SIAE, 10 domande sul diritto d'autore

La Società Italiana degli Autori e degli Editori diffonde un appello firmato insieme a Confindustria Cultura Italia a favore della tutela del diritto d'autore in Rete. Un dibattito sbarcato sul nuovo profilo Facebook dell'ente

Roma – La Società Italiana degli Autori e degli Editori (SIAE) mostra un atteggiamento piuttosto combattivo nella difesa della delibera AGCOM definita da alcuni “ammazza-Internet”. Dopo essere intervenuta nel pieno del dibattito in merito al provvedimento dell’Authority in materia di enforcement del diritto d’autore, la SIAE ha ora diffuso un appello in difesa del diritto d’autore online .

L’ intervento , firmato a due mani con Confindustria Cultura Italia, si compone di 10 domande volte a sostenere la necessità di una tutela del copyright in Rete . Non mancano i quesiti dal sapore provocatorio rivolti agli strenui difensori della libertà in Rete: “Perché impedire la messa in rete di proprietà intellettuale acquisita illegalmente dovrebbe essere considerata una forma di censura?”.

La discussione sul rapporto tra opere dell’ingegno e diffusione in Rete sarà condotta, da ora, anche sul profilo Facebook di SIAE fresco di inaugurazione . ( C.S. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Menestrello scrive:
    Molto movimento
    C'è un grosso fermento fra le fonderie fra accordi, fusioni, problemi e dismissioni, come riportato anche qui http://www.bitsandchips.it/9-hardware/706-approfondimento-il-futuro-delle-fonderie. Chissà cosa ci riserverà il prossimo futuro
  • MegaJock scrive:
    Nessuno è caduto nel crogiolo?
    Peccato.
  • attonito scrive:
    Spiegare il "time-to-volume"
    Sarebbe interessante vedere spiegato il "time-to-volume", cioe' i processi che, a partire dal momento in cui una geometria di produziuone si rende disponibile, rendono sempre piu' elevata la resa di produzone fino a portarla a livelli accettabili.
    • Dinox PC scrive:
      Re: Spiegare il "time-to-volume"
      Certo, molto interessante. Ovviamente il significato è quello che hai detto tu, vedremo se riusciamo con un prossimo articolo a spiegare come si riesce a migliorare drasticamente la resa ed il perché di quella curva.
      • attonito scrive:
        Re: Spiegare il "time-to-volume"
        - Scritto da: Dinox PC
        Certo, molto interessante. Ovviamente il
        significato è quello che hai detto tu, vedremo se
        riusciamo con un prossimo articolo a spiegare
        come si riesce a migliorare drasticamente la resa
        ed il perché di quella
        curva.ma non ti senti un po sprecato su PI? dovresti scrivere su tomshw.
  • ovvero scrive:
    che XXXXX e'
    io capisco che ormai gli italiani abbiano cosi poco orgoglio, discernimento, amor proprio ecc.. da inglesizzare pure quello che manco gli inglesi dicono ma...... che XXXXX e' una fab???? e per di piu' tedesca?ma dove le sentite ste parole, sembrano piu ignoranti quelli che vogliono usare l'inglese ( o quello che e') ad ogni costo di chi invece non usando ammette socraticamente di non conoscerlo.In pratica chi lo ha scritto e' un burino, e dall'accento pure del nord italia
    • iupiter scrive:
      Re: che XXXXX e'
      si ormai l uso di parole straniere per qualsiasi cosa e' uno scandalo, o che le abbiano proprio dimenticate o mai studiate quelle italiane?Io fossi italiano mi incazzerei piu' per l'uso continuo di parole straniere, invece che andare in giro a dire ah tu tifi per stoner allora non sei italiano(ma io tifo per chi cavolo mi pare)
    • Dinox PC scrive:
      Re: che XXXXX e'
      - Scritto da: ovvero
      io capisco che ormai gli italiani abbiano cosi
      poco orgoglio, discernimento, amor proprio ecc..
      da inglesizzare pure quello che manco gli inglesi
      dicono
      ma...
      ... che XXXXX e' una fab???? e per di piu'
      tedesca?
      ma dove le sentite ste parole, sembrano piu
      ignoranti quelli che vogliono usare l'inglese ( o
      quello che e') ad ogni costo di chi invece non
      usando ammette socraticamente di non
      conoscerlo.
      In pratica chi lo ha scritto e' un burino, e
      dall'accento pure del nord
      italia"Fab" è il nome della fonderia. In questo caso, intendo Dresda, "Fab 1". E' come dire Antonio, Giovanni, Nicola.PS: ma qualche commento in tema, utile ai fini dell'argomento, siete in grado di tirarlo fuori? Oppure qui si deve solo di marchette, hai scritto "g" invece di "c" e, visto che scrivi computer invece di calcolatore sei anglofono per forza?
      • ovvero scrive:
        Re: che XXXXX e'
        veramente c'e' scritto la "fab tedesca" , magari faccio pure finta di crederti ma prova ad evincere la tua affermazione dall'articolo se ci riesci
      • attonito scrive:
        Re: che XXXXX e'

        PS: ma qualche commento in tema, utile ai fini
        dell'argomento, siete in grado di tirarlo fuori?Sei tu che sei venuto su PI, che caxxo pretendi? Prima di andare da qualche parte, occorrerebbe sapere il tipo di gente che gia c'e' altrimenti rischi delle brutte avventure.Finito il flame, deve dire che a me l'articolo e' piaciuto.Vorrei disquisire di geometrie sub nanometriche, ma capiremmo solo in 2 o 3: sono su PI, che caxxo pretendo?
  • Orfheo scrive:
    E non finisce qui ...
    ... direi ;-)Grazie per l'interessante presentazione: da' una idea di quanto lontano potra' arrivare il proXXXXX di integrazione del silicio.Miliardi di porte nand in pochi mmq ... il problema credo sara' solo il modo di interagire con macchine sempre piu' potenti e sempre piu' piccole.Il mio iPhone4 e' potente piu' del mio PC del 1995-1998: proXXXXXre da qualche decina di MFlops, mezzo gigabyte di memoria centrale, 32Gb di hard disk ma, anche se lo sbloccassi, troverei difficile accedere via SSH, mentre sono in treno alla mia rete privata. Forse e' colpa dell'eta' ... sono ormai ... purtroppo ... come tutti gli ultraquarantenni ... presbite. Problema solo apparentemente banale ;-)Nel giro di una decina d'anni mi posso aspettare che queste foundries creino macchine "indossabili" potenti quanto la mia attuale workstation?Decine di GFlops, decine di Gb di Ram, migliaia di Gb di storage ...Ma anche se cosi' fosse, sempre mentre sono in treno o a spasso ... come diavolo potro', da nerd sessantenne, utilizzare tutta questa potenza?Diavolo ... spero che abbiano qualche coniglio nel cappello.Visto nulla? ;-)Orfheo.
    • Dinox PC scrive:
      Re: E non finisce qui ...

      Il mio iPhone4 e' potente piu' del mio PC del
      1995-1998: proXXXXXre da qualche decina di
      MFlops, mezzo gigabyte di memoria centrale, 32Gb
      di hard disk ma, anche se lo sbloccassi, troverei
      difficile accedere via SSH, mentre sono in treno
      alla mia rete privata.E' un po' come lo spot della Pirelli: "La potenza è nulla senza controllo". Comunque ho raccontato tutto (o quasi) quello che potevo raccontare ;)
      • iupiter scrive:
        Re: E non finisce qui ...
        cavolo se lo sa ruppolo ci massacra gli zibidei per anni
        • Orfheo scrive:
          Re: E non finisce qui ...
          - Scritto da: iupiter
          cavolo se lo sa ruppolo ci massacra gli zibidei
          per
          anniNon credo gli interessi, da quello che leggo ;-)Orfheo.
      • Orfheo scrive:
        Re: E non finisce qui ...
        - Scritto da: Dinox PC

        Il mio iPhone4 e' potente piu' del mio PC del

        1995-1998: proXXXXXre da qualche decina di

        MFlops, mezzo gigabyte di memoria centrale,
        32Gb

        di hard disk ma, anche se lo sbloccassi,
        troverei

        difficile accedere via SSH, mentre sono in
        treno

        alla mia rete privata.

        E' un po' come lo spot della Pirelli: "La potenza
        è nulla senza controllo". Comunque ho raccontato
        tutto (o quasi) quello che potevo raccontare
        ;)Beh ... si' ;-) ... e' esattamente la mia sensazione.Chiedo venia per aver citato l'iPhone ... nessuna pretesa di "primato", manca poco e scateno un flame. Ovviamente la mia osservazione e' valida per qualuque "smart" evoluto di questi giorni.Ma rimane il problema. Una GUI multitouch, moderna, su un display di qualche pollice non e' sufficiente per utilizzare "a pieno" macchine della potenza che verra'.Se hai qualche novita' in questa direzione saro' un "avido" lettore dell'articolo che verra' ;-)Orfheo.
    • attonito scrive:
      Re: E non finisce qui ...

      Il mio iPhone4 e' potente piu' del mio PC del 1995-1998: Perche deve fare un sacco di inutili XXXXXXX: si limitasse alle cose essenziali, la batteria durerebbe millemila giorni.
      • Orfheo scrive:
        Re: E non finisce qui ...
        - Scritto da: attonito

        Il mio iPhone4 e' potente piu' del mio PC
        del 1995-1998:


        Perche deve fare un sacco di inutili XXXXXXX: si
        limitasse alle cose essenziali, la batteria
        durerebbe millemila
        giorni.O beh ... se sono "inutili" ... basta non comprarlo ;-)Orfheo.
    • mmmm scrive:
      Re: E non finisce qui ...
      tranquillo che la potenza non basta mai, e anche per cose molto semplici, dopo tutto hai già presente che solo per vedere un video in h264 ci vuole hw dedicato? e si tratta di vedere un filmato...e con tutti gli strati che si aggiungono nel tempo rallentando ogni cosa per sicurezza, compatibilità,... per fare poco di più serve molta più potenza...e poi per darti altri spunti pensa alla realtà aumentata
  • master scrive:
    Che marchettone :D
    Ok c'e' poca utenza durante l'estate... ma che e' sta roba.
    • attonito scrive:
      Re: Che marchettone :D
      - Scritto da: master
      Ok c'e' poca utenza durante l'estate... ma che e'
      sta roba.e perdersi un viaggio gratis in germania? su, dai.
Chiudi i commenti