SETI, ATA continuerà a scrutare il cielo

L'ente non profit per la ricerca di vita extraterrestre ha lanciato una raccolta di fondi online per riaccendere il telescopio ATA

Roma – Circa due mesi fa era entrato in uno stato di “ibernazione” a causa della mancanza di fondi che ne assicurassero la sopravvivenza. Ma SETI ha deciso di non mollare e di lanciare un sito per la raccolta di fondi che permetteranno la riattivazione dell’ Allen Telescope Array (ATA), il telescopio che scrutava il sistema extraterrestre alla ricerca di vita.

Setistars.org è stato aperto con obiettivi ambiziosi e concreti: raccogliere 200mila dollari (circa 141mila euro) in 40 giorni per riportare ATA in attività . I donatori possono scegliere di donare una cifra compresa tra 5 e 500 dollari (tra 3,50 e 353 euro) da destinarsi direttamente ai fondi di raccolta per avere, in cambio, la pubblicazione della propria foto personale e una breve biografia sul sito.

ATA, nato da un progetto tra l’ente non profit SETI Institute e Berkeley nel 2007, prevedeva l’installazione di 42 antenne radio nel nord della California. “Siamo molto entusiasti di aver lanciato SETIstars.org”, ha commentato Jill Tarter, direttore del SETI Institute e vincitore del TED Prize nel 2009. Attraverso il sito, spiega Tarter, si sta cercando di permettere al pubblico di contribuire alla crescita di un “progetto scientifico fondamentale nella storia del pensiero umano”.

Una volta che ATA sarà riattivato, si punterà a un obiettivo chiaro: scrutare quei pianeti considerati potenzialmente abitabili nel tentativo di scorgere forme di vita. Prima che fosse spento, infatti, il telescopio in orbita della NASA Kepler ha scoperto circa quattrocento corpi celesti localizzati a distanza dai pianeti principali, alcuni dei quali potrebbero rivelare le più piccole forme di vita simili alla Terra mai scoperte fino a ora.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fabio Daldossi scrive:
    Cloud e privacy
    In effetti il problema di garantire la privacy allinterno del contesto cloud è sempre più dibattuto. Ho però letto recentemente che il Parlamento europeo discuterà delle pratiche di security nel cloud. Vedremo che cosa si deciderà. Se avessi la responsabilità di una piccola impresa, posso davvero fidarmi? E sicuramente compito dei grandi vendor come Cisco, Siemens Enterprise, Avaya (solo per citarne alcune specializzate al mondo aziendale) dare certezze in questo senso, oltre che chiaramente alle istituzioni perché il fenomeno sia regolamentato al meglio e che tuteli sempre chi questo servizio lo vorrà acquistare
  • gomez scrive:
    Effetti non previsti?????????
    E' stato detto e scritto in tutte le salse chenon avrebbe funzionato!!!!!!!!!L'attuale meccanismo equivale a reggere in 4la scala correndo in tondo mentre il quinto stasu fermo a reggere la lampasdina da avvitare, uno spreco enorme e irrazionale di risorse quando bastavaUNA semplice regola: NESSUNO PUO' TELEFONARE ANESSUNO SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA (es. per capirci,le cartoline sconto che molti compilano al super, seci metti il tuo telefono e' ovvio che li autorizzi a chiamarti)Cmq io ho risolto vent'anni fa non facendo pubblicare il mio numero in elenco, all'epoca permotivi differenti ma funziona benissimo anche coni venditori di pentole :-)Mauro
  • master scrive:
    Rumore di fondo.....
    Bla bla bla bla... sono 10 anni che ne sento di tutti i colori... ma siamo ancora qua!... eh gia'! :DSapete che c'e' si va a mare! alla faccia di tutti! ;)
  • CICCIO scrive:
    AFFATTO
    vuole dire "del tutto" e niente affato vuole dire per nienteIl "piuttosto che" non può essere utilizzato nel senso di "oppure" maindica una preferenza, "mangero carne puttosto che pesce"
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: AFFATTO
      contenuto non disponibile
    • illegale o contrario alla policy scrive:
      Re: AFFATTO
      - Scritto da: CICCIO
      vuole dire "del tutto"
      e niente affato vuole dire per niente

      Il "piuttosto che" non può essere utilizzato nel
      senso di "oppure"
      ma
      indica una preferenza, "mangero carne puttosto
      che
      pesce"Qundi un altro pessimo articolo? Non avevo voglia di leggerlo e adesso sono sicuro che non lo leggo.
  • Stefano Trap scrive:
    la PolPosta esulta
    Il Garante si preoccupa, la PolPosta e la Magistratura invece possono essere solo contenti della diffusione degli smartphone con GPS.Così in futuro le Forze dell'Ordine eviteranno la rottura di chiedere i documenti a milioni di italiani per poi schedarli vita natural durante, come avviene ora nella totale indifferenza dell'esimio Garante...
    • Anonymous scrive:
      Re: la PolPosta esulta
      - Scritto da: Stefano TrapAnche ipotetici stalker e topi d'appartamento esultano. Specie se sono scalza-cani dell'est europeo. Il fatto di sapere dov'è la loro vittima è fondamentale.
      • entromezzanotte scrive:
        Re: la PolPosta esulta
        Sì, perché lo scalzacane è così bravo da preparare il furto a casa tua in anticipo su Internet, fregantodi prima la password dell'account google per accedere a latitude e sapere la tua posizione...Ma dai... se è uno scalzacane NON può arrivare a tanto.E se invece è uno ben organizzato, allora vuol dire che ha dei BUONI motivi (soldi, antipatia, invidia...) per spendere giorni di ricerca per venire a rubare a casa tua. E in questo caso sai già che devi difenderti.
        • Guybrush scrive:
          Re: la PolPosta esulta
          - Scritto da: entromezzanotte
          Sì, perché lo scalzacane è così bravo da
          preparare il furto a casa tua in anticipo su
          Internet, fregantodi prima la password
          dell'account google per accedere a latitude e
          sapere la tua
          posizione...

          Ma dai... se è uno scalzacane NON può arrivare a
          tanto.

          E se invece è uno ben organizzato, allora vuol
          dire che ha dei BUONI motivi (soldi, antipatia,
          invidia...) per spendere giorni di ricerca per
          venire a rubare a casa tua. E in questo caso sai
          già che devi
          difenderti.No, ma se è uno scalzacani potrebbe aver visto il tuo profilo su Facebook e scoperto che stai salutando tutti per dire che vai alle maldive.GT
          • entromezzanotte scrive:
            Re: la PolPosta esulta
            - Scritto da: Guybrush
            No, ma se è uno scalzacani potrebbe aver visto il
            tuo profilo su Facebook e scoperto che stai
            salutando tutti per dire che vai alle
            maldive.Allora è colpa tua, che lo hai scritto su Facebook, non del GPS dello smartphone che ti traccia (questo thread parlava del GPS o comunque dei sitemi di rilevamento della posizione).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 giugno 2011 13.51-----------------------------------------------------------
          • Anonymous scrive:
            Re: la PolPosta esulta

            Allora è colpa tua, che lo hai scritto su
            Facebook, non del GPS dello smartphone che ti
            traccia (questo thread parlava del GPS o comunque
            dei sitemi di rilevamento della
            posizione).E che c'entra? E lo stalking invece? Inoltre, io non so dalle tue parti, ma gli scalza-cani qui, piangono il morto e girano vestiti firmati. Credimi che è diversa la verità dei fatti, da quella che intendi tu.
          • Deathspell scrive:
            Re: la PolPosta esulta
            se uno e' cosi' genio da mettere i manifesti quando va in ferie non deve lamentarsi se poi qualche malintenzionato utilizza certe informazioni.ma guardando in giro proprio su facebook quanti lasciano la bacheca visibile e il tipo di informazioni che sbattono in pasto al mondo, ho sempre piu' scarsa fiducia nell'intelligenza umana
          • Guybrush scrive:
            Re: la PolPosta esulta
            - Scritto da: Deathspell
            se uno e' cosi' genio da mettere i manifesti
            quando va in ferie non deve lamentarsi se poi
            qualche malintenzionato utilizza certe
            informazioni.

            ma guardando in giro proprio su facebook quanti
            lasciano la bacheca visibile e il tipo di
            informazioni che sbattono in pasto al mondo, ho
            sempre piu' scarsa fiducia nell'intelligenza
            umanaChiaro che si (a te e a mezzanotte): non occorre grande abilità informatica, ma solo una discreta conoscenza della bestia "homo (pocus) sapiens".Considerando il fatto che, una volta immessa in rete, la permanenza del dato è irreversibile (comunque resta online sempre troppo a lungo) faccio fatica a capire in che modo altre persone danno certi annunci in rete.GT
  • Anonymous scrive:
    Questo continuo premere per il Cloud...
    .. non è nient'altro che la palese dimostrazione di come le aziende di outsourcing, ora cloudsourcing, stiano in tutti i modi tentando di mettere le mani nei sistemi informatici nevralgici delle aziende, convincendo gli imprenditori nel dare un calcio in c*lo ai sistemisti interni, millantando fumosi guadagni da tale opera. La totale delocalizzazione del datacenter aziendale porta a:1) Perdita di controllo dei dati (ed i casi sono molteplici, basta vedere le denuncie all'FTC riguardo DropBox ed il ToS adottato dai tipi di turno)2) Perdita di sicurezza dei dati, ergo una marea di blackhat si butteranno ad attaccare i fornitori di servizi di cloud computing, nella speranza di bucare il tutto e se ci riescono con CIA e compagnia bella, figurati per compagnie il cui unico scopo è quello di guadagnare il più possibile, tagliando sistematicamente nelle infrastrutture e nel personale preparato ed alzando i costi per i clienti, millantando ipotetici aumenti (!!?!?!?!), cosa che in azienda non succede. Se si ha un aumento dei costi, in azienda si tenta di tagliare e risparmiare. Con il cloud computing, scordatevelo. Loro hanno in mano i dati, loro li gestiscono facendo i finti-tonti, in maniera che il tutto sia compatibile solo con i loro sistemi e se volete filarvela, dovete pagare (a caro prezzo, per farvi desistere), la conversione. Ergo i vostri dati sono in una condizione di potenziale ostaggio.3) Dare un calcio in XXXX al personale interno ed ai consulenti renderà le aziende esposte ad ogni genere di parassitismo professionalmente anti-etico, venduto alle aziende attraverso attività di marketing particolarmente aggressive (NLP e parentado vario), al fine d'indurre le aziende nell'aver bisogno sempre di più di funzioni inutili, al di fuori totalmente delle loro necessità ed esigenze e questo come risultato del bombardamento continuo da un costante tentativo di taglio ai costi, non bastato nell'ottimizzazione delle inefficienze (e qui il dito va puntato all'outsourcing selvaggio, ove all'azienda tocca l'onere di pagare parcelle ultra-pompate a tecnici batti-tasti e schiera di fanXXXXXsti, centralinisti messi lì a modalità muro-di-gomma, commerciali che parlano di pane mentre l'azienda rivende polenta ecc.), ma con il taglio selvaggio al personale.Il tutto tradotto in costi sempre maggiori (cari miei, i pannelli solari, per ora, non producono corrente anche di notte. E' meglio che sia l'azienda ad installarli in loco, che non un ipotetico provider di servizi SaaS, che sfrutta sta scemenza del Green-computing, solo per farsi bello difronte ai potenziali clienti e raccontare per l'ennesima volta, la favola della buona notte), un incatenamento tra provider ed azienda sempre più accentuato, poi aziende che partono già in principio con il cloud computing, magari decidono di ridurre gli spazi vitali dentro i locali e col cavolo che riesci poi ad allestire un datacenter, dopo che la gente s'è ben che sparpagliata ovunque, con scrivanie ecc.Frasi quali "Il cloud computing è scelto dalla maggior parte delle aziende", "il cloud computing può aiutarvi ora che c'è la crisi ecc." sono tutti slogan truffaldini, che non dichiarano COME tale aiuto sia possibile e son messi là come ami da pesca per beccare il XXXXX di turno.Rammentando che la crisi finanziaria, che sarebbe meglio definire "crisi imprenditoriale", sia dovuta non da una catastrofe naturale stile fukushima, ma da un susseguirsi e protrarsi di condotte e modi di pensare e lavorare totalmente opinabili (ci son più chiacchieroni che gente che produce in azienda, oltre al fatto che in italia la ricerca è pari a zero, ergo pure un cieco riuscirebbe, con tutta calma, a scopiazzare tutti i prodotti che vuole, tanto quel particolare che gl'impedisce di farlo o di guadagnare mercato, detto RICERCA E SVILUPPO, è inesistente). Continuate a farvi XXXXXXX, a magheggiare con i paroloni, con la gentaglia che vende ciò che manco conosce, che si riempie la bocca di frasette-fatte di marketing e social engineering ecc. e parassiti vari e vi assicuro che la crisi, per voi, non finirà mai. Il cloud computing, inteso in questa maniera, è solo l'apoteosi della XXXXXXX.Siete avvertiti.
    • Feet on the Ground scrive:
      Re: Questo continuo premere per il Cloud...
      - Scritto da: Anonymous
      .. non è nient'altro che la palese dimostrazione
      di come le aziende di outsourcing, ora
      cloudsourcing, stiano in tutti i modi tentando di
      mettere le mani nei sistemi informatici
      nevralgici delle aziende, convincendo gli
      imprenditori nel dare un calcio in c*lo ai
      sistemisti interni, millantando fumosi guadagni
      da tale opera.E allora? Dove tu vedi svantaggi per la tua categoria (è evidente), io imprenditore vedo solo e unicamente vantaggi. :)Anzitutto, eliminazione del settore IT interno: è sempre stato solo una palla al piede e uno spreco di tempo e risorse. Chiunque abbia mai avuto a che fare con l'arroganza e la spocchia di un pugno di precari privi di talento e di professionalità sa bene di cosa parlo.Ora, finalmente, potremo avvalerci dei servizi di veri professionisti disponibili 24/7 e dotati di assicurazione nel caso ci siano problemi. Non temete, il cloud non é PSN ma come Amazon: affidabile e professionale. Quello che voi non siete. ;)Il catering, le pulizie e tanti altri servizi sono esternalizzati, perchè l'IT (che, diciamolo, è solo bassa manovalanza) dovrebbe fare eccezione? Perchè se no rimanete disoccupati? Oh poverini, quanto NON mi dispiace. ;)Le aziende devono tagliare dove c'è zavorra e concentrarsi sul core business. L'IT va affidato a mani capaci, non a quattro scalzacani co.pro.co che non merita nemmeno i mille euro al mese che parassita.Quindi rassegnatevi e preparatevi a cambiare lavoro. La sicurezza vi scorterà all'uscita e vi manderemo i vostri effetti personali via corriere. :D
      • Sgabbio scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...
        trollata geniale.
        • bubba scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          - Scritto da: Sgabbio
          trollata geniale.sopratutto perche' qualche pseudoimprenditore pensa che sia vera!Salvo poi piangere e trovare capre(!) espiatorie quando i suoi dati (con clienti fornitori margini progetti ecc) finiscono in mano a cani e porci o peggio ai concorrenti.
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          - Scritto da: Sgabbio
          trollata geniale. piu' che geniale difatto molti imprenditori gia' ragionano in tal senso...
        • cognome scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          - Scritto da: Sgabbio
          trollata geniale.Non credo sia un troll, ragiona troppo da XXXXXXX per essere un falso.
          • sdafsd scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: cognome
            - Scritto da: Sgabbio

            trollata geniale.

            Non credo sia un troll, ragiona troppo da XXXXXXX
            per essere un
            falso.Ma sì che lo è, tutte quelle citazioni ai co.co.pro e agli esternalizzati pensi siano casuali?
      • cognome scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...
        - Scritto da: Feet on the Ground
        E allora? Dove tu vedi svantaggi per la tua
        categoria (è evidente), io imprenditore vedo solo
        e unicamente vantaggi.
        :)E allora vedi la realtà dal TUO punto di vista.Se mai ti capitasse di fallire con la tua azienducola da strapazzo che va avanti col precariato e con la "flessibilità" o con i contrattini mezzo in nero, ti accorgerai che attorno a te c'è una realtà molto diversa e una vita molto piu difficile da mandare avanti, sopratutto quando sei disoccupato, precario, cassaintegrato.AUGURONI per la tua azienda...Caprone.
        • Anonymous scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...

          AUGURONI per la tua azienda...
          Caprone.Non ti scaldare. Stanno scadendo tutti.Ho letto un giornale locale dalle mie parti. Guarda caso, nel 2010 i fallimenti s'erano ridotti. Arrivati nel 2011 pare siano aumentati più del 2009. Pseudo-imprenditoruccoli in erba, con trote al seguito, che giocano a spacconare solo perchè hanno i soldi. In realtà d'imprenditoria non sanno proprio NULLA. Spero muoiano tutti. Sul serio. Non c'è più bisogno di questa feccia, in circolazione.Alla fin fine, se serve per garantire un ricambio generazionale con gente dalla mentalità molto più avanzata, meglio così. Il problema è che non so quanti siano rimasti in sto paese.
        • Feet on the Ground scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          - Scritto da: cognome
          E allora vedi la realtà dal TUO punto di vista.Perchè, dovrei vederla dal tuo? Non farmi ridere, dai.
          Se mai ti capitasse di fallire con la tua
          azienducola da strapazzo che va avanti col
          precariato e con la "flessibilità" o con i
          contrattini mezzo in neroNon ho gente che lavora in nero, vai a insultare qualcuno come te. Argomenti deboli, vedo.Quanto al precariato, perchè dovrei assumere con contratto fisso gente di cui non ho bisogno al 100% e che, soprattutto, non lo merita? I contratti fissi vanno ai dipendenti indispensabili che producono utili, non a dei pezzenti che possono essere sostituiti più in fretta di un paio di calzini.Quando alla mia "azienducola da strapazzo", da lavoro e pane a molta gente. Tu cos'hai fatto di recente? ;)
          , ti accorgerai che
          attorno a te c'è una realtà molto diversa e una
          vita molto piu difficile da mandare avanti,
          sopratutto quando sei disoccupato, precario,
          cassaintegrato.E allora?

          AUGURONI per la tua azienda...
          Caprone.La tua rabbia mi fa solo sorridere. ;)
      • Anonymous scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...
        - Scritto da: Feet on the Ground
        Chiunque abbia mai avuto a
        che fare con l'arroganza e la spocchia di un
        pugno di precari privi di talento e di
        professionalità sa bene di cosa
        parlo.Su questo ti dò ragione. Certo che.. precari. Siamo al limite degli insider con le mani dentro la cassaforte.

        Ora, finalmente, potremo avvalerci dei servizi di
        veri professionisti disponibili 24/7 e dotati di
        assicurazione nel caso ci siano problemi. Ovviamente, con un loro costo. Uno disponibile 24/7, vuole essere pagato e devi anche dar da mangiare ad una marea di gente che non c'entra nulla (commerciali rincitrulliti, muri di gomma telefonici ecc.). Sia chiaro anche questo. Se sposti tutto in India, auguri. Se spendi 1, ottieni 1, sia chiaro.
        Non
        temete, il cloud non é PSN ma come Amazon:
        affidabile e professionale. Quello che voi non
        siete.
        ;)Infatti Amazon è completamente sommersa da gentaglia che sfrutta i loro spazi per diffondere malware e far scansioni di sistemi, per non parlare del downtime di Marzo/Aprile. Se iniziano a bersagliarla, saranno molti di più, credimi.
        Il catering, le pulizie e tanti altri servizi
        sono esternalizzati, perchè l'IT (che, diciamolo,
        è solo bassa manovalanza) dovrebbe fare
        eccezione? Perchè se no rimanete disoccupati? Oh
        poverini, quanto NON mi dispiace.
        ;)Quant'è fondamentale il Catering per il tuo Core Business? Rivendi cibo? Un panino basta e avanza. Ergo, è totalmente ininfluente.

        Le aziende devono tagliare dove c'è zavorra e
        concentrarsi sul core business. L'IT va affidato
        a mani capaci, non a quattro scalzacani co.pro.co
        che non merita nemmeno i mille euro al mese che
        parassita.Su questo, ti dò pienamente ragione. Il mecenatismo dei laureati in filosofia e scienze delle merendine, che poweggiano tra quake e linux-ovunque, sono effettivamente, degli scalzacani da tener fuori dalle aziende.Tutti a poware quasi si tratta di premere pulsantoni con scritto "Scan" ad inventarsi buzz-words a tutto spiano per apparire fighi e studiati. Risultati poi: 0. Devi cambiare una scheda o fare una pulizia ad un terminale? Outsourcing. Cosa XXXXX sei lì a fare allora?Su questo ti dò ragione.
      • paoloholzl scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...

        E allora? Dove tu vedi svantaggi per la tua
        categoria (è evidente), io imprenditore vedo solo
        e unicamente vantaggi.Già, già, faccio spesso un esempio.Costruiresti una casa sul terreno di uno che te lo da magari gratis e che deciderà come e quando gli pare quanto fartela pagare?
        Anzitutto, eliminazione del settore IT interno: è
        sempre stato solo una palla al piede e uno spreco
        di tempo e risorse. Chiunque abbia mai avuto a
        che fare con l'arroganza e la spocchia di un
        pugno di precari privi di talento e di
        professionalità sa bene di cosa
        parlo.E' vero quelli invece che hanno avuto persone capaci hanno risparmiato parecchio e soprattutto non hanno chiesto al venditore cosa devono comprare.
        Ora, finalmente, potremo avvalerci dei servizi di
        veri professionisti disponibili 24/7 e dotati di
        assicurazione nel caso ci siano problemi.Bastasse l'assicurazione a 'parare il c...', tutti quelli che sono rimasti bloccati con Aruba erano XXXXXXXti e nei XXXXXX ... nonostante backup e tutto il resto.
        temete, il cloud non é PSN ma come Amazon:
        affidabile e professionale. Quello che voi non
        siete.Anche quando hanno rimosso per sbaglio un libro che clienti avevano regolarmente acquistato (peraltro 1984 di Orwell).
        Il catering, le pulizie e tanti altri servizi
        sono esternalizzati, perchè l'IT (che, diciamolo,
        è solo bassa manovalanza) dovrebbe fare
        eccezione? Perché il catering lo fai una volta su un evento specifico, al massimo fai un disastro circoscritto, non mi sembrano tante le aziende che si affidano al catering tutti i giorni.
        Le aziende devono tagliare dove c'è zavorra e
        concentrarsi sul core business. L'IT va affidato
        a mani capaci, non a quattro scalzacani E' vero, ma i professionisti li devi pagare, se cerchi un neolaureato con 10 anni di esperienza alle spalle farai fatica a trovarlo.Come quando dicono mancano esperti in informatica,mancano esperti in informatica disposti a farsi pagare 1200 euro al mese!
        Quindi rassegnatevi e preparatevi a cambiare
        lavoro. Fortunatamente per ora non ho questi problemi, comunque chi fa l'informatico cambia lavoro (inteso lavora su cose nuove) continuamente.Questo non vuol dire che certi servizi Cloud non abbiano un senso, ma da lì a dire che la nuvola é sempre un bene ce ne passa.Dirò di più quasi tutto ciò che é giusto sia Cloud di fatto é già webbizzato quindi da questo punto di vista non cambia molto.
        • ruppolo scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          - Scritto da: paoloholzl

          E allora? Dove tu vedi svantaggi per la tua

          categoria (è evidente), io imprenditore vedo
          solo

          e unicamente vantaggi.

          Già, già, faccio spesso un esempio.
          Costruiresti una casa sul terreno di uno che te
          lo da magari gratis e che deciderà come e quando
          gli pare quanto fartela
          pagare?La casa è un bene immobile, i dati sono beni mobili. Molto mobili.Se il tuo terreno inizia a diventare caro (o viene spesso il terremoto), si cambia terreno.
          E' vero quelli invece che hanno avuto persone
          capaci hanno risparmiato parecchio e soprattutto
          non hanno chiesto al venditore cosa devono
          comprare.Nemmeno i miei clienti, lo hanno dovuto fare.
          Bastasse l'assicurazione a 'parare il c...',Si, basta.
          tutti quelli che sono rimasti bloccati con Aruba
          erano XXXXXXXti e nei XXXXXX ... nonostante
          backup e tutto il
          resto.Non è che se hai una linea Internet in casa con server pubblici, sei al riparo da guasti e disservizi da parte del fornitore di connettività.

          temete, il cloud non é PSN ma come Amazon:

          affidabile e professionale. Quello che voi non

          siete.

          Anche quando hanno rimosso per sbaglio un libro
          che clienti avevano regolarmente acquistato
          (peraltro 1984 di
          Orwell).Chi sbaglia, paga. Solo il dipendente sbaglia e non paga.Quindi dal punto di vista dell'imprenditore, meglio uno che paghi i danni.

          Le aziende devono tagliare dove c'è zavorra e

          concentrarsi sul core business. L'IT va affidato

          a mani capaci, non a quattro scalzacani

          E' vero, ma i professionisti li devi pagare, se
          cerchi un neolaureato con 10 anni di esperienza
          alle spalle farai fatica a
          trovarlo.Direi che è impossibile, ma che ti frega se sia laurato/neolaureato/nonlaureato? Lo chiami, gli affidi un lavoro e vedi se lo sa fare. Se non lo sa fare ne chiami un'altro. Se ha fatto danni, gli chiedi il risarcimento.
          Come quando dicono mancano esperti in informatica,
          mancano esperti in informatica disposti a farsi
          pagare 1200 euro al
          mese!Purtroppo questo è lo scotto da pagare per vivere in una repubblica delle banane: se raccogli banane sei ben pagato, tutto il resto conta poco.

          Quindi rassegnatevi e preparatevi a cambiare

          lavoro.

          Fortunatamente per ora non ho questi problemi,
          comunque chi fa l'informatico cambia lavoro
          (inteso lavora su cose nuove)
          continuamente.Perché non sei dipendente?
          Questo non vuol dire che certi servizi Cloud non
          abbiano un senso, ma da lì a dire che la nuvola é
          sempre un bene ce ne
          passa.La nuvola è male quando i dati li hai solo sulla nuvola.
          Dirò di più quasi tutto ciò che é giusto sia
          Cloud di fatto é già webbizzato quindi da questo
          punto di vista non cambia
          molto.A quali servizi ti riferisci? La posta? E poi?
          • krane scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: paoloholzl

            E' vero quelli invece che hanno avuto persone

            capaci hanno risparmiato parecchio e soprattutto

            non hanno chiesto al venditore cosa devono

            comprare.

            Nemmeno i miei clienti, lo hanno dovuto fare.Se e' per questo ormai lo sappiamo anche noi che non dobbiamo chiederti che marca comprare...
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: paoloholzl



            E' vero quelli invece che hanno avuto persone


            capaci hanno risparmiato parecchio e
            soprattutto


            non hanno chiesto al venditore cosa devono


            comprare.



            Nemmeno i miei clienti, lo hanno dovuto fare.

            Se e' per questo ormai lo sappiamo anche noi che
            non dobbiamo chiederti che marca
            comprare...Infatti alla marca ci penso io.
          • paoloholzl scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...


            Già, già, faccio spesso un esempio.

            Costruiresti una casa sul terreno di uno che te

            lo da magari gratis e che deciderà come e quando

            gli pare quanto fartela

            pagare?

            La casa è un bene immobile, i dati sono beni
            mobili. Molto
            mobili.
            Se il tuo terreno inizia a diventare caro (o
            viene spesso il terremoto), si cambia
            terreno.E' proprio lì che sta l'inghippo.Se hai una roulotte non é un problema se hai una casa sì.La gran parte dei servizi Cloud oggi proposti ti 'vincolano' ad una soluzione tecnica, per via dei costi il cambiamento spesso é se non irreversibile assolutamente scoraggiante.Lo storage per certi versi é quello che genera meno problemi.

            E' vero quelli invece che hanno avuto persone

            capaci hanno risparmiato parecchio e soprattutto

            non hanno chiesto al venditore cosa devono

            comprare.
            Nemmeno i miei clienti, lo hanno dovuto fare.Bene, vuol dire che avete dei clienti preparati e chi vi hanno scelto perché sapevano bene a cosa andavano incontro.Come dico, se uno é consapevole ...E come voglio neppure dire che la soluzione sia sbagliata, tutto dipende dal problema.

            Bastasse l'assicurazione a 'parare il c...',
            Si, basta.In alcuno casi sì in altri no (anche perché le assicurazioni, in particolare in ambito informatico, hanno spesso delle clausole restrittive) comunque ... punti di vista.

            tutti quelli che sono rimasti bloccati con Aruba

            erano XXXXXXXti e nei XXXXXX ... nonostante

            backup e tutto il

            resto.

            Non è che se hai una linea Internet in casa con
            server pubblici, sei al riparo da guasti e
            disservizi da parte del fornitore di
            connettività.Vero, anzi in quel caso meglio averli fuori dove la connettività é più garantita.Ma se deve girare un gestionale é meglio che non necessiti di Internet per girare.


            temete, il cloud non é PSN ma come Amazon:


            affidabile e professionale. Quello che voi non


            siete.



            Anche quando hanno rimosso per sbaglio un libro

            che clienti avevano regolarmente acquistato

            (peraltro 1984 di

            Orwell).

            Chi sbaglia, paga. Solo il dipendente sbaglia e
            non
            paga.Si vede che i vostri dipendenti sono fortunati.
            Quindi dal punto di vista dell'imprenditore,
            meglio uno che paghi i
            danni.No, da parte dell'imprenditore é meglio uno che non faccia danni, poi 'se va male', meglio che niente.


            Le aziende devono tagliare dove c'è zavorra e


            concentrarsi sul core business. L'IT va
            affidato


            a mani capaci, non a quattro scalzacani



            E' vero, ma i professionisti li devi pagare, se

            cerchi un neolaureato con 10 anni di esperienza

            alle spalle farai fatica a

            trovarlo.

            Direi che è impossibile, ma che ti frega se sia
            laurato/neolaureato/nonlaureato? Lo chiami, gli
            affidi un lavoro e vedi se lo sa fare. Se non lo
            sa fare ne chiami un'altro. Se ha fatto danni,
            gli chiedi il
            risarcimento.Certo, nel frattempo il lavoro non é stato fatto, perdi tempo a cercare un altro ecc.Comunque il problema non é se la gente é dentro o fuori ma se la gente a cui ti affidi é capace od incapace.Poi c'é un discorso di infrastrutture, garanzie, costrizioni ecc. ecc.Il mondo e vario e le soluzioni dipendono dal problema.

            Come quando dicono mancano esperti in
            informatica,

            mancano esperti in informatica disposti a farsi

            pagare 1200 euro al

            mese!

            Purtroppo questo è lo scotto da pagare per vivere
            in una repubblica delle banane: se raccogli
            banane sei ben pagato, tutto il resto conta
            poco.Allora continua ad assumere raccoglitori di banane e raccontare ai tuoi clienti 'fidati di noi che siamo professionisti'.Poi magari tra i raccoglitori di banane hai il genio, ma sta tranquillo che se non lo paghi a breve te lo portano via.


            Quindi rassegnatevi e preparatevi a cambiare


            lavoro.



            Fortunatamente per ora non ho questi problemi,

            comunque chi fa l'informatico cambia lavoro

            (inteso lavora su cose nuove)

            continuamente.

            Perché non sei dipendente?Lo sono stato, da qualche anno sono libero professionista (consulente).In pratica guadagno se sono bravo.

            Questo non vuol dire che certi servizi Cloud non

            abbiano un senso, ma da lì a dire che la nuvola
            é

            sempre un bene ce ne

            passa.

            La nuvola è male quando i dati li hai solo sulla
            nuvola.Purtroppo quando i dati sono tanti non é raro che accada.E comunque é male anche quando ti leghi all'infrastruttura della 'nuvola' creando un'inamovibilità di fatto, bene se riesci a non creare dipendenze.

            Dirò di più quasi tutto ciò che é giusto sia

            Cloud di fatto é già webbizzato quindi da questo

            punto di vista non cambia

            molto.

            A quali servizi ti riferisci? La posta? E poi?Tutti gli applicativi scritti in ASP, PHP ecc. ecc.Quasi tutti gli applicativi che hanno bisogno di essere cross platform e di abbattere costi di distribuzione hanno una versione webbizzata.Raccolte dati, publicazione dati per l'utenza, gis, contatti, calendari, commercio on line, statistiche, crm distribuiti e chi più ne ha più ne metta.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 giugno 2011 12.10-----------------------------------------------------------
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: paoloholzl

            La casa è un bene immobile, i dati sono beni

            mobili. Molto

            mobili.

            Se il tuo terreno inizia a diventare caro (o

            viene spesso il terremoto), si cambia

            terreno.

            E' proprio lì che sta l'inghippo.
            Se hai una roulotte non é un problema se hai una
            casa
            sì.E io cos'ho detto?
            La gran parte dei servizi Cloud oggi proposti ti
            'vincolano' ad una soluzione tecnica, per via dei
            costi il cambiamento spesso é se non
            irreversibile assolutamente
            scoraggiante.Ma che stai addi'?
            Lo storage per certi versi é quello che genera
            meno
            problemi."lo storage" non significa nulla.

            Nemmeno i miei clienti, lo hanno dovuto fare.

            Bene, vuol dire che avete dei clienti preparati e
            chi vi hanno scelto perché sapevano bene a cosa
            andavano
            incontro.Per niente, sono clienti che si fidano grazie al passa parola.
            Come dico, se uno é consapevole ...
            E come voglio neppure dire che la soluzione sia
            sbagliata, tutto dipende dal
            problema.???

            Si, basta.

            In alcuno casi sì in altri no (anche perché le
            assicurazioni, in particolare in ambito
            informatico, hanno spesso delle clausole
            restrittive) comunque ... punti di
            vista.Comunque dal reparto IT interno non ottieni rimborsi da eventuali danni, ma solo gli eventuali danni.

            Non è che se hai una linea Internet in casa con

            server pubblici, sei al riparo da guasti e

            disservizi da parte del fornitore di

            connettività.

            Vero, anzi in quel caso meglio averli fuori dove
            la connettività é più
            garantita.Siamo allo stesso livello, la connettività è più garantita ma gli esterni fanno anche i XXXXX che vogliono loro, aggiornano quando gli pare, rispondono al telefono quando gli pare, rispondono alle email quando gli pare, eccetera.
            Ma se deve girare un gestionale é meglio che non
            necessiti di Internet per
            girare.Senza dubbio.

            Chi sbaglia, paga. Solo il dipendente sbaglia e

            non

            paga.

            Si vede che i vostri dipendenti sono fortunati.Il dipende non è mai responsabile, salvo la responsabilità penale. La legge dice così.

            Quindi dal punto di vista dell'imprenditore,

            meglio uno che paghi i

            danni.

            No, da parte dell'imprenditore é meglio uno che
            non faccia danni, poi 'se va male', meglio che
            niente.È fuori dal potere dell'imprenditore stabilire se si facciano danni o meno.

            Direi che è impossibile, ma che ti frega se sia

            laurato/neolaureato/nonlaureato? Lo chiami, gli

            affidi un lavoro e vedi se lo sa fare. Se non lo

            sa fare ne chiami un'altro. Se ha fatto danni,

            gli chiedi il

            risarcimento.

            Certo, nel frattempo il lavoro non é stato fatto,
            perdi tempo a cercare un altro
            ecc.Non hai altre soluzioni, per qualsiasi tipo di fornitura e fornitore.
            Comunque il problema non é se la gente é dentro o
            fuori ma se la gente a cui ti affidi é capace od
            incapace.Questo lo puoi sapere solo dopo averla provata, o per raccomandazione.
            Poi c'é un discorso di infrastrutture, garanzie,
            costrizioni ecc.
            ecc.Ovvero?
            Il mondo e vario e le soluzioni dipendono dal
            problema.No, ci sono più soluzioni per lo stesso problema.

            Purtroppo questo è lo scotto da pagare per
            vivere

            in una repubblica delle banane: se raccogli

            banane sei ben pagato, tutto il resto conta

            poco.

            Allora continua ad assumere raccoglitori di
            banane e raccontare ai tuoi clienti 'fidati di
            noi che siamo
            professionisti'.Per ora il professionista sono io e solo io, visto che non ho dipendenti.
            Poi magari tra i raccoglitori di banane hai il
            genio, ma sta tranquillo che se non lo paghi a
            breve te lo portano
            via.Cosa che succede all'ordine del giorno.

            Perché non sei dipendente?

            Lo sono stato, da qualche anno sono libero
            professionista
            (consulente).
            In pratica guadagno se sono bravo.Appunto, come me.

            La nuvola è male quando i dati li hai solo sulla

            nuvola.

            Purtroppo quando i dati sono tanti non é raro che
            accada.È vero. In questo caso devi fare una selezione dei dati, in modo che tutti i dati importanti siano nei tuoi dispositivi, mentre quelli sacrificabili possono stare anche solo nella nuvola.
            E comunque é male anche quando ti leghi
            all'infrastruttura della 'nuvola' creando
            un'inamovibilità di fatto, bene se riesci a non
            creare
            dipendenze.Se la nuvola serve solo per travasare dati, posso anche stare senza travasi per un po' di tempo, mentre trovi altri sistemi di travaso.

            A quali servizi ti riferisci? La posta? E poi?

            Tutti gli applicativi scritti in ASP, PHP ecc.
            ecc.
            Quasi tutti gli applicativi che hanno bisogno di
            essere cross platform e di abbattere costi di
            distribuzione hanno una versione
            webbizzata.
            Raccolte dati, publicazione dati per l'utenza,
            gis, contatti, calendari, commercio on line,
            statistiche, crm distribuiti e chi più ne ha più
            ne
            metta.Tutto questo è "webbizzato" si, ma non per tutti e non tutti i servizi. E non tutti questi servizi presentano gli stessi vantaggi e svantaggi, quando "webbizzati".Tra l'altro prima ancora di iniziare a discuterne, bisogna separare le attività intranet da quelle esterne. Perché sono le attività intranet, quelle che oggi si valuta di spostare sul cloud, non certo il commercio elettronico che giocoforza deve stare sulla nuvola.
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...

            Se il tuo terreno inizia a diventare caro (o
            viene spesso il terremoto), si cambia
            terreno.Guarda, io non so dove hai lavorato tu, ma dalle molteplici esperienze che ho avuto io, l'intento di quei ladroni è proprio d'impedirti di andartene. Ergo, il terreno costa sempre di più ed andarsene altrove diventa sempre più complesso. Non sono mica scemi, loro vogliono avere il sederino al sicuro e no che i loro clienti possano mantenerli sotto minaccia costante.


            E' vero quelli invece che hanno avuto persone

            capaci hanno risparmiato parecchio e soprattutto

            non hanno chiesto al venditore cosa devono

            comprare.Avere consulenti e dipendenti interni, significa tutto ciò. Outsourcing e Cloudsourcing, usati in maniera sregolata come avviene in italia, garantiscono gli effetti contrari. Assicurato (inutile dire che non è vero).

            Nemmeno i miei clienti, lo hanno dovuto fare.


            Bastasse l'assicurazione a 'parare il c...',

            Si, basta.Le "assicurazioni" dichiarano di chi è la colpa. Non sono degli scudi anti-tutto. Se bucano i server cloud, l'assicurazione indica che il provider deve pagarti X soldi per l'incidente ed il downtime, ma il danno derivato dalla potenziale fuga d'informazioni derivante (che potrebbe mettere in ginocchio l'azienda, specie se ci sono progetti o brevetti in fase di firma), è inquantificabile. Proteggere tali sistemi con frasette da teatrino quali "c'è l'assicurazione" è da irresponsabili e da incapaci, alla pari di quel che si lamentava prima il tale.

            Non è che se hai una linea Internet in casa con
            server pubblici, sei al riparo da guasti e
            disservizi da parte del fornitore di
            connettività.Bravo, benvenuto nel cloud computing pubblico. Hai appena colto nel segno uno dei problemi principali di questa tecnologia. La controparte privata, è tutt'altro.

            Chi sbaglia, paga. Solo il dipendente sbaglia e
            non
            paga.Non assumere dipendenti.
            Quindi dal punto di vista dell'imprenditore,
            meglio uno che paghi i
            danni.Su questo, hai ragione. Tende a responsabilizzare e TROPPE poche persone, al giorno d'oggi, hanno un forma-mentis adeguato al ruolo che ricoprono. Son tutti pronti a sventolarti in maniera molto arrogante il pezzo di carta sotto il naso e poi in 5 non riescono a cambiare una stecca di RAM, finendo con il bruciare il tutto. Ciò, troppo studiati.. ehhh.. troppo esperti...
            Direi che è impossibile, ma che ti frega se sia
            laurato/neolaureato/nonlaureato? Lo chiami, gli
            affidi un lavoro e vedi se lo sa fare. Se non lo
            sa fare ne chiami un'altro. Se ha fatto danni,
            gli chiedi il
            risarcimento.Che sia laureato, neolaureato, nonlaureato, è irrilevante, se sei un imprenditore serio. Il tale cosa sa fare? SU COSA TI DA' GARANZIE ED E' PRONTO A PRENDERSI LA RESPONSABILITA'? A QUALE PREZZO? Questo conta per un imprenditore. Una delle cause della crisi è proprio i chiacchieroni che, quando c'è da lavorare, sparano cifre assurde su delle scemenze e sono totalmente inaffidabili. Se ci sono VERI imprenditori là fuori, sta gente fa bene a non pagare sti scemi e lasciarli marcire. E' il giusto posto ove devono stare ed è giusto così.Altro che i soliti predicatori, ultra-laureati in filosofia e scienze dello spritz e di quake-in-LAN, che vogliono essere strapagati e sono solo arroganti, classisti e stupidi (oltre che incapaci), ma subito pronti a spaccar-vetrine e lanciare uova, dicendo che non c'è la meritocrazia. Sanno veramente fare qualcosa? Lo dimostrino. Si aprano una partita IVA e si facciano VERAMENTE il XXXX, al posto di predicare e fare gli offesi-di-sto-XXXXX.
            Purtroppo questo è lo scotto da pagare per vivere
            in una repubblica delle banane: se raccogli
            banane sei ben pagato, tutto il resto conta
            poco.Vero, ma la crisi non finirà più così. Inutile dirlo. Se le aziende stanno facendo del MECENATISMO, tenendo gente che non sa fare il proprio mestiere, solo perchè si fanno impietosire e, al contrario, con una mentalità anti-imprenditoriale, pagano male chi potrebbe rilanciare l'azienda ed evitare costi inutili, è bene che queste aziende FALLISCANO e con essa pure lo stato. Chissà che sta scemenza del Carpe-Diem facile, usato soprattutto da XXXXXXXXX che non sanno neppure leggere e scrivere, ma son subito pronti a cavar fuori dal cilindro le frasi fatte in latino, per giustificare il loro fanXXXXXsmo, finisca dove deve stare. Nel XXXXX.
            La nuvola è male quando i dati li hai solo sulla
            nuvola.Appoggiarsi a sistemi di cloud-computing pubblico significa questo ed i provider puntano a questo, proprio per i trucchetti accennati ad inizio thread. Chi pensa che siano sparate, non vive nel 2011, in italia. Se devo scegliere soluzioni ibride, auguri. Verrebbe a costar di più così.Inutile dirlo, il cloud computing serve per le cazzatine su tablet e smartphone. Basta. Per le aziende è inutile. Gli slogan che si leggono su pmi.it et simila, sono XXXXXXXte da marketing-selvaggio.
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            Bel post, mi trovi d'accordo.Una curiosità, sei del veneto?
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...


            Una curiosità, sei del veneto?Come hai fatto ad indovinare?
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Anonymous



            Una curiosità, sei del veneto?

            Come hai fatto ad indovinare?"Ciò, troppo studiati", "spritz"... :D
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...

            "Ciò, troppo studiati", "spritz"... :DMi sono auto-fregato, in pratica.FAIL
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: ruppolo

            Chi sbaglia, paga. Solo il dipendente sbaglia e
            non
            paga.
            Quindi dal punto di vista dell'imprenditore,
            meglio uno che paghi i
            danni.Non è vero. Anche l'imprenditore quando sbaglia non paga. Anzi, i suoi sbagli si ripercuotono su tutti i suoi dipendenti...Che se la pigliano in quel posto! Non vedo perchè devono essere responsabilizzati solo i lavoratori!!!
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...

            Non è vero. Anche l'imprenditore quando sbaglia
            non paga. Anzi, i suoi sbagli si ripercuotono su
            tutti i suoi dipendenti...Che se la pigliano in
            quel posto! Non vedo perchè devono essere
            responsabilizzati solo i
            lavoratori!!!Per essere precisi, le inottimizzazion e le XXXXXXXTE degli imprenditori, le pagano i clienti. Ormai la gente non ci fa neanche più caso agli aumenti. Per cosa credi che, nel giro di pochi mesi, si registrino degli aumenti di un prodotto? Semplicemente per il tale X specula e fa pagare all'utente finale le XXXXXXX combinate. E' una regola costante, sentita con le mie orecchie, mentre lavoravo per un'azienduccola che, per fortuna, è defunta.
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Anonymous

            Non è vero. Anche l'imprenditore quando sbaglia

            non paga. Anzi, i suoi sbagli si ripercuotono su

            tutti i suoi dipendenti...Che se la pigliano in

            quel posto! Non vedo perchè devono essere

            responsabilizzati solo i

            lavoratori!!!

            Per essere precisi, le inottimizzazion e le
            XXXXXXXTE degli imprenditori, le pagano i
            clienti. Ormai la gente non ci fa neanche più
            caso agli aumenti. Per cosa credi che, nel giro
            di pochi mesi, si registrino degli aumenti di un
            prodotto? Semplicemente per il tale X specula e
            fa pagare all'utente finale le XXXXXXX combinate.
            E' una regola costante, sentita con le mie
            orecchie, mentre lavoravo per un'azienduccola
            che, per fortuna, è
            defunta.Anche questo è vero...io pensavo al caso peggiore, ovvero all'imprenditore che a causa della sua inettitudine fa fallire la sua azienda....E poi i dipendenti si devono arrangiare, mentre l'imprenditore quasi mai ha problemi ad aprire un'altra ditta!
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            Se è defunta allora ha pagato, no?
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: ruppolo
            Se è defunta allora ha pagato, no?Questi idioti sono peggio delle piattole. Delle blatte. Sanno solo imboscare soldi e riaprire qualche tempo dopo, con un'altra impresa fallimentare, gestita da schifo, usando parte dei loro proventi in nero.Credimi che chi l'ha proprio presa in quel posto, l'umiltà l'ha imparata. Chi fa ancora ora a dar aria ai denti, è perchè ha messo da parte talmente tanto di quel nero che può fare il c*glione fregandosene beatamente di cos'è sucXXXXX. Questo genere di "personaggi" farebbe bene a sparire, ma considerando che sono solo un'esempio della classe dirigenziale e politica di questo paese, è in pratica come sperare che il giorno di natale si presenti babbo natale sul serio, con i pacchi in mano. Pura follia.
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Mela avvelenata
            - Scritto da: ruppolo



            Chi sbaglia, paga. Solo il dipendente sbaglia e

            non

            paga.

            Quindi dal punto di vista dell'imprenditore,

            meglio uno che paghi i

            danni.

            Non è vero. Anche l'imprenditore quando sbaglia
            non paga. Anzi, i suoi sbagli si ripercuotono su
            tutti i suoi dipendenti...Che se la pigliano in
            quel posto! Non vedo perchè devono essere
            responsabilizzati solo i
            lavoratori!!!Hai detto una enorme fesseria: l'imprenditore che sbaglia paga eccome!
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: ruppolo

            Hai detto una enorme fesseria: l'imprenditore che
            sbaglia paga
            eccome!Eehhh, così pensavo anch'io! Ma prova a pensare a quei (tanti) figli di papà che prendono in mano le redini di una delle tante aziende di famiglia, facendola fallire dopo un paio d'anni! Questa non è fantascienza, questo è sucXXXXX in passato, e può succedere ancora!Quindi non mi raccontare storie, NON SEMPRE chi sbaglia paga in prima persona!
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...

            Eehhh, così pensavo anch'io! Ma prova a pensare a
            quei (tanti) figli di papà che prendono in mano
            le redini di una delle tante aziende di famiglia,
            facendola fallire dopo un paio d'anni! Questa non
            è fantascienza, questo è sucXXXXX in passato, e
            può succedere
            ancora!Ecco, qui è tutto così. E nonostante tutto, son convinti di essere nel giusto. Auguri. Poi ti capitano i dementi provocatori (perchè il tale che ha risposto qui, è solo un demente-provocatore).
          • Zappolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            capito niente come al solito.
      • ruppolo scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...
        - Scritto da: Feet on the Ground
        Le aziende devono tagliare dove c'è zavorra e
        concentrarsi sul core business. L'IT va affidato
        a mani capaci, non a quattro scalzacani co.pro.co
        che non merita nemmeno i mille euro al mese che
        parassita.Infatti poi li trovi tutti qui, durante il giorno.
        • deactive scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          detto da uno che ha 21K commenti all'attivo, c'e' da crederci (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 giugno 2011 20.02-----------------------------------------------------------
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: deactive
            detto da uno che ha 21K commenti all'attivo, c'e'
            da crederci
            (rotfl)Certo, ma io non rubo lo stipendio a nessuno.
          • Zappolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            rubi fatturazioni al cliente finale (che è cmq un'azienda) Non ci vedo molta differenza
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Zappolo
            rubi fatturazioni al cliente finale (che è cmq
            un'azienda) Non ci vedo molta
            differenzaMa io non sto mettendo in conto a nessuno il tempo che sto qui. Sono a casa mia.
          • 95cy341936 scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            lol !owned !
        • . . . scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          Te compreso, genio ! ;-)
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: . . .
            Te compreso, genio ! ;-)Certo, ma io non rubo lo stipendio a nessuno.
        • Rover scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          Hai un grande specchio davanti a te?
          • ruppolo scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Rover
            Hai un grande specchio davanti a te?No, ho un grande iMac.
      • deactive scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...
        disoccupato eh ?
      • Zappolo scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...
        quando poi brevetti il tuo dispositivo/macchinario e scopri che l'ha già fatto qualcuno un paio di gironi prima di te o partecipi ad un appalto pubblico con gara e un concorrente fa un'offerta simile alla tua ma un cicinin più bassa tanto da farti perdere la competizione non venire poi a lamentarti della scarsa riservatezza del cloud. Perché il cloud non ti garantisce nulla in termini di privacy, sopratutto se i servers o le aziende proprietarie del sistema hanno l'HQ negli usa.Qua trovi spiegato un po meglio di quanto fatto qua: http://www.tomshw.it/cont/news/cloud-attenzione-a-dove-sono-residenti-i-dati/32340/1.html
        • krane scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          - Scritto da: Zappolo
          quando poi brevetti il tuo
          dispositivo/macchinario e scopri che l'ha già
          fatto qualcuno un paio di gironi prima di te o
          partecipi ad un appalto pubblico con gara e un
          concorrente fa un'offerta simile alla tua ma un
          cicinin più bassa tanto da farti perdere la
          competizione non venire poi a lamentarti della
          scarsa riservatezza del cloud. Perché il cloud
          non ti garantisce nulla in termini di privacy,
          sopratutto se i servers o le aziende proprietarie
          del sistema hanno l'HQ negli
          usa.
          Qua trovi spiegato un po meglio di quanto fatto
          qua:
          http://www.tomshw.it/cont/news/cloud-attenzione-a-Del resto gia' prima del cloud l'unione europea aveva lanciato l'avvertimento:http://cryptome.org/echelon-ep-fin.htm
    • shevathas scrive:
      Re: Questo continuo premere per il Cloud...
      Che noia, la solita guerra di buzzwords...
    • Guybrush scrive:
      Re: Questo continuo premere per il Cloud...
      - Scritto da: Anonymous
      .. non è nient'altro che la palese dimostrazione[...]
      inteso in questa maniera, è solo l'apoteosi della
      XXXXXXX.

      Siete avvertiti.Ciao, sono il tuo IT.Sono molto competente perché la mia professione richiede formazione continua, senza di essa in capo a sei-otto mesi diventerei inutile.Sono quello che non ti accorgi di avere perché i tuoi PC sono sempre funzionanti e tenuti aggiornati, i file che hai salvato la sera sono ancora la' pronti per essere usati, la posta parte e arriva regolarmente, non ci sono virus, le sedi dell'azienda sono sempre collegate, i server sono sempre seguiti anche quando la sede è chiusa... e sono quello che sa proprio tutto quel che c'è dentro ogni file in quanto ho (per necessità di lavoro) la password di amministratore di dominio.Domani mi butterai fuori per passare al cloudsourcing.Bene, credo che mi arrabbierò molto, ma tranquillo: grazie alle mie capacità i tuoi sistemi potranno reggere bene ancora un mesetto o due.Poi i tuoi dipendenti satureranno i dischi con le foto delle vacanze, i loro MP3, i server di posta si riempiranno di spam, ma che ti frega? Basta che paghi la società di cloudsourcing: in fondo hai appena risparmiato 35.000 euro l'anno (il costo minimo di un IT, al lordo di tasse e contributi) e i problemi sono risolti.Tra un anno o due scoprirai che ci sono altre soluzioni di cloud più vantaggiose, magari qualche problemino con la concorrenza renderà necessario un ulteriore tagli dei costi.Allora comincerò a ridere, ma sai: la vendetta è un piatto da servire freddo.Non so se chiamerai "me" o ti si presenterà il consulente di un'altra ditta per spiegarti come migrare da questa nuvola a quella, consulente che sarà un altro "me", che come me sarà stato buttato fuori a calci con la "necessità" di tagliare i costi.Però la persona che avrai davanti ti sorriderà.E tu scoprirai perché quando dovrai decidere se pagare la sua parcella o tenerti il servizio di cloud scadente.SalutiGuybrush ThreepwoodPS: se subito dopo l'ingresso in cloud tutti i tuoi concorrenti sapranno tutto dei tuoi progetti non prendertela con me eh?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 giugno 2011 14.24-----------------------------------------------------------
      • fixed scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...
        ma soprattutto!butteresti fuori uno che come dicevi te, sa vita morte e miracoli dell'azienda?purtroppo il sistemista non è un normale dipendente, c'è poco da fare!meditate
        • Guybrush scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          - Scritto da: fixed
          ma soprattutto!

          butteresti fuori uno che come dicevi te, sa vita
          morte e miracoli
          dell'azienda?Ho fatto la mia carezza quotidiana al pulsante rosso.E' sempre salutare.Tra parentesi: l'azienda dove lavoro sta puntando a farsi il cloud in casa. E' mooolto divertente.GT
        • mah scrive:
          Re: Questo continuo premere per il Cloud...
          sono convinto che per aziende medie e grandi, un IT interno (magari ridimensionato e con professionisti pagati IL GIUSTO) sia comunque necessario; l'infrastruttura di rete interna (switch, router, firewall che ti collegano alla tua amata "nuvoletta") non sta su da sola, va contiunamente monitorata: per esempio, basta uno stupido worm in rete che spara broadcast selvaggio e i tuoi dipendenti non stampano piu'; cosa fai, ti metti li te con uno sniffer per capire qual e' il pc impestato ?E poi vogliamo parlare dei "manovali" che mantengono i pc usati dagli impiegati, che tolgono virus dal pc dell'amministratore delegato etc.Per le aziende piccole basta un contratto di assistenza con qualche consulente esterno.
          • mah scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            ah e poi... riguardo alla differenza tra sistemista e sviluppatore: il sistemista capace risolve i problemi, lo sviluppatore generalmente li crea ;)
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: mah
            l'infrastruttura di rete interna
            (switch, router, firewall che ti collegano alla
            tua amata "nuvoletta") non sta su da sola, va
            contiunamente monitorataCOSA? Ma chi le monta le tue reti, Topo Gigio? (rotfl)Una rete ben strutturata e configurata NON HA PIÙ BISOGNO DI INTERVENTI DI ALCUN GENERE! Quanto ai virus e ad altre boiate, quale parte di "i dipendenti non hanno privilegi di amministratore" non ti è chiara?Mi sa che confondi i giocattolini con cui scancheri a casa con gli strumenti di lavoro della gente seria. (rotfl)
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Feet on the Ground
            - Scritto da: mah

            l'infrastruttura di rete interna

            (switch, router, firewall che ti collegano alla

            tua amata "nuvoletta") non sta su da sola, va

            contiunamente monitorata

            COSA? Ma chi le monta le tue reti, Topo Gigio?
            (rotfl)

            Una rete ben strutturata e configurata NON HA PIÙ
            BISOGNO DI INTERVENTI DI ALCUN GENERE! Quanto ai
            virus e ad altre boiate, quale parte di "i
            dipendenti non hanno privilegi di amministratore"
            non ti è
            chiara?Quella riguardante il Worm Stuxnet, che permetteva un EoP anche da utente limitato. Per non parlare degli user-rootkit o ransomware a cifratura. Sono in grado di buttare per aria comunque i dati dell'utente, presenti nel sistema. Considerando che TU non hai sistemisti nella tua azienda, figuriamoci se ti puoi permettere un sistema di backup centralizzato e gestito come si deve. Indi percui, non oso immaginare il CACATOIO che c'è nella tua rete, robe che se ti metti a leccare il pavimento di un bagno pubblico rischi di beccarti meno virus che non attaccando un portatile all'intranet.

            Mi sa che confondi i giocattolini con cui
            scancheri a casa con gli strumenti di lavoro
            della gente seria.
            (rotfl)I casi son 2, o hai skynet in azienda (ROTFL), oppure sei un trolletto da strapazzo. Non ti preoccupare, chi di dovere si prenderà cura di te (outsourcing selvaggio da 20.000 solo hardware, per bidoni comprati a 2.000 , ad es.).
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Anonymous
            Quella riguardante il Worm Stuxnet, che
            permetteva un EoP anche da utente limitato. Per
            non parlare degli user-rootkit o ransomware a
            cifratura.E poi cosa succede, gli alieni invadono la Terra? Continua pure ad arrampicarti sugli specchi, per eventualità tanto remote NON occorre avere un sistemista in sede che, per di più, non è preparato per cose di questo genere.
            Considerando che TU non hai sistemisti
            nella tua azienda, figuriamoci se ti puoi
            permettere un sistema di backup centralizzato e
            gestito come si deve.Adesso occorre un sistemista per il backup? Lo sai che é un proXXXXX automatizzabile? :D
            I casi son 2, o hai skynet in azienda (ROTFL),
            oppure sei un trolletto da strapazzo. No, è semplicemente un sistema FATTO BENE. La sua manutenzione è completamente esternalizzata e guarda un po', da quando esiste ha solo dovuto essere aggiornata DUE volte in CINQUE anni.A meno che tu non voglia giocare a Crysis sui computer di lavoro, non è necessario fare più di quel tanto e guarda un po', NON permettiamo di collegare altre macchine alla rete. L'unica eventualità è se se ne rompe una.Poi se sei la Tamarro SpA dove tutti hanno bisogno di un quad-core per scrivere una lettera e perdere tempo con fessobook invece di lavorare, è un altro discorso. (rotfl)Rassegnati, tu e la tua categoria siete nel punto più basso della scala dei valori e, molto presto, obsoleti.
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Feet on the Ground
            - Scritto da: Anonymous


            Quella riguardante il Worm Stuxnet, che

            permetteva un EoP anche da utente limitato. Per

            non parlare degli user-rootkit o ransomware a

            cifratura.

            E poi cosa succede, gli alieni invadono la Terra?
            Continua pure ad arrampicarti sugli specchi, per
            eventualità tanto remote NON occorre avere un
            sistemista in sede che, per di più, non è
            preparato per cose di questo
            genere.
            Tu ovviamente parli da sistemista, vero?

            I casi son 2, o hai skynet in azienda (ROTFL),

            oppure sei un trolletto da strapazzo.

            No, è semplicemente un sistema FATTO BENE. La sua
            manutenzione è completamente esternalizzata e
            guarda un po', da quando esiste ha solo dovuto
            essere aggiornata DUE volte in CINQUE
            anni.Evvai...solo un appunto: se va bene per la azienda dove lavori, NON è detto che vada bene per TUTTE le aziende! Di sicuro non sarebbe un opzione realizzabile dove lavoro io, per una MAREA di motivi!
            Rassegnati, tu e la tua categoria siete nel punto
            più basso della scala dei valori e, molto presto,
            obsoleti.Mi sa che te sei un manager o un commerciale, ci ho preso?
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Mela avvelenata

            Tu ovviamente parli da sistemista, vero?
            Ovviamente no: non sono uno sfigato. ;)Parlo da imprenditore che vede i risultati, e i risultati dicono che NON serve un sistemista in sede.Rete? Montata UNA volta, revisionata UNA volta all'anno, ditta esterna. Se ci sono problemi, ci pensano loro SOLO CHE I PROBLEMI NON CI SONO. Dovesse quella ditta andare a gambe all'aria, ogni cosa è documentata così non ci vuole NIENTE a trovare dei sostituiti.Sito web? Gestito in Ungheria, non un problema in 5 anni.E così via dicendo, fino alla manutenzione delle stampanti. ;)Come vedi, siete superflui e grazie a internet non ho bisogno di nessuno di voi nullità nel raggio di molti, molti chilometri.
            Mi sa che te sei un manager o un commerciale, ci
            ho
            preso?Come ho detto, sono un imprenditore. Il sucXXXXX aziendale parla da se. Guadagno in un minuto quello che uno zombie IT non vedrà mai in una vita.Tu invece parli da zavorra, sento l'astio e la disperazione nelle tue parole. Sai che ti resta poco tempo prima della "riqualificazione professionale", vero? ;)Spero tu abbia meno di 35 anni. Altrimenti hai di fronte a te un muro di cemento invalicabile. ;)
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Feet on the Ground
            - Scritto da: Mela avvelenata



            Tu ovviamente parli da sistemista, vero?



            Ovviamente no: non sono uno sfigato. ;)C'è sfigato e sfigato...ovviamente liberissimo di dequalificare tutta una categoria di lavoratori, poi non lamentarti se ti squarciano le gomme della porsche...
            Parlo da imprenditore che vede i risultati, e i
            risultati dicono che NON serve un sistemista in
            sede.
            Rete? Montata UNA volta, revisionata UNA volta
            all'anno, ditta esterna. Se ci sono problemi, ci
            pensano loro SOLO CHE I PROBLEMI NON CI SONO.
            Dovesse quella ditta andare a gambe all'aria,
            ogni cosa è documentata così non ci vuole NIENTE
            a trovare dei
            sostituiti.
            Sito web? Gestito in Ungheria, non un problema in
            5
            anni.
            E così via dicendo, fino alla manutenzione delle
            stampanti.
            ;)Come avevo detto prima, il fatto che tutto funzioni bene nella TUA azienda, non significa che tutte le aziende possano adottare il cloud in maniera indolore, anzi...
            Come vedi, siete superflui e grazie a internet
            non ho bisogno di nessuno di voi nullità nel
            raggio di molti, molti
            chilometri.Un giorno anche gli imprenditori saranno superflui...allora ne riparleremo!

            Mi sa che te sei un manager o un commerciale, ci

            ho

            preso?

            Come ho detto, sono un imprenditore. Il sucXXXXX
            aziendale parla da se. Guadagno in un minuto
            quello che uno zombie IT non vedrà mai in una
            vita.Ehhh, che bel discorso...sembra di sentire quelle parodie degli imprenditori che danno dei barboni a tutti quelli non si possono permettere il SUV che fa 1 km con 1 litro! Buon per te che le cose ti vanno così bene...secondo me, però, l'outsourcing impoverisce la società (ed arricchisce solo i soliti, tra cui l'imprenditore, che risparmia su certi costi). Se siamo al punto in cui siamo, è anche grazie al tuo contributo!
            Tu invece parli da zavorra, sento l'astio e la
            disperazione nelle tue parole. Sai che ti resta
            poco tempo prima della "riqualificazione
            professionale", vero?
            ;)Riqualificazione professionale...bella espressione! L'hanno inventata gli imprenditori come te, ovvero coloro i quali non conoscono l'espressione "farsi il qulo"!!!
            Spero tu abbia meno di 35 anni. Altrimenti hai di
            fronte a te un muro di cemento invalicabile.
            ;)Ma anche se avessi meno di 25 anni sarebbe uguale! Ormai non importa più l'età, se una persona deve cambiare lavoro/settore, ogni occasione gli è automaticamente preclusa!!E tutto questo grazie a tutti gli imprenditori italiani, così stupendamente preparati e pronti a nuove e meravigliose imprese di esternalizzazione!Sai che ti dico? Perchè per un mese non provi a cercare un lavoro (subordinato), e poi mi sai dire se è così facile come dici?
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            A me sembra solo un'enorme trollata. Niente di più.Sta fantomatica azienda è capace di tutto ciò? 1 su 10.000 allora, perchè le altre 9.999 sono anni luce da tutto ciò.Sarei curioso di sapere quale sarebbe sta fantomatica azienda capace di sopravvivere senza un esperto a suo interno.Ovviamente il nome non verrà mai detto, inducendo i lettori nel catalogare il tutto tra i sogni erotici più perversi degli imprenditalioti del bananaro.
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Feet on the Ground
            - Scritto da: Mela avvelenata


            C'è sfigato e sfigato...ovviamente liberissimo
            di

            dequalificare tutta una categoria di lavoratori,

            poi non lamentarti se ti squarciano le gomme

            della

            porsche...



            Guido una Audi che comunque è assicurata.
            Ovviamente, se qualcuno è così stupido da
            squarciarmi le gomme sotto l'occhio della
            vigilanza probabilmente lavora nell'IT.
            ;)O forse in qualche altro settore della tua impresa che all'improvviso decidi che non ti è più produttivo...

            Come avevo detto prima, il fatto che tutto

            funzioni bene nella TUA azienda, non significa

            che tutte le aziende possano adottare il cloud
            in

            maniera indolore,

            anzi...



            Siccome non credo di essere uno Steve Jobs ma
            semplicemente uno dei tanti imprenditori di
            sucXXXXX dotati di un minimo di lungimiranza,
            credo che se funziona tutto bene nelle mie
            attività, il modello sia applicabile ovunque. Ti
            dirò anzi che in Germania e Lussemburgo l'IT
            interno in aziende che NON hanno nell'IT il core
            business sta
            scomparendo.Ribadisco il concetto...SE funziona bene nella tua azienda, NON è affatto detto che funzioni bene con tutte le aziende, anzi! Il fatto poi che i bietoloni tedeschi e lussemburghesi si stanno facendo irretire dal cloud, poi non è affatto indice del fatto che sia cosa buona e giusta...

            Un giorno anche gli imprenditori saranno

            superflui...allora ne

            riparleremo!



            Immagino che nel mondo che sogni disperatamente,
            le aziende si costruiranno da sole.
            ;)Quasi...ci saranno delle ottime I.A. che prenderanno decisioni migliori. Anche delle tue! :P

            l'outsourcing impoverisce la società (ed

            arricchisce solo i soliti, tra cui

            l'imprenditore, che risparmia su certi costi).
            Se

            siamo al punto in cui siamo, è anche grazie al

            tuo

            contributo!



            Cioè fammi capire, IO dovrei rimetterci perchè TU
            non sei
            competitivo?Stessa cosa che hanno detto agli operai della FIAT...ed a molti altri lavoratori! Rimetterci, poi, che cosa? Se guadagni una bordata di soldi come dici, non puoi permetterti di pagare i miseri stipendi del reparto IT? C'è qualcosa che non mi torna...
            Ti do una dritta, bello: voialtri zecche dell'IT
            avete avuto quasi 20 ANNI per farvi valere. Anni
            in cui NON si poteva esternalizzare, in cui il
            vostro lavoro ERA
            importante.

            Cosa avete fatto?

            Niente: avete lavorato per uno sputo in faccia,
            non vi siete organizzati, vi siete fatti rubare
            il lavoro da ogni ragazzino che sapesse
            installare due programmi in croce e cambiare un
            hard disk. In altre nazione l'IT si è
            organizzato, si è diversificato, si è dato delle
            regole: nell'Est Europa l'IT è un settore in
            crescita. Ci sono startup
            OVUNQUE.Buon per loro...
            Dove sono le startup in Italia? Dove sono i
            prodotti? "Gioventù Ribelle", ROTFL! QUELLA è
            l'immagine dell'informatica in Italia. Quella è
            l'immagine degli sviluppatori italiani. Non
            parliamo dei
            sistemisti!
            Cacchio dovevano fare i sistemisti in Italia? Formare un consorzio?A parte che gli sviluppatori in Italia ci sono, e ce ne sono anche di ottimi...

            Riqualificazione professionale...bella

            espressione! L'hanno inventata gli imprenditori

            come te, ovvero coloro i quali non conoscono

            l'espressione "farsi il

            qulo"!!!



            Ho già dato anni e anni fa, sono partito facendo
            la gavetta, sai. Poi ci sono quelli bravi e
            quelli meno bravi. Io faccio parte,
            evidentemente, della prima categoria: lo dicono i
            risultati.Vorrei sapere in quale settore, e soprattutto da dove sei partito...poi si potrà giudicare un pò meglio!

            Ma anche se avessi meno di 25 anni sarebbe

            uguale! Ormai non importa più l'età, se una

            persona deve cambiare lavoro/settore, ogni

            occasione gli è automaticamente

            preclusa!!



            Assolutamente falso, se uno ha le capacità e il
            coraggio può cambiare in qualsiasi momento
            (sempre che sia sotto i 35, dopo o sei
            imprenditore o sei disoccupato). Naturalmente se
            hai deciso di essere manovalanza e non sei in
            grado di fare il salto, problemi
            tuoi.Se fossero tutti bravi come te, in Italia ci sarebbero 60 milioni di imprese...un pò troppe, forse!

            E tutto questo grazie a tutti gli imprenditori

            italiani, così stupendamente preparati e pronti
            a

            nuove e meravigliose imprese di

            esternalizzazione!



            Ancora una volta, dovrei rimetterci IO perchè TU
            sei sfigato?
            :DDovrei rimetterci io, lavoratore, perchè voi imprenditori siete più avidi di Paperon De Paperoni?
            L'esternalizzazione continuerà e si estenderà, in
            tutti i
            settori.

            Che vi piaccia o no.Non ci "piaccia". Non ci "piaccia" per niente. E presto non piacerà nemmeno a voi imprenditori. Il motivo lo comprenderete presto, se non vi è chiaro già da ora...

            Sai che ti dico? Perchè per un mese non provi a

            cercare un lavoro (subordinato), e poi mi sai

            dire se è così facile come

            dici?

            Come detto, ho già dato. Buon soggiorno nella
            fila dei disoccupati o dei "socialmente utili".
            ;)Quanti anni fa? Prova adesso, poi ne riparliamo...
          • Anonymous scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...

            Germania e LussemburgoSì. Specie per il fatto che ultimamente la Germania sta dando atto e sfoggio delle sue capacità, ad es. le mozzarelle blu e l'eschelichia coli. Però.. i cinesi avevano l'aviaria.Anche gli americani, hanno investito fortemente nei futures, fino a qualche tempo fa, credendo fosse un buon investimento.



            Cioè fammi capire, IO dovrei rimetterci perchè
            TU

            non sei

            competitivo?Perchè, l'outsourcing lo è? Sei assolutamente sicuro di tutto ciò che viene fatto nella tua azienda (anche se credo che non sia molto grande, forse 2/3 persone al massimo)?O hai molta fortuna, o hai beccato dei caproni troppo onesti. L'outsourcing è costoso ed inaffidabile per natura. Già il fatto che sia TU a dover chiamar loro, è assolutamente ridicolo. Come puoi TU, che non sai un tubo di quel che succede, decidere per loro? Inoltre, loro vengono lì e risolvono tutto nel migliore dei modi, per poco prezzo? Cioè una fatturuccia da poche decine di per un lavoro che magari ti tien tutto funzionante per 2/3 anni? Un'azienda di outsourcing così, è già fallita.

            Buon per loro...Perchè molti dell'IT che c'erano, eran improvvisati e chiacchieroni, come il buon 98% di chi fa outsourcing o è impiegato IT in azienda. Quelli del cloudcomputing, figuriamoci. Lì che metrica usi per capire se sono fannulloni o no? E' tutto da loro. Chi gestisce provider di quel tipo, accentra le informazioni. Hanno bucato PSN e XXXX, proprio perchè i dati sono totalmente accentrati in pochi punti. I gestori di simili buffonate informatiche han servito loro una bella tortona con tanto di candeline sopra.Per non parlare dell'Italia. Ce ne stanno qua nei dintorni persone che si son messe a fare SaaS. Con una di queste ho pure avuto a che farci: server Win2003 stand-alone, perennemente acceso (ergo riavii ed installazioni di aggiornamenti non esistono) e servizio in SaaS via Web, su IIS accessibile dall'esterno. Software sviluppato da alcuni indiani (ovviamente), totalmente non testato (c'erano errori che pure i commerciali sapevano riconoscere, sia nell'uso che nella gestione dei dati). Sicurezza dell'infrastruttura e del software SaaS pari a 0 (zero) spaccato. Eppure l'azienda vendeva e facevano soldi.Roba del genere te la buca pure un semplice bot. Approposito, il servizio gestiva dati sensibili. Ovviamente, il tutto su HTTP, tanto i clienti non capivano un XXXXX e pagavano (molto).

            Dovrei rimetterci io, lavoratore, perchè voi
            imprenditori siete più avidi di Paperon De
            Paperoni?Non è una questione di avidità. Sti qua, tagliano su ciò che dovrebbe permettere loro di far concorrenza pure alle aziendone americane e buttano soldi sui macchinoni, i bei vestiti e le vacanze alle maldive. Fanno L'ESATTO OPPOSTO DI QUEL CHE L'INTELLIGENZA DIREBBE DI FARE.

            Non ci "piaccia". Non ci "piaccia" per niente. E
            presto non piacerà nemmeno a voi imprenditori. Il
            motivo lo comprenderete presto, se non vi è
            chiaro già da
            ora...Vedrai, più si diffonderà il cloud computing, più i cracker colpiranno tali provider. Poi, visto che si sta pure diffondendo l'IPv6 ed i trombettieri-commerciali-battitasti vanno in giro a predicare che non c'è più bisogno del NAT, perchè gli indirizzi sono a sufficienza per collegare tutto direttamente ad Internet, vedrai come bucheranno tutto. Sarà una festa.
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Mela avvelenata
            O forse in qualche altro settore della tua
            impresa che all'improvviso decidi che non ti è
            più
            produttivo...
            Non lo decido io, lo decide il Mercato cosa è produttivo o meno.
            Ribadisco il concetto...SE funziona bene nella
            tua azienda, NON è affatto detto che funzioni
            bene con tutte le aziende, anzi! Il fatto poi che
            i bietoloni tedeschi e lussemburghesi si stanno
            facendo irretire dal cloud, poi non è affatto
            indice del fatto che sia cosa buona e
            giusta...
            Chissà come mai però in Germania e Lussemburgo l'economia tira molto meglio che in Italia.Ogni cosa si sposterà sul cloud, rassegnati, per quelli come te non c'è più posto.Ti sento sempre più disperato, senti il tempo scadere? Tick tock, tick tock, tick tock... ;)
            Quasi...ci saranno delle ottime I.A. che
            prenderanno decisioni migliori. Anche delle tue!
            :P
            IA? Intelligenze Artificiali?Ah, ho capito: sogni il mondo di Star Trek. :DMi duole dirlo ma il mondo di Star Trek è un'invenzione, e qualcuno sui vostri sogni infantili ci sta facendo vagonate di soldi. :D
            Stessa cosa che hanno detto agli operai della
            FIAT...ed a molti altri lavoratori!E hanno fatto bene: guarda che siamo in un'economia di mercato, non in un'economia pianificata.Rendiamo merito a Marchionne per aver annientato definitivamente il potere negoziale dei sindacati ancora legati a teoria andate in pensione con gli anni '70 e aver portato l'industria automobilistica italiana nel 21mo Secolo. E, presto, in Polonia.
            Se guadagni una bordata di soldi
            come dici, non puoi permetterti di pagare i
            miseri stipendi del reparto IT? C'è qualcosa che
            non mi
            torna...
            Perchè dovrei buttare via soldi mensilmente su di un settore di cui NON ho bisogno mensilmente e che può essere svolto anche meglio da esterni?Guarda che se guadagno "bordate" di soldi (non parlerei di bordate ma sicuramente per chi si accontenta di 900 al mese sicuramente sembrano fantastilioni di Paperon de' Paperoni) è perchè SO COME SPENDERE.Con il tuo ragionamento, se avessi una flotta di camion dovrei avere anche gommisti, meccanici e pure una raffineria di petrolio.Sfortunatamente questa è stata un po' la mentalità dell'imprenditore italiano per diverso tempo, ma finalmente l'aria è cambiata e presto tutti si saranno adeguati.Il tempo scorre. Tick tock, tick tock, tick tock... ;)
            Cacchio dovevano fare i sistemisti in Italia?
            Formare un
            consorzio?
            A parte che gli sviluppatori in Italia ci sono, e
            ce ne sono anche di
            ottimi...
            Certo potevano darsi da fare. Non l'hanno fatto? Hanno pensato di essere indispensabili? Bene, potranno (potrete) curare la vostra megalomania lavorando al MacDonald's. Sempre che vi prendano.Ormai manca poco. Tick tock, tick tock, tick tock...
            Se fossero tutti bravi come te, in Italia ci
            sarebbero 60 milioni di imprese...un pò troppe,
            forse!
            Evidentemente non sono tutti bravi. Selezione naturale. ;)
            Dovrei rimetterci io, lavoratore, perchè voi
            imprenditori siete più avidi di Paperon De
            Paperoni?
            I lavoratori devono adattarsi al mercato come gli imprenditori, del resto. Se un giorno il mio business diventa obsoleto, cambio business. Se non c'è mercato dove mi trovo, cambio area.Voi invece pretendete che la realtà si adatti alle vostre richieste. Pessima mossa.
            Non ci "piaccia". Non ci "piaccia" per niente. E
            presto non piacerà nemmeno a voi imprenditori. Il
            motivo lo comprenderete presto, se non vi è
            chiaro già da
            ora...
            Ah si? Sentiamo un po'. Intanto il tempo scorre e io sono tranquillo.E tu? Tick tock, tick tock, tick tock...
            Quanti anni fa? Prova adesso, poi ne riparliamo...Ancora una volta, perchè dovrei? Invece di farti domande inutili comincia a chiederti cosa dovresti fare tu perchè il tempo scorre.Tick tock, tick tock, tick tock...
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: deactive
            Le cose cambiano, e quello che rosika a me sembri
            proprio
            tu.
            Il tono sembra proprio quello dell'IT mancato,
            altroche' imprenditore di
            sucXXXXX.Non trasferire sugli altri le tue paturnie. Comunque, guarda il lato positivo: tra una rosicata e l'altra, potrai reinventarti come gerbillo. (rotfl)
          • deactive scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...

            Non trasferire sugli altri le tue paturnie.
            Comunque, guarda il lato positivo: tra una
            rosicata e l'altra, potrai reinventarti come
            gerbillo.
            (rotfl)no guarda, non sto rosicando anche perche', al tuo contrario tuo, il mio profilo reale e' facilmente rintracciabile su internet e puoi vedere cosa faccio e cosa ho fatto.Quindi, se vuoi essere un minimo di credibile, registrati e mettici la faccia prima di fare tanto il gradasso anche perche' non sai mai chi hai davanti, pezzo di uno sbruffoncello.Se caghi XXXXX sugli IT e operi nel settore e' evidente che :1) non sei molto sveglio, in fondo se tu non sei IT qualcuno deve pur averti messo in piedi l'infrastruttura.2) il tuo discorso e' totalmente inforndato e fornisce una prova inconfutabile di come tu e l'IT facciate a pugni. Se pensi che con il cloud avvenga una rivoluzione significa che o vieni dal passato o ti sei perso gli ultimi 5/6 ( forse piu' ) anni di storia del web. Perche' di fatto molti servizi gia' sono cloud anche se non reclamizzati come tali. In realta' instagram, flickr, facebook, e molti altri fanno gia' quello che ora pare esser la grande moda del cloud. E lo fanno da anni.
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: deactive
            Se caghi XXXXX sugli IT e operi nel settore NON opero nel settore IT. Evidentemente non hai capito nulla. E io (o chiunque altro) dovremmo affidare le nostre strutture a gente come te? (rotfl)Le tue "argomentazioni" fanno sorridere e non perdo troppo tempo a leggerle. Evidentemente sono dettate dalla disperazione e dalla necessità di autoconvincerti che il tuo lavoro non sta per scomparire.Ma il tempo avanza inesorabile: tick tock, tick tock, tick tock...Buona "riqualificazione professionale". ;)
          • Deactive non loggato scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            Convinto tu. Fai ridere buffone
          • mmm scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: Feet on the Ground
            - Scritto da: mah

            l'infrastruttura di rete interna

            (switch, router, firewall che ti collegano alla

            tua amata "nuvoletta") non sta su da sola, va

            contiunamente monitorata

            COSA? Ma chi le monta le tue reti, Topo Gigio?
            (rotfl)

            Una rete ben strutturata e configurata NON HA PIÙ
            BISOGNO DI INTERVENTI DI ALCUN GENERE! Quanto ai
            virus e ad altre boiate, quale parte di "i
            dipendenti non hanno privilegi di amministratore"
            non ti è
            chiara?

            Mi sa che confondi i giocattolini con cui
            scancheri a casa con gli strumenti di lavoro
            della gente seria.
            (rotfl)giocattolini ?!?... vabbe'il monitoraggio di una rete non e' un "intervento", e' una cosa che semplicemente va fatta, specialmente se i tuoi dati sono nel cloud.Una rete complessa con centinaia di host, reti distaccate, mpls, etc. VA MONITORATA !
          • mmm scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            Dimenticavo, una rete ben progettata e strutturata puo' limitare gli eventuali problemi, ma non ne e' esente.Io faccio il consulente da parecchi anni e di aziende medio grandi con infrastrutture di rete "a regola d'arte" ne ho viste davvero tante, ebbene le problematiche che si possono verificare a livello di rete sono davvero tante che e' quasi impossibile prevederle tutte; un IT interno preparato (bastano due elementi validi e PAGATI) ti aiuta a risolvere il problema nel minore tempo possibile, altrimenti puoi chiamare quelli come me :) arrivo quando posso e ti chiedo 1500 euro per una giornata di lavoro.
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Questo continuo premere per il Cloud...
            - Scritto da: mmm
            altrimenti puoi chiamare quelli come
            me :) arrivo quando posso e ti chiedo 1500 euro
            per una giornata di
            lavoro.1500 per una giornata di lavoro? Costi veramente poco! (rotfl)Quanto all'arrivare quando "puoi", non preoccuparti: c'è gente seria (quindi non come te) che arriva molto ma molto puntuale. Sei superfluo. ;)E vuoi dirmi che pagare 1500 ogni morte di vescovo è meno conveniente che pagare due sfaccendati per girare i pollici tutto il giorno? :DEcco perchè non farai mai strada se non asfaltandola di persona. ;)
      • . . . scrive:
        Re: Questo continuo premere per il Cloud...
        Eh eh eh grande risposta ! :-DGia me li vedo questi... parlano di nuvole, ma sanno appena accendere un PC... patetici.
  • oronzo scrive:
    Cloud storage
    Qual'e' il servizio di cloud storage migliore?
    • MegaJock scrive:
      Re: Cloud storage
      - Scritto da: oronzo
      Qual'e' il servizio di cloud storage migliore?Stampa i tuoi dati su carta di riso, attaccali ad un palloncino e spediscili su per le cloud.
    • dudu scrive:
      Re: Cloud storage
      SugarSync e' molto completo puoi sincronizzare tutte le folder e non solo una folder come dropbox.Costa meno di dropbox e offre piu' spazio nella versione free: 5GB - se utilizzi questo link per iscriverti ti danno 500MB in piu' nella versione free e se mai farai l'upgrade ad un pacchetto a pagamento ti regaleranno 10GB in piu' free a vita.Qui trovi una tabella comparativa fra SugarSync e Dropbox,MobileMe, Box.net, Carbonite e Mozy. http://www.sugarsync.com/sync_comparison.html
      • Zucca Vuota scrive:
        Re: Cloud storage
        E perchè non SkyDrive di Microsoft? 25 GB gratuiti e tool di sincronizzazione, nonchè editor per i file Office (e supporto a OneNote aggiungo).
        • Sgabbio scrive:
          Re: Cloud storage
          A parte che l'interfaccia web di skydriver è IMBARAZZANTE. Almeno quando lo provai io. Poi non ho trovato nessun client per scincronizzare i contenuti.Comunque dubito che puoi farlo al di fuori di windows se c'è.SugarSync offre di più di dropbox, però non supporta linux con il suo client.
          • dudu scrive:
            Re: Cloud storage
            Skydrive puoi sincronizzare comunque solo 5GB ma e' molto inferiore a SugarSync
      • ephestione scrive:
        Re: Cloud storage
        Con dropbox partirai da 2GB (2.25 se vieni da referrer, estesi subito a 2.75 non appena completi tutti i passaggi iniziali di far iscrivere un amico e condividere con lui una cartella), ma se hai i mezzi e le conoscenze arrivi tranquillamente a 10GB come ho io, in barba ai 5 di sugarsync. Posso in teoria sfruttare altri due referred per arrivare a 10.5GB
        • fixed scrive:
          Re: Cloud storage
          si mettici anche il tuo file personale con le password e i conti correnti...o passami un bel brevetto o una lettera notarile...pensa ai giga va!!!
          • ephestione scrive:
            Re: Cloud storage
            grazie della tua pertinentissima risposta.Sì, su dropbox pensavo in realtà anche di mettere l'archivio delle password, che è gà crittografato in aes256 sul desktop, ma potrei ulteriormente crittografarlo con truecrypt.Ci ho messo anche tutti i dati di lavoro, sempre crittografati.Problemi?
          • fabianope scrive:
            Re: Cloud storage
            ciao, ephestioneconcordo con te che il problema non e' sul versante della crittografia ;=)) invece ti chiedo...hai avuto l'occasione di approfondire i vari agreement per quanto riguarda l'(eventuale) perdita dati, fault tolerance, ecc?mi interesserebbe piu' questo che lo spazio a disposizione...grazie 1000 anticipate per la rispostafabianope
          • ephestione scrive:
            Re: Cloud storage
            no, onestamente non mi son mai posto il problema, se il servizio è gratuito e non devo temere lo spifferamento dei dati grazie alla crittografia, per me è sufficiente che il sistema mi permetta di mantenere senza alcunosforzo una copia aggiornata dei container truecrypt attraverso i 3 pc su cui uso dropbox; se disgraziatamente i loro server dovessero esplodere, avrei sempre una copia dei dati in 3 posti fisicamente diversi ;)Ma siccome attualmente è possibile affermare che dropbox è il servizio leader nel suo campo sul mercato, anche in caso di esplosione improvvisa dei server è lecito presuppore un ristabilimento celere di tutte le funzioni con conseguente ri-upload di tutti i container dai miei pc.Su una cosa non ci piove, in quanto a redundancy e robustezza dei backup sicuramente lo staff di dropbox è più preparato e dotato di me :D
        • dudu scrive:
          Re: Cloud storage
          Con Sugarsync li passi i 10.5GB free
      • dudu scrive:
        Re: Cloud storage
        Questo e' il link per i 500MB in piu' e i 10GB se mai passerai a pagaemnto:https://www.sugarsync.com/referral?rf=baq8g6w5wgtp8
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Cloud storage
      - Scritto da: oronzo
      Qual'e' il servizio di cloud storage migliore?Per fare cosa? Sei una azienda che deve stoccare i backup o fare l'archiviazione sostitutiva? Un privato che deve salvarsi un po' di file?E di quanti GB hai bisogno? E quanto e quando li consulti questi dati?
    • say no scrive:
      Re: Cloud storage
      - Scritto da: oronzo
      Qual'e' il servizio di cloud storage migliore?carta, penna, francobollo e cassetto
  • Claudio Bosoni scrive:
    Telemarketing
    Per il telemarketing, e sulla privacy in generale, basterebbe evitare di poter telefonare come "sconosciuto" o "numero privato". In fin dei conti io privato ho il diritto di sapere chi mi sta chiamando. Una volta acquisito il diritto di sapere chi mi sta chiamando tutto potrebbe diventare MOLTO più semplice.
    • simonelosi scrive:
      Re: Telemarketing
      è in ogni caso un disturbo. Non capisco perché, se mi sono iscritto ad apposito registro delle opposizioni, per non essere appunto disturbato,l'Italia è il paese dei furbetti che trovano sempre il modo di rompere...
      • Picchiatell o scrive:
        Re: Telemarketing
        - Scritto da: simonelosi
        è in ogni caso un disturbo. Non capisco perché,
        se mi sono iscritto ad apposito registro delle
        opposizioni, per non essere appunto
        disturbato,l'Italia è il paese dei furbetti che
        trovano sempre il modo di
        rompere...io toglierei la parola "furbetti" con qualcosa di piu' pesante visto che non si trtta di applicare la legge non di cercare di interpretarla...ma finche i gestori della rete sono legati a doppio filo con i call center..
        • bubba scrive:
          Re: Telemarketing
          - Scritto da: Picchiatell o
          - Scritto da: simonelosi

          è in ogni caso un disturbo. Non capisco perché,

          se mi sono iscritto ad apposito registro delle

          opposizioni, per non essere appunto

          disturbato,l'Italia è il paese dei furbetti che

          trovano sempre il modo di

          rompere...

          io toglierei la parola "furbetti" con qualcosa di
          piu' pesante visto che non si trtta di applicare
          la legge non di cercare di interpretarla...ma
          finche i gestori della rete sono legati a doppio
          filo con i call
          center..Non e' tanto questione di operatori furbetti, ma di parlamentari proni agli dei del marketing (il + grande teleimbonitore italiano chi e'? Si, e' basso). La legge gli operatori (molti, perlomeno) la seguono. E' che la legge e' fatta appositamente per permettergli di rompere il caxxo. Andatela a leggere e capirete. Anzi ci sono stati diversi articoli qui su PI in merito.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Telemarketing
        contenuto non disponibile
      • scopapoker scrive:
        Re: Telemarketing
        - Scritto da: simonelosi
        è in ogni caso un disturbo. Non capisco perché,
        se mi sono iscritto ad apposito registro delle
        opposizioni, per non essere appunto
        disturbato,l'Italia è il paese dei furbetti che
        trovano sempre il modo di
        rompere...ho come l'impressione che quel registro serva all'opposto lol ( per fortuna che non sono iscritto li e nessuno rompe le palle ... ( anche perche sul mio telefono se arriva una chiamata da numero privato manco squilla :) ) figo sto sito che ho trovato ..http://goo.gl/s2N1u
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Telemarketing
      - Scritto da: Claudio Bosoni
      Per il telemarketing, e sulla privacy in
      generale, basterebbe evitare di poter telefonare
      come "sconosciuto" o "numero privato". In fin dei
      conti io privato ho il diritto di sapere chi mi
      sta chiamando. Una volta acquisito il diritto di
      sapere chi mi sta chiamando tutto potrebbe
      diventare MOLTO più
      semplice.ora i call center chiamano su numero telefonico nazionale vicino al disturbato per evitare i blocchi da numero sconosciuto all'apparecchio.in uno stato civlie e democratico tu telemarkettaro che mi DISTURBI profondamente quando fai telemarketing non chiami .... ma in questo caso i gestori che fanno pubblicità in tv fatturano molto di meno ect ect ect...resto il fatto che la stragrande maggioranza di loro ha i dati sensibili di milioni di persone illecitamente.....
    • sdafsd scrive:
      Re: Telemarketing
      - Scritto da: Claudio Bosoni
      Per il telemarketing, e sulla privacy in
      generale, basterebbe evitare di poter telefonare
      come "sconosciuto" o "numero privato". In fin dei
      conti io privato ho il diritto di sapere chi mi
      sta chiamando. Una volta acquisito il diritto di
      sapere chi mi sta chiamando tutto potrebbe
      diventare MOLTO più
      semplice.Da me è un po' che chiamano in diversi col numero visibile, però siccome ogni volta è un numero diverso non so chi sia e rispondo.
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Telemarketing
      Beh poter chiamare come anonimo secondo me e' un diritto importante quanto quello di non ricevere chiamate anonime.La cosa curiosa e' che la soluzione c'e' ed e' PREVISTA per legge, solo che gli operatori di TLC se ne fottono e nessuno fa niente per fare rispettare questa legge.Il DLGS 30 giugno 2003, n. 196, riprendendo praticamente alla lettera la Direttiva 2002/58/CE, all'art. 125 comma tre recita letteralmente:"3. Se è disponibile la presentazione dell'identificazione della linea chiamante e tale indicazione avviene prima che la comunicazione sia stabilita, il fornitore del servizio di comunicazione elettronica accessibile al pubblico assicura all'abbonato chiamato la possibilità, mediante una funzione semplice e gratuita, di respingere le chiamate entranti se la presentazione dell'identificazione della linea chiamante è stata eliminata dall'utente o abbonato chiamante."Sarebbe sufficiente che gli operatori rispettassero la legge e offrissero questa funzione e saremmo tutti felici:- Se Tizio chiama Caio puo' scegliere se mostrare il numero del chiamante o no- Caio puo' scegliere di accettare le chiamate anonime o rifiutarle- Se Tizio chiama con numero anonimo e Caio rifiuta le chiamate anonime... Tizio si becca un bel messaggio da centrale che dice "Siamo spiacenti, l'abbonato che lei cerca di chiamare non accetta chiamate anonime, ritenti con il numero in chiaro e sara' piu' fortunato".A.
      • Picchiatell o scrive:
        Re: Telemarketing
        - Scritto da: Pinco Pallino
        - Se Tizio chiama con numero anonimo e Caio
        rifiuta le chiamate anonime... Tizio si becca un
        bel messaggio da centrale che dice "Siamo
        spiacenti, l'abbonato che lei cerca di chiamare
        non accetta chiamate anonime, ritenti con il
        numero in chiaro e sara' piu'
        fortunato".

        A.Giusto di per se un'azienda che stabilisce o da mandato di stabilire un contetto commerciale con un cliente in maniera "anonima" rileva sin dall'inizio un mancata transparenza...in cui nel 99,99% dei casi si cela la ffregatura anche mooolto costosa per la controparte ma siamo in italia e la polizia postale latita...
        • Pinco Pallino scrive:
          Re: Telemarketing
          Beh in verita' meta' delle aziende che conosco e che escono con un numero "anonimo"... escono cosi' perch' hanno un fantastico sistema VoIP che non sono capaci di configurare :-)A.
          • Picchiatell o scrive:
            Re: Telemarketing
            - Scritto da: Pinco Pallino
            Beh in verita' meta' delle aziende che conosco e
            che escono con un numero "anonimo"... escono
            cosi' perch' hanno un fantastico sistema VoIP che
            non sono capaci di configurare
            :-)

            A.se "l'azienda" ha come canale pubblicitario telefonare a caso alle persone allora non e proprio messa bene...poi sulla configurazione sono d'accordo ma qui implica sempre il "braccino corto" di certi imprenditori...
    • Ace Gentile scrive:
      Re: Telemarketing
      Beh, sì l'opzione di abilitare chiamate solo per numeri "in chiaro" sarebbe davvero cosa buona e giusta ma temo sia utopia. Oppure se ci sarà avrà la celerità della possibilità di disabilitare gli 144 quando c'erano già gli 166 e gli 899
Chiudi i commenti