Si scrive Mozilla, si legge Google

Ogni 10 dollari incassati dai creatori di Firefox, quasi 9 provengono da BigG. Ma guai a parlare di dipendenza. In ogni caso, la Foundation guarda al futuro con ottimismo
Ogni 10 dollari incassati dai creatori di Firefox, quasi 9 provengono da BigG. Ma guai a parlare di dipendenza. In ogni caso, la Foundation guarda al futuro con ottimismo

Il 2007 è stato un ottimo anno per Mozilla: 75 milioni di dollari sono finiti nelle sue casse , il cui 88 per cento – pari a 66 milioni – è frutto degli accordi con il gigante del search di Mountain View. Un valore in crescita rispetto all’anno passato, e che lega sempre di più Mozilla e la sopravvivenza di Firefox ai generosi contributi di Google: la situazione, in ogni caso, fa comodo a chi lavora per e con Mozilla Foundation .

Rispetto al 2006 , gli introiti hanno fatto segnare un interessante aumento del 12 per cento (più 8 milioni): l’anno scorso, il contributo di Google si era fermato all’85 per cento del totale, poco meno di 60 milioni, e già allora le polemiche erano infuriate. Dalla Foundation voci autorevoli si erano levate per difendere la filosofia e gli obiettivi di Mozilla: ma è indubbio che quei quattrini, qualunque sia la provenienza, facciano maledettamente bene allo sviluppo di Firefox, Thunderbird e tutti i progetti collegati direttamente e indirettamente alla Foundation.

Basti ricordare che sia Gnome che Creative Commons sono tra i destinatari delle donazioni di Mozilla , e si tratta in entrambi i casi di progetti che rivestono una certa importanza per la community dell’open source e in ogni caso in linea con la mission della Foundation: vale a dire lo sviluppo e la diffusione del web secondo standard condivisi, obiettivi che ne fanno (o forse ne hanno fatto fino ad oggi) un’organizzazione non profit che gode anche di notevoli benefici fiscali.

A quanto pare, però, l’ ufficio delle imposte statunitense (IRS) starebbe pensando di rivalutare la posizione di Mozilla in tal senso: la crescita vertiginosa dei bilanci, la diversificazione degli impegni e quindi il successo della Foundation sembrano aver convinto l’organo di controllo a rivedere la definizione “non profit” della organizzazione, nonostante nel frattempo sia nata anche la Corporation proprio per tenere in regola i conti. In ogni caso, fanno sapere da Mozilla, le tasse arretrate non dovrebbero superare di molto l’ordine delle centinaia di migliaia di dollari, e un cospicuo fondo cassa era stato già accantonato proprio in questa prospettiva.

Il presidente della Foundation, Mitchell Baker , ha espresso la sua soddisfazione per i conti di Mozilla: il progetto è in buona salute, lavora alacremente alla diffusione del software anche grazie alle localizzazioni, la community è sana e rigogliosa e contribuisce ad oltre il 40 per cento di tutto il codice scritto per il browser, il numero di utenti che utilizzano quotidianamente Firefox è cresciuto fino a quasi 50 milioni (il doppio rispetto al 2006).

Nel futuro, poi, ci sono il mercato mobile ( Fennec scalpita), una nuova attesa versione di Thunderbird e tanto, tanto lavoro per continuare a irrobustire la community che ruota attorno alla Foundation: così da garantire un futuro solido a Firefox anche quando Chrome dovesse sottrarre un po’ di spazio sulla scena, e magari anche un po’ dei soldi di Google.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 11 2008
Link copiato negli appunti