Se i motori cercano troppo

Un'etichetta accusa Google e Bing di agevolare la violazione del diritto d'autore. Basterebbe ricercare il nome dell'autore per ottenere un link al contenuto ospitato illegalmente su RapidShare

Roma – I cittadini della Rete si affidano ai motori di ricerca per recuperare dei link a contenuti ospitati su Rapidshare, RapidShare ospita contenuti senza sufficienti controlli preventivi, gli utenti di RapidShare condividono contenuti in violazione del diritto d’autore. Per questo motivo Google e Microsoft sarebbero complici delle violazioni, alimentando la filiera della circolazione sotterranea della musica.

L’ accusa è stata scagliata da Blues Destiny Records , un’etichetta specializzata in musica blues. In una denuncia depositata presso un tribunale della Florida, l’etichetta chiama in causa in primo luogo RapidShare. Il servizio di hosting, già nel mirino dei detentori dei diritti e già costretto in Germania alla vigilanza e al filtraggio, viene definito come “uno dei più noti e grandi siti dedicati alla distribuzione non autorizzata e gratuita di contenuti coperti da copyright” che, mettendo a disposizione materiale appetibile caricato dai cittadini della rete, trae consapevolmente guadagno dalle sottoscrizioni e dai servizi premium che offre ai propri utenti e dall’advertising che ospita appoggiandosi ai servizi di Google e Microsoft.

Ma l’accusa si riverbera anche su Google e Bing : in quanto motori di ricerca, in quanto gatekeeper capaci di indirizzare verso contenuti rilevanti per ciascuno dei suoi utenti, Google e Bing agevolano l’accesso a contenuti distribuiti senza il permesso dei detentori dei diritti a favore di coloro che spremono la rete per ottenere materiale di proprio interesse senza sborsare alcunché.

Fra questi contenuti ci sarebbero anche una manciata di brani di cui l’etichetta detiene i diritti, contenuti condivisi su RapidShare e rintracciabili con una semplice ricerca che restituisce un link diretto al fila da scaricare. Non sarebbe necessario nemmeno includere fra le keyword parole come “download” o “free”, Basterebbe in alcuni casi digitare il nome dell’artista per veder comparire fra i risultati di ricerca il link diretto al contenuto ospitato da RapidShare.

La colpa dei motori di ricerca? I legali di Blues Destiny Records denunciano il fatto che i motori, pur avendone le facoltà, decidano in taluni casi di non rimuovere dai risultati di ricerca i link ai contenuti caricati sulle piattaforme di hosting. Si tratterebbe di una scelta sapiente, sottolinea l’accusa: i motori di ricerca si esimerebbero scientemente dalla rimozione, perché ben consci dell’interesse nutrito da parte dei cittadini della rete nei confronti degli strumenti che consentano di accedere a contenuti reperibili gratuitamente. Interesse che si traduce in traffico, e in esposizione all’advertising ospitato sulle pagine del search. L’etichetta aveva in passato invocato la rimozione dei link dai risultati di ricerca: se Microsoft aveva acconsentito alla rimozione, la richiesta era rimasta invasa da parte di Google.

Il processo è ancora nelle fasi iniziali, e sembra ricalcare innumerevoli procedimenti che hanno coinvolto intermediari accusati di agevolare, di link in link, le violazioni del copyright. È accaduto per la musica e per le immagini , è accaduto per anteprime e per semplici link . La difesa adottata dagli intermediari è sempre stata netta: si considerano inerti mediatori, non si considerano responsabili per le violazioni eventualmente commesse da terzi.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • invisigoth scrive:
    ci stan gia pensando
    Leggete un po qua http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2009/12/tassa-siae-pc-cellulari.shtml?uuid=67cf0fec-e6a1-11de-9150-a77f211563f1&DocRulesView=Libero
  • Teo_ scrive:
    Intanto la SIAE vuole di più
    Forse un po OT ma neanche molto: La Siae sta studiando una tassa su cellulari e personal computer per pagare i diritti d'autore.http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/spettacolo/2009/12/11/visualizza_new.html_1645318575.html
    • bubba scrive:
      Re: Intanto la SIAE vuole di più
      - Scritto da: Teo_
      Forse un po OT ma neanche molto: La Siae sta
      studiando una tassa su cellulari e personal
      computer per pagare i diritti
      d'autore.
      http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/spettacolodannati ladri (legalizzati) di XXXXX :(
  • ZUmpolo scrive:
    E così nacque la WiNet....
    Magari aumentassero ancora di più il canone internet, dopo poco tutti si organizzerebbero per la condivisione delle connessioni a internet via WiFi con un abbattimento dei costi senza precedenti, ed una riduzione spaventosa delle entrate per le telco... cosa che per altro già faccio con 12 condomini del mio stabile da 4 anni, 3.50 euro a testa al mese e passa la paura. Anzi adesso stiamo pensando di tornale al cablato per abbattere ulteriormente i costi derivanti dal noleggio del modem WiFi e per velocizzare ulteriormente la connessione. La tecnologia di oggi e troppo avanti rispetto ai mezzi messi a disposizione dei politici o di chi vuole il controllo...
    • Virgio scrive:
      Re: E così nacque la WiNet....
      L'abbonamento l'ha stipulato il condominio oppure uno dei condomini ?
      • ZUmpolo scrive:
        Re: E così nacque la WiNet....
        uno dei condomini, che è stato molto generoso e si è accollato tutti i rischi derivanti da questa operazione (è stato lui a proporre questa soluzione), ma nei 3.50 euro è compresa anche una sorta di rimborso per la corrente consumata dal modem WiFi e un piccolo (quasi insignificante) compenso in denaro per il tizio generoso.- Scritto da: Virgio
        L'abbonamento l'ha stipulato il condominio oppure
        uno dei condomini
        ?
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: E così nacque la WiNet....
          - Scritto da: ZUmpolo
          uno dei condomini, che è stato molto generoso e
          si è accollato tutti i rischi derivanti da questa
          operazione + che generoso dirie incosciente.Se l'inquilino dell'interno 1C scarica materiale pedoXXXXXgrafico il responsabile chi è?Se l'inquilino del 2B ha un alterco in un forum con un altro utente dello stesso e lo minaccia fisicamente, il responsabile, chi è?
          • ZUmpolo scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            Vabbè, queste sono domande/pensieri che io ritengo fuori luogo e faziose, la pedoXXXXXgrafia è un fenomeno gravissimo che va fermato in tutti i modi possibili ed inimmaginabili, così come accade per chi commette omicidi, rapine a mano armata, stupri e chi ne ha più ne metta, non per questo è vietato camminare per strada, andare in banca, chiedere un'informazione ad una ragazza, ecc. Che succede se invio una lettera di minacce ad un tizio e metto come mittente il tuo nome?Che succede se rubo la tua macchina, che hai lasciato sotto casa mentre sei partito per 2 settimane con l'auto di un tuo parente per una destinazione non lontana da casa tua, e faccio 4 rapine, investo 10 persone e poi ritrovano la tua auto?- Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: ZUmpolo

            uno dei condomini, che è stato molto generoso e

            si è accollato tutti i rischi derivanti da
            questa

            operazione

            + che generoso dirie incosciente.

            Se l'inquilino dell'interno 1C scarica materiale
            pedoXXXXXgrafico il responsabile chi
            è?
            Se l'inquilino del 2B ha un alterco in un forum
            con un altro utente dello stesso e lo minaccia
            fisicamente, il responsabile, chi
            è?
          • skyeye scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            volevo aggiungere anch'io il discorso sulle implicazioni penali.. poi ho visto questa tua risposta e ho capito che non sai da prendere seriamente.. (troll3) detected
          • ZUmpolo scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            vabbè, ma che ti devo dire?qui ho espresso i miei pensieri, ho risposto ad alcune domande secondo quello che penso. Il primo post si riferiva ad una soluzione adottata niente di più...- Scritto da: skyeye
            volevo aggiungere anch'io il discorso sulle
            implicazioni penali.. poi ho visto questa tua
            risposta e ho capito che non sai da prendere
            seriamente..

            (troll3) detected
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: ZUmpolo
            Vabbè, queste sono domande/pensieri che io
            ritengo fuori luogo e faziose,Fuori luogo perchè?Faziose in che senso, quali sarebbero le fazioni?
            la pedoXXXXXgrafia
            è un fenomeno gravissimo che va fermato in tutti
            i modi possibili ed inimmaginabili, così come
            accade per chi commette omicidi, rapine a mano
            armata, stupri e chi ne ha più ne metta, non per
            questo è vietato camminare per strada, andare in
            banca, chiedere un'informazione ad una ragazza,
            ecc.
            Pero' per questo è vietato circolare a volto coperto.Idem se sul passamontagna è disegnata la tua faccia.NAscondersi dietro l'ip di un altro è come andare in giro con il volto coperto.E no, non è consentito.

            Che succede se invio una lettera di minacce ad un
            tizio e metto come mittente il tuo
            nome?
            Che in sede penale questa "prova" viene subito fatta rigettare.Prova in sede penale a dire "non ero io ma il mio vicino", soprattutto considerando l'ignoranza informatica dei magistrati.Non scherzate con queste cose, che poi vi fate male.
            Che succede se rubo la tua macchina, che hai
            lasciato sotto casa mentre sei partito per 2
            settimane con l'auto di un tuo parente per una
            destinazione non lontana da casa tua, e faccio 4
            rapine, investo 10 persone e poi ritrovano la tua
            auto?
            Se non riesco a dimostrare che non potevo essere io passo dei bei guai seri.
          • ZUmpolo scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            Tutte le risposte che posto non vogliono essere offensive per nessuno, è solo il mio pensiero giusto o sbagliato che sia...
            Fuori luogo perchè?per quello che avevo scritto subito dopo...
            Faziose in che senso, quali sarebbero le fazioni?sinceramente non voglio rispondere, perchè altrimenti alzeri un polverone inutile


            la pedoXXXXXgrafia

            è un fenomeno gravissimo che va fermato in tutti

            i modi possibili ed inimmaginabili, così come

            accade per chi commette omicidi, rapine a mano

            armata, stupri e chi ne ha più ne metta, non per

            questo è vietato camminare per strada, andare in

            banca, chiedere un'informazione ad una ragazza,

            ecc.



            Pero' per questo è vietato circolare a volto
            coperto.
            Idem se sul passamontagna è disegnata la tua
            faccia.

            NAscondersi dietro l'ip di un altro è come andare
            in giro con il volto
            coperto.
            E no, non è consentito.Io non riesco ad accostare il mondo reale a quello virtuale, forse è un mio handicap. Comunque seguendo il tuo raggionamento dovrebbero essere vietati molti software (e non lo sono) che invece tendono proprio a rendere invisibile e non tracciabile l'ip dell'utente che naviga utilizzando l'ip di altri.




            Che succede se invio una lettera di minacce ad
            un

            tizio e metto come mittente il tuo

            nome?



            Che in sede penale questa "prova" viene subito
            fatta
            rigettare.Quindi accadrebbe lo stesso anche per i forum
            Prova in sede penale a dire "non ero io ma il mio
            vicino", soprattutto considerando l'ignoranza
            informatica dei
            magistrati.
            Non scherzate con queste cose, che poi vi fate
            male.Si però questo potrebbe accadere anche con un tuo eventuale figlio...



            Che succede se rubo la tua macchina, che hai

            lasciato sotto casa mentre sei partito per 2

            settimane con l'auto di un tuo parente per una

            destinazione non lontana da casa tua, e faccio 4

            rapine, investo 10 persone e poi ritrovano la
            tua

            auto?



            Se non riesco a dimostrare che non potevo essere
            io passo dei bei guai
            seri.E' questo che penso, dobbiamo girare con 2000000 di cerotti o ce li mettiamo solo quando ci facciamo male?
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: ZUmpolo
            Tutte le risposte che posto non vogliono essere
            offensive per nessuno, è solo il mio pensiero
            giusto o sbagliato che sia...



            Fuori luogo perchè?
            per quello che avevo scritto subito dopo...


            Faziose in che senso, quali sarebbero le
            fazioni?
            sinceramente non voglio rispondere, perchè
            altrimenti alzeri un polverone inutile
            Mah vabbè lasciamo perdere, non è importante.





            la pedoXXXXXgrafia


            è un fenomeno gravissimo che va fermato in
            tutti


            i modi possibili ed inimmaginabili, così come


            accade per chi commette omicidi, rapine a mano


            armata, stupri e chi ne ha più ne metta, non
            per


            questo è vietato camminare per strada, andare
            in


            banca, chiedere un'informazione ad una
            ragazza,


            ecc.






            Pero' per questo è vietato circolare a volto

            coperto.

            Idem se sul passamontagna è disegnata la tua

            faccia.



            NAscondersi dietro l'ip di un altro è come
            andare

            in giro con il volto

            coperto.

            E no, non è consentito.


            Io non riesco ad accostare il mondo reale a
            quello virtuale, forse è un mio handicap.
            Comunque seguendo il tuo raggionamento dovrebbero
            essere vietati molti software (e non lo sono) che
            invece tendono proprio a rendere invisibile e non
            tracciabile l'ip dell'utente che naviga
            utilizzando l'ip di
            altri.
            Infatti non sono legali.








            Che succede se invio una lettera di minacce ad

            un


            tizio e metto come mittente il tuo


            nome?






            Che in sede penale questa "prova" viene subito

            fatta

            rigettare.

            Quindi accadrebbe lo stesso anche per i forum


            Prova in sede penale a dire "non ero io ma il
            mio

            vicino", soprattutto considerando l'ignoranza

            informatica dei

            magistrati.

            Non scherzate con queste cose, che poi vi fate

            male.

            Si però questo potrebbe accadere anche con un tuo
            eventuale
            figlio...
            Esatto, ma se il figlio è minore, tanto le sconti cmq tu...






            Che succede se rubo la tua macchina, che hai


            lasciato sotto casa mentre sei partito per 2


            settimane con l'auto di un tuo parente per una


            destinazione non lontana da casa tua, e
            faccio
            4


            rapine, investo 10 persone e poi ritrovano la

            tua


            auto?






            Se non riesco a dimostrare che non potevo essere

            io passo dei bei guai

            seri.

            E' questo che penso, dobbiamo girare con 2000000
            di cerotti o ce li mettiamo solo quando ci
            facciamo
            male?Guarda io posso anche essere d'accordo con te, il problema è che NEI FATTI e in spregio della Costituzione non sono loro che devono idmostrare che sei colpevole ma tu che devi dimostrare che sei innocente.
          • pippuz scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....

            E' questo che penso, dobbiamo girare con 2000000
            di cerotti o ce li mettiamo solo quando ci
            facciamo male?se gioco a calcio, metto i parastinchi e d'inverno metto la sciarpa. Questo per dire che, la soluzione da te adottata, pur comprensibile e legittima, deve partire dal presupposto che vi sia un'altissima fiducia tra i condomini, non solo per i fatti citati prima, ma anche per questioni tecniche. Se hai ad esempio dei dati sensibili, potrebbe accadere che il figlio della vicina è cresciuto ed è diventato uno che si diverte a intrufolarsi nei computer altrui e a sottrarli. Alla fine, siete tutti sulla stessa LAN, si sta un attimo a carpire un po' di info. Questo è ovviamente solo uno dei casi, ma non credere che siano così remoti.
    • pippuz scrive:
      Re: E così nacque la WiNet....

      cosa che per altro già
      faccio con 12 condomini del mio stabile da 4
      anni, 3.50 euro a testa al mese e passa la paura.Se non erro dovrebbe essere illegale. Poi, ci sarebbero anche altre considerazioni da fare: ti fidi dei tuoi condòmini? L'uso, per poterlo dividere in 12, non deve essere proprio elevatissimo.. insomma, ci sono anche i contro.
      Anzi adesso stiamo pensando di tornale al cablato
      per abbattere ulteriormente i costi derivanti dal
      noleggio del modem WiFi e per velocizzare
      ulteriormente la connessione.Qui sono curioso: cos'è, aprite i muri e ci mettete le canaline per farci passare il cavo ethernet? o cavi "volanti"? Dalle mie esperienze condominiali, vedo entrambe le possibilità lontani anni luce...
      • ZUmpolo scrive:
        Re: E così nacque la WiNet....
        Spesso nelle trombe delle scale ci sono le canaline per i cavi dell'antenna televisiva centralizzata, che guarda caso mettono in comunicazione tutti gli appartamenti, nel nostro caso abbiamo pensato a quelle- Scritto da: pippuz

        cosa che per altro già

        faccio con 12 condomini del mio stabile da 4

        anni, 3.50 euro a testa al mese e passa la
        paura.

        Se non erro dovrebbe essere illegale. Poi, ci
        sarebbero anche altre considerazioni da fare: ti
        fidi dei tuoi condòmini? L'uso, per poterlo
        dividere in 12, non deve essere proprio
        elevatissimo.. insomma, ci sono anche i
        contro.


        Anzi adesso stiamo pensando di tornale al
        cablato

        per abbattere ulteriormente i costi derivanti
        dal

        noleggio del modem WiFi e per velocizzare

        ulteriormente la connessione.

        Qui sono curioso: cos'è, aprite i muri e ci
        mettete le canaline per farci passare il cavo
        ethernet? o cavi "volanti"? Dalle mie esperienze
        condominiali, vedo entrambe le possibilità
        lontani anni
        luce...
        • skyeye scrive:
          Re: E così nacque la WiNet....
          si ma non andare a sbandierarlo ai quattro venti!! anche sei hai tutta la mia solidarieta', se leggi il contratto, quello che fate e' illegale..
          • ZUmpolo scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            Per ora non lo è, dove è scritto che il router wifi deve essere protetto da password? ci è stato consegnato senza alcuna password (quella di default), qualora lo aggiornassero è sempre possibile mettere in cascata un altro router senza password (non mi sembra sia vietato)...Quante volte girando per le città ci si ritrova a parcheggiare la macchina in attesa di qualche evento (non so, la moglie che finisce di fare la spesa...), e quanti nel frattempo non provano a navigare con il proprio cellulare sfruttando qualche accesspoint aperto??Dove sta scritto che è vietato mettere in rete cablata gli appartamenti di un condominio?? considerando il fatto che ora con qualche accorgimento lo si potrebbe fare sfruttando la rete elettrica (volendo i comdomini posso scegliere di condividere un unico contatore per determinate esigenze, ed avere comunque un proprio contatore per gli scopi comuni)?- Scritto da: skyeye
            si ma non andare a sbandierarlo ai quattro
            venti!! anche sei hai tutta la mia solidarieta',
            se leggi il contratto, quello che fate e'
            illegale..
          • pippuz scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            Alcuni contratti ADSL hanno però clausole che impediscono di rivendere o affittare a terzi il servizio, pena la perdita dell'abbonamento. Non se sia il caso del tuo provider, ma per alcuni è così. Che poi nessuno venga a casa tua a contestartelo, è, ovviamente, un altro discorso.
          • ZUmpolo scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            Sinceramente non lo so perchè non sono io il sottoscrittore del contratto, però anche se fosse, come hai detto tu, ci potrebbe essere una clausa che impedisce la vendita e l'affitto di un abbonamento, ma non penso possa esistere una clausola che vieti la donazione...Il compenso che noi riconosciamo a questa persona è stato stabilito più per favore che per pretesa, e il fatto che la sua quota sia praticamente nulla è una cosa cha abbiamo stabilito noi altri, che inoltre abbiamo preteso di riconoscergli anche le spese di corrente e manutenzione.Io sinceramente non ci vedo niente di male, anzi vedo un'opportunità per molti che purtroppo non possono permettersi un'adsl flat. Per chi contestava la velocità posso rispondergli che equivale a quella disponibile in un normalissimo ufficio di una piccola impresa, quindi non mi sembra così malvaggia. Anzi considerando che le varie famiglie hanno stili di vita e comportamenti differenti, vi posso assicurare che la banda è quasi sempre tutta a disposizione. - Scritto da: pippuz
            Alcuni contratti ADSL hanno però clausole che
            impediscono di rivendere o affittare a terzi il
            servizio, pena la perdita dell'abbonamento. Non
            se sia il caso del tuo provider, ma per alcuni è
            così. Che poi nessuno venga a casa tua a
            contestartelo, è, ovviamente, un altro
            discorso.
          • skyeye scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            ti dico che sul contratto c'e' scritto, mi tiri fuori mille menate e poi vien fuori che non l'hai nemmeno visto!! almeno leggi quello che gli altri ti scrivono.. capisco che mettersi a leggere il contratto possa essere impegnativo ma almeno queste quattro righe. Comunque, in due secondi ho trovato il contratto Alice (ma qualunque azienda lo applica)http://www.alice.it/static/pdf/contratti/Condizioni_Gen_Contratto_Alice.pdfse vai al punto 6 "6. L'acXXXXX alla rete Internet, tramite tecnologia ADSL, non potrà in nessun caso essere ceduto ad altri utenti conl'utilizzo da parte loro dei servizi ad esso correlati." In parole povere l'utilizzo di Internet non puo' essere CEDUTO ne per soldi ne per benificenza...
          • ZUmpolo scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            Forse non era chiaro quello che dicevo, io non ho il contratto e adesso non so cosa c'è scritto, ma all'epoca (4 anni fa) non mi sembra siano emerse cose simili... penso comunque che il diretto interessato si sia informato bene o comunque abbia valutato i vari rischi. Quello che comunque volevo dire a partire dal primo post è che fatta la legge si trova l'inganno, soprattuto in questi ambiti. Niente di più...- Scritto da: skyeye
            ti dico che sul contratto c'e' scritto, mi tiri
            fuori mille menate e poi vien fuori che non l'hai
            nemmeno visto!! almeno leggi quello che gli altri
            ti scrivono.. capisco che mettersi a leggere il
            contratto possa essere impegnativo ma almeno
            queste quattro righe. Comunque, in due secondi ho
            trovato il contratto Alice (ma qualunque azienda
            lo
            applica)

            http://www.alice.it/static/pdf/contratti/Condizion

            se vai al punto 6

            "6. L'acXXXXX alla rete Internet, tramite
            tecnologia ADSL, non potrà in nessun caso essere
            ceduto ad altri utenti
            con
            l'utilizzo da parte loro dei servizi ad esso
            correlati."

            In parole povere l'utilizzo di Internet non puo'
            essere CEDUTO ne per soldi ne per
            benificenza...
          • skyeye scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            oppure "come è bello fare i XXXXX con il XXXX degli altri"
          • pippuz scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....

            Quello che comunque volevo dire a partire dal
            primo post è che fatta la legge si trova
            l'inganno, soprattuto in questi ambiti. Niente di
            più...ConXXXXX che chi ha sottoscritto il contratto avrà fatto le sue valutazioni e che non ritengo una cosa grave (ma comunque sanzionabile) non rispettare quella determinata clausola del contratto, la mentalità del "fatta la legge, trovato l'inganno" è tipica di una nazione restia alle regole, che anzi si vanta di infrangerle, come quella italiana
          • ZUmpolo scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: pippuz

            Quello che comunque volevo dire a partire dal

            primo post è che fatta la legge si trova

            l'inganno, soprattuto in questi ambiti. Niente
            di

            più...

            ConXXXXX che chi ha sottoscritto il contratto
            avrà fatto le sue valutazioni e che non ritengo
            una cosa grave (ma comunque sanzionabile) non
            rispettare quella determinata clausola del
            contratto, la mentalità del "fatta la legge,
            trovato l'inganno" è tipica di una nazione restia
            alle regole, che anzi si vanta di infrangerle,
            come quella
            italianaMamma mia, bisogna pesare tutte le parole qui... ed è pure giusto!!!è ovvio che mi sto riferendo ad una questione che non è di vita o morte.Però per provocazione quasi quasi sposo in pieno la tesi che fatta la legge si trova l'inganno. Giusto così per ripicca :-D
          • bubba scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: ZUmpolo
            - Scritto da: pippuz


            Quello che comunque volevo dire a partire dal


            primo post è che fatta la legge si trova


            l'inganno, soprattuto in questi ambiti. Niente

            di


            più...



            ConXXXXX che chi ha sottoscritto il contratto

            avrà fatto le sue valutazioni e che non ritengo

            una cosa grave (ma comunque sanzionabile) non

            rispettare quella determinata clausola del

            contratto, la mentalità del "fatta la legge,

            trovato l'inganno" è tipica di una nazione
            restia

            alle regole, che anzi si vanta di infrangerle,

            come quella

            italiana

            Mamma mia, bisogna pesare tutte le parole qui...
            ed è pure
            giusto!!!
            è ovvio che mi sto riferendo ad una questione che
            non è di vita o
            morte.
            Però per provocazione quasi quasi sposo in pieno
            la tesi che fatta la legge si trova l'inganno.
            Giusto così per ripicca
            :-DGuarda ZUmpolo, tecnicamente ha ragione Pippuz sulla faccenda dell'ADSL, ma il tuo discorso pur un po ingenuo, era "pulito" e positivista...E , sebbene in linea di principio sia d'accordo con l'affermazione di Pippuz quando dice
            contratto, la mentalità del "fatta la legge,
            trovato l'inganno" è tipica di una nazione restia alle regole,
            che anzi si vanta di infrangerle, come quella italianava anche detto FORTEMENTE che ci sono una marea di piccole leggi del XXXXX, specie quelle riguardanti la tecnologia, messe li' contro gli interessi dei cittadini, a mero uso e consumo di certi potentati. Vanno dalla legge Urbani, alla tassa sui supporti, a quella sulla degradazione delle immagini & co, a quella sulla schedatura nei wifi-point (e data redention) e via andare.Quindi, se uno e' conscio delle possibili beghe che potra' eventualmente avere, in casi come QUESTO, fa' bene a violare quella idiotica clausola contrattuale. :)
          • skyeye scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: bubba
            Quindi, se uno e' conscio delle possibili beghe
            che potra' eventualmente avere, in casi come
            QUESTO, fa' bene a violare quella idiotica
            clausola contrattuale.
            :)ITALIANI!!!! ma vi rendete conto di che razza di popolo beota siete!!! ve la meritate tutta la classe politica che avete se continuate con 'sti ragionamenti..
        • pippuz scrive:
          Re: E così nacque la WiNet....
          - Scritto da: ZUmpolo
          Spesso nelle trombe delle scale ci sono le
          canaline per i cavi dell'antenna televisiva
          centralizzata, che guarda caso mettono in
          comunicazione tutti gli appartamenti, nel nostro
          caso abbiamo pensato a
          quelleOttima idea. Il problema potrebbe essere che non ci passino tutti i cavi necessari.
        • Funz scrive:
          Re: E così nacque la WiNet....
          - Scritto da: ZUmpolo


          Se non erro dovrebbe essere illegale. Poi, ci

          sarebbero anche altre considerazioni da fare: ti

          fidi dei tuoi condòmini? L'uso, per poterlo

          dividere in 12, non deve essere proprio

          elevatissimo.. insomma, ci sono anche i

          contro.Illegale no, finché resti nei confini del condominio e non fai collegare qualcuno da fuori.Piuttosto sicuramente viola il contratto del provider, che se ti scopre ti può XXXXre la linea e forse pure denunciare.
          • Teo_ scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: ZUmpolo




            Se non erro dovrebbe essere illegale.
            Illegale no, finché resti nei confini del
            condominio e non fai collegare qualcuno da
            fuori.
            Piuttosto sicuramente viola il contratto del
            provider, che se ti scopre ti può XXXXre la linea
            e forse pure
            denunciare.Magari potrebbe essere in regola costituendo unassociazione fra le famiglie e intestando ad essa labbonamento internet. Non costa niente (se non il tempo speso).
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: Teo_
            - Scritto da: Funz

            - Scritto da: ZUmpolo






            Se non erro dovrebbe essere illegale.


            Illegale no, finché resti nei confini del

            condominio e non fai collegare qualcuno da

            fuori.

            Piuttosto sicuramente viola il contratto del

            provider, che se ti scopre ti può XXXXre la
            linea

            e forse pure

            denunciare.

            Magari potrebbe essere in regola costituendo
            unassociazione fra le famiglie e intestando ad
            essa labbonamento internet. Non costa niente (se
            non il tempo
            speso).Ecco questa è una idea.
          • Funz scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: Teo_
            - Scritto da: Funz

            Illegale no, finché resti nei confini del

            condominio e non fai collegare qualcuno da

            fuori.

            Piuttosto sicuramente viola il contratto del

            provider, che se ti scopre ti può XXXXre la
            linea

            e forse pure

            denunciare.

            Magari potrebbe essere in regola costituendo
            unassociazione fra le famiglie e intestando ad
            essa labbonamento internet. Non costa niente (se
            non il tempo
            speso).E' un'idea, ma penso che saresti obbligato a fare un contratto per aziende, più caro di quelli home. Sono dei furbastri, ma mica scemi :)
          • Teo_ scrive:
            Re: E così nacque la WiNet....
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: Teo_

            - Scritto da: Funz



            Illegale no, finché resti nei confini del


            condominio e non fai collegare qualcuno da


            fuori.


            Piuttosto sicuramente viola il contratto del


            provider, che se ti scopre ti può XXXXre la

            linea


            e forse pure


            denunciare.



            Magari potrebbe essere in regola costituendo

            unassociazione fra le famiglie e intestando ad

            essa labbonamento internet. Non costa niente
            (se

            non il tempo

            speso).

            E' un'idea, ma penso che saresti obbligato a fare
            un contratto per aziende, più caro di quelli
            home. Sono dei furbastri, ma mica scemi
            :)Beh, io come azienda ho una F5 Mini di NGI a 20 /mese, mi sembra sostenibile.
  • Aldo Maria Weber scrive:
    Basta tasse!
    Ci risiamo tutte le volte che un governo vuole mettere tasse nuove si inventa sempre qualche buon motivo! Io di tasse se fossi cittadino inglese o tedesco non ne vorrei pagare, se è il caso ritorniamo al doppino di rame, ma finiamola con l'invenzione di nuove tasse! Se poi qualcuno è ricco... i facesse la banda larga col satellite!
  • Riccardo Merafina scrive:
    siamo sicuri che sia il reichstag???
    Ma il Reichstag non era ai tempi di Adolf Hitler?!?!Dovrebbe essere il Bundestag oggi (per fortuna)!!!!
    • marcov scrive:
      Re: siamo sicuri che sia il reichstag???
      Se parliamo dell'istituzione è il Bundestag, se parliamo di edificio non è sbagliato dire Reichstag. Dato che nel sottotitolo si dice "all'ombra del Reichstag" è come dire in Italia Monte Citorio o Palazzo Madama.
      • pippuz scrive:
        Re: siamo sicuri che sia il reichstag???
        - Scritto da: marcov
        Se parliamo dell'istituzione è il Bundestag, se
        parliamo di edificio non è sbagliato dire
        Reichstag. Dato che nel sottotitolo si dice
        "all'ombra del Reichstag" è come dire in Italia
        Monte Citorio o Palazzo
        Madama.esatto. Altra cosa da far notare, il Reichstag esiste dal 1894, quindi ben prima di Hitler e compagnia nazista. D'altronde, il "Reich" (impero) esisteva dal 1871 (l'anno successivo si fece il bando per il progetto del parlamento).da http://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_del_ReichstagContrariamente al credo popolare, durante i 12 anni del Terzo Reich, il Palazzo del Reichstag non venne usato affatto per le sessioni parlamentari. Invece, le poche volte che il Reichstag si riunì, lo fece nel Kroll Oper, un ex palazzo dell'opera posto di fronte al Palazzo del Reichstag. La seduta inaugurale del nuovo governo, quello nazista appunto, venne invece tenuta a Potsdam[...].
    • guast scrive:
      Re: siamo sicuri che sia il reichstag???
      Veramente Hitler per andare al potere ha fatto incendiare il Reichstag
      • Undertaker scrive:
        Re: siamo sicuri che sia il reichstag???
        - Scritto da: guast
        Veramente Hitler per andare al potere ha fatto
        incendiare il
        Reichstag vinto le elezioni
  • Teo_ scrive:
    Canone vs. tassa
    So che anche in Germania ci sono delle DSL naked e dalle condizioni non mi sembra di capire che oltre il costo di abbonamento non ci siano altri canoni.In Italia le connessioni sono già tassate, inoltre se uno vuole una linea solo dati deve pagare a Telecom una decina di euro al mese. Non sarà una tassa, ma è un canone che pagherei più volentieri se la rete fosse pubblica.
  • tes scrive:
    E poi ci lamentiamo dell'Italia...
    Questa tassa è incredibile, a sto punto si sta meglio in Italia, altro che anglo-sassoni! :|
    • Vault Dweller scrive:
      Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
      - Scritto da: tes
      Questa tassa è incredibile, a sto punto si sta
      meglio in Italia, altro che anglo-sassoni!
      :|Veramente sulla proposta inglese ci metterei la firma; basti pensare che ancora oggi più del 50% del territorio non ha la connessione, se non il 56k; e nella proposta inglese i fondi raccolti sarebbero destinati all'eliminazione del digital divide.Rivedendo la tua affermazione direi che si sta meglio in italia altro che germanici..
      • Undertaker scrive:
        Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
        - Scritto da: Vault Dweller
        Veramente sulla proposta inglese ci metterei la
        firma; basti pensare che ancora oggi più del 50%
        del territorio non ha la connessione, se non il
        56k; e nella proposta inglese i fondi raccoltiSe porto la fibra in una cittá ho collegato 100.000 utenti potenziali.Se la porto nel paesino in montagna ne ho 45, spendendo anche di piú.Se pensiamo poi che nel paesino in generale abitano vecchioni il cui unico "media informativo" é RAI1 e che non sanno nemmeno cosa sia internet é chiaro perché la banda larga fa fatica a diffondersi: perché costa e cablare paesini e paeselli é antieconomico.Lo stesso ragionamento lo si puó applicare a tutti i servizi: anche collegare energia elettrica,gas,posta, fognature,acquedotti,strade e ferrovie ai paesini costa molto ed é stato possibile farlo perché le spese sono coperte dalle bollette (gonfiate) di chi abita nei grossi centri, una sorta di tassa occulta.A questo punto dobbiamo solo chiederci se vogliamo aprire tutti noi il borsellino per permettere di scaricare film e collegarsi a siti XXXXX a chi abita nelle frazioncine sperdute o se sono gli abitanti di questi centri a dover pagare per quello che consumano.Per quel che mi riguarda la risposta é la seconda.
        • Vault Dweller scrive:
          Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
          - Scritto da: Undertaker
          - Scritto da: Vault Dweller

          Veramente sulla proposta inglese ci metterei la

          firma; basti pensare che ancora oggi più del 50%

          del territorio non ha la connessione, se non il

          56k; e nella proposta inglese i fondi raccolti

          Se porto la fibra in una cittá ho collegato
          100.000 utenti
          potenziali.
          Se la porto nel paesino in montagna ne ho 45,
          spendendo anche di
          piú.
          Se pensiamo poi che nel paesino in generale
          abitano vecchioni il cui unico "media
          informativo" é RAI1 e che non sanno nemmeno cosa
          sia internet é chiaro perché la banda larga fa
          fatica a diffondersi: perché costa e cablare
          paesini e paeselli é
          antieconomico.Dal punto di vista di un azienda che deve costruire l'infrastruttura per fornire tale servizio è certamente antieconomico.
          Lo stesso ragionamento lo si puó applicare a
          tutti i servizi: anche collegare energia
          elettrica,gas,posta, fognature,acquedotti,strade
          e ferrovie ai paesini costa molto ed é stato
          possibile farlo perché le spese sono coperte
          dalle bollette (gonfiate) di chi abita nei grossi
          centri, una sorta di tassa
          occulta.Appunto, essendo antieconomico i soldi vengono recuperati da altre parti; il fatto è che la connessione sta diventando parecchio importante, così come i servizi succitati all'epoca in cui sono nati; indi lo stato deve farsi garante del fatto che tutti possano accedervi, e questo comporta che nei paesi in cui le aziende non porterebbero mai le infrastrutture di rete sia lo stato a portarle.
          A questo punto dobbiamo solo chiederci se
          vogliamo aprire tutti noi il borsellino per
          permettere di scaricare film e collegarsi a siti
          XXXXX a chi abita nelle frazioncine sperdute o se
          sono gli abitanti di questi centri a dover pagare
          per quello che
          consumano.
          Per quel che mi riguarda la risposta é la seconda.Ma loro pagherebbero per ciò che consumano; l'esempio calzante è quello della rete elettrica; si è pagato tramite le casse dello stato (e quindi tramite i cittadini) l'estensione capillare della rete, e ora ciascuno paga per ciò che consuma.
        • Funz scrive:
          Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
          - Scritto da: Undertaker
          Se porto la fibra in una cittá ho collegato
          100.000 utenti
          potenziali.
          Se la porto nel paesino in montagna ne ho 45,
          spendendo anche di
          piú.
          Se pensiamo poi che nel paesino in generale
          abitano vecchioni il cui unico "media
          informativo" é RAI1 e che non sanno nemmeno cosa
          sia internet é chiaro perché la banda larga fa
          fatica a diffondersi: perché costa e cablare
          paesini e paeselli é
          antieconomico.Si chiama servizio universale, e sarebbe ora che anche la banda larga lo fosse.Indipendentemente da quello che ne fanno o non fanno gli utenti o potenziali utenti.
          Lo stesso ragionamento lo si puó applicare a
          tutti i servizi: anche collegare energia
          elettrica,gas,posta, fognature,acquedotti,strade
          e ferrovie ai paesini costa molto ed é stato
          possibile farlo perché le spese sono coperte
          dalle bollette (gonfiate) di chi abita nei grossi
          centri, una sorta di tassa
          occulta.Tutti servizi universali.Tu sei libero di andare a vivere dove vuoi, anche nella frazione del paesino, perchè sai che i servizi essenziali sono garantiti anche lì.
          A questo punto dobbiamo solo chiederci se
          vogliamo aprire tutti noi il borsellino per
          permettere di scaricare film e collegarsi a siti
          XXXXX a chi abita nelle frazioncine sperdute o se
          sono gli abitanti di questi centri a dover pagare
          per quello che
          consumano.
          Per quel che mi riguarda la risposta é la seconda.Bravo, e già che ci siamo tagliamogli anche luce acqua gas e telefono, che la manutenzione delle reti costa.Che mentalità gretta e avida.(che poi tutti pagano già tutto a consumo)
          • maio scrive:
            Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
            Ottima risposta. Quoto.
          • Undertaker scrive:
            Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: Undertaker

            Se porto la fibra in una cittá ho collegato

            100.000 utenti

            potenziali.

            Se la porto nel paesino in montagna ne ho 45,

            spendendo anche di

            piú.
            Si chiama servizio universale, e sarebbe ora che
            anche la banda larga lo
            fosse.
            Indipendentemente da quello che ne fanno o non
            fanno gli utenti o potenziali
            utenti.e chi paga, tu ?

            Lo stesso ragionamento lo si puó applicare a

            tutti i servizi: anche collegare energia

            elettrica,gas,posta, fognature,acquedotti,strade

            e ferrovie ai paesini costa molto ed é stato

            possibile farlo perché le spese sono coperte

            dalle bollette (gonfiate) di chi abita nei
            grossi

            centri, una sorta di tassa
            Tutti servizi universali.
            Tu sei libero di andare a vivere dove vuoi, anche
            nella frazione del paesino, perchè sai che i
            servizi essenziali sono garantiti anche
            lì.difatti, come al solito l'Italia deve essere una nazione a parte, invece di grandi cittá, costruite con una pianificazione razionale piacevoli e vivibili, tipo Londra o Amsterdam abbiamo un infinitá di paesini sperduti nella campagna e tanti centri medio-grandi, convulsi, intasati ed invivibili come Milano o Bologna, con conseguente esodo di pendolari e paralisi generale del traffico.Una metropolitana come quella di Londra é un infrastruttura molto costosa ma che serve milioni di persone.Per dare lo stesso servizio ad una popolazione che vive sparpagliata in cittadine di 200 abitanti devi muovere migliaia di autobus spendendo dieci volte di piú.

            Per quel che mi riguarda la risposta é la
            seconda.
            Bravo, e già che ci siamo tagliamogli anche luce
            acqua gas e telefono, che la manutenzione delle
            reti
            costa.facciamogli pagare quello che costanonon é che vivendo in cima ad un monte ci fanno un favoreLa passione per le casette di sassi e calce é una cosa tutta italiana, e si é visto con che risultati nel dopo terremoto in Abruzzo.un pó alla volta si potrebbero eliminare tutti i paesi sulle montagne e far vivere la gente in centri medio-grandi.Sarebbe un risparmio gigantesco.Pensiamo solo alla truffa delle scuole tenute aperte per tre studenti, nei paesini di montagna.
          • guast scrive:
            Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
            Come no ? Facciamo salire ancora i prezzi delle case a Roma e Milano che non sono abbastanza alti. Costruiamo un'altro po' di autostrade intorno alle grandi città, cementifichiamo quello che resta dei parchi pubblici, tanto gli abitanti non hanno bisogno di respirare. Aumentiamo le file e le lotte per ogni ufficio pubblico e ogni altra cosa in città, tanto lo stress serve solo per darti una carica.
          • Funz scrive:
            Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
            E' la bellezza del nostro Paese, e pago volentieri più tasse per non essere costretto ad abitare in città o in qualche orrendo paesone di cintura.
          • Ste scrive:
            Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
            - Scritto da: Funz

            Bravo, e già che ci siamo tagliamogli anche luce
            acqua gas e telefono, che la manutenzione delle
            reti
            costa.
            Che mentalità gretta e avida.

            (che poi tutti pagano già tutto a consumo)Andare a stare in campagna o in paesini è spesso una scelta di vita, da noi alcuni ci vanno perché pagano la casa la metà se non addirittura un terzo.Io sto in città, ho l'adsl dal 2002, vivo ancora con i miei perché non posso permettermi l'acquisto di una casa in città da quanto costano, se le case costano tanto in città rispetto al paesetto o alla campagna, ci sarà un motivo...
        • guast scrive:
          Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
          Nei paesini e nei piccoli centri ci sono solo vecchioni perchè non c'è lavoro.Non c'è lavoro perchè non ci sono servizi. Non ci sono servizi perchè non c'è gente.Non c'è gente perchè chi è in età lavorativa se ne va.E' un cane che si morde la coda.E' vero che la banda larga la pagherebbero quelli che vivono nei grandi centri.Però adesso che non stanno pagando la banda larga per i paesini stanno pagando le conseguenze per la sua assenza. La gente continua a spostarsi nei grandi centri spingendo i prezzi delle case a valori assurdi e sovraccaricando il traffico e i servizi pubblici già scarsi per conto loro.Tutto questo ha un impatto pesante sulla qualità della vita sia di quelli che vivono nei grandi centri sia di quelli che vivono in quei paesini che si stanno svuotando.Con la banda larga ci sono tantissimi lavori che si possono fare da remoto. Si potrebbe innescare una inversione di quella pazzesca urbanizzazione, che si sta subendo ora, permettendo a molta gente di spostarsi dove la vita costa meno.
          • Undertaker scrive:
            Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
            - Scritto da: guast
            Nei paesini e nei piccoli centri ci sono solo
            vecchioni perchè non c'è
            lavoro.
            Non c'è lavoro perchè non ci sono servizi.
            Non ci sono servizi perchè non c'è gente.
            Non c'è gente perchè chi è in età lavorativa se
            ne
            va.
            E' un cane che si morde la coda.In tutto il mondo sviluppato la maggior parte della popolazione abita in grandi centri, quello di sparpagliare la gente in tanti paeselli é la solita XXXXXXXta italiana
            E' vero che la banda larga la pagherebbero quelli
            che vivono nei grandi
            centri.
            Però adesso che non stanno pagando la banda larga
            per i paesini stanno pagando le conseguenze per
            la sua assenza. La gente continua a spostarsi nei
            grandi centri spingendo i prezzi delle case a
            valori assurdi e sovraccaricando il traffico e i
            servizi pubblici già scarsi per conto
            loro.sono problemi che non si risolvono con la banda larga.
            Con la banda larga ci sono tantissimi lavori che
            si possono fare da remoto. Si potrebbe innescare
            una inversione di quella pazzesca urbanizzazione,
            che si sta subendo ora, permettendo a molta gente
            di spostarsi dove la vita costa
            meno.un altro futurologo che ci viene a dire che le grandi cittá scompariranno grazie alla rivoluzione digitale.Sono tutte chiacchiere degli stessi dementi che, per rimediare alla povertá in Africa portano internet e computer portatili.L'unico servizio veramente indispensabile alle aziende é l'email e quello ce l'hai anche con la 56k, se vogliono altro se lo paghino.Volete veramente svenarvi per cablare tutti i NOVEMILA paesi e paesini piú frazioni varie perché qualche pensionato si possa vedere la partita di calcio in streaming ?
          • guast scrive:
            Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...

            In tutto il mondo sviluppato la maggior parte
            della popolazione abita in grandi centri, quello
            di sparpagliare la gente in tanti paeselli é la
            solita XXXXXXXta italiana
            Nei paesi moderni era una tendenza del passato. Ora le città europee continuano a crescere più per l'emigrazione dall'estero che interna, mentre i cittadini quando possono si spostano fuori.Il ritmo di urbanizzazione italiano si trova solo nel terzo mondo.


            E' vero che la banda larga la pagherebbero
            quelli

            che vivono nei grandi
            centri.

            Però adesso che non stanno pagando la banda
            larga

            per i paesini stanno pagando le conseguenze per

            la sua assenza. La gente continua a spostarsi
            nei

            grandi centri spingendo i prezzi delle case a

            valori assurdi e sovraccaricando il traffico e i

            servizi pubblici già scarsi per conto
            loro.

            sono problemi che non si risolvono con la banda
            larga.Il fatto che certi problemi siano difficili da risolvere non è una scusa per non affrontarli. Avevo scritto proprio qui sotto come la banda larga avrebbe aiutato.


            Con la banda larga ci sono tantissimi lavori che

            si possono fare da remoto. Si potrebbe innescare

            una inversione di quella pazzesca
            urbanizzazione,

            che si sta subendo ora, permettendo a molta
            gente

            di spostarsi dove la vita costa
            meno.

            un altro futurologo che ci viene a dire che le
            grandi cittá scompariranno grazie alla
            rivoluzione
            digitale.
            Sono tutte chiacchiere degli stessi dementi che,
            per rimediare alla povertá in Africa portano
            internet e computer
            portatili.
            L'unico servizio veramente indispensabile alle
            aziende é l'email e quello ce l'hai anche con la
            56k, se vogliono altro se lo
            paghino.
            Volete veramente svenarvi per cablare tutti i
            NOVEMILA paesi e paesini piú frazioni varie
            perché qualche pensionato si possa vedere la
            partita di calcio in streaming
            ?No. La banda larga serve: 1) perchè le aziende locali possano accedere ai cataloghi B2B dei fornitori.2) perchè le aziende locali possano mettere in vendita i prodotti tramite siti intenet.3) perchè le aziende locali possano fare lavori tipo sviluppo software, disegno, contabilità etc. per le aziende delle grandi città (Gli indiani hanno dimostrato che queste attività possono essere benissimo svolte a molte migliaia di chilometri di distanza).4) Perchè i liberi professionisti possano svolgere determinati lavori da remoto senza andare sempre dal cliente
        • Skywalker scrive:
          Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
          - Scritto da: Undertaker
          A questo punto dobbiamo solo chiederci se
          vogliamo aprire tutti noi il borsellino per
          permettere di scaricare film e collegarsi a siti
          XXXXX a chi abita nelle frazioncine sperdute o se
          sono gli abitanti di questi centri a dover pagare
          per quello che
          consumano.Dato che, come l'acqua, il telefono e l'energia elettrica, l'acceso in banda larga è diventato un Servizio Universale (una videoconferenza non la fai in 56k) direi che non c'è scelta: la prima.
          Per quel che mi riguarda la risposta é la seconda.Bene, allora dovresti cominciare a tenerti al pattumiera in casa e non portarla nel bidone e non tirare lo sciacquone del water. Potresti sempre cominciare a fare una grossa buca nel giardino di casa tua, e pagare a consumo lo smaltimento dell'eccedenza.Non ti sfagiola l'idea, vero? Per tua fortuna chi abita nei paesini remoti è meno gretto di te, e tutto sommato, visto che proprio perché remoti hanno tanto spazio, smaltiscono anche i tuoi rifiuti, dato che anche questo è un Servizi Universali.Ultimamente sono un po' infastiditi perché dalla città arrivano cumuli sempre più grandi di rifiuti e benché la buca sia ben fuori dal paese, comincia ad avvicinarsi ed a limitare l'espansione del paesino, che magari se si ingradisce ancora un po' potrebbe aspirare ad avere una ADSL.Problemi a vedere più in là del proprio naso/portafogli, eh?
        • Ste scrive:
          Re: E poi ci lamentiamo dell'Italia...
          - Scritto da: Undertaker

          A questo punto dobbiamo solo chiederci se
          vogliamo aprire tutti noi il borsellino per
          permettere di scaricare film e collegarsi a siti
          XXXXX a chi abita nelle frazioncine sperdute o se
          sono gli abitanti di questi centri a dover pagare
          per quello che
          consumano.
          Per quel che mi riguarda la risposta é la seconda.Quoto, perché devo pagare io per loro? E chi mi da la garanzia che ste tasse vadano veramente a buon fine?
  • francososo scrive:
    vorrei tanto sperare sia una bufala !
    vorrei tanto sperare sia una bufala : questi si stanno martellando i XXXXXXXX ma manco so se lo fanno in modo cosciente o incosciente !
  • Roberto Di scrive:
    Precisazioni
    Vivo in Germoney e preciso che: i 18 si pagano giá ora per la televisione: "Mensilmente". Quello che vogliono fare è: tassare i PC e i telefonini con acXXXXX alla rete( quale cellulare non ha l'acXXXXX alla rete?)Siccome oggi é la GEZ che deve provare che l'utente non ha la tele ola radio hanno aggiunto che sará l'utente a dover dimostare di non aver pc o telefonini. In pratica cercano di far pagare ogni famiglia almeno i 18 mensili. C'é chi dice che il balzello sará per ogni apparecchio, ma a me non risulta.Comunque sia una bella XXXXXta,bisognerá vedere ora come si evolve la storia.
    • Funz scrive:
      Re: Precisazioni
      - Scritto da: Roberto Di
      Vivo in Germoney e preciso che: i 18 si pagano
      giá ora

      per la televisione: "Mensilmente". Quello che
      vogliono fare
      è:
      tassare i PC e i telefonini con acXXXXX alla
      rete
      ( quale cellulare non ha l'acXXXXX alla rete?)
      Siccome oggi é la GEZ che deve provare che
      l'utente non ha la tele

      ola radio hanno aggiunto che sará l'utente a
      dover dimostare

      di non aver pc o telefonini.
      In pratica cercano di far pagare ogni famiglia
      almeno i 18 mensili. C'é chi dice che il
      balzello sará per ogni

      apparecchio, ma a me non risulta.
      Comunque sia una bella XXXXXta,bisognerá vedere
      ora come si evolve la
      storia.Quindi in pratica vogliono estendere il canone TV (che è già più alto che da noi) anche a PC e telefonini "atti e adattabili" a connettersi a Internet (circa come da noi).Dall'articolo si capiva tutt'altro, comunque...
      • pippuz scrive:
        Re: Precisazioni

        Quindi in pratica vogliono estendere il canone TV
        (che è già più alto che da noi) anche a PC e
        telefonini "atti e adattabili" a connettersi a
        Internet (circa come da
        noi).
        Dall'articolo si capiva tutt'altro, comunque...in effetti... ho trovato un'altra fonte (in italiano): http://j.mp/8qUEFXImporto del canoneDal 1.1.2009 l´importo mensile del canone di abbonamento ammonta a:per la radio: 5,76per la televisione: 17,98per la radio e la televisione : 17,98
      • alexarnz scrive:
        Re: Precisazioni
        - Scritto da: Funz
        Quindi in pratica vogliono estendere il canone TV
        (che è già più alto che da noi) anche a PC e
        telefonini "atti e adattabili" a connettersi a
        Internet (circa come da noi).È più alto in senso assoluto. Poi è tutto da dimostrare in senso relativo (paragonato al costo della vita/media degli stipendi).Inoltre non dimentichiamo che sulla prima rete nazionale, non abbiamo pubblicità se non 15 minuti (quindici minuti) al giorno, in un unico blocco nella fascia serale.In pratica quella tassa è l'unica fonte di entrate in bilancio per una rete televisiva che è di ottima qualità e trasmette anche via satellite, sempre in chiaro, contrariamente alle reti nazionali italiane che spesso hanno programmi criptati.
  • Pasquale S. scrive:
    Ingegno?
    Non potrebbero inserire pubblicità nei siti istituzionali per far cassa?
  • Andreabont scrive:
    Sul limitare?
    Intendiamoci, sono il primo che dice che la rete è a rischio, se le dorsali non vengono aggiornate e mantenute la rete cade e addio Internet.Però altre tasse non sono certo benvenute... e sarebbero limitate unicamente ad uno stato, mentre le dorsali sono di vari paesi.Bho, detta così sembra organizzata male.
  • Enjoy with Us scrive:
    beh non è proprio la stessa cosa!
    6 sterline l'anno non sono 215 euro! I principi saranno pure simili, ma la sostanza economica direi che è completamente differente!
    • Vault Dweller scrive:
      Re: beh non è proprio la stessa cosa!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      6 sterline l'anno non sono 215 euro! I principi
      saranno pure simili, ma la sostanza economica
      direi che è completamente
      differente!In realtà i principi sono anch'essi differenti; l'uno è l'itaglianissimo "Viva la RAI! Calate le brache innanzi alla RAI!!", l'altro è un tentativo di raccogliere fondi per l'abbattimento del digital-divide, portando la connesione ove le aziende private non avrebbero convenienza a creare le infrastrutture necessarie.
      • Skywalker scrive:
        Re: beh non è proprio la stessa cosa!
        - Scritto da: Vault Dweller
        l'altro è un
        tentativo di raccogliere fondi per l'abbattimento
        del digital-divide, portando la connesione ove le
        aziende private non avrebbero convenienza a
        creare le infrastrutture
        necessarie.Dato che parliamo di aziende private di TLC, operano tutte in CONCESSIONE GOVERNATIVA: vogliono essere autorizzate a portare la connessione la dove avrebbero convenienza a creare le infrastrutture necessarie? (leggi: prendo la Ciccia!) Bene! Allora la portano anche la dove NON avrebbero convenienza (leggi: ti prendi anche l'Osso!).Tu stai parlando di privatizzazione della ciccia e di pubblicizzazione dell'Osso. Ps. Costa meno di quanto si voglia far credere: perché l' "Osso" si suddivide su tutti gli operatori e si copre con una singola tecnologia. In Val di Lei non servono una fibra per ogni operatore ad ogni alpeggio: bastano due hotspot WiMax (forse basterebbero anche WiFi...), questi sì connessi ad una fibra. Il cui costo si suddivide su tutti gli operatori.Ma visto che non sono obbligati, non ci va nessuno.
    • y azevedo scrive:
      Re: beh non è proprio la stessa cosa!
      infatti io dico che in inghilterra dovrebbero baciarsi le manine....(tra l'altro i soldi servirebbero a finanziare le infrastrutture stesse e non una tecnologia per me morente come la tv, per di piu pubblica)....provate a immaginarvi la stessa cosa presa "all'italiana"su, chi ha + fantasia?
  • bye scrive:
    NOVITA' : banda minima telecom...
    non c'entra molto con articolo ma è una novità nel panorama italiano: la telecom nella sua offerta menziona come "obiettivo di banda minima" 2009 : 2,1 Mb/s Non sarà come la banda minima garantita ma almeno è un buon inizio per poter giudicare un'offerta a priori.Io ho infostrada e ultimamente è calata un po' come qualità del servizio/assistenza penso passerò a TelecomDiffondete la notizia chissà lo facciano anche gli altri operatori!
    • bye scrive:
      Re: NOVITA' : banda minima telecom...
      dimentica ... il link:http://aiuto.alice.it/informazioni/delibera/7m.html
    • 4.3BSD scrive:
      Re: NOVITA' : banda minima telecom...
      - Scritto da: bye
      nel panorama italiano:
      la telecom nella sua offerta menziona come
      "obiettivo di banda minima" 2009 : 2,1 Mb/sIo per ora ho banda massima 1,4 Mb/sec e dubito che da qui a fine 2009 le cose cambieranno.
      • bye scrive:
        Re: NOVITA' : banda minima telecom...
        speriamo!
      • Bardotto scrive:
        Re: NOVITA' : banda minima telecom...
        - Scritto da: 4.3BSD
        - Scritto da: bye

        nel panorama italiano:

        la telecom nella sua offerta menziona come

        "obiettivo di banda minima" 2009 : 2,1 Mb/s

        Io per ora ho banda massima 1,4 Mb/sec e dubito
        che da qui a fine 2009 le cose
        cambieranno.Beato te, da me la banda massima è 512 kbs, e ho una 7 mega.
    • Undertaker scrive:
      Re: NOVITA' : banda minima telecom...
      - Scritto da: bye
      la telecom nella sua offerta menziona come
      "obiettivo di banda minima" 2009 : 2,1 Mb/s
      Non sarà come la banda minima garantita ma almeno
      è un buon inizio per poter giudicare un'offerta a
      priori.
      Io ho infostrada e ultimamente è calata un po'
      come qualità del servizio/assistenza penso
      passerò a
      TelecomAltra sanguisuga connessa al P2P giorno e notte che si lamenta per i danni causati da quelli come lui.Trovo un fastidiosi questi post di sanguisughe che si lamentano perché il povider x é lento, passeró al provider y, quando anche, grazie alle sanguisughe come me il provider y sará un XXXXX passeró al provider z...Non era sbagliato il calcolo di chi diceva che il 5% degli utenti causa il 90% del traffico. Se vuoi passare a telecom accomodati, non penso che infostrada si lamenterá di aver perso un utente che paga come gli altri ma consuma 100 volte di piú.Siete benvenuti come uno sciame di cavallette.
      • Skywalker scrive:
        Re: NOVITA' : banda minima telecom...
        Uh? Dove hai letto P2P giorno è notte?Scusami, ma se hai preso in lieasing un'auto da qualcuno che non ti ha detto che la stessa l'auto l'ha data in leasing anche a due rappresentati di commercio e quindi ve la dovete spartire, forse te la dovresti prendere con chi ti ha venduto un servizio che aveva già venduto ad altri, non con i due rappresentati di commercio che cercano di utilizzare quanto più possibile l'auto che hanno preso in leasing.Io ho un contratto con un Provider che mi dice chiaramente che per i soldi che vuole Infostrada, mi da una macchina in leasing condiviso e con limiti (sul P2P). Se voglio avere la garanzia di avere sempre disponibile almeno una panda e comunque poterla usarla a fondo, incluso eventualmente il P2P giorno e notte, mi fa altri prezzi.Se tu hai acquistato una linea senza che ti dicessero che la banda era condivisa con altri e che gli altri potevano arrivare anche a saturare completamente quella a tua disposizione e non te l'hanno detto, fagli causa: sono dei furfantoni che hanno fatto concorrenza sleale. Se invece te l'hanno detto, il tuo è il ragionamento di chi vuole la botte piena e la moglie ubriaca.
    • Severo scrive:
      Re: NOVITA' : banda minima telecom...
      - Scritto da: bye
      non c'entra molto con articolo ma è una novità
      nel panorama italiano:
      la telecom nella sua offerta menziona come
      "obiettivo di banda minima" 2009 : 2,1 Mb/sAncora non avete capito che la "banda massima" non conta assolutamente nulla?Avere garantito un "minimo" di banda massima, poi... è il colmo della presa per i fondelli!!Continuate a ignorare la banda minima garantita e a farvi tosare come pecore, così siamo sicuri la Rete in Italia non decollerà mai.
      • Bye scrive:
        Re: NOVITA' : banda minima telecom...
        @Undertaker:Ti rispondo molto facilmente! Casomai sono vittima di quelli del P2P.Mi fa XXXXXXXre che il novembre dell'anno scorso la mia adsl Infostrada viaggiasse a 70/80 Kb (bit!) leggermente di più di un modem analogico e io dovevo pagare 20 euro al mese solo perchè non c'è scritto da nessuna parte che mi devono garantire una banda minima!!!Se io dentro alla mia banda garantita voglio scaricarmi 2 distribuzioni in DVD di linux non posso? se devo spedire 870mb (l'altra sera) di foto per farle sviluppare non posso occupare la mia banda quanto voglio?E se volessi potrei anche usarla per il P2P... non capisco qual'è il problema a me basterebbe che a "tutti" fosse garantita.Snza polemica, ogni uno della propria banda dovrebbe poter fare quello che vuole.@Severo:Se leggi bene quello che ho scritto si parla di banda minima NON massima.Infatti i 2,1Mb minimi sono riferiti al contratto con 7Mb massimi.Io ho solo fatto notare come dici tu che non è scritto "banda minima garanta" ma che è già qualcosa!!
        • Passante scrive:
          Re: NOVITA' : banda minima telecom...
          - Scritto da: Bye
          @Severo:
          Se leggi bene quello che ho scritto si parla di
          banda minima NON massima.Infatti i 2,1Mb minimi
          sono riferiti al contratto con 7Mb
          massimi.
          Io ho solo fatto notare come dici tu che non è
          scritto "banda minima garanta" ma che è già
          qualcosa!!Allora: o è banda minima GARANTITA, oppure non se ne capisce il significato...In italiano minimo significa che non si può andare sotto, altrimenti non è più minimo.
  • Guybrush scrive:
    ...ma questi copiano l'italia?
    Avrei immaginato che l'italia, per prima, avrebbe tentato di tirare la silurata finale al web imponendo un balzello ammazza-connessioni. Vero e' che circa 18 euro l'anno sono poco piu' di un euro al mese in piu', quasi non si sentono.Quasi.E' pur sempre un album musicale in meno da comprare (vabbe', non ridete), ma e' un sacrificio che faccio volentieri (siae: PRRRRRRRRRRRRR) se quei soldi saranno interamente spesi per potenziare l'infrastruttura: il costo degli abbonamenti nel lungo periodo potrebbe addirittura calare, di sicuro avremmo la possibilita' (non so in italia, ma nel resto d'europa si) di poter contare sulla connessione a costi contenuti un po' ovunnque.Quindi... va bene sparare sul pianista, ma a ragion veduta: a parte l'esperienza italiana, nel resto d'europa significa un servizio in piu' e ben funzionante.GT
    • Nico 72 scrive:
      Re: ...ma questi copiano l'italia?
      - Scritto da: Guybrush
      Avrei immaginato che l'italia, per prima, avrebbe
      tentato di tirare la silurata finale al web
      imponendo un balzello ammazza-connessioni. Vero
      e' che circa 18 euro l'anno sono poco piu' di un
      euro al mese in piu', quasi non si
      sentono.
      Quasi.
      E' pur sempre un album musicale in meno da
      comprare (vabbe', non ridete), ma e' un
      sacrificio che faccio volentieri (siae:
      PRRRRRRRRRRRRR) se quei soldi saranno interamente
      spesi per potenziare l'infrastruttura: il costo
      degli abbonamenti nel lungo periodo potrebbe
      addirittura calare, di sicuro avremmo la
      possibilita' (non so in italia, ma nel resto
      d'europa si) di poter contare sulla connessione a
      costi contenuti un po'
      ovunnque.

      Quindi... va bene sparare sul pianista, ma a
      ragion veduta: a parte l'esperienza italiana, nel
      resto d'europa significa un servizio in piu' e
      ben
      funzionante.

      GTGuarda ma hai letto l'articolo?(Se la riforma verrà approvata, a partire dal 2013 il contributo verrà equiparato a 17,98 euro, ma su base mensile: ogni 30 giorni, ciascuna famiglia si vedrà scalare dalle tasse questa cifra, che potenzialmente arriverebbe a 215 euro l'anno)Si parla non di 18 euro all'anno, ma al mese..Da pazzi veramente!Mah!
      • Guybrush scrive:
        Re: ...ma questi copiano l'italia?
        - Scritto da: Nico 72
        - Scritto da: Guybrush[...]
        Guarda ma hai letto l'articolo?

        (Se la riforma verrà approvata, a partire dal
        2013 il contributo verrà equiparato a 17,98 euro,
        ma su base mensile: ogni 30 giorni, ciascuna
        famiglia si vedrà scalare dalle tasse questa
        cifra, che potenzialmente arriverebbe a 215 euro
        l'anno)

        Si parla non di 18 euro all'anno, ma al mese..In quel punto il giornalista salta alle conclusioni, dubito fortemente che si arrivi ad una cifra simile: al momento ci sono abbonamenti internet che hanno canoni inferiori.Una simile mostruosita' spazzerebbe via tutti i provider meno "robusti" lasciando spazio ai monopoli.Di fatto poi dovrei rinunciare anche io alla connessione (e il mio reddito, se pure a fatica, supera i 30k annui) perche' il costo dell'abbonamento salirebbe da circa 450 a quasi 700 euro l'anno... due rate del mutuo.Troppo. Specie se applichi questi costi non a quelli di un single che tutto sommato potrebbe ancora permettersi questo giochetto, ma a quelli di una famiglia di 4 persone.Finiresti con l'escludere proprio quelle aree che invece vorresti raggiungere, il tutto per finanziare non una rete piu' veloce, ma gli stessi personaggi che finora hanno pestato i piedi perche' il loro business non sta piu' in piedi.Tornerei a dedicarmi a videogiochi "sconnessi" e veloci puntatine nel web solo durante il fine settimana tramite la connessione aziendale, le aziende stesse dovrebbero rivedere al ribasso la connettivita' a causa di costi del genere. E tutto il discorso WWW finirebbe rapidamente a donne perdute. Probabilmente anche il mio modo di suonare la chitarra migliorerebbe parecchio.
        Da pazzi veramente!Eh si. Le barriere per l'ingresso al mercato, messe dal lato dell'utente sono una perversione davvero folle.Piu' probabilmente saltera' fuori un altro equo compenso stavolta sulle connessioni ad internet, ma in questo caso ci saranno le telco a bacchettare i discografici.GT
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: ...ma questi copiano l'italia?
          Giusto per precisare che la notizia presa in Germania recita "per Monat". ;)L
          • Marco Girardi scrive:
            Re: ...ma questi copiano l'italia?
            Venessian? :D
          • pippuz scrive:
            Re: ...ma questi copiano l'italia?
            - Scritto da: Luca Annunziata
            Giusto per precisare che la notizia presa in
            Germania recita "per Monat".tradotto, al mese.
          • pippuz scrive:
            Re: ...ma questi copiano l'italia?
            Si potrebbe please modificare l'articolo? *oggi* in Germania si paga già circa 18 al *mese*. Mi pare che il senso dell'articolo cambi decisamente...Senza sapere il tedesco, si può anche consultare wikipedia...http://en.wikipedia.org/wiki/GebühreneinzugszentraleAt the time of writing (May 2009), the charges for a radio are 5.76 and a television 17.98 (monthly!). The charge for a television includes a radio in the same household.o altre fontihttp://j.mp/8qUEFXImporto del canoneDal 1.1.2009 l´importo mensile del canone di abbonamento ammonta a:per la radio: 5,76per la televisione: 17,98per la radio e la televisione : 17,98
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: ...ma questi copiano l'italia?
            Da quello che avevo letto (mastico, non parlo, tedesco) il pagamento per i cellulari e le radio era inferiore e nel caso dei cellulari annuale.Non è così?L
          • pippuz scrive:
            Re: ...ma questi copiano l'italia?
            - Scritto da: Luca Annunziata
            Da quello che avevo letto (mastico, non parlo,
            tedesco) il pagamento per i cellulari e le radio
            era inferiore e nel caso dei cellulari
            annuale.
            Non è così?La quota per cellulari e pc è già oggi mensile (quindi il balzello c'è già, stesso costo di quello della radio). L'aggravio sarebbe comunque sostanzioso ( 146.64 all'anno, 12,22 al mese), ma non così elevato come quello scritto nell'articolo. Ovviamente, se si paga già per la tv, non si sborsa alcun extra.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: ...ma questi copiano l'italia?
            grazie, allora sistemo ;)
        • pippuz scrive:
          Re: ...ma questi copiano l'italia?

          In quel punto il giornalista salta alle
          conclusioni, dubito fortemente che si arrivi ad
          una cifra simile: al momento ci sono abbonamenti
          internet che hanno canoni
          inferiori.Teoricamente in Italia succede già: dovresti pagare il canone tv per tutti i "dispositivi atti a ricevere il segnale radiotelevisivo", compresi quindi PC e cellulari (entrambi collegabili a internet). Il canone, però, è da noi decisamente inferiore ( 107,50 e non 215,76, 17.98*12 mesi). La differenza è che da noi c'è un'evasione altissima ed è "l'abbonato" a dover pagare il canone, non gli viene aggiunto dalle tasse. La "notizia" sta nel fatto che, se non si ha la tv, si passa da 69,12 (5.76*12) a 215.76, con un aggravio di circa 145.
          Una simile mostruosita' spazzerebbe via tutti i
          provider meno "robusti" lasciando spazio ai
          monopoli.No, sei tu che paghi il canone. Se paghi già il canone tv, non paghi un centesimo in più.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 dicembre 2009 15.54-----------------------------------------------------------
      • Undertaker scrive:
        Re: ...ma questi copiano l'italia?
        - Scritto da: Nico 72
        Guarda ma hai letto l'articolo?
        (Se la riforma verrà approvata, a partire dal
        2013 il contributo verrà equiparato a 17,98 euro,
        ma su base mensile: ogni 30 giorni, ciascunaUn vero furto, per applicare poi quella che non é altro che una pura mentalitá statalista: non deve essere il mercato a correggere le anomalie come queste, nooo, deve essere lo stato che tassa e stratassa e poi, generosamente distribuisce agli amici degli amici
        • Skywalker scrive:
          Re: ...ma questi copiano l'italia?
          Il problema è un altro: dato che tutte le attività di esercizio delle TLC avvengono in CONCESSIONE GOVERNATIVA, se si decide che la Banda Larga fa parte dei SERVIZI ESSENZIALI, chi ha scritto il contratto di concessione?Perché se la paura è che le TLC mirino SOLO a massimizzare i profitti, la cosa logica che uno si aspetterebbe è che semplicemente la CONCESSIONE GOVERNATIVA preveda che DEBBANO COPRIRE L'INTERO TERRITORIO NAZIONALE.Punto. Non ti prendi l'osso? Niente Ciccia.Se fai rispettare questo principio, vedi che le società di TLC ci impiegano poco a fare una Società Consortile che metta la rete laddove nessuno singolarmente avrebbe interesse economico a mettercela, ma tutte avrebbero l'onere giuridico di farlo.Solo che negli ultimi anni, un po' ovunque, si privatizza la ciccia e si pubblicizzano gli ossi... forse, da Oggetto, si, stanno cominciando a copiare l'italia.
  • Efrem X scrive:
    Ma perché, cosa vi aspettavate?
    E' ovvio che una volta che la banda larga ce l'avranno quasi tutti e non se ne potrà più fare a meno i governi ci si getteranno a capofitto... Se passa una cosa simile in Germania e in UK, sicuramente verrà proposta anche in Italia, ovviamente a tariffe italiane, cioè almeno il doppio degli altri Paesi. Personalmente credo che in futuro il costo della banda larga sarà rappresentato per oltre il 50% da tasse, un po' come la benzina oggi...
    • Feliciaus scrive:
      Re: Ma perché, cosa vi aspettavate?
      Ma scusate ma perchè ora internet è esente tasse????I provider non pagano le tasse? Noi non paghiamo un abbonamento con tanto di IVA? I profitti dovuti da questo abbonamento sono esenti tasse???E vogliamo anche alzare i canoni anzichè abbassare le tariffe? Forse cosi pensano di controllare l'unica cosa che ancora gli da fastidio....politici da strapazzo.
    • Carlo scrive:
      Re: Ma perché, cosa vi aspettavate?
      - Scritto da: Efrem X
      Personalmente credo che
      in futuro il costo della banda larga sarà
      rappresentato per oltre il 50% da tasse, un po'
      come la benzina
      oggi...E in effetti, a livello macroeconomico, tanto più si usa la rete e tanto meno si usa benzina per muoversi, quindi purtroppo la tua affermazione è potenzialmente fondata :-(
  • unerrore scrive:
    ma siamo impazziti?
    ma siamo impazziti?!?!
  • DarkOne scrive:
    Sconvolgente
    Avevo letto altrove questa notizia e sono rimasto sconvolto a dir poco: 18 euro al mese per un balzello tipo canone rai...ma questi si sono ammattiti del tutto? Qui già non si arriva a fine mese e vogliono mettere un'altra tassa che non ha alcun senso se non spillare altri soldi alla povera gente?E' evidente che sottobanco arrivano bustarelle oramai, non si possono spiegare in altro modo queste proposte al limite dell'assurdo. Personalmente proporrei una rivolta, una situazione del genere è diventata davvero intollerabile. La cosa forse più sconfortante tra tutte è che la legge passerà e nessuno farà nulla, nemmeno i diretti interessati che se la ritroveranno a pagare...
    • Lurch scrive:
      Re: Sconvolgente
      - Scritto da: DarkOne
      Avevo letto altrove questa notizia e sono rimasto
      sconvolto a dir poco: 18 euro al mese per un
      balzello tipo canone rai...ma questi si sono
      ammattiti del tutto? Qui già non si arriva a fine
      mese e vogliono mettere un'altra tassa che non ha
      alcun senso se non spillare altri soldi alla
      povera
      gente?

      E' evidente che sottobanco arrivano bustarelle
      oramai, non si possono spiegare in altro modo
      queste proposte al limite dell'assurdo.
      Personalmente proporrei una rivolta, una
      situazione del genere è diventata davvero
      intollerabile. La cosa forse più sconfortante tra
      tutte è che la legge passerà e nessuno farà
      nulla, nemmeno i diretti interessati che se la
      ritroveranno a
      pagare...[yt]xCc-RWIp7XU[/yt]
Chiudi i commenti