Iscrizione al nuovo anno scolastico: come fare con lo SPID

A scuola con lo SPID: come ci si iscrive al nuovo anno scolastico

Lo SPID è essenziale per l'iscrizione dei figli al nuovo anno scolastico: ecco le istruzioni sulle modalità di registrazione online.
Lo SPID è essenziale per l'iscrizione dei figli al nuovo anno scolastico: ecco le istruzioni sulle modalità di registrazione online.

Con l’avvento dello SPID nelle famiglie italiane, il Ministero dell’istruzione ha finalmente potuto avviare un sistema di iscrizione online alle scuole che alleggerisce i carichi di lavoro per gli istituti scolastici e semplifica l’operazione anche per le famiglie. L’iscrizione, infatti, può essere ora registrata da remoto, con estrema semplicità, proprio utilizzando l’abbinata nome/password (e OTP) che fanno capo alla propria identità digitale.

Il perimetro entro cui è possibile utilizzare lo SPID per l’iscrizione al nuovo anno scolastico è così ben delimitato dal Ministero dell’Istruzione:

Le iscrizioni on line sono obbligatorie per le scuole statali e facoltative per le scuole paritarie; riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali delle regioni che hanno aderito alla procedura: Calabria, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto.

Come ci si iscrive

Per l’iscrizione occorre anzitutto seguire fedelmente quelle che sono le scadenze comunicate dal MIUR e dai singoli istituti scolastici. Il mese di riferimento è quello di gennaio, ma il giorno può cambiare ogni anno (nel 2022, ad esempio, la finestra di iscrizione è iniziata il 4 gennaio per terminare il 4 febbraio).

Il processo richiede anzitutto una procedura di login. Questo passaggio è fondamentale per chiunque voglia attingere ad informazioni sull’iscrizione online a scuola e la prima cosa da fare è dunque fornire le proprie credenziali SPID e qualificarsi ai sistemi del MIUR con tutti i dati utili per proseguire con la procedura.

Sono ben poche le informazioni ulteriori da inserire, se non quelle relative ai minori che si intende iscrivere all’anno scolastico:

  • Dati dell’alunno (anagrafici e di residenza)
  • Dati della famiglia (mail, telefono, residenza, domicilio) e scelte relative all’insegnamento della religione cattolica e informazioni concernenti eventuali condizioni di disabilità
  • Scuole o centri professionali, in ordine di priorità, a cui si intende iscrivere l’alunna/o

Tuttavia c’è una informazione ulteriore che in molti casi non si sa dove recuperare e che è invece importante per la prosecuzione della domanda di iscrizione: il codice meccanografico della scuola prescelta.

Codice meccanografico

Il codice meccanografico identifica univocamente ogni singola scuola italiana. Il codice consente pertanto di identificare un istituto su qualsiasi pratica concernente la scuola e il mondo dell’insegnamento, senza ambiguità e con la massima chiarezza.

Tutti i codici meccanografici sono la combinazione seriale di 4 lettere e 6 numeri, ad esempio CN1A02600D. Ogni alunno può scegliere più di una scuola poiché, nel caso in cui non vi siano posti disponibili nella prima opzione, la richiesta scalerà alla seconda o alla terza in cerca di un posto libero.

Il codice meccanografico è solitamente indicato sul sito ufficiale dell’istituto scolastico a cui si intende fare riferimento. Nel caso in cui non lo si riuscisse a trovare, è possibile fare una semplice ricerca sul sito ufficiale “Scuola in chiaro“:

La compilazione della domanda

Dopo aver inserito lo SPID si ha immediatamente accesso a tutte le informazioni relative al proprio profilo. Ciò significa che una singola domanda può essere compilata anche al termine di più accessi, senza perdere quanto precedentemente inserito a sistema. Se dunque non si trova un dato e si prende del tempo per poterlo reperire, non c’è alcun problema: fin quando la domanda non è ufficialmente inviata, rimane in bozza a disposizione dell’utente che vi ha accesso.

Una volta inviata la domanda, però, quest’ultima non potrà più essere modificata. Se si dovessero ravvisare problemi dopo l’invio, occorrerà contattare la scuola prescelta affinché “liberi” la richiesta e quest’ultima possa tornare a disposizione per una modifica in extremis. Tutte le domande vanno in ogni caso compilate e inviate in modo definitivo entro la scadenza indicata dalle istituzioni ministeriali.

Inizia tutto con uno SPID, dunque: è il modo per indicare al MIUR la propria identità e la potestà genitoriale nei confronti dell’alunno che si intende iscrivere all’anno scolastico successivo. Il resto è costituito da una semplice procedura online, senza costi né ostacoli, che si chiude con la conferma di invio. Accedendo con lo SPID nei mesi successivi sarà possibile seguire l’iter e ottenere la conferma dell’avvenuta iscrizione e dell’istituto attribuito.

Una apposita guida (qui in PDF) consente di scoprire tutti i dettagli sulla procedura per la compilazione e l’inoltro della domanda. Per l’apertura dello SPID, invece, la pagina da cui partire è questa.

In collaborazione con Aruba
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 7 dic 2022
Link copiato negli appunti