa esistere ed è tutto sotto controllo, invece il 30% dei click risulterebbero essere fasullihttp://www.usenix.org/event/hotbots07/tech/full_papers/daswani/daswani.pdf
  • BioTech scrive:
    Signup gia chiuso...
    Ho provato a fare il signup ma mi dice:Thanks for checking in! When space in the Google App Engine preview release becomes available, we'll notify you by emailingpeccato....
  • Privacy scrive:
    Privacy
    Il problema di tutti questi servizi, inclusi quelli di Amazon, è che sono gestiti da aziende USA e stanno in data center negli USA. Con il Patriot Act il governo USA può accedere a quei dati praticamente senza mandato dell'autorità giudiziaria e quindi chi dall'Italia ci memorizza dati di clienti potrebbe trovarsi nei guai con la legge italiana se per caso quei dati non fossero mantenuti privati come dovrebbero.In altre parole: finché ci si memorizzano dati pubblici, nessun problema, ma fate attenzione a memorizzarci cose che vi impegnate con i vostri clienti a mantenere private.Per riferimenti, googlate Patriot Act data center google
    • Real_Enneci scrive:
      Re: Privacy
      Già... un pò come usare Windows e roba m$ in genere...
      • AMEN scrive:
        Re: Privacy
        - Scritto da: Real_Enneci
        Già... un pò come usare Windows e roba m$ in
        genere...Solito trolletto....
      • Linaro scrive:
        Re: Privacy
        - Scritto da: Real_Enneci
        Già... un pò come usare Windows e roba m$ in
        genere...Hai perso una buona occasione per stare zitto.
        • Real_Enneci scrive:
          Re: Privacy
          ah per mè.... cazzi vostri ma almeno smettete di accusare sempre google solo xche vi rode che non c'è msn al suo posto...
  • codroipo scrive:
    Non è la prima!
    Ma realtà come Amazon dove le mettiamo?
    • blob scrive:
      Re: Non è la prima!
      - Scritto da: codroipo
      Ma realtà come Amazon dove le mettiamo?La mettiamo dietro. Amazon non ti offre quello che ti dà Google. Questo è un servizio potentissimo. Adesso chiunque ha un'idea per un'applicazione Ajax col cazzo che affitta un server in giro. Prima la realizza con Google e se funziona passa dal servizio gratuito a quello a pagamento comprando di volta in volta cicli di cpu e spazio a seconda dei bisogni. Così uno si può concentrare sull'applicazione in sè anziché preoccuparsi della scalabilità.Poi in futuro a breve avrai la possibilità di integrare tutto con le numerose API offerte da Google.Già adesso puoi gestire gli accessi degli utenti tramite l'iscrizione a gmailRagazzi questo è un giorno storico! Come la Microsoft nel secolo scorso conquistò i desktop capendo l'importanza degli sviluppatori per legare gli utenti al proprio sistema operativo, così Google nel 2008 regina del web si conquisterà un mare di web developer e qui appunto la nota negativa... tanti vantaggi però sviluppare pesantemente per il loro database e il loro framework vuol dire legarsi mani e piedi a google. Certo uno può astrarre in modo da poter cambiare piattaforma quando vuole, però quandi lo faranno?
      • codroipo scrive:
        Re: Non è la prima!
        - Scritto da: blob
        - Scritto da: codroipo

        Ma realtà come Amazon dove le mettiamo?

        La mettiamo dietro. Amazon non ti offre quello
        che ti dà Google. Guarda cosa offre con l'EC2:http://www.amazon.com/gp/browse.html?node=201590011Che integra già S3, SimpleDB e SQS (alla faccia del "singolarmente" indicato da PI)
        • blob scrive:
          Re: Non è la prima!
          - Scritto da: codroipo
          Questo in fase beta. Poi non si saPoi sicuramente saranno di più.
          • codroipo scrive:
            Re: Non è la prima!
            - Scritto da: blob
            - Scritto da: codroipo

            Questo in fase beta. Poi non si sa

            Poi sicuramente saranno di più.Peccato che hanno già detto che saranno in buona parte servizi a pagamento.
          • blob scrive:
            Re: Non è la prima!
            - Scritto da: codroipo
            - Scritto da: blob

            - Scritto da: codroipo


            Questo in fase beta. Poi non si sa



            Poi sicuramente saranno di più.

            Peccato che hanno già detto che saranno in buona
            parte servizi a
            pagamento.Non hanno detto che elimineranno la quota gratuita che ci sarà sempre, sicuro come l'oro, ma per chi la passerà ci saranno i servizi a pagamento e in futuro ne aggiungeranno degli altri come l'utilizzo delle loro cpu per operazioni di calcolo, come avviene in network.com.
    • Chin chin scrive:
      Re: Non è la prima!
      - Scritto da: codroipo
      Ma realtà come Amazon dove le mettiamo?questa è gugle baby
Chiudi i commenti