Scuole napoletane sorvegliate via webcam

Non si conoscono i dettagli, ma l'idea è che un sistema di video-sorveglianza possa offrire maggiore sicurezza dentro e fuori gli istituti


Napoli – L’aumento progressivo del numero di telecamere che riprendono i cittadini italiani nei luoghi e nei momenti più diversi viene confermato in queste ore anche da una delibera del Comitato provinciale per la Pubblica Sicurezza e l’Ordine di Napoli.

In una riunione che si è tenuta ieri nel capoluogo campano, infatti, sono stati esaminati una serie di provvedimenti tesi a rendere più sicuro l’ambiente scolastico, con riferimento non solo alle strutture interne ma anche alle aree esterne agli edifici degli istituti, luoghi nei quali non sono infrequenti episodi di criminalità e micro-criminalità.

Tra le misure varate anche il progetto di controllare visivamente quello che accade all’interno e all’esterno degli edifici attraverso un sistema “intelligente” di telecamere.

“Il sistema di videosorveglianza – ha spiegato il sottosegretario all’Istruzione Stefano Caldoro – è un impegno che è già stato preso; ora è in fase avanzata e verrà sviluppato. Ci sono progetti in campo per l’utilizzo delle tecnologie telematiche che possono aiutare ad intervenire di fronte a fenomeni delinquenziali, pur nel rispetto della privacy”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Un buon sito in tema
    Ecco il link di un buon sito in tema.http://www.collinelli.net/antispam/Si parla di spam, ma anche di argomenti consimili. Ne consiglio caldamente la visita.CiaoGiordano
  • Anonimo scrive:
    Moda aziendale
    Purtroppo c'e' la moda "aziendale" di chi, appena entrato in rete, desidera farlo sapere ad amici e soprattutto colleghi intasandogli la casella email con tutte le cazzate trovate in rete.Così l'utonto aziendale trova barzellette e immagini strambe e desidera spedirle a tutta la sua rubrica, ignorando che le stesse circolano nella rete già da molto tempo.Va bene che un po' di goliardia tra colleghi non guasta, anzi migliora lo spirito di gruppo, ma chi glielo spiega all'utonto che i colleghi sono anche stufi di leggere sempre le stesse cazzate?Qualcuno poi avrebbe un'idea di come spiegare all'utonto, che c'è gente che si collega da casa, e per scaricare le sue cazzate ci mette una vita e una bolletta?Come spiegare poi all'utonto senza ferire il suo senso umano, che l'ennesima catena di Sant'Antonio sull'ennesima persona malata urgente ha avuto dei risvolti diversi due anni prima?Vi sembrerà di trovare nelle mie parole una certa freddezza nei rapporti umani?Sbagliato.Proprio perchè credo nella ricchezza dei rapporti umani che immagino di poter scrivere una lettera sincera e pensata ad un'amico o collega, senza fargli ogni volta un copia-incolla che equivale a: ti ho pensato 3 secondi, tempo di cliccare su "Forward".Scarlight
    • Anonimo scrive:
      Re: Moda aziendale
      - Scritto da: Scarlight
      Vi sembrerà di trovare nelle mie parole una
      certa freddezza nei rapporti umani?Assolutamente no ^__-
    • Anonimo scrive:
      Re: Moda aziendale

      Come spiegare poi all'utonto senza ferire il
      suo senso umano, che l'ennesima catena di
      Sant'Antonio sull'ennesima persona malata
      urgente ha avuto dei risvolti diversi due
      anni prima?da vero bastardo dentro prima fai notare la cosa...se insiste...;-0)un bel trash list su tutto quello che arriva da lui piu grande di 1 kb...
    • Anonimo scrive:
      Re: Moda aziendale
      ...che dire... ti capisco... perdo anche mezz'ora per scrivere qualcosa di sensato e magari originale e simpatico... e mi rispondono con filastrocche in copia carbone a tutta la rubrica... immagini al limite del pubblicitario di cui non me ne può fregar di meno.. insomma uno squallore!!!!!Il mio migliore amico, col quale sono capace di passare 15-30 minuti al telefono, mi risponde a monosillabi per e-mail (che se non altro significa che ha letto la mia lettera e ci ha pensato su prima di rispondere).. Pensa che ho insistito con una amica che studia lettere affinchè comprasse un computer proprio nella speranza (visto che è prolissa) che mi scrivesse qualcosa di proprio pugno... macchè deve studiare... usa la posta una volta al mese.. cosa devo fare per trovare qualcuno che ami scrivere?- Scritto da: Scarlight
      Purtroppo c'e' la moda "aziendale" di chi,
      appena entrato in rete, desidera farlo
      sapere ad amici e soprattutto colleghi
      intasandogli la casella email con tutte le
      cazzate trovate in rete.
      Così l'utonto aziendale trova barzellette e
      immagini strambe e desidera spedirle a tutta
      la sua rubrica, ignorando che le stesse
      circolano nella rete già da molto tempo.
      Va bene che un po' di goliardia tra colleghi
      non guasta, anzi migliora lo spirito di
      gruppo, ma chi glielo spiega all'utonto che
      i colleghi sono anche stufi di leggere
      sempre le stesse cazzate?
      Qualcuno poi avrebbe un'idea di come
      spiegare all'utonto, che c'è gente che si
      collega da casa, e per scaricare le sue
      cazzate ci mette una vita e una bolletta?
      Come spiegare poi all'utonto senza ferire il
      suo senso umano, che l'ennesima catena di
      Sant'Antonio sull'ennesima persona malata
      urgente ha avuto dei risvolti diversi due
      anni prima?
      Vi sembrerà di trovare nelle mie parole una
      certa freddezza nei rapporti umani?
      Sbagliato.
      Proprio perchè credo nella ricchezza dei
      rapporti umani che immagino di poter
      scrivere una lettera sincera e pensata ad
      un'amico o collega, senza fargli ogni volta
      un copia-incolla che equivale a: ti ho
      pensato 3 secondi, tempo di cliccare su
      "Forward".

      Scarlight
    • Anonimo scrive:
      Re: Moda aziendale
      Ti cito solo l'ultima E-Mail che mi è arrivata:262 righe di body (escluse le intestazioni) di cui 261 erano solo ed esclusivamente indirizzi E-Mail di precedenti destinatari e 1 riga era il testo del messaggio, ed indovina un po' era la stessa frase riportata nell'oggetto!!! Ovviamente c'era anche un allegato!Cmq una cosa che mi irrita è il fatto che in questo modo uno si vede il suo indirizzo E-Mail sparso per il mondo, cosa che magari non a tutti fa piacere!
  • Anonimo scrive:
    Invio solo del link?
    In una mailing list di amici a cui sono iscritto, il moderatore ha concesso dello spazio sul disco del server per fare l'upload del file che si vuole spedire ai compagni della mailing-list, in modo che nel testo della mail si possa citare solo il link dal quale scaricarlo in caso i destinatari ne fossero interessati. Anche in piccolo, chiunque possiede uno spazio sul web potrebbe fare lo stesso, utilizzanto tale spazio per caricarci i files e così condividerli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Invio solo del link?
      buonissima idea (naturalmente nulla di trascendentale) ma soprattutto LE DITTE che si fanno le pippe di fronte ai loro siti web flashanti ... perché non fanno una bella area di download/upload FTP con o senza accessi con password e dialogano con gli interlocutori usando gli strumenti adatti?pensate che ci sono ditte che lavorano con la grafica che mandano ALLEGATI di 6 MEGAooohhh!!!!????ma siamo impazziti?eppure!!!!!ci sono strumenti che sfruttano in maniera intelligente il web, anche per il trasferimento di files.Mi pare che groove possa rispondere alle esigenze di molte persone ... ma comunque gli strumenti "vecchi" sono sempre li funzionanti!
      • Anonimo scrive:
        Re: Invio solo del link?

        ...
        pensate che ci sono ditte che lavorano con
        la grafica che mandano ALLEGATI di 6 MEGA

        ooohhh!!!!????
        ma siamo impazziti?
        eppure!!!!!Perche' dovrebbero essere impazziti?Un conto e' invare un file di Photoshop ad un collaboratore che lo sta aspettando per terminare un lavoro, un'altro e' inviare attachment non richiesti a chiunque si trovi sulla propria rubrica.
        • Anonimo scrive:
          Re: Invio solo del link?
          - Scritto da: Fulmy(nato)
          Perche' dovrebbero essere impazziti?

          Un conto e' invare un file di Photoshop ad
          un collaboratore che lo sta aspettando per
          terminare un lavoro, un'altro e' inviare
          attachment non richiesti a chiunque si trovi
          sulla propria rubrica.Semplicemente perchè inviando un paio di E-Mail da 6MB l'una si rischia di riempire la casella di posta, e poi c'è da considerare che quei 6MB diventano minimo 8MB durante la trasmissione e facendo 2 conti il mittente manda 2MB in più e il destinatario li scarica, totale 4MB che che con un normale modem sono tempo (e denaro se uno ha un limite massimo di traffico).Invece lo si caricava su uno spazio web, si inviavano "solo" 6MB e 6MB si scaricavano!Ovviamente hai pienamente ragione per quanto riguarda i contatti in rubrica!
    • Anonimo scrive:
      Re: Invio solo del link?
      buonissima idea (naturalmente nulla di trascendentale) ma soprattutto LE DITTE che si fanno le pippe di fronte ai loro siti web flashanti ... perché non fanno una bella area di download/upload FTP con o senza accessi con password e dialogano con gli interlocutori usando gli strumenti adatti?pensate che ci sono ditte che lavorano con la grafica che mandano ALLEGATI di 6 MEGAooohhh!!!!????ma siamo impazziti?eppure!!!!!ci sono strumenti che sfruttano in maniera intelligente il web, anche per il trasferimento di files.Mi pare che groove possa rispondere alle esigenze di molte persone ... ma comunque gli strumenti "vecchi" sono sempre li funzionanti!
  • Anonimo scrive:
    Cadrà nel vuoto?
    .... come tanti, troppo appelli del genere?Se guardo la mia casella e-mail, noto che a parte i miei amici navigatori di vecchia data ben pochi rispettano queste regole basilari....
    • Anonimo scrive:
      Re: Cadrà nel vuoto?
      - Scritto da: Ansia
      .... come tanti, troppo appelli del genere?Kredo ke basti leggere KONTROKULTURA kon le "K" per far skappare la gente... pero' l'idea non era male.
  • Anonimo scrive:
    sacrosante...
    sacrosante parole !Ciao ciao www.
  • Anonimo scrive:
    Esistono i filtri
    E' sufficiente impostare i filtri ad hoc per non ricevere piu' allegati indesiderati. Niente di piu' semplice. Io da quando l'ho fatto vivo molto meglio, e se qualcuno vuole proprio inviarmi un allegato, prima mi avverte, e allora io imposto il filtro in modo da ricevere allegati solo dal suo indirizzo.La vera piaga non sono gli allegati, ma le mail in formato html, piene zeppe di robaccia, animazioni immobili in flash, suoni abnormi ecc. Inoltre tali email presentano il grosso inconveniente che si possono vedere solo se si rimane connessi. Ma allora tanto vale andare direttamente alla pagina web, no? Basta mettere un link nella mail e il gioco e' fatto! Macche', siamo bravi solo a complicarci la vita.Anche questa in fondo e' usabilita' del web.
    • Anonimo scrive:
      [OT/2] Re: Esistono i filtri
      - Scritto da: Giorgetto
      E' sufficiente impostare i filtri ad hoc per
      non ricevere piu' allegati indesiderati.
      Niente di piu' semplice. Io da quando l'ho
      fatto vivo molto meglio, e se qualcuno vuole
      proprio inviarmi un allegato, prima mi
      avverte, e allora io imposto il filtro in
      modo da ricevere allegati solo dal suo
      indirizzo.

      La vera piaga non sono gli allegati, ma le
      mail in formato html, piene zeppe di
      robaccia, animazioni immobili in flash,
      suoni abnormi ecc. Inoltre tali email
      presentano il grosso inconveniente che si
      possono vedere solo se si rimane connessi.
      Ma allora tanto vale andare direttamente
      alla pagina web, no? Basta mettere un link
      nella mail e il gioco e' fatto! Macche',
      siamo bravi solo a complicarci la vita.

      Anche questa in fondo e' usabilita' del web.scusami ma non vuol dire proprio niente. secondo me, invece, la gente deve cominciare a capire con che cosa ha a che fare (direi: meglio tardi che mai). ditemi pure che ho la puzza sotto il naso, ma, da quando c'è stato il cosiddetto 'boom' dell'Internet italiano, mi sono accorto che tutta la rete è sì diventata commercialmente più appetibile, ma nel contempo molto meno vivibile. in parole povere: qualcuno di voi usava IRC 5 o 6 anni fa? ricorda com'era la rete IRCnet italiana? quando i server funzionavano (più lentamente di oggi, ma funzionavano), #italia aveva nelle ore di punta tutt'al più 300-350 utenti, si discuteva, si incontrava tanta gente (ma gente *vera*) e ci si chiariva tanti dubbi? (a me sono serviti 2 mesi per capire come si scrivevano i messaggi colorati :)) bene, se lo ricordate fatevici pure un giro adesso: #italia è solo ad invito, poi su #italia2 c'è che dice a nadia "dacce sta topa e non se ne parla piu'", probabilmente perché cerca "ragazzzi max19enni veramente belli con cam", al che e intervengono con un "che palle nadia!!". poi tanto per cambiare non puoi fare un passo falso che arriva subito un bot a bannarti senza nemmeno darti il tempo di capire il perché (già, op e IRCop saranno andati a farsi una tazza di caffé, scommetto... ma certo, loro non sono mica lì per noi...). nel frattempo ci da un saggio del suo inglese con dei coloriti "hey mothafuck ya !!!" e "bitch !!". e siccome continua a rompere, (che NON è op) giura che la disconnette in tronco, perché LUI può farlo. nessuno li ferma; e via così. lo stesso discorso vale per migliaia di siti, gruppi di discussione, webchat e compagnia bella, in cui l'unica legge a regnare è quella delle 'nuove suonerie per Nokia con gli ultimi successi' (chi non mi crede faccia un salto su iol.it) e quella del classico "ARRAPATO42RM cerca coppia per scambio Roma o Frosinone max 45anni astenersi perditempo". insomma, siamo ai livelli del giornale degli annunci gratuiti! ci manca solo qualche pagina pedofila e siamo a posto! ma è possibile che si debba sempre stare a guardare senza fare niente? anche quando l'ignoranza della gente rischia di trasformare Internet in un mercato rionale?cosa voglio dire con tutto questo? che LA QUALITÀ SI È ABBASSATA ENORMEMENTE, e che la colpa non è né mia né vostra. la colpa è di chi fornisce i servizi senza nemmeno spiegare qualche regola di base! eppure non sarebbe stato difficile... bastava mettere nei vari CDROM di tiscalinet-virgilioTIN-kataweb-caltanet-eccetera un po' di documentazione, uno straccio di pagina HTML o file .txt, e avvertire l'utente che certe regole in realtà esistevano (checché ne dicesse la TV) e che a seguirle c'era solo da guadagnarci. così chi non le seguiva sarebbe rimasto emarginato come meritava, e la cultura della rete, anziché decadere come è successo, sarebbe cresciuta trovando pure nuovi sostenitori. cosa si può fare? io proporrei una sorta di "ritorno alla netiquette"; sì, insomma, potrebbe essere un'idea pubblicizzarla un po' questa netiquette così dimenticata e disprezzata. insomma, se lo merita... e penso che ce lo meritiamo un po' anche noi! se non vogliamo che la rete diventi un vero far west cominciamo a porcele noi utenti, delle regole, senza aspettare che arrivino dall'alto. del resto è sempre stato così e finora ha funzionato egregiamente. la parola d'ordine è una sola: diffusione.spero di non avervi annoiato troppo. grazie per l'attenzione e scusate il parziale OT.
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT/2] Re: Esistono i filtri

        cosa voglio dire con tutto questo? che LA
        QUALITÀ SI È ABBASSATA ENORMEMENTE, e che laDeja-vu, non trovi? Anche Fidonet ha seguito la stessa sorte, molti anni addietro ...
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT/2] Re: Esistono i filtri

        in parole povere: qualcuno di voi usava IRC
        5 o 6 anni fa? ricorda com'era la rete
        IRCnet italiana? quando i server
        funzionavano (più lentamente di oggi, ma
        funzionavano), #italia aveva nelle ore di
        punta tutt'al più 300-350 utenti, si
        discuteva, si incontrava tanta gente (ma
        gente *vera*) e ci si chiariva tanti dubbi?
        (a me sono serviti 2 mesi per capire come si
        scrivevano i messaggi colorati :)) bene, se
        lo ricordate fatevici pure un giro adesso:
        #italia è solo ad invito, poi su #italia2
        c'è che dice a nadia "dacce sta
        topa e non se ne parla piu'", probabilmente
        perché cerca "ragazzzi max19enni
        veramente belli con cam", al che
        e intervengono con un "che palle
        nadia!!". poi tanto per cambiare non puoi
        fare un passo falso che arriva subito un bot
        a bannarti senza nemmeno darti il tempo di
        capire il perché (già, op e IRCop saranno
        andati a farsi una tazza di caffé,
        scommetto... ma certo, loro non sono mica lì
        per noi...). nel frattempo ci da
        un saggio del suo inglese con dei coloriti
        "hey mothafuck ya !!!" e "bitch !!". e
        siccome continua a rompere,
        (che NON è op) giura che la
        disconnette in tronco, perché LUI può farlo.
        nessuno li ferma; e via così. lo stesso
        discorso vale per migliaia di siti, gruppi
        di discussione, webchat e compagnia bella,
        in cui l'unica legge a regnare è quella
        delle 'nuove suonerie per Nokia con gli
        ultimi successi' (chi non mi crede faccia un
        salto su iol.it) e quella del classico
        "ARRAPATO42RM cerca coppia per scambio Roma
        o Frosinone max 45anni astenersi
        perditempo". insomma, siamo ai livelli del
        giornale degli annunci gratuiti! ci manca
        solo qualche pagina pedofila e siamo a
        posto! ma è possibile che si debba sempre
        stare a guardare senza fare niente? anche
        quando l'ignoranza della gente rischia di
        trasformare Internet in un mercato rionale?;-0))secondo te perche tutti quanti si fanno una volta all'anno almeno un mese lontano dall'irc ???;-0)e gia nel 95-96 c'erano i soliti pirla...MOLTIII di meno, ma c'erano;-0)
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT/2] Re: Esistono i filtri
        - Scritto da: godzilla

        in parole povere: qualcuno di voi usava IRC
        5 o 6 anni fa? e tu ricordi com'era, trent'anni fa, la CitizenBand ? quando col baracchino si passavano le nottia chiacchierare con perfetti sconosciuti, nascevano amicizie, filarini, storie ?poi e' diventato una moda, avere lo "scarpone"era solo questione di lira, educazione all'usodel mezzo nessuna... risultato, risse a colpi diportante, dispetti, canali inusabili... e il baracco venduto al mercatino :(con la rete sta succedendo lo stesso, con l'aggravante che la cafonaggine e' incoraggiatadalla politica commerciale, compra l'ultimoprocessore da 4Megahertz, compra la BBB, compral'ultimo s.o. cosi' potrai spedire mail da 100K in html _quasi_ cosi' in fretta come le spedivanocol 486 e il modem a 9600 in solo testo da 2K :)vabbe' pazienza, passera' anche questa... per fortuna i bambini crescono ;)Mauro
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT/2] Re: Esistono i filtri
        - Scritto da: godzilla
        cosa voglio dire con tutto questo? che LA
        QUALITÀ SI È ABBASSATA ENORMEMENTE, e che la
        colpa non è né mia né vostra. la colpa è di
        chi fornisce i servizi senza nemmeno
        spiegare qualche regola di base! eppure nonSembra che neanche tu abbia letto la netiquette, visto che c'è spiegato anche come citare nei post e nelle email... ;o)
    • Anonimo scrive:
      Re: Esistono i filtri
      beh, non è il web.ma per il resto sono d'accordissimo
    • Anonimo scrive:
      no allo html, was: Esistono i filtri
      - Scritto da: Giorgetto

      La vera piaga non sono gli allegati, ma le
      mail in formato htmlassolutamente vero... ma purtroppo sempre menoutOnti resistono alla tentazione di scrivere incomic/64 viola su sfondo di pagliacci che ballano... e' che non hanno nulla da dire, e allora lo dicono urlando :(Maurops questa signature e' vecchia di anni ;(-----------------------------------------------/"\ FIOCCO ASCII - CONTRO LE E-MAIL IN HTML\ / ASCII RIBBON CAMPAIGN - AGAINST HTML MAIL X -------------------o--------------------/ \ CHI SCRIVE IN HTML AVVELENA ANCHE TE\,/ DIGLI DI SMETTERE -----------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    [Semi OT]Da attachment a Catene si Sant'Antonio!!!
    La cosa che più mi irrita è vedere che ultimamente anche le catene di S.A. sono piene zeppe di allegati e ricevere la stessa E-Mail con stesso allegato da 400KB (che per E-Mail diventano minimo 500KB) 4 volte al giorno da 4 persone diverse dopo un po' uno perde la pazienza.Cmq io ho provato a spiegare a queste persone come si usa la posta elettronica, e indovinate un po'... qualcuno di loro ha rinviato la mia spiegazione a tutti i suoi contatti, facendola diventare un'altra catena :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: [Semi OT]Da attachment a Catene si Sant'Antonio!!!
      ti è andata ancora bene...perlomeno il contenuto dovrebbe generare cultura, anche se è un po' un controsenso ...invece a me normalmente rispondono di non rompere i coglioni, che se non mi sta bene non mi scrivono più.in certi casi dico, ben venga.in altri casi è esposto in maniera più educata, ma il contenuto è il medesimo ... e quindi sta per "sei un pignolo rompipalle, lasciaci in pace" ...
      • Anonimo scrive:
        Re: [Semi OT]Da attachment a Catene si Sant'Antonio!!!
        Hai ragione da vendere!!! ...ma in questi casi non sentirti minimamente un pignolo rompipalle perchè sono loro ad avere il più marcio dei torti!!Non si può sempre dargiela vinta per non polemizzare!- Scritto da: unpo'piùcheutente

        ti è andata ancora bene...
        perlomeno il contenuto dovrebbe generare
        cultura, anche se è un po' un controsenso
        ...

        invece a me normalmente rispondono di non
        rompere i coglioni, che se non mi sta bene
        non mi scrivono più.
        in certi casi dico, ben venga.
        in altri casi è esposto in maniera più
        educata, ma il contenuto è il medesimo ... e
        quindi sta per "sei un pignolo rompipalle,
        lasciaci in pace" ...
      • Anonimo scrive:
        Re: [Semi OT]Da attachment a Catene si Sant'Antonio!!!

        invece a me normalmente rispondono di non
        rompere i coglioni, che se non mi sta bene
        non mi scrivono più.Anche a me succede, nonostante che ioevidenzi con il massimo tatto il problema.In genere pero' sono le classiche personecon cui faccio volentieri a meno di intrattenererapporti...Ciao
  • Anonimo scrive:
    Il testo originale dell'appello
    A questo indirizzo puoi trovare il testo originale e completo dell'appello per la limitazione dell'uso degli allegati nella posta elettronica.http://www.kontrokultura.org/_public/talkshop/messages/1473.html
Chiudi i commenti