SDD da 4 tera. Per Sandisk è solo l'inizio

La società californiana presenta un disco enterprise con capacità da primato. E promette di raddoppiarle tutte entro 12 mesi. Fino a rendere le memorie a stato solido più convenienti di quelle tradizionali
La società californiana presenta un disco enterprise con capacità da primato. E promette di raddoppiarle tutte entro 12 mesi. Fino a rendere le memorie a stato solido più convenienti di quelle tradizionali

La statunitense SanDisk ha annunciato il lancio di un disco SSD enterprise da 4 terabyte, un “mostro” con interfaccia SAS (Serial attached SCSI) da 6gbps basato su chip di memoria NAND da 19 nanometri e che dovrebbe rappresentare l’inizio di un processo evolutivo dagli effetti significativi sul mercato dello storage.

L’unità Optimus MAX è il primo vero componente a stato solido capace di prendere il posto dei dischi HDD ad alte prestazioni in ambienti CED ed enterprise, sostiene SanDisk , con ottimizzazione dei consumi e performance a un prezzo “conveniente” anche se non è ancora stato reso noto al pubblico.

Le caratteristiche tecniche Optimus MAX prevedono velocità di lettura/scrittura sequenziali fino a 400mbps, 75K/15K di IOPS random e una durata di cinque anni tarata sui 1-3 intere scritture del drive al giorno. Specifiche a parte, Optimus MAX rappresenta per SanDisk solo l’inizio di un’ importante evoluzione nel mondo delle tecnologie storage enterprise.

I 4 terabyte del nuovo SSD SAS diverranno 6TB nel 2015 e raddoppieranno entro la fine dello stesso anno, sostiene SanDisk, mentre per il 2016 arriveranno unità a stato solido da 16 terabyte. Nel 2017 il costo per gigabyte sarà lo stesso per i dischi magnetici e gli SSD ad alta affidabilità, dice ancora SanDisk, e a quel punto i drive basati su chip di memoria diverranno la soluzione ideale per il mercato enterprise portando gli HDD al pensionamento.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 05 2014
Link copiato negli appunti