Shuttle, Endeavour nello spazio

È partito il penultimo volo dell'attuale generazione di navicelle USA. Testimoniato tra le nuvole da un iPhone, e sul Web dai cinguettii del suo comandante

Roma – È finalmente partito il penultimo volo degli shuttle NASA : Endeavour è stato lanciato dal Kennedy Space Center nella giornata di ieri e rimarrà in orbita per 16 giorni.

Il lancio, previsto inizialmente per il 29 aprile scorso, è stato rinviato a causa di una serie di problemi tecnici , in particolare legati al circuito di gestione della temperatura dei sistemi.

Diversi i compiti che avranno gli uomini del suo equipaggio , gli astronauti Mark Kelly (comandante), Gregory H. Johnson (pilota), Michael Fincke, Andrew Feustel, Greg Chamitoff e l’italiano Roberto Vittori in rappresentanza dell’ESA, tra cui quello di installare presso l’ International Space Station (ISS) l’ Alpha Magnetic Spectrometer ( AMS ), strumento che servirà a studiare le particelle dei raggi cosmici ad alta-energia alla ricerca di antimateria e materia oscura.

Due , poi, gli account ufficiali Twitter legati a Endeavour: quello del Kennedy Space Center, @NASAKennedy , che ha fatto la cronaca dal vivo dell’evento, e soprattutto quello del capitano Mark Kelly che commenterà via tweet in diretta la missione attraverso l’account @KillerKelly .

Il penultimo volo dello Shuttle, d’altronde, è partito con particolari sfumature Web che non fanno altro che raccogliere l’ entusiasmo generato dal voler essere testimoni di uno degli ultimi voli delle storiche navette che presto occuperanno i musei statunitensi: il suo passaggio tra le nuvole immediatamente successivo al lancio è stato curiosamente ripreso dall’iPhone di una passeggera del volo New York – Palm Beach e immediatamente cinguettato .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno qualsiasi scrive:
    Chi è tuo padre?
    La piattaforma online come fa a saperlo? Se io chiedo di vedere l'account di mio figlio, come fanno a sapere che è davvero mio figlio?
  • panda rossa scrive:
    Sorvegliare != spiare
    C'e' una questione importante da comprendere, e non occorre una legge per farlo.Ovvero comprendere la differenza che passa tra sorvegliare e spiare.Io, genitore, ho il dovere di sorvegliare mio figlio, compreso quando usa internet.Devo sapere con chi si intrattiene per evidenti motivi di sorveglianza.Quando ho appurato che gli interlocutori sono affidabili, il mio ruolo di sorvegliante cessa. Altrimenti diventerebbe spionaggio, e non e' giusto nei confronti del figlio, che ha diritto ai suoi spazi e alla sua intimita'.Non ci vuole una legge per questo, solo intelligenza.Ma se l'intelligenza manca, non c'e' legge che la possa sostituire.
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: Sorvegliare != spiare
      sono americani
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Sorvegliare != spiare
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' una questione importante da comprendere, e
      non occorre una legge per
      farlo.

      Ovvero comprendere la differenza che passa tra
      sorvegliare e
      spiare.
      Io, genitore, ho il dovere di sorvegliare mio
      figlio, compreso quando usa
      internet.
      Devo sapere con chi si intrattiene per evidenti
      motivi di
      sorveglianza.

      Quando ho appurato che gli interlocutori sono
      affidabili, il mio ruolo di sorvegliante cessa.
      Altrimenti diventerebbe spionaggio, e non e'
      giusto nei confronti del figlio, che ha diritto
      ai suoi spazi e alla sua
      intimita'.

      Non ci vuole una legge per questo, solo
      intelligenza.
      Ma se l'intelligenza manca, non c'e' legge che la
      possa
      sostituire.Senza contare poi che con tutta probabilità il figlio di 13 anni ne saprà 10 volte più del padre riguardo i meccanismi dei social network...
Chiudi i commenti