Sicurezza, chi vince e chi perde secondo Symantec

La celebre società di sicurezza in un rapporto confronta le vulnerabilità di Windows con quelle di Red Hat Linux e Mac OS X nonché quelle di Firefox con i bug dei più diffusi rivali

Cupertino (USA) – Windows ha il minor numero di vulnerabilità di sicurezza e il più breve tempo medio di correzione dei bug, ma rispetto a Red Hat Linux e Mac OS X è afflitto da un più elevato numero di falle gravi. Questi alcuni dei dati sparati da Internet Security Threat Report (ISTR), lo studio con cui Symantec prende in esame i problemi di sicurezza che hanno interessato i tre sistemi operativi negli ultimi sei mesi dello scorso anno .

Da ISTR si apprende che dal 30 giugno al 31 dicembre 2006, Windows ha sofferto di 39 falle, corrette mediamente in 21 giorni. Nello stesso periodo Red Hat Linux è stato colpito da 208 vulnerabilità e Mac OS X da 43 bug di sicurezza, problemi rispettivamente corretti con una media di 58 e 66 giorni. Symantec afferma che le falle gravi sono 12 in Windows, 2 in Red Hat Linux e 1 in Mac OS X, mentre quelle di media severità sono 20 in Windows, 130 in Red Hat Linux e 31 in Mac OS X.

Nel rapporto si afferma inoltre che Windows è il bersaglio più frequente di exploit zero-day , ovvero di codici capaci di sfruttare una vulnerabilità prima che questa sia stata patchata da Microsoft. Questa è anche la ragione, a detta di Symantec, del perché BigM sia costretta a pubblicare le correzioni in tempi generalmente più stretti rispetto alle proprie avversarie.

Va sottolineato come la maggior parte degli esperti ritengano poco corretto comparare la sicurezza dei sistemi operativi mettendo a confronto il numero delle loro vulnerabilità: sono numeri che dipendono da almeno tre diversi fattori, quali la popolarità, il numero di applicazioni integrate e il tempo trascorso dalla commercializzazione.

In ISTR vengono confrontate anche le falle dei principali browser sulla piazza , prendendo sempre come riferimento l’ultima metà del 2006. Nel confronto fra Firefox e Internet Explorer emerge come “vincitore” il pargolo di Mozilla, con 40 falle all’attivo e nessuna valutata da Symantec di rischio elevato. Per contro, IE ha collezionato 54 vulnerabilità di cui una grave. La palma di “browser più sicuri”, se così si può dire, va però a Opera e Safari, entrambi interessati soltanto da quattro falle di cui nessuna grave.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • RSU IBM scrive:
    PRIMO SCIOPERO VIRTUALE SU SECOND LIFE
    PRIMO SCIOPERO VIRTUALE SU SECOND LIFEIl popolo di Second Life si mobilita per difendere i lavoratori IBM.Viene annunciato come il primo "sciopero virtuale" la prima dimostrazione online nel celebre mondo virtuale di Second Life.E coinvolgera' a settembre una delle maggiori multinazionali del mondo: la IBM.I sindacati mantengono il massimo riserbo, ma riteniamo che gli effetti saranno eclatanti.IBM, presente nel mondo con oltre 300000 dipendenti, di cui 9000 in Italia, da tempo propone sui mass media una decisa campagna sull' innovazione. E devono averlo compreso molto bene i lavoratori IBM italiani, che al vecchio sciopero di fabbrica sostituiscono lo sciopero virtuale.Sembra che i motivi siano legati al rinnovo del contratto interno: mentre IBM e' fra le aziende nel mondo con maggiori profitti, i suoi lavoratori ricevono ben pochi frutti di questa montagna di soldi.Il morale interno e' infatti al di sotto di tutte le altre aziende IT (a vantaggio del suo piu' famoso concorrente, la HP) e la goccia che ha fatto traboccare il vaso e' stata la lunga e inconcludente trattativa per il contratto interno.Mentre il sindacato, appoggiato dalla maggioranza dei lavoratori, chiedeva un aumento alquanto irrisorio, IBM risponde cancellando il "premio di risultato", con una perdita media per ogni lavoratore di circa 1000 euro l'anno.Per un'azienda che punta sulla responsabilita' sociale di impresa, questo e' davvero troppo.Ecco il perche' di questa innovativa mobilitazione virtuale, la prima in assoluto nel mondo di Second Life.La preoccupazione serpeggia ai piani alti dell'azienda, anche perche' questa azione accendera' i riflettori sul progetto di creazione di un sindacato mondiale IBM, che coinvolge i sindacati di oltre 16 paesi, compresa la nuova frontiera dell'informatica: l'India.Riuscira' IBM ad evitare questa esplosiva protesta ? Investitori e azionisti sperano di si...
  • Anonimo scrive:
    Redazione: "Letteralmente"
    "Letteralmente" non va usato in senso iperbolico: dire che "Qualcuno in IBM ha letteralmente perso la testa" significa che qualcuno che lavora alla IBM è stato fisicamente decapitato.
  • Anonimo scrive:
    Ennesimo fallimento IBM
    IBM si sta tuffando su Second Life perchè crede che sarà il futuro (rotfl)Fortuna che con i miliardi che guadagna vendendo rottame si può permettere un fallimento dietro l'altro :La gente che passa le sue ore su second life è gente fallita, è gente morta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ennesimo fallimento IBM
      consideri un fallito anche chi è riuscito da zero a creare li dentro un business da centinaia di migliaia di dollari?
  • Anonimo scrive:
    Preistorico
    Profilo personale :27 anni , programmatore tecnofilo ma con i piedi più per terra che in aria!Immagino un mondo reale contorniato di tecnologia invisibile che lo migliori.Faccio una fatica paurosa ad entusiasmarmi per questa ....... ( sostituire la parola desiderata ) dei metamondi.E rimango ancora più sbigottito della visibilità che gli si sta dando!Il concetto di base è il solito : mettere in comunicazione persone tramite sistemi non fisici affinchè possano interagire anche se separati da lunghe distanze.Una volta creato il contatto , l'azione successiva può essere qualunque di quelle effettuale nel mondo reale ( salvo il sesso fisico VERO ! :) ) Vendere , comprare, discutere, collaborare..Qui si parla di un'interfaccia diversa , di un orpello possibile perchè i computer e la "banda" aumentano di potenza, ma sempre di un orpello di tratta !Un'interfaccia videogame che non migliora l'uso di un sistema ( dimostrato in più studi che 3D non è sinonimo di aumento di produttività )Conclusione del discorso :che si usi S.L. come si può usare Groups.Google o ebay , ma che almeno la stampa abbia il buon gusto di discutere del fenomeno in modo serio e "pacato" senza dare ad intendere che gli utilizzatori siano un'orda di decerebrati che vivono su un'isola nel loro pc con la palestra !MaxZeta
  • Anonimo scrive:
    ancora...
    pubblicità gratuita a un obrobrio.
  • dejudicibus scrive:
    C'è anche l'IBM Italia
    in IBM 10 c'è anche l'IBM Italia O)
    • Anonimo scrive:
      Re: C'è anche l'IBM Italia
      :Peccato, nè Punto Informatico nè il lettore hanno riportato lo SLurl di questi luoghi....
      • Dario de Judicibus scrive:
        Re: C'è anche l'IBM Italia
        Basta che entri in Second Life, apri la mappa, vai nel campo di ricerca, e scrivi IBM Italia. Comunque, se vuoi, provasecondlife://IBM Italia/127/127/51/
  • Anonimo scrive:
    della serie:
    della serie: echissene?
  • Anonimo scrive:
    Domande
    Ma le zokkole ci sono su Second Life? E gli spacciatori? E gli attentatori suicidi?
    • Dario de Judicibus scrive:
      Re: Domande
      Certo che ci sono, perché noi commettiamo un errore madornale quando usiamo il termine VIRTUALE: lo contrapponiamo a REALE. Ma la rete, i mondi virtuali, sono estremamente reali, e lo sono perché dietro di essi ci sono gli stessi esseri umani che ci circondano ogni giorno, dietro ci siamo noi. Questo fa di ogni mondo solo una proiezione e a volte un'estensione di quello reale. Dovremmo piuttosto parlare di realtà zero, realtà uno, ecc....
Chiudi i commenti