Sei un pirata australiano? Ti processano negli USA

Le lobby delle major mettono a segno un colpo decisivo: trionfa il principio del copyright globale con una estradizione che suscita perplessità tra gli addetti ai lavori e rabbia in rete

Roma – Il 44enne Hew Raymond “Bandido” Griffiths , residente in Australia ma cittadino del Regno Unito, è stato estradato lo scorso febbraio negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere dei suoi crimini.

Accusato di aver violato le leggi americane sul copyright per la sua militanza nella celebre crew DrinkOrDie , rischia una condanna fino 10 anni di reclusione nelle prigioni statunitensi (la pena massima in Australia per un reato come la violenza sessuale è di poco inferiore ai sette anni).

In carcere sin dal 2003 a causa di un mandato di cattura richiesto direttamente dal ministro della giustizia del suo paese (dietro input del Dipartimento di Giustizia USA), a Hew in questi tre anni è stata negata persino la cauzione : ha soggiornato nelle galere australiane mentre vedeva esaurire i suoi appelli, e ora dovrà affrontare un processo in cui rischia anche una multa da mezzo milione di dollari.

Inutile il tentativo dei legali di farlo dichiarare colpevole per subire un processo in Australia: per Griffiths sarà il primo viaggio della vita negli Stati Uniti, ma molto difficilmente potrà godere delle bellezze nazionali. Molti notano come Griffiths non abbia tratto alcun beneficio economico dalla sua attività (mentre il danno per le major di cui è ritenuto responsabile è stato stimato in circa 50 milioni di dollari), e fino al momento del suo arresto viveva assieme ai suoi genitori, senza un lavoro fisso .

La notizia è stata accolta con nervosismo dai media australiani. iTWire arriva ad affermare che il suo governo avrebbe “venduto” Griffiths agli americani, e tira in ballo la vicenda che coinvolge David Hicks (un cittadino australiano detenuto a Guantanamo, dichiaratosi colpevole di supporto al terrorismo e condannato da una corte USA).

Reazioni analoghe nella blogosfera: tanta rabbia e parole grosse , ma anche qualche lucida considerazione riguardo l’opportunità di applicare le leggi americane al di fuori del suolo USA . Nel frattempo qualcuno pensa ad un appello per mobilitare l’opinione pubblica, affinché Griffiths possa almeno essere giudicato da un tribunale australiano.

L’arresto e la trasposizione di Bandido davanti ad una corte della Virginia, sarebbe stato reso possibile, tra l’altro, dal patto di libero commercio firmato nel 2004 da Stati Uniti ed Australia ( AUSFTA ): alcune clausole del documento riguarderebbero specificamente la protezione dei diritti d’autore sul software nei rispettivi paesi, estendendo la giurisdizione delle due nazioni oltre gli abituali limiti del diritto internazionale.

Questo tipo di accordi, molto diffuso negli ultimi anni, cambierebbe quindi le norme che fino ad ora regolavano la sovranità nazionale : secondo i giudici australiani, i crimini di Griffiths sarebbero avvenuti sul territorio americano, e richiederebbero l’applicazione delle severissime leggi della Virginia in materia.

Preoccupazione in tal senso è stata espressa però proprio da un magistrato australiano, Peter Young, secondo cui l’estradizione di Griffiths potrebbe creare un pericoloso precedente , esponendo cittadini del suo paese a questo tipo di procedure anche per reati minori. “Le violazioni del copyright internazionale sono un grande problema”, ha detto Young in un recente articolo su l’ Australian Law Journal : “Tuttavia, bisogna anche considerare che un paese debba proteggere i suoi cittadini dall’espatrio forzoso a causa soltanto degli interessi commerciali di un’altra nazione (…)”.

Altri membri di DrinkOrDie risiedenti nel Regno Unito non hanno subito lo stesso trattamento, e saranno giudicati da un tribunale nel loro paese. Sempre secondo il giudice Young, sarebbe “bizzarra” la scelta di estradare qualcuno negli USA per rispondere di crimini che si sono svolti totalmente al di fuori del suolo americano da parte di cittadini non americani.

John Sankus Jr meglio noto come EriflleH , cittadino statunitense e ritenuto il capo di DrinkOrDie, aveva patteggiato nel 2002 una pena di quattro anni di reclusione .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    risposta: carenze energetiche
    Secondo la teoria del picco di Hubert, l'estrazione mondiale di petrolio andrà solo calando. vedi: http://www.aspoitalia.blogspot.com/
  • ilmusico scrive:
    Ehi ,ehi, ragazzi...
    Ehi , ehi , ragazzi. Non dimenticate che la Gran Bretagna è SEMPRE stata democratica: ora , più che mai. Infatti controlla 'amorevolmente' i propri cittadini con molto scrupolo. Magari, fosse così anche da noi... E come no!!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 maggio 2007 13.37-----------------------------------------------------------
    • Fiamel scrive:
      Re: Ehi ,ehi, ragazzi...
      Modificato dall' autore il 08 maggio 2007 13.37
      --------------------------------------------------Se mi permetti, questo ha poco a che vedere con questioni di "controllo". Ci sono cose ben più significative, da quel punto di vista.Piuttosto, se misurassero anche casa mia, ne sarei felice.
  • Anonimo scrive:
    HK: misura cliniche non invasive
    A proposito del glucosimentro realizzato ad HK, nell'ambito universitario italiano nel 1998 si parlava gia' di utilizzare laser all'infrarosso per misure in vivo ma non invasive. Nel mio lavoro di tesi di laurea presso il politecnico di milano, insieme ad un altro (all'epoca) studente, ho realizzato un prototipo di ossimetro con laser all'infrarosso. Esso permetteva l'analisi della quantita' di O2 e CO2 nel sangue e relative variazioni nel tempo.Lo stesso principio era utilizzato nei laboratori contigui per lavori con partner internazionali: in quel caso misuravano la quantita' di glucosio nella frutta per determinarne il grado di maturazione.Ovviamente, com'e' normale in Italia, niente di tutto questo ha portato ad un prodotto finito. All'epoca ho pensato che quel progetto fosse scarsamente rivendibile. All'estero, invece, mi sembra che ci abbiano creduto un po' di piu'.Maurizio
  • pegasus2000 scrive:
    Sono (quasi) tutte cazzate...
    Secondo me è una scusa bella e buona per monitorare i cittadini!L'uomo non è il principale artefice dei cambiamenti climatici, interviene al massimo (se ci arriva...) per un 10%. E l'altro 90%?????Leggete quihttp://trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=11851e meditate su quante cazzate ci propinano...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 maggio 2007 17.12-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono (quasi) tutte cazzate...
      saranno anche cazzate, però io quando alzo gli occhi al cielo, vedo una bella riga grigia a circa metà altezza nel cielo, dopodichè piano piano degrada in azzurro. E penso che quella riga grigia non ce la vorrei vedere. Se invece a te sta bene così, ti consiglio di trasferirti a Pechino, dove si respirano 4 volte le polveri sottili consentite dalla norma. Vogliamo dire che il clima non cambia a causa dell'uomo? OK, diciamolo pure. Ma non diciamo che va bene così. Lo stato di inquinamento attuale fa schifo. E, IMHO, bisogna cambiare.
      • pegasus2000 scrive:
        Re: Sono (quasi) tutte cazzate...
        - Scritto da:
        Vogliamo dire che il clima non cambia a causa
        dell'uomo? OK, diciamolo pure. Ma non diciamo che
        va bene così. Lo stato di inquinamento attuale fa
        schifo. E, IMHO, bisogna
        cambiare.Su questo sono d'accordissimo con te, bisogna cambiare il nostro atteggiamento nei confronti del nostro pianeta, perché una volta che lo abbiamo mandato in malora, non ce n'è un altro a disposizione (o per lo meno ci sarà a diversi anni-luce da noi) pronto ad ospitarci. Quanti abitanti siamo attualmente sulla Terra??? ... io volevo solo far notare che ultimamente (non so per quale cazzo di motivo) i mezzi di informazione stanno gonfiando la cosa nel verso sbagliato...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono (quasi) tutte cazzate...
      [CUT]
      Leggete qui

      http://trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=11

      e meditate a quante cazzate ci propinano...Ma LOL!Ma tu credi veramente a una notizia scritta su un forum di fan di star trek, ricopiata (probabilmente) da una news di un'agenzia e detta (probabilmente) da Zichichi.Voglio ricordarvi che Zichichi è quello che ha negato la teoria dell'evoluzionismo... Che sia arrivato l'Alzheimer?bye
      • pegasus2000 scrive:
        Re: Sono (quasi) tutte cazzate...
        - Scritto da:

        Ma LOL!

        Ma tu credi veramente a una notizia scritta su un
        forum di fan di star trek, ricopiata
        (probabilmente) da una news di un'agenzia e detta
        (probabilmente) da
        Zichichi.

        Voglio ricordarvi che Zichichi è quello che ha
        negato la teoria dell'evoluzionismo...


        Che sia arrivato l'Alzheimer?

        byeZichichi ha sicuramente torto riguardo la teoria (che non è più tale) dell'evoluzione, al giorno d'oggi non si può più negare, ma riguardo quest'ultimo argomento ha perfettamente ragione.Non è un forum degli appassionati di Star Trek, è il forum di una tra le più serie riviste italiane di astronomia: Coelum.La gente che ci scrive varia dal semplice appassionato alle prime armi, al laureato che (a volte) ha a che fare quotidianamente per lavoro con questo tipo problemi.Non ci sono di certo esaltati-visionari-alzheimerizzati appassionati di UFO...Ciao.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 maggio 2007 10.34-----------------------------------------------------------
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono (quasi) tutte cazzate...
          - Scritto da: pegasus2000
          Per quanto riguarda Zichichi, ti do ragione: è un
          cazzone! Ha sicuramente torto riguardo la teoria
          (che non è più tale) dell'evoluzione, al giorno
          d'oggi non si può più negare, ma riguardo questo
          argomento ha perfettamente
          ragione.tranquillo, arriverà prima o poi il giorno in cui dirai anche che non si può negare l'influenza antropica nei cambiamenti climatici
    • Akiro scrive:
      Re: Sono (quasi) tutte cazzate...

      L'uomo non è il principale artefice dei
      cambiamenti climatici, interviene al massimo (se
      ci arriva...) per un 10%. E l'altro
      90%?????

      Leggete qui

      http://trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=11

      e meditate su quante cazzate ci propinano...il fatto che il mondo da qualche decennio a questa parte sia più caldo mi sembra già un elementdo di tutto rispetto che può influire sul cambiamento del clima...
  • Anonimo scrive:
    Re: La situazione in Italia...
    - Scritto da:
    In tal modo ci sono case che valgono il 20% in
    più, solo per questo
    bollino.E che nessuno puo' piu' comprare, perche' costano troppo confrontate agli stipendi.
    • Anonimo scrive:
      Re: La situazione in Italia...
      - Scritto da:
      - Scritto da:

      In tal modo ci sono case che valgono il 20% in

      più, solo per questo

      bollino.

      E che nessuno puo' piu' comprare, perche' costano
      troppo confrontate agli
      stipendi.Perchè tu ti fermi a guardare la spesa iniziale. E dei soldi che butti in bollette energetiche, cosa mi dici?
      • Anonimo scrive:
        Re: La situazione in Italia...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        - Scritto da:


        In tal modo ci sono case che valgono il 20% in


        più, solo per questo


        bollino.



        E che nessuno puo' piu' comprare, perche'
        costano

        troppo confrontate agli

        stipendi.

        Perchè tu ti fermi a guardare la spesa iniziale.
        E dei soldi che butti in bollette energetiche,
        cosa mi
        dici?non ti dico niente di mio perche' non vivo in italia, quindi questi problemi non mi toccano.Quello che ti dico per il resto e' che per comprare una casa ti serve un mutuo, e per fare un mutuo ti serve un lavoro fisso. E quando vai in banca per fare la richiesta di mutuo guardano quanto prendi e quanto costa la casa. Se e' coibentata o no non gliene sbatte un tubo, tanto la bolletta non la paghi alla banca, e non puoi dimostrare niente alla banca riguardo l'effettivo risparmio che la coibentazione ti fornisce, specie perche' il grosso di una bolletta non e' il consumo, ma i costi fissi accessori. prendi una bolletta e guardaci da solo.
        • Anonimo scrive:
          Re: La situazione in Italia...
          - Scritto da:

          E dei soldi che butti in bollette energetiche,

          cosa mi

          dici?

          non ti dico niente di mio perché non vivo in
          Italia, quindi questi problemi non mi
          toccano.Cioè non hai problemi di riscaldamento?
          Quello che ti dico per il resto e' che per
          comprare una casa ti serve un mutuo, Ok, ma la banca sul mutuo mette una ipoteca, e il valore della casa può influenzare la garanzia, quindi la probabilità di ricevere il mutuo o meno. Ma siamo off-topic.
          l'effettivo
          risparmio che la coibentazione ti fornisce,
          specie perché il grosso di una bolletta non e'
          il consumo, ma i costi fissi accessori. prendi
          una bolletta e guardaci da
          solo.Non vivi in Italia ma vuoi commentare le nostre bollette? E di cosa poi? Energia elettrica? Gasolio per riscaldamento? Metano? Di cosa stiamo parlando?Comunque generalizzi: posso dire che in un appartamento di medie dimensioni, semplicemente con disposizione ottimale (esposto primariamente a sud a favore d'illuminazione) o non ottimale (esposto primariamente a nord)qui al Nord (Lombardia) la differenza si sente eccome. Stesso palazzo, stessa coibentazione, stessa cubatura (appartamenti speculari), il mio esposto a sud, i miei vicini a nord, le loro bollette invernali sono più che doppie delle mie (riscaldamento autonomo a metano, medesime caldaie individuali, medesima regolazione del termostato sui 20gradi).Non potendo agire sull'esposizione dell'edificio :) migliorare l'isolamento può portare a effetti equivalenti, quindi bisogna calcolare gli anni d'ammortamento e valutare cosa fare.
  • Anonimo scrive:
    Re: La situazione in Italia...
    Già mettendo dei doppi vetri, si risparmierebbero un sacco di soldi.Oppure basterebbe fare una legge per obbligare a costruire le nuove case in maniera più efficente. Ma questo in Italia è fantascienza...:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: La situazione in Italia...
      La Certificazione Energetica è obbligatoria anche in Italia per le nuove costruzioni dall'anno scorso.Non sempre le cose vanno male in Italia.
      • Anonimo scrive:
        Re: La situazione in Italia...
        Infatti le cose stanno migliorando. Io faccio il paragone tra casa mia, costruita nel 2003, e casa dei miei genitori (1991) e c'è una differenza abissale di coibentazione! Per non parlare della bolletta!
  • Anonimo scrive:
    Sensori per chi usa linux
    Così la smetterete di usare il vostro clone di windows. La qualità si paga. (win)(win)(win)
Chiudi i commenti