Silicene, cugino del grafene

I ricercatori lavorano alla produzione di un materiale monoatomico a base di silicio, con le stesse qualità elettroniche del grafene ma maggiormente compatibile con i processi produttivi attuali

Roma – Una possibile risposta alle difficoltà connesse alla realizzazione degli strati di grafene potrebbe arrivare dal silicene, materiale “bidimensionale” che dovrebbe offrire le stesse proprietà fisico-chimiche del grafene ma con una maggior facilità produttiva in un’industria che da decenni lavora con il silicio.

Come il grafene con carbonio, il silicene è costituito da una lunga catena di atomi di silicio legati assieme a formare uno strato di materiale sottile. La novità è rappresentata da una ricerca della University of Texas , che per la prima volta al mondo è riuscita a realizzare un transistor funzionante a base di silicene.

Collaborando con i colleghi italiani dell’ IMM (Istituto per la Microelettronica e Microsistemi) afferente al CNR, i ricercatori americani hanno trovato il modo di risolvere uno dei principali problemi connessi alla lavorazione del silicene e cioè la veloce degradazione del materiale a contatto con l’ossigeno presente nell’aria.

Il risultato dello studio, uno strato di silicene che funziona come un transistor, ha quindi permesso ai ricercatori di studiare le proprietà del materiale: l’ipotesi che la mobilità elettronica – una delle caratteristiche fondamentali, per un materiale che si candida a sostituire il silicio per i microchip del futuro – fosse pari a quella del grafene, però, è stata smentita .

I test hanno infatti dimostrato che la mobilità elettronica del silicene è di dieci volte inferiore a quella attesa, e i ricercatori non sanno al momento stabilire con certezza se si tratti di una caratteristica propria del materiale o dell’effetto del particolare metodo di produzione adottato. Nuovi studi saranno necessari.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    Ma la FAA cinese...
    « <I
    Il test, organizzato con tutte le autorizzazioni del caso per solcare uno spazio aereo estremamente regolamentato, non avrà necessariamente un seguito: "Non siamo ancora sicuri delle possibilità per il futuro - ha spiegato un rappresentante di Alibaba - questa è la nostra prima operazione di consegna a mezzo droni" </I
    ».Se è come negli Usa, il corrispondente della FAA, che si chiama CAAC (中国民用航空局) non gli darà i permessi in maniera permanente, giusto per questa sperimentazione. Non nelle città almeno, nelle sterminate campagne cinesi potrebbe essere diverso.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 febbraio 2015 21.01-----------------------------------------------------------
    • Permessator e scrive:
      Re: Ma la FAA cinese...
      Beh dipende da cosa consegnano i droni.In fondo è tutta questione di "contents" e da quanti soldi girano.Col logo "business is business" (dovesse convenire) si possono prevedere droni che recapiteranno bustarelle negli uffici "giusti" ai funzionari "giusti" e ai legislatori "giusti" ciò che conta è il "content" della bustarella non il "media" che fa il delivery. :D
Chiudi i commenti