Sicurezza, RealPlayer sotto attacco

La scorsa settimana alcuni siti web hanno tentato di sfruttare una nuova falla di RealPlayer per disseminare cavalli di Troia e altri codicilli dannosi. Pronta la patch, è urgente

Roma – Nel week-end RealNetworks ha distribuito ai propri utenti una patch urgente per le versioni Windows di RealPlayer 10.5 e 11 Beta: il fix sistema una vulnerabilità già sfruttata da alcuni siti per installare sui computer delle vittime trojan e altro genere di malware.

Symantec ha spiegato in questo post che la debolezza è causata da un buffer overflow contenuto nel controllo ActiveX ierpplug.dll di RealPlayer. Il bug potrebbe essere sfruttato per mandare in crash il programma o, nel caso peggiore, eseguire del codice a distanza.

Un exploit per la falla di RealPlayer, consistente in un JavaScript, è già stato sfruttato da alcuni siti web per tentare di eseguire sulla macchina remota un trojan denominato Reapall , a sua volta in grado di scaricare il trojan Zonebac ed altri tipi di malware.

Secondo gli esperti, gli utenti di RealPlayer potrebbero infettarsi semplicemente aprendo una pagina web maligna. Ciò può succedere esclusivamente utilizzando Internet Explorer o altro browser che supporti la tecnologia ActiveX: gli utenti di Firefox ed Opera, ad esempio, non corrono alcun rischio.

RealNetworks raccomanda agli utenti di RealPlayer 10.5 e RealPlayer 11 Beta di scaricare questa patch , e agli utenti di RealOne Player, RealOne Player v2 e RealPlayer 10 di passare a RealPlayer 10.5 e RealPlayer 11 Beta.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • IcnILqTY scrive:
    Re: Priorità
    wfnqst
  • Mauro Del Pup scrive:
    il parere di un senatore
    In merito a questo tema vi propongo la visione sul mio blog http://maigret.typepad.com/ideepercordenons/ dell'intervista realizzata al senatore Cesare Salvi lo stesso giorno (il 19 ottobre) in cui è apprsa la notizia della proposta del sottosegretario Levi e che ho potuto apprendere proprio da Punto Informatico. Ecco il link al post sul blog e al relativo video http://maigret.typepad.com/ideepercordenons/2007/10/incontro-con-ce.html
  • Pono Pallino scrive:
    CHI DECIDE CHI FA INFORMAZIONE
    LA CASTA ???il Blog di Beppe Grillo e Punto Informatico sono giornali ????Vogliono estendere i finanziamenti anche a loro ...o vogliono chiuderli.Esiste il reato di diffamazione ...non bastava quello ..per tutelare l'utente ???ABOLIZIONE DELL'ORDINE DEI GIORNALISTI !!!L'INFORMAZIONE "UFFICIALE" IN ITALIA E' AL SERVIZIO DELLA MAFIA !!oramai è palese !
  • Tallio Favrocchi scrive:
    si, tanto DECIDONO LORO CHI.
    fantastica, tanto dice "Anche su questo punto, da lei particolarmente criticato e temuto, lo spirito della nostra legge è chiaro. Quando prevediamo lobbligo della registrazione non pensiamo alla ragazzo o al ragazzo che realizzano un proprio sito o un proprio blog. Pensiamo, invece, a chi, con la carta stampata ma, certo, anche con internet, pubblica un vero e proprio prodotto editoriale e diventa, così un autentico operatore del mercato delleditoria. Siamo consapevoli che, soprattutto quando si tratta di internet, di siti, di blog, la distinzione tra loperatore professionale e il privato può essere sottile e non facile da definire. Ed è proprio per questo che nella legge affidiamo allAutorità Garante per le Comunicazioni il compito di vigilare sul mercato e di stabilire i criteri per individuare i soggetti e le imprese tenuti ad iscriversi al Registro degli Operatori . Linformazione è un elemento prezioso e decisivo per la democrazia e deve essere trattata con estrema attenzione e rispetto. Per questo, ripeto e non per sfuggire alle nostre responsabilità , pensiamo che sia bene, affidarsi ad autorità che abbiano la competenza per regolare una materia così specifica e che siano indipendenti rispetto ai governi e al potere politico." se decidono loro, siamo comunque daccapo.dicono "no no, tranquillo"poi DECIDONO LORO che io si e tu no . quando io si , io sono sotto controllo.Pubblicata sul sito del governo... eppure è chiarissimo: "decidiamo noi".PSc'è pure un refuso.devono averla controllata proprio benone ;)
    • filoberto scrive:
      Re: si, tanto DECIDONO LORO CHI.
      non posso che quotare in pieno: ai tempi del minculpop (vedi dittatura fascista) la censura era affidata allegramente alle forze di polizia, che cosi' potevano imporre veti, censure, arresti senza problemi...alle dittature fa comodo poter imporre la arbitrarieta' del potere e dell'imposizione della forza, al censore fa comodo potere imporre lui i criteri di censura, a seconda dei casi e delle PROPRIE necessita'lo stato di diritto e' un'altroil cittadino non esiste, solo il suddito
    • filoberto scrive:
      Re: si, tanto DECIDONO LORO CHI.
      - Scritto da: Tallio Favrocchi
      Pensiamo, invece, a chi, con la carta stampata ma, certo,
      anche con internet, pubblica un vero e proprio
      prodotto editoriale e diventa, così un autentico
      operatore del mercato delleditoria.tra l'altro questo deduzione logica mi sembra decisamente ridicola: se pubblichi un prodotto editoriale, diventi un operatore del mercato dell'editoria!!!cosi' a orecchio sembra perfetto, se pubblichi un prodotto editoriale, certo, non puoi che essere uno che opera nel mercato dell'editoria...ma come si evince che si tratti di un prodotto editoriale dalla proposta di legge?nelle sue affermazioni si dice tanto "pensiamo" (pluralia maiestatis), ma a chi deve applicare la legge il pensiamo non conta niente, mica il magistrato/agente di polizia va a leggere le interviste per sapere cosa pensavano i relatori della legge, deve interpretare il testo stesso!!!e se nel testo non e' chiaro?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 ottobre 2007 15.39-----------------------------------------------------------
    • NoName scrive:
      Re: si, tanto DECIDONO LORO CHI.
      Dice Levi:" ...pensiamo che sia bene, affidarsi ad autorità che abbiano la competenza per regolare una materia così specifica e che siano indipendenti rispetto ai governi e al potere politico..."Autorità che abbiano la competenza per regolare una materia così specifica ...?Ma come mai è specifica solo in Italia e invece all'estero non appare più di tanto da normare, escluse le usuali sanzioni per chi sgarra senza difetto di impunità e con la usuale certezza del diritto ben radicata in qualsiasi paese al di fuori del nostro? Coda di paglia? paura dell'opinione altrui? bisogno di impunità solo per la solita casta a scapito delle primarie libertà individuali? alba (No Name) p.s.: se solamente i nostri governanti sono perennemente afflitti da tale insicurezza e paure possono benissimo anche cambiare lavoro, non glielo ha ordinato il dottore al Levi di pensare per tutti noi, neh!
  • Tallio Favrocchi scrive:
    se stessimo SEMPRE così attenti...
    non vorrei trovare la roba in gazzetta ufficiale.ma dove devo andare a vederla PRIMA?scusate l'ignoranza
  • Ludario scrive:
    Gerarchie
    Spataro crea la notizia il 17/10/07;Punto Informatico la segnala e commenta il 19/10/07;Repubblica e Grillo rilanciano il 19/10/07 (evidentemente leggono PI). NB: Grillo si guarda bene da qualsiasi cenno o link alla notizia originale o a chi l'ha amplificata.Evidentemente anche nell'informazione in rete ci sono figli, figliastri e figli di 'buona donna'.
  • Ziomik scrive:
    Articolo 21 BBS &C.
    Mi sembra di ricordare una decina d'anni o forse piu', quando avevo una BBS che ho dovuto chiudere assieme a molte altre in quanto per esistere il sysop doveva appartenere all'ordine dei giornalisti... Questo per dire... Credete d'essere in democrazia ?Qui va a morire l'articolo 21 della Costituzione della rEPUBBLICA iTALIANA ( scritto in minuscolo volutamente )"Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
  • lori d'emilio scrive:
    considerazioni
    fa piacere trovare stesse considerazioni da me sostenute sul mio blog www.ldenews.info, a differenza delle prime riflessioni di de andreis, troppo ottimistiche a mio avviso.
  • roberts pierre scrive:
    veramente piu' che PI...
    il caso nazionale l'ha fatto diventare il solito blog di Beppe Grillo che ha fatto il record italiano di post ad un blog superando i 10.000 messaggi. Sono state inviate quasi altrettante mail di protesta al dipendente MAIALE levi che ha risposto devo dire molto democraticamente cancellando il suo indirizzo EMAIL.
  • Gian Domenico scrive:
    Riccardo Franco Levi
    Non ho capito se ci fa o ci è. Ho letto la sua risposta al tuo intervento e ho avuto l'ennesima conferma che questo governo indende prevaricare ogni forma di legge esistente in combutta con una parte della magistratura. Ma cosa vuol dire "Linformazione è un elemento prezioso e decisivo per la democrazia e deve essere trattata con estrema attenzione e rispetto". Per questo ci sono già le leggi in vigore, la possibilità di denunciare qualcuno per calunnia, ecc.. oppure il fine è proprio quello di tappare la bocca a chi non può essere calunniato in quanto portatore di verità sacrosante?
    • roberts pierre scrive:
      Re: Riccardo Franco Levi
      Ma cosa vuol dire
      "L’informazione è un elemento prezioso e decisivo
      per la democrazia e deve essere trattata con
      estrema attenzione e rispetto". il dipendente MAIALE levi, intendeva dire che l'informazione in democrazia e' l'unica arma rimasta ai potenti per influenzare il volgo e deve essere quindi esclusivo appannaggio dei potenti, i MAIALI sono rimasti assolutamente sconcertati quando poco meno di 400.000 persone si sono messe in coda a firmare una legge di iniziativa poplare che impone ai condannati in terzo grado di lasciare il parlamento. La cosa sconcertante e' appunto che l'informazione non e' stata veicolata dai comuni mezzi di comunicazione ormai sotto controllo (fonte: freedomhouse) e cosi' si e' deciso di rimediare al problema.Purtroppo per i MAIALI e' ormai troppo tardi per imbavagliare la rete , questi si svegliano dal torpore postcomunista e pensano di CENSURARE INTERNET e ci credono anche! Cioe' il dipendente MAIALE levi *pensava davvero* che bastasse un ddl per mettere sotto controllo tutti i siti internet, adesso cerca disperatamente di rimangiarsi la parola ma e' TARDI, il dipendente MAIALE levi deve essere riconosciuto e INSULTATO in strada vita natural durantequesta e' la sua foto segnaleticahttp://www.beppegrillo.it/immagini/Ricardo_Franco_Levi.jpg
  • Billo scrive:
    anche la Urbani
    Ci fu scandalo, indignazione, petizioni e tanto bla bla.. ma alla fine è passata. Passerà anche questo ddl!
  • veneziano doc scrive:
    rosanna sapori e gandi
    intervenite anche voi senno vi chiudono non solo il sito ma anche le trasmissionicon quello che dite ve le fanno chiudere subito dato che dite cose vere e siete a rischio diffamazione
  • Terenzio scrive:
    fatene un cenno a Report
    informate quelli di Report quando succedono queste cose... magari e soprattutto sul caso di italia.it
    • Ludario scrive:
      Re: fatene un cenno a Report
      Credo che quelli di Report non aspettino che qualcuno gli segnali di cosa occuparsi, altrimenti non sarebbero uno dei rari casi di giornalismo di inchiesta esistente in Italia.
      • Tallio Favrocchi scrive:
        Re: fatene un cenno a Report
        - Scritto da: Ludario
        Credo che quelli di Report non aspettino che
        qualcuno gli segnali di cosa occuparsi,
        altrimenti non sarebbero uno dei rari casi di
        giornalismo di inchiesta esistente in
        Italia.certo che schifo non gli faoltre che magari stringono una seria collaborazione
        • asdfdasf scrive:
          Re: fatene un cenno a Report
          - Scritto da: Tallio Favrocchi
          oltre che magari stringono una seria
          collaborazioneE' una frase un po' contorta la tua.Comunque le puntate di Report vengono preparate con largo anticipo. Probabilmente già adesso hanno già pronte tutte le puntate o quasi per quest'anno.
  • Nome e cognome scrive:
    ma monitor e cavo ?
    Per la PS3 ho letto che serve anche un monitor con ingresso HDMI, non basta un normale monitor da PC anche se ha un ingresso DVI.Ho visto che un cavo HDMI (su cui mi hanno consigliato di non risparmiare se voglio vedere bene il 1080p) costa bene 119 euro !!! ma di cosa e' fatto ?btw, avete qualche consiglio sul miglior monitor 1080p in circolazione per PS3 ?nel mio caso sarebbe interessante che il monitor in questione consentisse di usare anche il PC, quindi non un abnorme 37" o piu', ma un 24" o simile ... il massimo sarebbe con decoder DTT interno cosi' becco anche lo sconto governativo.
    • petone scrive:
      Re: ma monitor e cavo ?
      - Scritto da: Nome e cognome
      Per la PS3 ho letto che serve anche un monitor
      con ingresso HDMI, non basta un normale monitor
      da PC anche se ha un ingresso
      DVI.
      Ho visto che un cavo HDMI (su cui mi hanno
      consigliato di non risparmiare se voglio vedere
      bene il 1080p) costa bene 119 euro !!! ma di cosa
      e' fatto
      ?

      btw, avete qualche consiglio sul miglior monitor
      1080p in circolazione per PS3
      ?
      nel mio caso sarebbe interessante che il monitor
      in questione consentisse di usare anche il PC,
      quindi non un abnorme 37" o piu', ma un 24" o
      simile ... il massimo sarebbe con decoder DTT
      interno cosi' becco anche lo sconto
      governativo.Antico proverbio:" Non far sapere al contadino quanto è buono il formaggio con le pere "Esempio:Quantifica il costo di costruzione di un bromografo artigianale1 http://www.lamateriagrigia.com/index.php?name=PNphpBB2&file=viewtopic&t=662 http://www.chirio.com/bromografo_uv.htmE ora, magari chiedendo a google e a eBay, vedi quanto costa comprare qualcosa di simile in un negozio specializzatoQuindi, paga i 119 euro per il tuo bel cavo e zitto che altrimenti finirai in galera come i lestofanti che si permettono di spiegarti come costruirti un bromografo spendendo poche decine di euro invece di andarlo a comprare ingrassando corporations e bottegai vari assortiti :D
  • ... scrive:
    CvD...
    Dunque... se dalla rete parte l'ennesima petizione pro questo pro quello, non si muove anima viva.Se la cosa coinvolge la politica (vedi grillo) allora avviene qualcosa ma di fatto si dissipa nel giro di un paio di settimane (che strascico ha lasciato il v-day oltre il preventivato "effetto sbollitura" ?) e non cambia niente.SE PERO' LA COSA TOCCA LA LOBBY DEGLI EDITORI IN DUE GIORNI NETTI (48h compresa la Domenica) ARRIVANO LE SCUSE E LA RETROMARCIA DIRETTAMENTE DAI POLITICI.Come volevasi Dimostrare, se vuoi cambiare qualcosa devi sempre metterci di mezzo chi conta veramente.
    • Marwa scrive:
      Re: CvD...
      sì, bravo...di solito funziona così.Per le cose e le persone per cui vale la pena battersi nessuno si muove, si aspetta che gli scemi si battano per loro.Se c'è di mezzo Grillo o altro famoso che grida all'ingiustizia "o quanto sono ingiusti con me, mi vogliono togliere il blog" e tutti i troll della rete "no, sia mai, dobbiamo fare qualcosa perchè altrimenti poi dove andiamo a spammare quando in ufficio non ho nulla da fare? dove vado a fare le mie trollate? no, non dobbiamo farlo chiudere"allora tutti si muovono e nascono centinaia di petizioni online (tanto basta dare una firma falsa e chissenefrega), perchè lui non deve chiudere, no sia mai...eh.
      • BLah scrive:
        Re: CvD...
        Puoi riscrivere in modo che si capisca?
        • Banalita scrive:
          Re: CvD...
          Ma cosa vuoi che riscriva...il suo concetto è chiaro: prima di pensare a cose "banali" come una "semplice" base per la censura nazionale di internet bisogna risolvere i grandi problemi dell'uomo (chi siamo, da dove veniamo, perchè il telefono squilla sempre quando sei sotto la doccia, la fame nel mondo, le guerre, ecc ecc).è un ragionamento che dimostra una capacità logica inesistente.come dire: oh guarda, sto uscendo fuori strada a 130KMh... ma cosa vuoi che sia, c'è gente che muore di fame nel frattempo. prima di frenare sarà bene pensare a risolvere il problema della fame nel mondo!
Chiudi i commenti